Conversazioni sulla creatività con Darold Treffert, parte VII:

Darold Treffert, MD è considerato uno dei maggiori esperti di savantismo nel mondo. La Dott.ssa Treffert ha pubblicato due libri sulla sindrome del savant: "Persone straordinarie: comprensione della sindrome del Savant" nel 2006 e "Isole del genio: la mente ricca dell'autismo, acquisito e improvvisato" nel 2010. Ha contribuito a numerosi articoli su riviste specializzate e ha partecipato a numerosi programmi televisivi di trasmissione e documentari in tutto il mondo. Nei suoi sforzi per aumentare la comprensione pubblica sull'autismo e la sindrome del savant, è regolarmente apparso su programmi come 60 Minutes , Oprah , Today , CBS Evening News e molti altri. Il Dr. Treffert era un consulente tecnico del pluripremiato film Rain Man che ha creato termini "autistici sapienti" e mantiene un sito molto popolare su www.savantsyndrome.com ospitato dalla Wisconsin Medical Society.

Il dottor Treffert è stato così gentile da avere una conversazione ad ampio raggio con me. Nel giro di pochi giorni, abbiamo passato un momento delizioso a parlare di autismo, savantismo, genialità, natura, educazione, intelligenza, creatività, lezioni apprese, recenti progressi e futuro. Questa è stata una delle conversazioni più soddisfacenti e illuminanti che abbia mai avuto. Ho imparato molte cose ed è mio piacere condividere la nostra conversazione approfondita con tutti voi. Dal mio punto di vista, questa intervista dimostra chiaramente la necessità di maggiore compassione e ricerca su tutti i diversi tipi di menti e modi per raggiungere la grandezza.

In questa settima parte, abbiamo discusso il savant interiore in tutti noi.

SCOTT: Un tema comune che attraversa i tuoi libri è l'idea che il potenziale del cervello nascosto e la capacità di memoria possano essere sepolti e assopiti in ognuno di noi. Ovviamente, la domanda da un milione di dollari è come sia possibile accedere a tali capacità latenti senza dover sopportare una catastrofe. Esistono prove che questo accesso sia possibile in tutti noi?

DAROLD: Nel mio libro, faccio riferimento al lavoro di Betty Edwards, nel suo libro "Il nuovo disegno sul lato destro del cervello". Quello che ha fatto Betty Edwards, per anni, è insegnare alle persone a disegnare come se insegnassi a qualcuno una seconda lingua. Non sono bravo a disegnare, ma potrei prendere uno dei suoi corsi e potrei essere sorpreso di essere in grado di disegnare meglio di me.

So che non sarò un genio in questo, ma se leggi il suo libro, la ragione per cui insegna alle persone come disegnare non è perché vuole che siano in grado di disegnare meglio. Quello che vuole che facciano è spostare le marce un po 'e passare un po' più di tempo nell'emisfero destro.

Ci sono aziende, grandi aziende, che mandano i loro dirigenti ai corsi di Betty Edwards, non per far sì che imparino a disegnare meglio, ma perché la visione, il quadro più ampio e la creatività stessa è più probabilmente un dominio dominante quello del cervello sinistro. Quindi, ciò che questi dirigenti riescono ad ottenere, si spera, è una maggiore capacità di vedere il quadro generale della loro azienda o il quadro generale del loro settore. È un libro convincente, almeno per me, ei suoi esempi dimostrano che in termini di convincere le persone a cambiare marcia un po '.

Un altro riferimento che vorrei usare è il lavoro di Jill Taylor. Ho menzionato il suo libro in precedenza, ed era certamente uno scienziato del cervello sinistro e uno di grande successo, ma ora è in grado di fare quel cambiamento e lei sta facendo l'argomento che tutti noi siamo in grado di fare di più, se pensiamo a e se lavoriamo a questo, e se cerchiamo consapevolmente di spostarci a destra.

Penso che stiamo dimostrando che non solo quando si fa meditazione si sta entrando in un regno diverso, cognitivamente, ma se si guarda l'immagine che viene fatta sulle persone mentre meditano, in effetti stanno entrando in una porzione diversa del cervello che è attivato. Quindi penso che quelli sono alcuni modi in cui uno può farlo. E poi c'è Allan Snyder in Australia che usa la stimolazione transmagnetica (vedi "Conversazioni sulla creatività con Allan Snyder" e "Pensare Cap stimola l'intuizione").

