Coppie: discuti di "A" quando il vero numero è "B"?

Pixabay/CCO Creative Commons
Fonte: Pixabay / CCO Creative Commons

È una delle grandi ironie nel fare terapia con le coppie: quando vengono in aiuto per quello che hanno identificato come il loro problema principale, qualsiasi terapista competente riconosce rapidamente un problema molto più fondamentale alla base delle loro difficoltà dichiarate. E in generale, le coppie, con tutti i loro punti ciechi e le loro difese, non sono in grado di percepire il dilemma più profondo che causa loro angoscia.

Se le coppie sono riuscite a nascondere le loro preoccupazioni molto più spinose da se stesse, è in genere perché sono ancora più minacciose e più ansiose di quello che hanno "deciso" di discutere. Tuttavia, una volta che il terapeuta ha identificato correttamente i loro problemi principali – e, a malincuore, concordano che questo è ciò che continua a provocare i loro scontri in corso – possono iniziare a lavorare su ciò che hanno inconsciamente escogitato per seppellire. E ciò aumenta notevolmente le probabilità che il terapeuta possa aiutarli a superare questi ostacoli non più nascosti.

Ecco due esempi di come e perché le coppie riciclano le argomentazioni (anche quando possono aver pensato di averle risolte) perché semplicemente non capiscono cosa, a un livello più profondo, esemplifica il loro conflitto. E questo dilemma non si sono risolti, figuriamoci.

Per facilità di lettura userò i pronomi "lui" e "lei", ma la parte che inizia o reagisce in realtà alla doglianza potrebbe essere o il sesso. Inoltre, indipendentemente dal fatto che la coppia sia o meno sposata, difficilmente importa. Per i ritratti qui di seguito vengono descritti i conflitti che potrebbero verificarsi in quasi tutti i rapporti "commessi", più o meno, eterosessuali o meno.

Diciamo che una moglie si lamenta che il suo problema è che lei e suo marito non comunicano. Il suo compagno risponde, confuso, che non sa cosa intende, o si aspetta da lui; che comunicano quanto fanno le altre coppie.

Qual è l'errore qui? Bene, per prima cosa, nel contesto di una relazione intima, è impossibile non comunicare. Espressioni facciali, gesti, tono di voce, presenza fisica (o assenza) e anche ciò che si indossa a tavola, comunicano atteggiamento e sentimento. Quindi, se la moglie esprime una tale scontentezza, quello che sta dicendo è generalmente che c'è poca comunicazione verbale – e che cosa c'è, è per lo più superficiale e negativo.

Quindi, mentre la moglie può essere convinta che la loro soluzione sarebbe quella di comunicare di più, a cui il suo coniuge sembra regolarmente resistere, la vera soluzione al problema è per lei (o per entrambi ) scoprire come rendere più gratificante la loro comunicazione. Ciò potrebbe significare che si stanno rivolgendo l'un l'altro in modo meno giudizioso e con più empatia, supporto e comprensione. Perché se uno "altro intimo" condivide qualcosa di personale e il coniuge non risponde, critica, attacca o offre consigli indesiderati, è probabile che tale reazione si senta più punitiva che gradita.

Se una vera auto-rivelazione deve aver luogo in una relazione (probabilmente la maggior parte di ciò che la moglie è stata dispersa), la relazione deve essere resa sufficientemente sicura e sicura per tale condivisione. In breve, la comunicazione deve essere gratificante; rafforzando . Altrimenti, è destinato a rimanere superficiale e superficiale. Come sottolinea lo scrittore Harville Hendrix nel suo classico lavoro relazionale, specialmente in Getting the Love You Want (20 ° anniversario ed., 2007), i tre elementi più importanti di una relazione sono (la nota nota del settore immobiliare) la sicurezza, sicurezza e sicurezza.

Di conseguenza, il ruolo del terapeuta non è semplicemente quello di promuovere più comunicazione, ma di esplorare con la coppia perché nel tempo è diventato così ristretto. Perché più comunicazione non è ciò che è necessario qui, ma un tipo di comunicazione diverso, meno reattivo. Tuttavia, inconsciamente, la mancanza di comunicazione da parte di entrambi i partner è in realtà espressione di dispiacere, rabbia o paura che la connessione emotiva tra loro sia andata perduta e che si sentano dolorosamente soli nella relazione.

