Cos'è la negligenza emotiva?

L'abbandono emotivo implica il non riuscire a fornire un supporto emotivo che si dovrebbe fornire, data la propria relazione con l'altro. Quindi si pensa che un genitore trascuri emotivamente un bambino quando il genitore non riesce a mostrare al bambino il livello di affetto o attenzione che, come genitore, dovrebbe (anche quando potrebbe provvedere ai bisogni fisici del bambino come il cibo , assistenza sanitaria, abbigliamento e riparo)

La negligenza emotiva è anche distinta dall'abuso emotivo. L'abuso emotivo (come distinto dall'abuso fisico) comporta commissioni abusive, cioè fare cose a un altro che può essere emotivamente doloroso o traumatizzante (ad esempio, il soprannome, il tasso o il lamento continuo); mentre l'abbandono emotivo implica omissioni negligenti, cioè omettere di fare cose che tendono a promuovere il benessere emotivo.

Mentre c'è letteratura utile sulle ripercussioni dannose dell'infanzia emotiva nell'infanzia (vedi, ad esempio, il blog ospite di Jonice Webb in Psychology Today ), meno è stato scritto sulla negligenza emotiva nelle relazioni degli adulti. In questo blog indagherò sulle condizioni in cui un compagno di vita (sposato o non sposato) può dire di trascurare emotivamente l'altro, cioè le condizioni in cui si è giustificati nel concludere che il compagno di vita non sta fornendo il supporto emotivo che lui o lei dovrebbe.

La determinazione della negligenza emotiva è strutturata, cioè, come altri giudizi di valore, il concetto è intrinsecamente vago, e ci sono, quindi, casi limite, che sono indeterminabili o soggetti a disaccordo razionale. Tuttavia, c'è una logica alla giustificazione dei giudizi sulla negligenza emotiva.

Tale giustificazione è una funzione dello scopo della relazione stessa. Ad esempio, lo scopo della genitorialità è fornire le condizioni per prosperare per il proprio figlio. Queste condizioni includono chiaramente il supporto emotivo, come l'affetto e la comprensione appropriati. Allo stesso modo, lo scopo di un matrimonio o di una relazione di vita comporta anche un sistema di supporto emotivo. Il punto di questi ultimi rapporti è quello di fornire una struttura per condividere le proprie esperienze di vita, sia positive che negative, e per ricevere comprensione reciproca, intimità e cura. È vero, ci sono matrimoni di convenienza, che mirano a funzioni specializzate, per esempio, la raccolta di benefici o il raggiungimento della cittadinanza. Tuttavia, queste relazioni sono parassitarie al di fuori della relazione primaria, che è basata sul supporto emotivo.

A seconda delle parti coinvolte nella relazione, il livello di supporto emotivo e di coinvolgimento richiesto per far funzionare la relazione può variare. Ad esempio, due partner piuttosto affettuosi potrebbero richiedere un supporto emotivo inferiore rispetto alla media. Quindi il giudizio di valore su quanto supporto emotivo un partner dovrebbe fornire può essere, in misura significativa, relativo al contesto .

Tuttavia, ci sono chiari casi di abbandono emotivo. Pertanto, un'abitudine persistente o la disposizione di una completa o quasi totale mancanza di contatto fisico normalmente cadrebbe al di sotto del minimo supporto emotivo di ciò che il compagno di vita dovrebbe fornire. Così anche uno schema consistente di rifiuto di trascorrere del tempo con il proprio partner, preferendo invece impegnarsi in un'attività solitaria (ad esempio, giocando a solitario).

Quindi, quali cose dovrebbe fare un compagno di vita nel fornire il supporto emotivo che dovrebbe fornire? Queste sarebbero forme di supporto emotivo che la maggior parte delle persone sarebbe d'accordo su come ragioni per costituire un matrimonio o una relazione di vita. Includerebbero forme fisiche, comportamentali e cognitive di supporto emotivo. Le forme fisiche includono scambi intimi di affetto come abbracci, baci, toccanti e contatti sessuali. Le forme comportamentali includono azioni che dimostrano la cura o l'essere lì per l'altro, come passare il tempo con l'altro o aiutare l'altro a uscire da una situazione difficile. Le forme cognitive implicano cose come avere pazienza, ascoltare, fornire feedback sui problemi della vita ed empatizzare. Tipicamente, il supporto emotivo implica una combinazione di aspetti fisici, comportamentali e cognitivi, e il pacchetto di supporto può essere maggiore della somma delle sue parti. Ad esempio, mettendo le braccia l'una sull'altra, fornendo gentilmente feedback, e annullando un appuntamento al lavoro per farlo è di fornire una forma di supporto emotivo che è più che i suoi aspetti di ingrediente. È anche vero che ci sono "diversi tratti per persone diverse". Quindi, ad esempio, potremmo avere preferenze sessuali diverse; tuttavia, la maggior parte delle coppie concordano sul fatto che desiderano una qualche forma di contatto sessuale.

