Cos'è l'amicizia?

Le fontane della mia vita nascosta
Sono attraverso la tua amicizia fiera.

Quando i ricercatori ci dicono che hanno associato l'amicizia non solo alla felicità ma anche alla salute (comprese specifiche come una migliore guarigione dal cancro), può sembrare che l'amicizia sia qualcosa che dovresti semplicemente uscire e ottenere te stesso.

Ma ci sono certamente misteri implicati nell'amicizia, nonostante la nostra sicurezza riguardo ai vantaggi pratici di avere un buon amico o due. E non importa quanto apprezziamo i nostri amici, la relazione è ancora probabilmente peculiare, piena di alti e bassi e un particolare tipo di impegno. Possiamo sapere chi sono i veri amici, senza fermarsi a considerare quanta fortuna è coinvolta nell'amicizia, o come un vero amico differisce davvero da qualcuno con cui siamo semplicemente amichevoli.

Quindi forse la filosofia può essere di qualche aiuto.

Il racconto dell'amicizia di Aristotele potrebbe essere la sua proposta più studiata. Si distacca facilmente dal suo completo account etico e come risultato può essere spiegato semplicemente. È anche utile, perché non tendiamo ad analizzare il concetto di "amicizia", ​​nonostante la frequenza con cui ci impegniamo e dipendiamo dai nostri amici.

Aristotele suggeriva che esistevano tre tipi di amicizia: un tipo basato sul piacere, in cui rimani amici finché ti diverti con una persona; un ordinamento basato sull'utilità, dove rimani amico perché è così conveniente farlo; e un tipo di virtù, che è fuori dalla portata della maggior parte di noi, ma il miglior tipo di amicizia. Aristotele ci dice che devi vivere la tua vita con un amico come questo, condividendo i pasti e le esperienze quotidiane insieme. Ma tutto dipende dal tuo impegno nel perseguire la virtù, e molti di noi non hanno il tempo per farlo.

Se vogliamo davvero pensare in modo critico alle nostre amicizie, suggerisco a Ralph Waldo Emerson di prestare maggiore attenzione.

Emerson, una figura incredibilmente influente e carismatica, annotata ai suoi tempi per ispirare la più profonda ammirazione da coloro che lo circondano, ha un saggio incredibilmente accattivante intitolato "On Friendship". È un tributo appassionante agli amici. Gli epicurei erano conosciuti per aver messo l'amicizia nella categoria del bene immortale, ma non si riesce a trovare l'amicizia lodata in termini più cosmici di quelli che si fanno a Emerson.

Eppure, Emerson sembra più realistico di Aristotele sull'amicizia. Sebbene richiediamo un certo grado di magnanimità per essere contrassegnati come amici, Emerson certamente non richiede che abbiamo virtù. Ecco cosa pensa di fare. Sembra che una certa indipendenza sia necessaria in un amico:

L'amicizia richiede quella rara somiglianza media e somiglianza, che alimenta ciascuno con la presenza del potere e del consenso nell'altra parte. Lasciami essere solo alla fine del mondo, piuttosto che il mio amico dovrebbe oltrepassare, con una parola o uno sguardo, la sua vera compassione. Sono ugualmente ostacolato dall'antagonismo e dalla conformità. Che non cessi un attimo di essere se stesso. … La condizione che richiede un'alta amicizia è la capacità di farne a meno. Quell'alto ufficio richiede parti grandiose e sublimi. Devono essercene due, prima che possa essercene una sola. Lascia che sia un'alleanza di due grandi, formidabili nature, mutuamente viste, reciprocamente temute, prima ancora che riconoscano la profonda identità che li unisce sotto queste disparità.

È importante per il rispetto di noi stessi, che i nostri amici ci resistano un po 'e respingano alcune delle nostre idee. È orribile sentire di avere un amico a causa della pietà. Osserva anche quanto sia strano che non diventeremo mai amici con alcune persone, non importa quanto tempo trascorriamo con loro, scrivendo: "Non ci sono due uomini ma, lasciati soli l'uno con l'altro, entra in relazioni più semplici. Eppure è l'affinità che determina quali due devono conversare. Gli uomini non collegati danno poca gioia l'un l'altro; non sospetterà mai i poteri latenti di ciascuno. "

Eppure, Emerson non suggerisce mai che qualsiasi amicizia in sé possa essere all'altezza delle sue promesse. È anche realistico?

Più è alto lo stile che esigiamo dall'amicizia, ovviamente è meno facile stabilirlo con carne e sangue. Camminiamo da soli nel mondo. Gli amici, come desideriamo, sono sogni e favole. Ma una speranza sublime rallegra sempre il cuore fedele, che altrove, in altre regioni del potere universale, le anime stanno ora agendo, resistendo e osando, che possono amarci e che possiamo amare.

Il suo suggerimento sembra essere che gli amici ci ispirano, ma non attraverso le nostre interazioni quotidiane. È l'idea che abbiamo fatto amicizia, che abbiamo amici, che sembra fare tutto il lavoro di potenziamento, per Emerson. Il suo consiglio è insolito, e certamente complica qualsiasi consiglio troppo allegro che presuppone che la relazione tra amici sia semplice:

Lo faccio poi con i miei amici come faccio con i miei libri. Li avrei dove li posso trovare, ma raramente li uso. Dobbiamo avere la società alle nostre condizioni e ammetterla o escluderla sulla minima causa. Non posso permettermi di parlare molto con il mio amico.

Godetevi il resto qui: http://www.emersoncentral.com/friendship.htm

Solutions Collecting From Web of "Cos'è l'amicizia?"