Cos'è la psicologia positiva?

www.stocksy.com
Fonte: www.stocksy.com

Dall'introduzione della psicologia positiva del professor Martin Seligman all'inizio del secolo c'è stata un'esplosione di ricerche pubblicate, interventi progettati e casi studio celebrati su come le persone possano migliorare il loro benessere e prosperare. Dato che luoghi di lavoro, governi e scuole investono sempre più le loro risorse nell'applicare approcci psicologici positivi, sembra opportuno chiedersi: la teoria della psicologia positiva è abbastanza forte da supportare la sua crescente pratica?

"Se la psicologia positiva fosse un albero, potremmo puntare a un tronco che ha raggiunto altezze impressionanti e sostiene rami di ricerca sani e in crescita che stanno portando pratiche fruttuose", ha spiegato James Pawelski, direttore della formazione presso il Centro di psicologia positiva presso l'Università di Pennsylvania quando l'ho intervistato di recente. "Per sostenere la sua continua crescita, tuttavia, la psicologia positiva deve avere profonde radici concettuali che possano fornire il nutrimento e la stabilità necessari per la crescita sostenibile di qualsiasi albero".

Quindi, da dove sono iniziate le radici della psicologia positiva? E dove potrebbero portarci?

La psicologia positiva è iniziata con lo scopo di ampliare il focus della psicologia dal riparare il peggio nella vita delle persone, per approfondire la nostra comprensione e le pratiche per aiutare le persone a costruire una vita buona che permettesse loro di prosperare. Ad esempio, invece di esplorare come risolvere l'ansia, la depressione e la schizofrenia, la psicologia positiva cerca modi per costruire gioia, ottimismo e coraggio.

Una delle critiche spesso sollevate tuttavia è che l'orientamento del campo verso il "positivo" l'aveva portato a ignorare l'importanza del "negativo". Mentre il corpo della ricerca psicologica positiva è cresciuto, tuttavia, è diventato chiaro che: le pratiche orientate positivamente possono anche aiutare a riparare le parti negative delle nostre vite; le emozioni e le esperienze negative possono aiutare a facilitare la crescita positiva; e che troppo affetto positivo può portare a comportamenti rischiosi e negativi.

"La buona vita richiede l'equilibrio generale ottimale tra il positivo e il negativo", ha spiegato James. "Così come le radici del campo continuano ad approfondire, dobbiamo continuare a chiedere: 'Cosa significa psicologia positiva per positivo?'"

Una delle altre preoccupazioni per il settore è la mancanza di chiarezza per l'investimento ottimale di risorse quando i fattori positivi si scontrano. Per esempio, quando dovremmo concentrare le nostre energie sulla pratica della gentilezza o sulla conservazione di un diario di gratitudine, dovremmo impiegare il nostro tempo a sviluppare i nostri punti di forza oa praticare mentalità di crescita, e dovremmo dare la priorità a creare migliori relazioni a casa o impegnarci a fare un lavoro più significativo?

"È importante distinguere tra diversi stati emotivi positivi, processi positivi per migliorare le nostre vite e risultati positivi e i conflitti che possono insorgere tra e all'interno di queste categorie", ha spiegato James. "Mentre le nostre radici continuano a formarsi, dobbiamo continuare a chiedere: 'Qual è la relazione tra i vari aspetti positivi?'"

Infine, una delle altre critiche sollevate, è che seguendo la tendenza generale della ricerca psicologica il campo pone troppa attenzione a singole variabili isolate l'una dall'altra. Per coltivare la vita buona non è sufficiente studiare semplicemente una lista crescente di argomenti positivi. Dopotutto, non tutte le cose che sembrano buone se studiate individualmente si sommano ad una bella vita, che richiede equilibrio.

"Gli scienziati hanno compiuto notevoli progressi nell'identificare vitamine e sostanze nutritive sane, ma una dieta sana consiste in qualcosa di più del semplice mangiare tutte le vitamine e le sostanze nutritive che puoi. Comprende anche l'equilibrio tra queste cose e la moderazione nel trovare la giusta quantità di ciascuno da mangiare in base alle proprie esigenze di salute personale ", ha spiegato James. "Lo stesso è vero quando si tratta di coltivare la bella vita. Flourishing richiede un approccio completo. Man mano che le nostre radici si sviluppano, dobbiamo continuare a chiedere: "La psicologia positiva è fondamentalmente basata sulla vita migliore o fondamentalmente sulla vita migliore che possiamo?"

Che cosa significa questo per il futuro della psicologia positiva?

"La psicologia positiva concepita in modo ristretto non è sufficiente per raggiungere gli ampi obiettivi del campo della prosperità umana", ha spiegato James. "La rapida crescita della psicologia positiva negli ultimi decenni richiede un approfondimento commensurato delle sue radici, e molta più attenzione deve essere prestata ai concetti di base e alla base teorica. Un'attenta discussione di questi argomenti è fondamentale per far progredire la scienza e la pratica della psicologia positiva. Questo sarebbe chiaramente positivo per il campo. "

Per un esame più approfondito delle domande che James 'ritiene dovremmo chiedere di visitare: jamespawelski.com/2015/12/10/defining-the-positive-in-positive-psychology.

Come spieghi che psicologia positiva è per gli altri?

Questa intervista è stata realizzata in collaborazione con European Positive Psychology Conference e The Positive Psychology Program.

Solutions Collecting From Web of "Cos'è la psicologia positiva?"