Quindi i terapeuti devono aiutare le coppie a riconoscere, e alla fine abbandonare o moderare, le difese psicologiche a sabotare la loro relazione – nonostante queste difese abbiano protetto la loro vulnerabilità in essa. Se la coppia deve rafforzare il loro legame, avranno bisogno di imparare come rispondere ai pensieri e ai sentimenti dell'altro in modo più compassionevole e più premuroso. Perché solo allora possono superare ciò che li ha resi così "impolverati", incapaci o non volere più pienamente "divulgarli" all'altro e lasciarsi conoscere veramente.

Come afferma eloquentemente Hendrix, in una relazione ideale ciascun partner "sta di guardia" sulla vulnerabilità dell'altro. E questo è il prerequisito chiave per gli sposi di aprirsi comodamente l'uno all'altro. Ma senza la fiducia che il loro partner può essere ritenuto affidabile per identificarli e convalidarli, l'obiettivo implicito di tutte le relazioni – cioè l'intimità mentale, fisica e , soprattutto, emotiva – non può mai essere realizzato.

Quindi, quello che poteva sembrare un problema di comunicazione per la coppia era in realtà molto più un problema di sicurezza emotiva . E uno, dovrebbe essere aggiunto, con enormi ramificazioni per altre aree di conflitto nella loro relazione.

Una volta ho lavorato con una coppia in cui l'uomo era enormemente frustrato dall'apparente avversione della sua vicinanza fisica. Sebbene a volte si fosse "sottomessa" alle sue avances sessuali, lei apparentemente lo fece solo per placarlo e onorare il contratto coniugale. Per il marito, si trasformava in legno pietrificato ogni volta che la toccava, anche nei momenti in cui non aveva intenzione di chiedere sesso.

Ciò che lui non realizzò – e che lei non avrebbe mai potuto dirgli perché ne nutriva ancora tanta vergogna – era che come una vergine al liceo un ragazzo con cui usciva l'aveva violentata dopo averla ubriaca. Inoltre, ha minacciato bellicosamente di mentire su tutta la faccenda e biasimarla per la sua violenza sessuale se avesse osato condividere con qualcuno quello che è successo.

Mantenendo tutto dentro, nutriva l'ansia provocata dal trauma per l'intimità sessuale e fondamentalmente dissociata ogni volta che lei e suo marito facevano l'amore. Inconsciamente afflitto da una profonda sfiducia nei confronti degli uomini, anche la sua immagine corporea era stata gravemente compromessa da questo terrificante evento. Non poteva fare a meno di sentirsi "sporca" e "sporca"; il suo impulso è quello di nascondere completamente la sua sessualità. E poiché, involontariamente, provò sensazioni corporee negative e immagini intrusive quando suo marito le si avvicinò carnalmente, non riuscì a rispondergli in nulla del genere di cui aveva bisogno.

Avendo perso la pazienza e sentendosi sviato dai suoi numerosi rifiuti, aveva preso l'abitudine di chiamarla frigida, e peggio. E il dolore che le provocavano le sue aspersioni, e il suo costante senso di colpa nel negarlo così spesso, si vergognava troppo a dirgli perché non poteva sentirsi a proprio agio nel sesso con lui.

Quando ho incontrato i due, entrambi hanno definito il problema come la sua mancanza di libido. Ma quando (gentilmente!) Riuscii a convincerla a parlare del suo stupro (per me abbastanza ovvio a causa del modello che descriveva), l'atteggiamento di suo marito verso di lei si trasformò, i suoi profondi risentimenti immediatamente si addolcirono. Ora era in grado di comprendere con compassione che le sue reazioni fisiche esageratamente avverse a lui non erano in realtà rifiuti, ma disperatamente misure protettive oltre la sua capacità di controllo. E quando acconsentì a fare il lavoro individuale necessario per risolvere il suo trauma, la sua accettazione del suo corpo e della sua sessualità nativa sbocciarono.

Ma, cosa più importante, entrambi ora potevano riconoscere che la sua apparente "freddezza", il presunto problema, in definitiva non era affatto il problema. Erano le sue paure sessuali persistenti, persino il panico, perché nel profondo della sua psiche non riusciva a distinguere tra normale espressione erotica e violenza sessuale. La terapia necessaria per realizzarla non era renderla "più calda" ma aiutarla a superare il suo trauma.

Potrei fornire innumerevoli altri esempi di coppie che non capiscono la radice dei loro argomenti di riciclaggio infinito. Ma nel tentativo di non rendere questo post più lungo del necessario, mi limiterò a enumerare alcune aree aggiuntive del conflitto delle coppie e suggerirò cosa potrebbe essere alla base, o dare energia, alla loro continua discordia.

