Cos'è il coraggio? Lezioni dal leone codardo

Il coraggio è ancora indispensabile, anche in psicoterapia, una merce sorprendentemente sottovalutata. La vita richiede coraggio Tuttavia tendiamo a perdere di vista il suo significato, il potere e l'importanza vitali. Non sto parlando solo dell'ovvio coraggio fisico del temerario, pugile, soldato o supereroe, o del coraggio disinteressato di coloro che sono disposti a rischiare la propria pelle per salvare gli altri, ma dello straordinario, eroico coraggio richiesto da ognuno di noi ogni giorno.

Considera il coraggio necessario per vivere su questo nostro pianeta innegabilmente pericoloso, dove terremoti, tsunami, epidemie, eruzioni vulcaniche, trombe d'aria, uragani o uno sciopero di meteore casuale possono distruggere in ogni momento le nostre abitazioni e uccidere noi oi nostri cari, come tragicamente accaduto in Alabama e Mississippi questa settimana. O dove noi ei nostri antenati potremmo essere quotidianamente attaccati e mangiati da leoni, tigri, lupi, serpenti, orsi o dinosauri mostruosi come T-Rex. O assassinato selvaggiamente da qualche tribù o banda rivale, sii la vittima innocente di una sparatoria di strada, di un massacro scolastico o di violente invasioni a casa, o brutalmente rapinato nel parco o in strada. Dove i normali voli aerei commerciali possono essere dirottati da fanatici religiosi o politici e schiantarsi deliberatamente

in qualche edificio o saltato fuori dal cielo. Dove, come in Giappone più recentemente, i reattori nucleari falliscono catastroficamente, contaminando la nostra aria, cibo e acqua. E dove una bomba all'idrogeno nelle mani dei terroristi o durante la guerra avrebbe potuto vaporizzare istantaneamente intere città e precipitare in un devastante "inverno nucleare" attraverso il pianeta. Un mondo in cui, in un dato giorno, noi o quelli a cui teniamo, potremmo essere uccisi o menomati in un incidente stradale, investiti da un autobus o subire un infarto o un ictus debilitante. O dove un governo fascista può, per poca o nessuna ragione, avere cittadini arrestati e giustiziati segretamente per aver parlato, cercando la libertà o semplicemente essendo di una certa etnia. Un mondo in cui carestia, siccità, disoccupazione dilagante o crisi economica globale possono minacciare profondamente non solo il nostro modo di vivere, ma la nostra fondamentale capacità di nutrire le nostre famiglie. Dati questi terrificanti fatti della vita, come facciamo a raccogliere il coraggio ogni giorno per alzarsi dal letto e affrontare una realtà così rigida, esistenziale?

Eppure, la maggior parte di noi fa proprio questo. Ci alziamo, ci vestiamo, andiamo a scuola o al lavoro, affrontiamo i veloci pezzi di acciaio lucido di due tonnellate che sfrecciano lungo l'autostrada, il coniuge, il genitore o il capo abusivo e i pericoli sempre presenti di partecipare a questo posto postmoderno straordinariamente pericoloso . Come? Bene, per la maggior parte, la soluzione è l' incoscienza . Rifiuto. Il modo più semplice è bloccare la nostra consapevolezza di queste minacce esistenziali onnipresenti. Quindi, nessun coraggio è davvero necessario. Perché dove non c'è alcun rischio percepito, niente da temere, nessuna minaccia, chi ha bisogno di coraggio? Ma c'è sicuramente un costo elevato per questa inconscia strategica: sacrifichiamo la nostra vitalità, auto consapevolezza, sensibilità e capacità di sperimentare pienamente il nostro ambiente in tutto il suo terrore volatile, bellezza e meraviglia. Certo, tutti abbiamo bisogno di un certo senso di comfort, sicurezza e sicurezza nella vita. Tale autoinganno (vedi il mio post precedente) serve questo scopo difensivo, ed è, in una certa misura, suono psicologicamente. Troppa realtà può essere travolgente per la fragile psiche umana. Tuttavia, questa tendenza universale a renderci dimentichi o ciechi rispetto alla rischiosità intrinseca della vita può essere vista come un fallimento del coraggio.