Continua il suo lavoro nel tentativo di affrontarlo e usa un modo tecnologico per farlo. Dalle mie conclusioni o osservazioni personali, mi riporta indietro a ciò di cui stavamo parlando prima, in termini di capacità di spostare semplicemente l'attenzione in modo deliberato e cosciente e senza vederlo come frivolo o spreco di tempo, o "hobby", se vuoi chiamarlo così E molte volte penso che l'estensione della loro area particolare sorprenda l'individuo.

Nel mio caso, penso che se non sono musicale, meccanico o artistico, beh, dove mi lascia. Non posso contare o calcolare, ma ho un buon senso meccanico e un senso della natura. E sono rimasto impressionato da molti dei pazienti che ho avuto nel corso degli anni nella mia pratica che erano agricoltori, molti dei quali non erano andati oltre l'ottavo anno, eppure avevano una conoscenza della terra, della natura e della crescita e le stagioni, e l'intero enorme campo di conoscenza della loro industria agricola, della terra e delle cose in crescita, e sono rimasto semplicemente stupito da alcune delle osservazioni che hanno avuto.

Un giorno ci siamo fatti un collega per fare alcuni lavori paesaggistici, e ha avuto alcuni comportamenti piuttosto insoliti, ma la sua conoscenza della terra, e la sua conoscenza di ciò che cresce dove e quando, e della sua piccola pozione segreta che ha messo su ciascuno dei cespugli, che non ho mai potuto, come le ricette del colonnello Sanders per le spezie. Tutto ciò che toccava crebbe. Quindi, penso che quel tipo di capacità sia necessario per scoprire dentro di noi e nutrirli.

Ora, non saremo tutti Einsteins, o Picassos, o Rembrandts, ma penso che arricchisca la nostra vita quando trovi alcune di quelle cose e non le vedi come frivole o semplicemente come hobby ma più centrali per il nostro essere .

Per una recensione su questo argomento, vedi "L'uomo della pioggia in tutti noi".

SCOTT: Era davvero molto poetico! Hai mai scritto poesie?

DAROLD: No, non ho scritto poesie, ma ho scritto in una zona completamente diversa da ciò che chiamo mellowing o diventando più dolce, il che significa essere rilassati, a proprio agio e piacevolmente conviviali. È solo un opuscolo, ma parla di questo non da un punto di vista della sindrome del savant, ma ci sono voluto molto prima, o come una traccia parallela, e vedrai le analogie qui per entrare nell'emisfero giusto. Così, quando ho letto il lavoro di Jill Bolte Taylor, ho detto, sai, di cosa sta parlando è quello che chiamo mellowing, ed è uno spostamento di enfasi. Quindi, è lì che ho fatto una buona dose di scrittura in quell'area.

SCOTT: Abbiamo tutti questa capacità di memoria autobiografica che i savant hanno ma sono semplicemente più bravi ad accedere a quei ricordi?

DAROLD: Sì. Nella mia mia esperienza, sono arrivato a questa conclusione. Ancora una volta, queste sono conclusioni a cui sono arrivato, invece di iniziare con. Che tutti noi abbiamo un nastro della nostra esistenza in esecuzione non è qualcosa che avrei abbracciato prima di entrare in alcune delle cose con il savant. Un paio di cose mi hanno fatto riflettere su questo.

Uno è che ci sono dei savants con un'enorme memoria autobiografica, non solo memoria per date, luoghi e calcoli del calendario, ma in realtà possono ricordare cosa avevano cenato giovedì 20 luglio, qualunque anno, e sanno che il 20 luglio era di giovedì .

E poi c'è questa condizione chiamata sindrome iperti- mica, che non è nei savants. Queste sono persone neurotipiche che hanno una vivida memoria autobiografica, e ci sono alcuni casi descritti ora, penso che quattro o cinque di questi casi, che sembrano soddisfare i criteri per la memoria ipertimemica ma lavorare con molte cose hanno colorato le mie osservazioni a riguardo.

Uno è, nella mia pratica, quando ho fatto interviste di sodio amytal su alcuni pazienti, ricordo che un paziente in particolare aveva attacchi di panico e disturbi d'ansia, ed era convinta che le fosse successo qualcosa perché quando si trovava in certi posti con certi promemoria lei sarebbe più probabile che avesse questo attacco di panico. Ed era convinta che le fosse successo qualcosa in un particolare giorno della sua vita. Non riusciva a recuperare il ricordo, ma era convinta che fosse quando iniziò.