Le mie spiegazioni sono pensate solo per essere suggestive. Le dinamiche velate del conflitto di ogni coppia variano. Tuttavia, se riesci a riconoscerti in uno (o più) di questi problemi rappresentativi, chiedi a te stesso che cosa questa preoccupazione potrebbe significare nella tua relazione, il che potrebbe ben differire da ciò che hai assunto fino ad ora.

Discuti costantemente di gestire le tue finanze.

Il problema più profondo potrebbe essere che non ti sembra che ti sia data più voce nel determinare tali decisioni come il tuo partner, e quindi sentirti umiliato, licenziato o mancato di rispetto? Il tuo partner ti fa sentire "meno di", perché il tuo reddito è inferiore al suo, o stai a casa a prendersi cura dei bambini? Hai bisogno che la relazione sia egualitaria ma senti che è essenzialmente autoritaria e che non sei in grado di cambiarla? Pensi che lui (o lei) crede che i loro bisogni monetari siano più importanti dei tuoi? Avete un sistema di valori essenzialmente diverso sulla spesa rispetto al risparmio. E così via.

Non puoi essere d'accordo su come allevare i tuoi figli.

Siete venuti da ambienti familiari molto diversi, in modo tale che ciò che vi è stato insegnato come il modo giusto per comportarsi seriamente contraddice ciò che il vostro partner ha imparato? In tal caso, la tua posizione su come i tuoi figli dovrebbero essere disciplinati regolarmente vengono invalidati, o disconfermati, perché il tuo coniuge è reso estremamente scomodo dai tuoi pregiudizi contrastanti (indotti dai genitori)? Se entrambi litigano regolarmente sul soggetto, sentendosi reciprocamente retto riguardo a ciò che costituisce una genitorialità "corretta", sarete bloccati in un ciclo in cui non è possibile una risoluzione.

Quindi l'intera questione non riguarda chi ha ragione e chi ha torto, ma ciò che sembra appropriato per ognuno di voi in base alle pratiche di educazione dei figli della propria famiglia. Ed è così che il problema deve essere affrontato. E francamente, i libri contemporanei sullo stato dell'arte della genitorialità, come Peaceful Parents, Happy Kids di Laura Markham , dovrebbero avere maggiore autorità su come affrontare le sfide tipiche della genitorialità rispetto a quelle che si potrebbero realisticamente basare su la tua educazione.

Piuttosto che allungare eccessivamente questo pezzo attraverso altri esempi, mi limiterò a elencare alcune altre aree in cui molte coppie rimangono bloccate e lasciarlo a te – se una delle "arene" sottostanti riflette le tue battaglie di relazione – per determinare quale sia il reale , nascosto problema (s) potrebbe essere.

Quindi, non sei d'accordo, e spesso combatti:

  • Questioni religiose?
  • Faccende domestiche e responsabilità?
  • Rapporti sessuali: la loro frequenza, quali tipi di espressioni sessuali sono accettabili, ecc.? (Nota: questa è un'area in cui molta ansia e insicurezza possono governare le tue percezioni).
  • Questioni di filosofia e ideologia?
  • Obiettivi e traguardi individuali e coniugali, e la loro relativa priorità?
  • Tempo insieme contro il tempo da solo (o solitudine)?
  • Comportamento corretto: cosa è giusto, ragionevole o corretto?
  • Trattare con i genitori e suoceri?
  • Questioni ricreative: quanto spesso prendere le vacanze, dove andare, cosa fare, quanti soldi spendere, ecc.?
  • Amici: Vale a dire, quali sono accettabili per chi e perché (devono, ad esempio, essere dello stesso sesso), quanto tempo è buono da spendere con loro, e così via?
  • Esposizioni di affetto: quanto, che tipo, quando e dove?
  • Prendere decisioni importanti in generale?

Se riconosci te e il tuo partner in uno di questi domini, ora potrebbe essere il momento perfetto per rivederli. E per farlo da un punto di vista più "educato" con maggiore empatia, compassione, tolleranza … e saggezza.

Perché quando puoi affrontare i tuoi problemi in modo diverso, le soluzioni non ancora immaginate possono finalmente diventare una realtà.

© 2017 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "Coppie: discuti di "A" quando il vero numero è "B"?"