Cos'è il coraggio? Il coraggio è un tipo di forza, potere o determinazione per affrontare una situazione spaventosa a testa alta. Il coraggio è richiesto ogni volta che affrontiamo una situazione difficile, spaventosa, dolorosa o inquietante. Quando le nostre risorse sono sfidate o spinte al limite assoluto. Quando ci sentiamo minacciati, deboli, vulnerabili, intimiditi o terrorizzati. Quando la nostra prima reazione istintiva è fuggire. In questi momenti, la vita elemosina una nostra domanda esistenziale: possiamo trovare il coraggio di affrontare e sconfiggere la nostra paura, o saremo sconfitti da essa? Possiamo esporre ciò che il teologo Paul Tillich ha definito il nostro "coraggio di essere"? O preferiremo invece codardamente, come l'Amleto di Shakespeare delibera, "non essere"? (Vedi i miei post precedenti su Hercules e il mito dell'eroe.)

Il coraggio, naturalmente, è sinonimo di coraggio e coraggio. Ma oggi abbiamo perso la vera essenza del coraggio. La parola coraggio deriva dalla radice francese cour o coeur , che significa cuore. Quindi il coraggio ha a che fare con il cuore, quel muscolo vitale che mantiene il nostro sangue che scorre e sostiene la vita. Simbolicamente, il cuore rappresenta il nucleo spirituale o il centro più interno dei sentimenti, specialmente l' eros . Molti secoli fa, il concetto di coraggio si riferiva alle emozioni, ai sentimenti o alle passioni daimoniche in generale, inclusi lussuria, amore, rabbia o rabbia. L'amore e la passione sessuale possono essere il catalizzatore di un'azione coraggiosa. L'amore di una madre per i suoi figli può portare a coraggiosamente la sua vita per salvare la sua prole. L'innamoramento e la lussuria sessuale ci incoraggiano a raggiungerci l'un l'altro ea rischiare la relazione. E l'amore platonico e la compassione ci incoraggia ad aiutare disinteressatamente i meno fortunati di noi, per esempio, come nel caso di Madre Teresa.

La connessione tra rabbia, rabbia e coraggio ( rabbia ) è particolarmente importante: il coraggio spesso richiede l'energizzante, la fortificazione degli effetti demoniaci di rabbia o rabbia per precipitare, alimentare o sostenerlo. Come spiega Rollo May (1981), "L'incontro con il proprio destino richiede forza, sia che l'incontro prenda la forma di abbracciare, accettare o attaccare. . . . La rabbia costruttiva è un modo di incontrare il destino. "E, aggiungerei, di generare coraggio. Oltre a contrastare l'apatia, la depressione e la disperazione. Oggi, questa comprensione più complessa del coraggio persiste quando ci riferiamo a qualcuno molto coraggioso come "avere molto cuore", cioè essere intensamente appassionati. Il personaggio di Mel Gibson, il combattente combattente di libertà scozzese William Wallace in Braveheart (1995) è un bell'esempio di un tale furioso coraggio.

Il coraggio è richiesto in quasi tutte le attività o attività umane di base. Ad esempio, permettere a se stessi di amare e impegnarsi con un'altra persona richiede immenso coraggio. Separarsi dai nostri genitori e forgiare una vita indipendente per noi stessi è un atto coraggioso. Sopravvivere a un'infanzia abusiva, traumatica o trascurata con un certo senso di dignità e integrità intatta dimostra un coraggio e una capacità di recupero straordinari. Invecchiare richiede coraggio. (Vedi il mio post precedente "Staring at Sixty.") Ci vuole coraggio per essere autenticamente se stessi nel mondo e, come May (1976) sottolinea in The Courage to Create , osare essere veramente creativi, esprimere artisticamente ed esporre il proprio io più profondo. I cambiamenti di carriera o di relazione richiedono coraggio Come perseguire i propri sogni più cari, o, come diceva Joseph Campbell, "seguire la vostra felicità". Infatti, ci vuole un coraggio incredibile per vivere, e per farlo in modo creativo, amorevole, significativo e produttivo.