Io non faccio l'ipnosi nel solito modo. Io uso sodio amytal, che è l'ipnosi chimica, perché è più veloce e facile da amministrare. Comunque, la riportai a quel particolare giorno, e ricordò di aver guidato per strada, si ricordò dei nomi delle strade sui cartelli stradali, ricordò la luce che diventava verde diventando rossa, ricordò il viaggio in quel particolare luogo e i dettagli che lei mai avrei potuto raccontarlo prima di questa sodio amytal. Si scopre che c'è stato un evento che ha avuto luogo.

Non era così drastico, traumatico o terribile come immaginava potesse essere, ma c'era un evento che accadeva e lei era in grado di recuperarlo. Quando si è svegliata, ha detto, cosa ti ho detto, o, sai, che cosa hai scoperto? E le dissi, e lei allora non ebbe ricordi se non mentre recitavo il percorso. Quindi è stato tutto conservato lì e la sodio amytal ha reso possibile recuperarlo.

L'ho semplicemente nascosto, ma poi mi sono imbattuto nel lavoro di Wilder Penfield, che era un neurologo in Canada, e davvero un pioniere nella ricerca sul cervello in quei giorni e il suo tentativo di trovare i fuochi epilettogeni nella persona, che a proposito, lo facciamo ancora. Se qualcuno ha attacchi epilettici che non sono controllati dai farmaci, e sembrano essere scatenati da una particolare cicatrice nel cervello, puoi, in effetti, esporre il cervello, e usare una sonda per metterla in diversi punti del cervello , cercando di scoprire dov'è quella cicatrice, e quando il paziente ha un attacco. E se riesci a trovare quella cicatrice, può essere rimossa chirurgicamente e la persona non avrà attacchi, quindi c'è una ricerca valida.

Ora possiamo cercare quei foci con le neuroimmagini che prima non avevamo, e quindi non devi davvero fare il genere di cose che Wilder Penfield ha fatto. Ma nel farlo, avrebbe messo la sonda sulla corteccia cercando di trovare la cicatrice, e la persona è come, "oh mio Dio, è il mio terzo compleanno, e c'è la zia Mildred, e lo zio Tom, e i miei cugini "E siccome siamo in grado di sondare, arriviamo a questi ricordi vivaci e colorati che sono stati appena seppelliti lì e c'erano ma nella vita reale non si può accedere.

Bene, avanza un po 'a circa due anni fa quando un medico, un neurologo, decise di provare a curare l'obesità patologica trovando il centro dell'appetito nell'ipotalamo e forse riuscendo a impiantare un elettrodo che avrebbe cambiato la fame, e quindi la persona sarebbe in grado di perdere peso e così via, ma quando ha messo la sonda in basso per trovare quel punto nell'ipotalamo, è successa la stessa cosa.

Mentre quella sonda andava giù, stava trovando ogni sorta di ricordi autobiografici che si riversavano in quegli individui che semplicemente non erano a loro disposizione quando erano svegli. Quindi tutte queste cose sollevano la possibilità che ci sia un nastro continuo, ma semplicemente non abbiamo accesso ad esso.

Un'altra cosa che mi fa pensare che sia più volte nei nostri sogni, o almeno forse dovrei semplicemente parlare dai miei stessi sogni, ma molte volte nei sogni, mi troverò in una situazione a cui non avevo pensato per secoli e se me lo chiedessi presto quando ero sveglio, non sarei in grado di ricordare chi c'era, o cosa fosse, ma sembra.

E i sogni sono un po 'pazzi perché tutto è fuori dalla sequenza temporale. Questa potrebbe essere una scena da ragazzino ora che sono cresciuto e il tipo di follia dei sogni, ma il ricordo degli eventi che abbiamo solo, "Oh mio Dio, da dove viene, non ci avevo pensato per anni ”. Quindi ho avuto l'impressione che abbiamo effettivamente un nastro continuo e che semplicemente non abbiamo accesso ad esso, ma è lì.

