Cos'è l'anoressia nervosa?

CanStockPhoto / Bialasiewicz
Fonte: CanStockPhoto / Bialasiewicz

Poiché riconosciamo la National Eating Disorder Awareness Week qui al The Clay Center, ci auguriamo che le informazioni che condivideremo saranno sia informative che utili. Per ulteriori informazioni sui disturbi alimentari e sui modi in cui puoi contribuire a fare la differenza nella vita di una persona cara o per te stesso, visita il sito web dell'Associazione nazionale di disordini alimentari. Ricorda: "È ora di parlarne". #NEDAwareness

Ho scritto questo blog perché si è rivelato essere una storia di successo per uno dei miei pazienti (un composito di molti pazienti) alle prese con forse i disturbi più complicati, difficili e inquietanti che chiunque può sopportare.

L'anoressia nervosa colpisce profondamente tutti. È una tortura per la persona afflitta, terrificante per i genitori e terribilmente frustrante per i medici.

Ha il più alto tasso di mortalità di qualsiasi disturbo psichiatrico. Solo circa un terzo delle persone migliora e circa un terzo muore nel corso di 20-30 anni.

E purtroppo tendiamo a sentire soprattutto le celebrità che sono morte o hanno sofferto di anoressia, come Karen Carpenter, Portia de Rossi e Mary-Kate Olsen, e non l'enorme numero di donne e ragazze sensibili e vulnerabili che soffrono esso.

Condivido questo blog in modo che tutti possano capire le caratteristiche dell'anoressia, identificarlo presto e cercare di aiutare e sostenere coloro che stanno lottando.

Cos'è l'anoressia nervosa?

Non sono andato alla scuola di medicina per essere il nemico.

Mi è stato insegnato – e credevo – che fornire aiuto e compassione sarebbe stato ricompensato, a sua volta, con una relazione di fiducia. Dovrebbe essere una conseguenza naturale del solo fare la cosa giusta.

Era oltre il tintinnare quando ho iniziato a lavorare con bambini che avevano l'anoressia nervosa. Sebbene sull'orlo della fame fisica ea volte del collasso della medicina, volevano essere lasciati soli in mezzo alla persuasione dei loro genitori e della squadra medica a mangiare semplicemente.

Ehi, abbiamo tutti fame, no?

E per i bambini, il cibo è buono come diventa. Ma come il medico responsabile della loro cura, mi vedono solo come il cattivo che vuole ingrassare.

Prendiamo Sarah (non un vero paziente, ma un composito di molti che ho visto). È una bella e talentuosa quattordicenne, l'orgoglio della sua famiglia: una studentessa dritta, una ballerina brillante, una stella in avanti nella squadra di hockey su prato, sensibile e che dà alla figlia e all'amico, chiaramente qualcuno destinato a fare grandi cose. Sembrava che avesse tutto: talento, creatività e genitori amorevoli e di successo.

Ma, dopo un'estate in campo drammatico, Sarah perse circa 15 sterline; divenne anche vegana e corse cinque miglia al giorno prima della scuola, a volte anche prima dell'alba. Eppure a 5'7 "e già piuttosto magro e in forma, i suoi genitori e amici pensavano che fosse bellissima. La vita, a quanto pareva, era buona, fino a quando non cadde a 100 chili e perse i suoi periodi. Il suo pediatra la spinse a cercare aiuto in un ospedale, mentre i suoi genitori speravano che tutto ciò di cui aveva bisogno era di vedere un nutrizionista e ricominciare a mangiare. Questo alla fine non ha fatto differenza, ed è per questo che sono venuti da me.

Quando Sarah si è incontrata per la prima volta con me, aveva poco, se non altro, da dire – non sentiva nulla di sbagliato. Ma quando perse altri cinque chili e il pediatra chiese l'ammissione all'ospedale per la stabilità medica e la "riabilitazione nutrizionale", iniziò a parlare – no, supplicando – con me di lasciarla sola e lasciarla stare a casa, contrattare sul suo obiettivo peso per evitare il ricovero Quando non ho acconsentito, sono stato visto con disprezzo; non importa quello che ho detto sui pericoli medici, i possibili rischi per il suo corpo (incluse fratture ossee e infertilità), niente ha funzionato.

Sono diventato il nemico.

I bambini con anoressia nervosa hanno una spinta implacabile alla magrezza e un'intensa, incrollabile paura di ingrassare. Nonostante il peso pericolosamente basso, non si considerano magri. Al contrario, infatti: non importa quanto sia basso il loro peso, cade sempre di più.

Queste ragazze sono nate perfezioniste, conformi ai requisiti esterni, compulsive, guidate – e forse il loro tallone d'Achille – altamente sensibili alle relazioni, timorose di essere respinte o ferire gli altri. Paradossalmente, spesso negano o chiudono un occhio alla sofferenza di coloro che li guardano affamati progressivamente, almeno all'inizio. Più tardi nel corso della malattia, spesso sentono una profonda colpa, sia su questo, e quasi su tutto il resto.

Cosa succede a queste ragazze? Quali sono le cause fondamentali di un disturbo che è così resistente al trattamento e, purtroppo, ha una delle peggiori prognosi (e il più alto tasso di mortalità) di tutti i disturbi psichiatrici?

L'anoressia è una "tempesta perfetta" che richiede solo la giusta combinazione di elementi derivanti dalla biologia individuale, dalle relazioni familiari, dalle abitudini psicologiche e comportamentali e dalle forze sociali. Mentre la "ricetta" può variare da un individuo all'altro, sembra che sia necessario disporre di un componente critico di ciascuno di questi domini per far sì che la malattia si presenti.