Il coraggio entra in gioco anche quando sono in gioco moralità e spiritualità. Il coraggio morale o spirituale è ciò che ci motiva a fare la cosa giusta, a correggere un torto, a prendere posizione per un principio morale caro o un valore spirituale, nonostante il prezzo personale o l'opinione pubblica. Questo tipo di coraggio è esemplificato dalla crisi di coraggio di Gesù di Nazareth nel Giardino del Getsemani ("O mio Padre, se è possibile, lascia passare questo calice da me".) E l'impegno del Mahatma Gandhi o Martin Luther King nei confronti passivo, non – resistenza violenta. Stare al male e combattere per ciò in cui crediamo veramente richiede coraggio morale, specialmente quando mette a rischio la propria sicurezza fisica o quella della propria famiglia. Il coraggio spirituale o morale è ciò che ci permette di riconoscere i nostri fallimenti umani, debolezza e paure, e accettare piuttosto che nasconderlo dietro una facciata di spavalderia macho o pretesa spirituale. Paradossalmente, può essere un atto coraggioso e incoraggiante per confessare la nostra vulnerabilità, sensibilità, ansia o disperazione verso gli altri.

Le azioni malvagie, come gli omicidi di massa o gli omicidi seriali, possono sembrare alcuni per prendere coraggio. Ma tale coraggio è patologicamente sfollato e pervertito. Questi violenti codardi perpetratori hanno fallito o si sono rifiutati di raccogliere il coraggio di creare un posto e contribuire in modo costruttivo alla società. La loro è una rabbia cattiva per il riconoscimento. Il suicidio può, in alcune situazioni estreme, prendere coraggio, ma, il più delle volte, è più una manifestazione di vigliaccheria che di coraggio. Lo stesso si può dire del nichilismo, di una negazione profondamente scoraggiata, di una svalutazione e della svalutazione della vita come prive di significato. "Il coraggio", scrive Tillich (1952), "è il potere della vita di affermarsi nonostante. . . ambiguità, mentre la negazione della vita a causa della sua negatività è un'espressione di vigliaccheria. "Il coraggio è necessario per tollerare e, per quanto possibile, senza distorcere patologicamente la realtà, trasformare l'insensatezza in significato. Perché, come conclude CG Jung, "l'uomo non può sopportare una vita senza senso".

Abbiamo bisogno di coraggio per affrontare in modo costruttivo il destino, sconfiggere la disperazione e per trovare e adempiere eroicamente il nostro destino. Ad esempio, quando il compositore Ludwig van Beethoven scoprì che stava per perdere l'udito all'età di ventotto anni, divenne comprensibilmente depresso per il suo sfortunato destino. Cadde nella disperazione. Quindi rabbia. E alla fine, la sua rabbia gli diede il coraggio necessario per affrontare il suo destino e adempiere al suo destino musicale, risolvendosi per "superare ogni ostacolo" e "prendere il fato per la gola". Nonostante la sordità totale, Beethoven proseguì coraggiosamente a comporre il suo musica eroica e bella fino alla sua morte a cinquantasette.

Coraggio, apprende il "Leone Codardo" nel film classico Il Mago di Oz (1939), è qualcosa senza il quale non possiamo avere un'autentica autostima, orgoglio o potere, e alla fine dobbiamo venire dall'interno piuttosto che dall'esterno. È così pieno di sensi di colpa e si vergogna della propria paura, ansia e vigliaccheria che non riesce a riconoscere il suo innato coraggio mentre accompagna coraggiosamente Dorothy e Toto a vedere il Mago di Oz. Poiché alla fine viene saggiamente consigliato dal Mago, la paura, la fuga e l'inerzia non vanno necessariamente equiparate alla codardia. Perché, come si suol dire, "la discrezione può spesso essere la parte migliore del valore". A volte ci vuole più coraggio per allontanarsi tatticamente da un confronto piuttosto che da un attacco senza cervello. Abbattere piuttosto che intensificare ulteriormente una crisi infida. Parte della saggezza è sapere quando fare cosa. Essere in grado di scegliere consapevolmente e scegliere le nostre battaglie piuttosto che reagire inconsciamente o impulsivamente.

