Cool Intervention # 6: The Hunger Illusion

No, questo intervento non è (necessariamente) sul cibo. Nascosto tra le pagine di un libro di George Weinberg si trova una delle tecniche più potenti ed eleganti di sempre. Ed è sicuro da usare a casa, nessun terapeuta richiesto.

Il Dr. Weinberg è noto per molte cose. Lo psicologo di Manhattan ha scritto una dozzina di libri su argomenti diversi come le statistiche, Shakespeare e la paura dell'impegno. Ha coniato il termine "omofobia" nel suo libro del 1972 Society and the Healthy Homosexual . Ed è anche il ragazzo che ha scritto The Heart of Psychotherapy, che si colloca tra i migliori libri del settore e mi ha presentato uno dei dieci interventi di terapia più cool.

Molte persone vengono in terapia per capire perché fanno quello che fanno. Questo potrebbe variare dal motivo per cui binge drink al perché cercano partner non disponibili sul perché parlano con le loro mani. Stanno coinvolgendo in un comportamento che sembra automatico e ha un'origine misteriosa, e vogliono sapere perché. Freud direbbe che hanno motivazioni inconsce che sono bloccate dalla consapevolezza. Tali motivazioni possono trapelare nei sogni, nella lingua, nell'ipnosi o nella libera associazione. Questi strumenti standard di psicoanalisi vanno bene, ma richiedono tempo: potrebbe essere necessario attendere un sogno perspicace o scivolare, e può richiedere del tempo perché i clienti si sentano a proprio agio con l'ipnosi o la libera associazione.

Entra nell'illusione della fame. Secondo il testo: la persona che interrompe ogni comportamento abituale diventa soggetta ad un'illusione, che diventa pronunciata quando l'impulso sale per riprendere l'abitudine. Lo chiamo l'illusione della fame.

Il processo è semplice: 1) identificare il momento in cui si tende ad agire automaticamente, 2) non farlo, e 3) vedere quali pensieri e sentimenti emergono. Dà un esempio nel suo libro di un uomo grande e alto che tende ad agitare le mani attorno freneticamente quando cerca di esprimere un punto. Quando resiste per un momento all'impulso e parla dei pensieri e dei sentimenti che si presentano, descrive il sentirsi piccolo e ha paura di non essere ascoltato. È enorme e il Dr. Weinberg ascolta attentamente, quindi è chiaramente irrazionale. Questo riconduce a un ricordo di lui come un bambino piccolo con fratelli più grandi che non ascoltavano se non faceva un chiasso fisicamente. Sta inconsciamente interpretando un comportamento che era necessario durante l'infanzia, ma non è più necessario. Rendere il collegamento alla sua prima convinzione lo aiuta a capire e controllare il comportamento.

Le applicazioni sono innumerevoli. Senti l'impulso di andartene, fare uno scherzo, afferrare la ciambella (c'è il ristoro del cibo), bere qualcosa, sospirare profondamente, guardare il porno, spendere irresponsabilmente o avvicinarsi alla compagna sbagliata? Fermare la risposta automatica e vedere quali pensieri e sentimenti sorgono. Legatelo a un ricordo precedente. Potresti scoprire il significato nascosto del comportamento, che ti dà il potere di controllarlo.

Recentemente ho rintracciato il Dr. Weinberg e ho avuto una delle migliori telefonate nella memoria recente. Ecco un estratto dalla nostra conversazione:

Quando useresti l'Hunger Illusion?

Di solito portano l'argomento di qualcosa che non possono o non possono fare: cosa ti succede se non bevi? Se hai un problema con l'alcol e torni dai tuoi amici e dici loro "Non entrerò nella taverna", potreste pensare, "beh, penseranno che non sono un uomo, sono non è difficile. "Quindi forse bevi in ​​parte per sentirti virile, come uno dei ragazzi. Potresti non averlo saputo fino a che letteralmente non vai a dire "no, non bevo più". Ti aiuta a conoscere te stesso.

Nella tua esperienza, come hai visto l'illusione della fame aiutare i clienti?

Bene, imparano di cosa hanno veramente paura e poi possono cercare altri posti dove hanno la stessa paura, e se riesci ad attaccare una cosa da più parti, raccogli una coperta da più parti, puoi davvero affrontare un problema migliore di se lo raccogli da uno. Se hai paura di chiedere cose agli uomini, forse la prima cosa che devi fare è restituire un iPod rotto a un impiegato e poi alla fine ti verrà chiesto di gestire la compagnia, sai, giù per il filo.

Per quanto riguarda gli interventi che hai conosciuto e usato, cosa diresti rende l'illusione della fame un interessante intervento?

Ciò che rende interessante è che è facile da fare, è disponibile, non richiede una profonda teoria analitica, non devi essere un freudiano o iscriversi alla teoria del riavvicinamento di Mahler. È bello perché ci sta aspettando. Fornisce informazioni uniche, non ricade in alcuno stereotipo teorico e penso che renda le cose interessanti quando non seguono le linee di una luce vera, l'unica religione di qualcuno. È disponibile per tutti noi. Anche te come terapeuta, che lo rende bello. Non devi pagare il miglior dollaro per usarlo, puoi provarlo nella tua vita. Chiunque può verificare che ci insegni le cose.

Sicuro. Potevo vedere i terapeuti da quasi tutte le modalità che lo usavano.

Sì, chiunque, e queste scuole di terapia continuano a moltiplicarsi. Deve esserci qualcosa di sbagliato se abbiamo 700 teorie su come le persone cambiano.

Quali sono le prospettive per te?

Il mio nuovo libro è Lies Your Therapist Told You che uscirà l'anno prossimo.

Uh oh, mi stai buttando fuori da un lavoro qui.

No, ma penso che possiamo fare un lavoro migliore se non mentiamo. Abbiamo bisogno di più interventi come questo invece di dire: "beh, è ​​ovvio che tu avessi un attaccamento a tuo padre che devi scoprire, e vieni qui per i prossimi 12 anni per scoprirlo." Abbiamo a che fare con le persone man mano che arrivano lungo, non stereotipi. Questo è uno dei motivi per cui la terapia sta perdendo terreno. La terapia verbale è stata una nuova idea in piena espansione a un certo punto, e ora metà delle cose sono andate a parlare di terapia perché invece stanno prendendo una pillola, e penso che sottostimino il potere di investigare davvero su te stesso.

Solutions Collecting From Web of "Cool Intervention # 6: The Hunger Illusion"