Inoltre, l'essere emotivamente negligente, considerato come un attributo personale o un tratto caratteriale, comporta l' abitudine di non fornire il supporto emotivo che si dovrebbe dare, dato lo scopo della relazione. Pertanto, un compagno di vita che occasionalmente agisce in modo emotivamente negligente (per esempio, rifiuta di avere rapporti sessuali o atti distaccati e ostili dopo una spasmo coniugale) non è necessariamente emotivamente negligente, anche se in certe occasioni può aver agito come tale. Solo quando tali azioni salgono al livello di una disposizione o un'abitudine si può essere correttamente chiamati emotivamente negligenti. Abbastanza chiaramente, tuttavia, anche quelli di noi che non sono emotivamente negligenti possono spesso sopportare di diminuire le occasioni in cui siamo emotivamente negligenti.

Quindi, il tuo compagno di vita è emotivamente negligente? Mentre rispondere a questa domanda può richiedere discrezione, ora dovresti avere alcune linee guida per affrontarlo razionalmente:

1. Il sistema di supporto emotivo nella tua relazione di vita è relativamente unilaterale (fornisci o cerchi di fornire un supporto emotivo per il tuo partner, ma non inversamente)?

2. Il tuo partner ha l' abitudine di non essere emotivamente di supporto?

3. Puoi descrivere chiaramente il modo particolare in cui il tuo partner è (abitualmente) incapace di essere (fisicamente, comportamentale o cognitivo) di supporto emotivo?

4. Le omissioni del tuo partner, come descritto, rendono insostenibile il sistema di supporto emotivo necessario per sostenere una partnership di vita funzionale (cioè una relazione che conduce alla condivisione delle proprie esperienze di vita, comprensione reciproca, intimità e cura)?

5. Le tue aspettative riguardo al supporto emotivo sono ragionevoli , cioè ciò che la maggior parte delle persone si aspetterebbe in genere da una relazione di vita funzionale?

Se la tua risposta a ciascuna delle cinque domande precedenti è sì, allora hai ragionevolmente la convinzione che sei in una relazione emotivamente negligente. Questo ovviamente non è un calcolo per calcolare se il tuo compagno di vita è emotivamente negligente. Data la natura carica di valore e relativa del concetto, questo non è fattibile. Tuttavia, il livello di supporto emotivo in una relazione di vita potrebbe non essere all'altezza di ciò che ci si potrebbe ragionevolmente aspettare in una tale relazione. In tali casi, ha senso parlare di abbandono emotivo; e, in questi casi, l'obiettivo di un partenariato di vita, che è quello di promuovere la felicità reciproca dei partner, può essere gravemente compromesso (se non irrimediabilmente).

Questo blog ha affrontato l'identificazione dell'abbandono emotivo, non la complessa questione su come affrontarlo. Per quest'ultimo, molto dipende dall'eziologia della negligenza emotiva. Ad esempio, in alcuni casi, un partner può essere un maniaco del lavoro e, di conseguenza, trascurare la sua relazione; alcuni possono avere menomazioni neurali-psicologiche, come il disturbo dello spettro autistico, che impedisce la capacità di esprimere emozioni; altri possono essere narcisisti; mentre altri possono essere preoccupati o ossessionati da problemi al di fuori della relazione. In alcuni casi, affrontare la negligenza può essere meglio gestito da coppie di consulenza; in altri (come l'autismo), le modalità convenzionali di counseling per coppie possono essere inefficaci.

In ogni caso, l'identificazione della negligenza emotiva è sempre il primo passo per affrontarla. Non è un'impresa da poco perché si può passare molti anni in una relazione disfunzionale e infelice a causa della negligenza emotiva, e non si sa bene perché sia ​​così infelice. In effetti, nelle relazioni abusive, è più facile identificare il comportamento offensivo perché si tratta generalmente di azioni palesi. Al contrario, come affermato, l'abbandono emotivo comporta omissioni. Ad esempio, il coniuge non assalta verbalmente; non si lamenta incessantemente; non molestare o impegnarsi in altre forme di attività aggressive ed emotivamente dannose. Il partner emotivamente negligente, dopo tutto, non fa "niente di sbagliato"; quindi è più difficile identificare cosa c'è di così sbagliato nella relazione.

Tuttavia, come l'abuso emotivo, l'abbandono emotivo può essere molto dannoso e può distruggere la qualità di una relazione. Quindi, essere consapevoli di essere in una relazione emotivamente negligente può essere un primo passo importante verso l'affrontare questa causa pervasiva e insidiosa di infelicità profonda.

Solutions Collecting From Web of "Cos'è la negligenza emotiva?"