Il coraggio non è l'assenza di paura, ma andare avanti nonostante la paura. Perché se non c'è paura, chi ha bisogno di coraggio? Naturalmente, l' incoraggiamento – la fornitura di incoraggiamento – può essere richiesta e ricevuta, come nel film, e gran parte della psicoterapia consiste in tale incoraggiamento clinico ad affrontare, accettare e lottare per diventare se stessi nel mondo. Infatti, Alfred Adler ha riconosciuto che una delle condizioni di base più comuni nei pazienti in cerca di psicoterapia è lo scoraggiamento. In questo senso, il "grande e potente" Mago di Oz è una rappresentazione archetipica dello psicoterapeuta, sul quale molta potenza e saggezza sono proiettate dal paziente. E, come chiarisce la storia senza tempo, la ricerca di tale assistenza professionale è essa stessa un atto di coraggio, un passo audace e decisivo verso la guarigione e la completezza.

Affascinando, nel libro di L. Frank Baum (1900), su cui il film era basato, il Mago Meraviglioso di Oz prescrive una pozione per rafforzare il coraggio del Leone Codardo. L'alcol è stato tradizionalmente definito "coraggio liquido", ma, naturalmente, i suoi effetti fortificanti durano solo fino a quando l'intossicazione. Farmaci psichiatrici (vedi il mio post precedente) – molti dei quali, riconosciuti o meno dai medici, sono fonti esterne di "coraggio biochimico" – sono ampiamente prescritti oggi per depressione, fobie, disturbi d'ansia, psicosi e altri sintomi fondamentalmente di scoraggiamento e sindromi. (Vedi il mio post precedente su "disperazione clinica.") In senso positivo, questi farmaci possono, per molti, fornire temporaneamente il coraggio di sopravvivere a traumi devastanti e affrontare la realtà piuttosto che fuggire da esso. Ma alla fine, il coraggio deve essere scoperto internamente e sembra provenire da un posto in noi che in precedenza non avevamo mai saputo esistere, un serbatoio segreto o fonte interiore di forza, sostentamento e solidità di fronte alle inevitabili catastrofi, frustrazioni e delusioni della vita.

In ultima analisi, il coraggio è essenzialmente una scelta esistenziale. Il coraggio è l'esperienza di potenziamento di una decisione di alzarsi e resistere alle "fionde e frecce di un'oltraggiosa fortuna". E, quando ferito o abbattuto, a sollevarsi, spolverarsi e "continuare a tenere duro". A scelta di alzarsi e combattere quando appropriato piuttosto che correre. Per tollerare o attaccare piuttosto che rannicchiarsi e ritirarsi. Perseverare piuttosto che smettere. Agire con integrità piuttosto che convenienza. Assumersi la responsabilità piuttosto che eliminarla. Abbracciare la realtà piuttosto che ritirarsi da essa. Per andare avanti nella vita piuttosto che regredire o ristagnare. Creare piuttosto che distruggere. Amare piuttosto che odiare. Affrontare i propri demoni piuttosto che non. Affrontare consapevolmente i fatti esistenziali della sofferenza, dell'infermità e della morte piuttosto che negarli. Se la verità è detta, la virtù archetipica del coraggio – il vero coraggio piuttosto che la semplice spavalderia – è una determinante fondamentale di ciò che facciamo con la vita. E cosa non facciamo con esso. E di come ci sentiamo di noi stessi. Come il Leone Codardo, che cerca costantemente il coraggio al di fuori di se stesso, potremmo già essere più coraggiosi, più eroici di quanto immaginiamo. Riconoscendo i nostri passati atti di coraggio, attingendo alla nostra capacità innata di essere coraggiosi e di cercare incoraggiamento professionale (la psicoterapia, sebbene veda il mio precedente post sulla dipendenza da psicoterapia) quando è necessario è un mezzo costruttivo per mettere insieme il coraggio necessario per affrontare il passato a volte scoraggiante, presente e futuro, qualunque cosa possa portare.

Solutions Collecting From Web of "Cos'è il coraggio? Lezioni dal leone codardo"