SCOTT: Sì. Tenderei ad essere d'accordo. Nella mia classe di psicologia cognitiva ho insegnato una lezione sulla memoria e ho posato per gli studenti: "Pensi di avere un deposito di ogni singola traccia nel nostro sistema di memoria, da qualche parte in un neurone di tutto ciò che abbiamo mai sperimentato", e loro erano come, "Oh, certo che no, sai, non c'è modo, come se tu guardassi il soffitto puoi ricordare tutti i punti che ci sono". E poi ho posto l'esempio di Stephen Wiltshire che può andare in una veduta aerea e dipingere tutto dalla memoria. Penso che il suo talento sollevi molte domande interessanti perché non è soprannaturale. Voglio dire, non è come se fosse Superman.

DAROLD: Sì. Precisamente. È interessante con Stephen. Non l'abbiamo testato su questo, ma dice che se gli fosse stato chiesto di ricostruire uno di quei disegni, avrebbe potuto farlo. Non so se sia vero o no, ma il punto è che non è solo un ricordo fugace, ma che può rimanere. La capacità del cervello è sbalorditiva come è, ma poi in quella parte del libro in cui ho l'unica immagine di questo signore che ha solo un bordo sottile di corteccia e nient'altro che il fluido nel cervello, eppure il suo QI ha 80 anni, è sposato, ha un lavoro di successo e non è in alcun modo disabile.

Ciò significa che c'è un sacco di capacità in eccesso che penso che non usiamo, o forse usiamo e viene semplicemente memorizzato e non disponibile. Ma che si tratti di un vero e proprio nastro continuo, bit-by-bit, o se sia relativamente così, il punto è che ci sono molte più informazioni.

Un'altra indicazione di ciò, per me, riguarda alcuni pazienti con malattia di Alzheimer. Poiché la memoria a breve termine scompare all'inizio del paziente con Alzheimer, quello che io chiamo "la cipolla" non si buca, si impara cose di cui non hanno mai parlato prima, e i familiari diranno: "Non ho mai sentito quella storia prima". Eppure, se tornassi all'infanzia, all'adolescenza o alla fattoria, queste sono buone storie, cose interessanti, ma non le avevano mai sentite prima. È come se la cipolla si spaccasse nell'Alzheimer, e queste cose vengono alla superficie.

SCOTT: Sai, impariamo sempre di più sulla memoria e su come funziona, sembra che i segnali di recupero siano la cosa veramente importante e che senza quei segnali può sembrare come se non avessimo più quella memoria, ma forse con una sorta di segnali di recupero possiamo accedere a cose che non avremmo mai pensato di conoscere.

DAROLD: Esatto. Penso che sia quello che la sonda è, una stecca di recupero tecnologico. Penso di averlo menzionato nel libro. Ho fatto un follow-up di 45 anni su questo ragazzo che aveva memorizzato gli autobus a Milwaukee. Era sull'unità, e ricordava ogni paziente che era lì, e ricordava quando venivano, quando erano stati dimessi, ricordava cose sulla loro famiglia, e ricordava ogni persona dello staff che si trovava sull'unità per nome, e per descrizione, e così via.

Abbiamo pranzato insieme, e poi ha detto: "ricordi un tale e quel tipo di paziente"? E io ero tipo "sì, ora che me lo dici, lo faccio". E poi ha iniziato a menzionare ciascuna delle persone dello staff e le loro caratteristiche, e mi sono ricordato anche di ognuna di quelle persone. Ma se mi avessi chiesto prima di chi è chi, o dei nomi dei pazienti sull'unità, e dei nomi delle persone dello staff, posso ricordarne alcuni, ma dato che lui ha fornito questi segnali di recupero, da parte di George, ognuna di quelle persone è venuta alla memoria. E così è lì, ma ha preso il suo ricordo notevole. Voglio dire, ha ricordato tutte quelle cose che la maggior parte di noi avrebbe semplicemente scartato.

E poi in realtà avevo mantenuto i nomi dei pazienti in una cartella perché stavo facendo un paio di studi sull'unità, uno dei quali era lo studio epidemiologico, e un altro aveva a che fare con l'enuresi, di tutte le cose. Io tendo a mantenere le cose, e così sono tornato e, per Dio, è esattamente ciascuna di quelle persone che ha menzionato, nella misura in cui vi è stata un'ammissione e una dimissione. Aveva ragione!

Così, è stato in grado di scatenarlo in me, e questo mi ha reso ancora più convinto che ci sia un sacco di cose laggiù, o lassù, che abbiamo bisogno di segnali di recupero, e le persone con memoria autobiografica, l'iperimico, per qualsiasi motivo , è in grado di avere molto più accesso a questo rispetto al resto di noi.