Biologicamente, gli studi su gemelli e storie familiari rivelano che esiste una predisposizione genetica all'anoressia nervosa. Sembra esserci una relazione tra anoressia nervosa, bulimia nervosa e obesità, portando alcuni ricercatori a interrogarsi sulla regolazione della fame e della pienezza del sistema nervoso centrale.

Inoltre, le ragazze con anoressia tendono ad avere caratteristiche costituzionali fin dalla nascita, come perfezionismo, ossessività-compulsività, competitività e una squisita sensibilità alle relazioni, in particolare la paura del rifiuto. Sono anche soggetti a difficoltà con la regolazione dell'umore e hanno un alto rischio di depressione e ansia.

Al di là della biologia, i fattori sociali, psicologici e familiari svolgono un ruolo nello sviluppo di questo disturbo. Questi elementi sono spesso difficili da distinguere poiché sono intrecciati nel tessuto della cultura occidentale.

I fattori più importanti tendono ad essere le pressioni sociali che circondano l'immagine del corpo e, in particolare per le donne, la magrezza. Non possiamo sottovalutare il grado di rafforzamento dell'immagine del corpo, non solo attraverso la televisione e i film, ma anche sulle riviste e persino sui giocattoli. Dopotutto, il giocattolo più popolare nella storia moderna è Barbie, un'impossibilità e uno standard fisiologici, praticamente irraggiungibili da qualsiasi donna!

Tuttavia, i fattori familiari e psicologici sono anche implicati nello sviluppo dell'anoressia nervosa.

Mentre le famiglie di ragazze anoressiche tendono ad essere tra le più amorevoli, leali e premurose, hanno anche una spiccata attenzione all'immagine, alle prestazioni e al successo.

Quindi cosa c'è di sbagliato in questo?

Nel contesto delle pressioni sociali sull'immagine corporea, la scarsa regolazione dell'umore e le pulsioni innate per la perfezione, la conformità e la sensibilità al rifiuto, tutti hanno messo delle pressioni interne sulla ragazza in via di sviluppo.

Il risultato finale è che queste ragazze tendono ad avere difficoltà significative in tre aree principali:

  1. Identità: non sanno chi sono, solo ciò che dovrebbero essere.
  2. Rapporti: vogliono piacere agli altri e le richieste percepite di coloro che li circondano (come l'importanza di essere magri).
  3. Autostima: tendono ad avere una bassa autostima e un senso di colpa sempre presente, soprattutto perché non hanno un modo per risolvere i conflitti. Mentre una mancanza di conflitto può sembrare una cosa buona, a volte si ritorce contro perché non c'è modo per uno di risolvere la sua rabbia normale e le frustrazioni con coloro che ama. Tutti noi dobbiamo amare, ferire coloro che amiamo e poi fare le cose per scaricare la colpa e aumentare l'autostima. Molte ragazze anoressiche non hanno questa opportunità.

Quindi, ciò che sembra una situazione ideale – una famiglia amorevole, mancanza di conflitti e tratti innati ammirevoli in una società che enfatizza il bell'aspetto e la forma fisica – può finire per gettare le cose fuori posto.

Alcuni si chiedono perché questa sembra essere una sindrome "legata alla cultura", caratteristica della società occidentale (statunitense).

È la nostra enfasi sulla magrezza?

È il nostro affidamento e identificazione con i modelli di ruolo che vediamo nei media?

Dipende da certe strutture familiari all'interno della nostra società, quelle che enfatizzano l'immagine, la realizzazione e la conformità?

È particolarmente caratteristico delle donne (circa il 96% di quelle con anoressia nervosa è di sesso femminile)? È il modo in cui socializziamo le ragazze contro i ragazzi nella nostra cultura?

E 'il risultato sfortunato di una ragazza con certe vulnerabilità genetiche e tratti intrinseci nascere in una rete complessa da cui non è in grado di districarsi?

La risposta è probabilmente "sì" a tutte queste domande complesse!

Sarah ha avuto più ricoveri medici e psichiatrici, spesso in strutture ospedaliere residenziali e ambulatoriali. Ha continuato a lavorare con me per molti anni nella terapia individuale e familiare e attraverso la mia somministrazione di farmaci (non per curare l'anoressia nervosa, ma per aiutare il suo umore e ansia).

Dopo circa altri due anni di lotta e sfiducia, Sarah è diventata come me. Ha progressivamente guadagnato peso, ha ripreso le mestruazioni e alla fine è andata al college. In realtà la vedo ancora, e abbiamo imparato a conoscerci, apprezzarci e comprenderci a vicenda, soprattutto i nostri motivi e l'importanza della nostra relazione.

Cosa ha funzionato? In un blog separato guardiamo al trattamento dell'anoressia nervosa e quale potrebbe essere il suo esito. Non è grandioso, ma per alcuni come Sarah, c'è speranza.

Soprattutto, è una maratona, non uno sprint.

Ho imparato a sopravvivere come nemico. Credimi, ci vuole un pedaggio.

La maggior parte dei medici, me compreso, vuole essere gradita; cerchiamo molto duramente di prenderci cura e di guarire gli altri.

Tuttavia, dobbiamo anche renderci conto che molte volte i nostri pazienti non ci vedono in questo modo, e il meglio che possiamo fare è aggrapparci per la vita cara, per la vita dei nostri pazienti e per la nostra stessa capacità di recupero emotivo.

Una versione di questo blog è stata originariamente pubblicata su The Clay Center per Young Healthy Minds presso il Massachusetts General Hospital.

Solutions Collecting From Web of "Cos'è l'anoressia nervosa?"