Cos'è un'allucinazione?

Per capire cosa significa avere allucinazioni, dobbiamo prima ottenere un apprezzamento di ciò che gli allucinogeni fanno all'interno del cervello. Uno dei farmaci allucinogeni meglio studiati è l'LSD. Nel cervello, l'LSD si lega a una varietà di diversi recettori della serotonina; una delle prime cose che accade è che l'attività dei neuroni della serotonina rallenta quasi a zero. L'unica altra volta che questo si verifica normalmente è quando dormiamo e iniziamo a sognare. Ma questa somiglianza è probabilmente solo una coincidenza perfetta; dato che l'effetto psicoattivo dell'LSD supera di gran lunga il rallentamento dell'attività neuronale della serotonina, questa attività rallentata non spiega completamente perché abbiamo allucinazioni su questo farmaco e perché le allucinazioni sono così simili ai sogni. In effetti, gli effetti dell'LSD sui neuroni della serotonina possono essere solo l'innesco iniziale che mette in moto una cascata di processi complessi in tutto il cervello che viene vissuta come un'allucinazione.

La psilocibina ha un'azione simile sui neuroni della serotonina. Probabilmente i nostri antenati hanno scoperto la fonte, Psilocybe Mexicana , (o una delle 75 diverse specie di funghi che contengono psilocibina), per caso durante la ricerca di funghi commestibili. Si può solo immaginare quanto inaspettata l'esperienza debba essere stata per la prima persona che inavvertitamente ha preparato uno di questi funghi per il consumo, apportando un nuovo significato alla frase "cena e spettacolo".

In verità, nessuno è al momento certo su come funziona l'LSD o alcuno degli allucinogeni, o semplicemente su come i fattori della serotonina nei loro effetti allucinatori. Confondendo questa incertezza è il fatto che alcuni allucinogeni non hanno alcun effetto evidente sulla serotonina. Ad esempio, Salvinorin A, dalla pianta messicana Salvia divinorum , è un composto allucinogeno naturale molto potente che è simile alla morfina nelle sue azioni ma non ha un'azione identificata sui recettori della serotonina.

La complessa esperienza sensoriale nota come allucinazioni può, tuttavia, verificarsi in altre circostanze e questo fatto può far luce sulla natura dell'esperienza allucinatoria, indotta da farmaci o altro, e sulla sua connessione con la serotonina. Si consideri, ad esempio, il seguente scenario ipotetico:

Immagina te stesso come un neonato sdraiato in una culla. I neuroni della serotonina del tuo cervello a questa età, e durante i primi due anni della tua vita, non stanno funzionando completamente perché i neuroni e la glia che li sostengono non sono completamente sviluppati. Inoltre, il profilo dei recettori della serotonina non si è ancora convertito nel bilancio adulto dei sottotipi eccitatori e inibitori dei recettori. I vostri sistemi sensoriali – in particolare le capacità visive, uditive e olfattive – stanno funzionando, ma il vostro sistema serotoninergico non è installato in modo adeguato per aiutarli con l'elaborazione delle informazioni sensoriali in arrivo al cervello. All'improvviso, senti qualcosa che incombe sulla tua culla – un grande viso verde e distorto con una voce stridula e puzzando di un odore giallo – e urli di paura. Hai appena avuto la tua prima allucinazione. Hai anche appena sperimentato la sinestesia, o la fusione e il mescolarsi di processi sensoriali, ad esempio immagini che producono suoni o odori che hanno colori.

Ora immagina te stesso 20 anni dopo, con il tuo sistema serotoninergico ora completamente sviluppato. Prendi una droga allucinogena e potresti avere un'esperienza temporanea di sinestesia simile a quella che avevi nella culla come un bambino. Perché? La funzione inibita del tuo sistema serotoninergico indotta da un allucinogeno può riprodurre la condizione di sinestesia che era semplicemente "normale" quando eri un neonato. Come un neonato, troveresti questa condizione spaventosa. Ma da adulto che ha preso un allucinogeno, potresti, nel giusto contesto, arrivare a credere che la condizione sia un'esperienza trascendentale mistica.

Non è mistico; è una duplicazione indotta da farmaci delle condizioni originariamente esistenti nel cervello prima della maturazione di un piccolo gruppo di neuroni che rilasciano serotonina. Fortunatamente, a causa della tua "amnesia infantile" non ricordi nulla di questa bizzarra esperienza. Tienilo a mente la prossima volta che ti ritrovi sospeso su una culla!

© Gary L.Wenk, Ph.D. autore di Your Brain on Food (Oxford, 2010); http://faculty.psy.ohio-state.edu/wenk/

Solutions Collecting From Web of "Cos'è un'allucinazione?"