SCOTT: Quali fattori determinano se le abilità di alto livello emergeranno o no? Quali fattori determinano le abilità, una volta accedute, saranno spettacolari? In altre parole, quali caveat ci sono per l'idea interiore-savant-tutti-di-noi, se ci sono dei caveat?

DAROLD: Beh, penso che un avvertimento sia che non siamo tutti piccoli Mozart, o Einstein in attesa. Il problema della dotazione differenziale è quello che si gioca su questo, ed è qualcosa su cui non abbiamo alcun controllo. Questo è solo lì. Penso che l'avvertenza acquisita sia che dipende da dove si verifica un ingresso e dipende dalla dotazione differenziale, e quello che io chiamo il fenomeno della curva a campana è certamente lì.

Quindi, quando parlo del Rain Man interiore dentro di noi, non sto suggerendo che possiamo tutti sederci e memorizzare l'elenco telefonico come ha fatto Raymond Babbitt, o tutte le cose che ha fatto, ma penso che se prendi in prendi in considerazione il problema della dotazione differenziale, la curva a campana e, in qualche misura, la nostra famiglia o le persone che ci circondano, se supportano il nostro interesse parallelo o talvolta persino strano che potrebbe essere d'aiuto.

Se qualcuno decide di voler approfondire gli UFO in modo più approfondito, o se qualcuno approfondisce gli studi religiosi, allora alcune persone lo ignorerebbero e sarebbero scettici, o cinici, dicendo che è assurdo. A seconda di dove sia il loro pensiero, potrebbero non supportarlo nello stesso modo in cui lo farebbero se avessero qualche altro interesse parallelo.

Penso che l'avvertimento si estenderebbe anche, in termini della terza parte dello sgabello e del savant che ha a che fare con la famiglia, e del sistema di supporto, e del rinforzo che ottengono, e quindi lo metterei in questa equazione come bene.

SCOTT: Tu sollevi l'intrigante suggerimento che le abilità dormienti possono essere presenti in tutti noi da bambino, ma vengono ripristinate in qualche oscuro, penso che tu lo chiami punto di deposito, attraverso l'uso. In che modo le scuole e la società possono minimizzare ciò che accade?

DAROLD: Tendiamo ad essere una società del cervello sinistro. Non intendo sminuirlo o batterlo perché ci serve bene, perché dipendiamo dal pensiero logico, sequenziale e dal linguaggio per fare molti progressi, ma penso che stabiliamo quei percorsi logori perché ci servono bene, e noi rinforzali perché ci serviranno bene quando entreremo nel mondo del lavoro e così via.

Penso che alcuni degli altri sforzi a scuola siano stati visti, e puoi vederlo ora quando si sta verificando il taglio del budget. Stanno tagliando i budget non nella lingua, li stanno tagliando nelle arti, e la musica, e l'atletica, e altri tipi di cose che non sono considerate centrali per lo scopo educativo della scuola. Quindi questa è una cosa che ritengo tendenzialmente deumatizzante per il termine più ampio di abilità del cervello destro o sforzi del cervello destro.

E non solo lo facciamo un po 'a nostro rischio e pericolo perché tendiamo a minimizzare quelle abilità che possono essere preziose, ma c'è anche un buon numero di giovani a scuola che hanno problemi con l'apprendimento del cervello sinistro e possono essere molto abili e molto esperto nelle aree del cervello destro.

Ora, penso che stia cambiando in una certa misura. Penso che ci siamo allontanati un po 'dal fatto che l'istruzione universitaria è sempre superiore all'istruzione professionale, e essere un'infermiera è meglio che essere un falegname in termini di capacità di vita, o essere un programmatore di computer è meglio che essere un idraulico e penso che stiamo vedendo qualche cambiamento in questo.

Di nuovo, penso che la maggior parte delle cose, arriva in un pendolo, ma quando ero al liceo e al liceo, quelli di noi che avevano successo, e si comportavano in qualche modo, continuavano a scuola e quelli che non ce l'avevano fatta nella sinistra -in classe scolastica o non si comportassero da soli sarebbe andare a quella che è stata definita una scuola professionale.
Ed era chiaramente un'istruzione di secondo livello e un secondo tipo di retrocessione. Ora, stiamo scoprendo che molte delle scuole tecniche, come vengono chiamate ora, competono attivamente con le università in competenze professionali e formando persone per le abilità professionali invece che per le abilità accademiche e imparando che potrebbe essere altrettanto importante e altrettanto importante successo, in termini di reddito, rispetto ad alcune di queste altre aree.

