Coraggio e significato

Vuoi rischiare la vita per questo orso?

Due anni fa, un ragazzo in California ha avuto un attacco d'ira e ha gettato il suo orsacchiotto come espressione della sua rabbia. Sfortunatamente, si trovava vicino a un parapetto ai margini di una ripida scogliera e l'amato animale di pezza andò oltre il bordo. Sua madre scese dalla scogliera per cercare di recuperarla, seguita da suo padre quando si bloccò. Alla fine, una squadra di soccorso aveva bisogno di salvare la coppia.

I genitori erano coraggiosi o folli? Una delle caratteristiche chiave del comportamento coraggioso sembra essere la misura in cui l'obiettivo perseguito da qualcuno è significativo, importante o, come dice Chris Rate e colleghi, nobile. L'idea di un obiettivo significativo come chiave per comprendere il coraggio è stata presente sin dalle prime discussioni sulla psicologia del coraggio.

Nei giorni in calo della prima guerra mondiale, 1918, Herbert Gardiner Lord (1918) scrisse una monografia intitolata The Psychology of Courage. In esso, sostiene che il coraggio esiste quando un sentimento più nobile supera il sentimento di paura. Il coraggio del Signore esiste in molte forme diverse, che possono essere classificate in base al nobile obiettivo perseguito. Le forme più semplici e più basse di coraggio sono quelle in cui l'obiettivo perseguito è istintivo, come il sesso o la prole che protegge. Le forme più elevate di coraggio richiedono strutture mentali più complesse. Più alto e nobile è l'ideale risultante dalle strutture – come l'amore, l'onore militare o il patriottismo – più si esprime la forma di coraggio. Il libro termina con una conclusione allarmante secondo cui il coraggio e il morale degli alleati sono superiori a quelli della Germania, poiché hanno una base più nobile. Ergo, gli alleati vinceranno la guerra.

La schiacciante partigianeria del Signore si legge stranamente con gli psicologi moderni e più apertamente oggettivi, ma la ragione dietro di essa rimane fresca per me: la significatività dell'obiettivo è una componente chiave del coraggio. Questa significazione riposa nella mente dell'osservatore. Se ci limitiamo a descrivere il coraggio come il superamento della paura, dobbiamo chiederci "Per cosa?"

Questa persona è coraggiosa o stupida?

Immagina che un uomo arrivi al pronto soccorso, gravemente ustionato dopo aver di proposito fatto fuoco. Come ci sentiamo riguardo alle sue azioni? Se si è imbattuto nel fuoco per salvare un bambino intrappolato in una casa in fiamme, è un eroe. Quando è pronto, potrebbe essere intervistato dai media locali e nominato per una medaglia. Se si è imbattuto nel fuoco per vedere cosa si prova ad essere in fiamme, è sciocco al massimo. Ma cosa succede se ha rischiato la sua vita per qualcosa che apprezziamo da qualche parte nel mezzo? E se fosse tornato in un edificio in fiamme per ottenere una foto dal muro? La tua risposta cambierebbe se quella foto fosse un Picasso originale? *

Dati psicologici preliminari sembrano confermarlo. È più probabile che gli osservatori definiscano un'azione coraggiosa se sono d'accordo con l'obiettivo perseguito. Erin Jenkins ed io (descritto in Pury & Starkey, 2010) hanno scoperto che la gente dice che un ipotetico contestatore per aborto è più coraggioso se sta protestando per conto della parte che sostiene piuttosto che dall'altra parte. Questo effetto è tuttavia moderato dall'importanza della libertà di parola per i partecipanti. Per i partecipanti che considerano la libertà di parola come più importante per loro rispetto alle loro opinioni sull'aborto, la parte che l'ipotetico contestatore prende non cambia le loro opinioni sul suo coraggio.

Tutto ciò ci riporta alla coppia sul lato della scogliera cercando di recuperare l'orsacchiotto del loro figlio. Quanto coraggiosi erano? Quanto erano sciocchi? La nostra risposta può dipendere da quanto significativo e nobile vediamo il loro desiderio di riunire il loro figlio e il suo orso.

Riferimenti
Lord, HG (1918). La psicologia del coraggio. Boston: J. Luce and Company.

Pury, CLS & Starkey, C. (2010). Il coraggio è un riconoscimento o un processo? Una domanda fondamentale per la ricerca del coraggio. In C. Pury & S.

Lopez (a cura di). La psicologia del coraggio: ricerca moderna su una virtù antica. Washington DC, American Psychological Association, pp. 67-87 (Psychology-Courage-Modern-Research-Ancient)

Rate, C., Clarke, J., Lindsay, D., e Sternberg, R. (2007). Teorie implicite di coraggio. The Journal of Positive Psychology, 2, 80-98.doi: 10.1080 / 17439760701228755

* Sfortunatamente, per alcune donne in Afghanistan, accendersi di fuoco potrebbe essere l'unico modo per controllare qualsiasi aspetto delle loro vite – vedi il blog PT di Elana Premack Sandler.

Solutions Collecting From Web of "Coraggio e significato"