Cosa avresti fatto nell'esperimento di Milgram?

La maggior parte delle persone normali è in grado di obbedire ai comandi di una figura autoritaria fino al punto di uccidere un altro innocente.

Questa è la linea di fondo della famosa ricerca di Stanley Milgram (1963) sulla natura dell'obbedienza umana. Il lavoro di Milgram, probabilmente la ricerca più citata e più importante nella storia delle scienze sociali, ha coinvolto il fatto che gruppi di adulti normali nel Connecticut assumono il ruolo di "insegnante" in un esperimento di laboratorio. In questo esperimento (che includeva molto inganno sul vero scopo dello studio), al "maestro" fu detto di somministrare scariche elettriche a uno "studente" che era (apparentemente) anche un partecipante allo studio. Gli shock dovevano aumentare ogni volta che lo "studente" commetteva un errore e la macchina usata per amministrare questi shock (che in realtà erano falsi) era etichettata con termini come "PERICOLO" e "XXX". Inoltre, lo sperimentatore, un alto , ragazzo serio in un camice da laboratorio, ha detto al "maestro" che deve continuare ad aumentare la tensione. E lo "studente" inizia a urlare e si lamenta di una condizione di cuore – e poi, dopo che le tensioni sono estremamente alte, lo "studente" smette di rispondere a qualsiasi capacità.

In breve, questo dramma, creato dal maestro psicologo sociale Stanley Milgram, è stato progettato per convincere il vero partecipante (il "maestro") a pensare di aver appena ucciso un uomo – solo perché il partecipante non aveva il coraggio di disobbedire al sperimentatore. Deve essere intelligente.

Insegnare sulla ricerca di Milgram è certamente un punto importante nel semestre di qualsiasi professore di psicologia sociale. Le lezioni apprese, il potere dello studio stesso, ecc., Si combinano per una lezione profonda e importante sulla natura del comportamento umano.

Cosa faresti?

Gli studenti che apprendono la ricerca di Milgram hanno diverse risposte standard. Sono in parte indignati. Sono in parte sorpresi. È interessante notare che un tema comune che tende anche ad emergere è questo: gli studenti spesso commentano che "loro stessi non avrebbero obbedito allo sperimentatore". Trovano tutti i tipi di ragioni su questo punto.

Mia moglie Kathy, anche lei psicologa sociale, ed io eravamo curiosi di questo particolare punto. Naturalmente, nella nostra discussione, ho affermato che non avrei obbedito allo sperimentatore. Allo stesso modo, sosteneva che SHE non avrebbe obbedito ai comandi – ma che pensava che avrei voluto. Ha!

Quindi, essendo noi stessi psicologi sociali sperimentali, abbiamo progettato uno studio per esplorare questo problema. Insieme a due grandi studenti, Sara Hubbard Hall e Jared Legare, abbiamo studiato le percezioni di ciò che le persone pensano che avrebbero fatto nell'esperimento di Milgram (Geher et al., 2002).

In questa ricerca, abbiamo brevemente descritto la metodologia dello studio di Milgram e chiesto ai partecipanti di indicare su una scala da 0 a 450 volt il punto in cui pensavano che avrebbero disobbedito allo sperimentatore. La verità è che oltre il 60% dei partecipanti alla ricerca di Milgram "ha scioccato fino in fondo" (a 450 volt). Abbiamo anche chiesto ai nostri partecipanti di indicare il più alto livello di shock che avrebbero previsto che una "tipica altra persona della stessa età e genere" sarebbe salita fino a prima di disobbedire allo sperimentatore.

I risultati? Scioccante! In media, le persone hanno indicato che si sarebbero fermati a circa 140 volt, mentre prevedevano che "altri tipici" avrebbero smesso di obbedire a circa 210 volt. Questa è una differenza del 35%. In altre parole, in media, le persone pensano di avere il 35% in più di probabilità di "fare la cosa giusta" rispetto agli "altri tipici". Le persone sembrano essere prevenute a pensare a se stesse come in qualche modo migliori della media (vedi McFarland & Miller (1990)) – ed i nostri risultati chiaramente raccontano una simile storia.

Inoltre, le valutazioni "di sé" e "altre" nel nostro studio provenivano da "distribuzioni statisticamente non sovrapposte". Questo è un modo elegante per dire che non una singola persona nello studio (con oltre 100 partecipanti adulti) ha indicato che Obbedirebbe alla figura dell'autorità più di quanto l'altro "tipico" – tutti – ogni singola persona in questo studio – avrebbe riferito che sarebbero stati migliori di "l'altro tipico". Interessante, giusto?

Linea di fondo

Ehi, siamo tutti umani. Milgram ha dimostrato che è nella nostra natura fortemente influenzata dalle situazioni sociali – ed è spesso nella nostra natura obbedire all'autorità, anche quando è chiaramente la cosa sbagliata da fare.

La nostra ricerca sulle percezioni di ciò che le persone farebbero nello studio di Milgram fornisce un interessante corollario alle scoperte di Milgram. Tendiamo a pensare che noi siamo soprattutto sopra questo : umani come te e io siamo molto motivati ​​a pensare che faremmo la cosa giusta. In effetti, tendiamo a pensare che siamo il 35% in più in grado di fare la cosa giusta rispetto a quella "tipica".

In combinazione, queste scoperte dipingono un quadro complesso della natura umana. Da un lato, siamo fortemente influenzati dai fattori situazionali, spesso più di quanto dovremmo essere. D'altra parte, sembra che siamo molto motivati ​​a non vedere quanto potenti forze situazionali stanno dando forma al nostro comportamento. Presi insieme, questi risultati parlano molto del tumulto e del conflitto interiore che tanto spesso sottendono la natura del comportamento sociale umano.

Puoi dire che sono eccitato per la produzione hollywoodiana della ricerca di Milgram di arrivare sul grande schermo ad ottobre? Experimenter esce il 16 ottobre. Se sei un nerd della psicologia sociale come me, ammettilo, sei eccitato anche per questo!

Riferimenti e informazioni correlate

Geher, G., Bauman, KP, Hubbard, SEK, e Legare, J. (2002). Stima di sé e altre stime di obbedienza: pregiudizi e moderatori. The Journal of Social Psychology, 142, 677-689.

Mcfarland, C., & Miller, DT (1990). Sentenze di auto-altra somiglianza proprio come altre persone, solo più così. Bollettino di personalità e psicologia sociale, 16, 475-484.

Milgram, Stanley (1963). "Studio comportamentale dell'obbedienza. Journal of Abnormal and Social Psychology 67 (4): 371-8.

Experimenter (2015). Diretto da Michael Almereyda.

Solutions Collecting From Web of "Cosa avresti fatto nell'esperimento di Milgram?"