Penso che in alcune delle nostre scuole stiano costruendo case nelle classi vocazionali e facendo cose molto utili e considerandole preziose. Quindi penso che ci sia un riconoscimento di ciò. Tuttavia, penso che, in particolare nelle arti, tende ad esserci una minimizzazione di quello che si può vedere da ciò che sta per cadere. Inoltre, penso che ora ci sia una tendenza, con il taglio del budget, a farla finita con programmi di talento e talento, che penso sia un errore perché ci sono bambini dotati e talentuosi che imparano a un ritmo diverso e in un ritmo accelerato modo.

E in alcuni sistemi scolastici, stiamo scoprendo che i sapientoni vengono ora inclusi nelle classi dotate e di talento, che dovrebbero essere, anche se il loro QI potrebbe non essere così alto. Quindi penso che abbiamo bisogno di diversi modi di educare. C'è un buon numero di bambini a scuola che hanno un disturbo dell'apprendimento non verbale, e semplicemente non fanno bene fino a quando non sono educati in un modo che tocca il loro stile di apprendimento, e li ho visti decollare e volare via una volta che succede.
Quindi penso che dobbiamo guardare a tipi di educazione più versatili e a diverse popolazioni educative, e abbiamo bisogno di ripensare un po 'al modo in cui tendiamo a valorizzare gli accademici rispetto al tipo di scuola professionale.

SCOTT: Sono completamente con te. Mi chiedo se non dovremmo chiamare le persone che imparano disabili ma forse imparano diversi.

DAROLD: Sì. Infatti. Destra. Penso che, come sai, Daniel Tammet lo abbia scritto nella prefazione al mio libro.

SCOTT: Sì.

DAROLD: E lì ha suggerito proprio di cosa stiamo parlando. Non usa la parola disabilitata, usa la parola diversamente abili.

SCOTT: Mi piace.

DAROLD: E questo è un modo molto migliore di guardarlo. Sai, attraverso la maggior parte della nostra conversazione, ho usato la parola disabilitato più di quanto avrei dovuto. Avrei dovuto continuare a dire queste persone diversamente abili perché questo è davvero ciò che gli esperti sono. Penso che siano diversamente abili e dovremmo guardare a questo piuttosto che alle loro disabilità. Anche se sono un po 'colpevole di non praticare ciò che Daniel ha detto, penso che la tua osservazione sia corretta sul fatto che invece di parlare di una disabilità dell'apprendimento, dovremmo chiamarla come un'abilità di apprendimento diversa o qualcosa del genere, perché la disabilità è solo in una relazione a ciò che sottolineiamo.

Vedi le altre parti della serie qui:

Parte II, Dispelling miti sull'autismo

Parte III, Inside the Savant Mind

Parte IV, The Origins of Straordinary Savant Skills

Parte V, The Acquired and Sudden Savant

Parte VI, Che Savants rivela sulla grandezza

Parte VII, The Inner Savant in Tutti noi

Parte VIII, lezioni apprese e progressi recenti

© 2011 di Scott Barry Kaufman

Seguimi su Twitter o Facebook . Contattami qui !

BIO:

Il Dr. Treffert completò sia la scuola medica che la residenza psichiatrica all'Università del Wisconsin, dove attualmente è professore di Psichiatria. In seguito alla sua formazione ha sviluppato l'Unità Bambino-Adolescente presso l'Istituto di salute mentale di Winnebago. Fu lì che incontrò il suo primo saggio autistico nel 1962. Fu poi Soprintendente di WMHI fino al 1979 quando divenne direttore dei servizi di salute mentale della comunità a Fond du Lac, nel Wisconsin, dove ora vive. Il Dr. Treffert ha ricevuto premi onorari dalla Wisconsin Mental Health Association, l'Office of Alcoholism and Drug Abuse del Wisconsin e l'Associazione del Wisconsin per il matrimonio e la terapia familiare. È stato inserito in The Best Doctors in America, per selezione di pari, a partire dal 1979. Risiede a Fond du Lac, nel Wisconsin, e fa parte dello staff dell'ospedale St. Agnes in quella comunità. Il suo sito Web è accessibile all'indirizzo www.daroldtreffert.com.

Solutions Collecting From Web of "Conversazioni sulla creatività con Darold Treffert, parte VII:"