Conversazioni sulla creatività con Daniel Tammet – Postscript, My Candid Reflections

Ieri sera stavo cenando con i miei genitori nella mia città natale a Philadelphia. Stavo raccontando loro della mia intervista con Daniel Tammet e di come stavo lavorando a un post sulle mie riflessioni sull'intervista. Mio padre, che legge tutto quello che scrivo (che a volte può essere imbarazzante!), Mi guardò e disse, chiaramente e semplicemente, "Vedo molte somiglianze tra te e Daniel, Scott." Quelle parole erano una specie di momento cristallizzante per me. Suppongo di aver capito a livello intuitivo che questa intervista è stata così significativa per me, ed ero consapevole di avere questa grande spinta per ottenere l'intervista completa là fuori per le persone da leggere, ma con quel commento di mio padre, ha colpito davvero io perché l'esperienza è stata così significativa: questa intervista è stata davvero personale.

Per quanto ne so, non ho la sindrome di Asperger. Ma ho avuto un crescendo di apprendimento uditivo che mi ha fatto sentire un estraneo per la maggior parte della mia prima infanzia, un sentimento che rimane fino ad oggi. La mia intervista con Daniel è stata così profonda per me perché penso che mi abbia reso davvero chiaro, almeno più chiaro che mai, che qualunque sia il "disturbo": disabilità dell'apprendimento, disturbo della personalità, disturbo da deficit di attenzione, disturbo dell'umore, disturbo d'ansia , disturbo ossessivo-compulsivo, ecc. – o circostanze di vita, chiunque la cui marginalità li metta su un percorso diverso dal resto dei bambini, dal resto degli adulti, dal resto della società , sono uniti in quella sensazione di essere diversi. Il sentimento di Daniel Tammet di una grande solitudine e isolamento crescendo mi ha parlato, di sicuro. Ma sono sicuro che ha parlato anche a molte persone che hanno letto l'intervista.

C'è un po 'di Daniel Tammet in tutti noi. Penso che tutti noi, in un momento o in un altro, ci siamo sentiti diversi in un contesto particolare, e abbiamo sentito l'intenso conflitto di voler contemporaneamente adattarsi, pur volendo essere semplicemente accettati per essere diversi. Non tutti noi possiamo essere in grado di calcolare il pi in tutti i posti che Daniel può, o in grado di associare automaticamente i numeri con i colori, o di scrivere sia la prosa e la poesia splendidamente come lui, sia dipingere come lui. Ma ciò che la mia intervista con Daniel mi ha insegnato è che non importa se non puoi fare tutto ciò che fa. La vita non consiste nel praticare deliberatamente te stesso lungo il percorso di qualcun altro. Si tratta di rimanere fedeli a te stesso in ogni momento ed essere completamente aperti a percorrere il tuo percorso unico, non pianificato e imprevedibile.

I ricercatori mi hanno chiesto se, dopo la mia intervista con Daniel, penso che sia un "truffatore". Suppongo che vogliano sapere se è veramente "autistico" o se davvero può veramente fare tutti i trucchi della mente di cui sembra essere capace. Hanno visto la sua intervista a Letterman, dove è stato molto carismatico e socialmente coinvolgente e si chiedono se ha ancora la sindrome di Asperger, dal momento che non sembra mostrare tutti i sintomi dello show.

Anch'io ho visto l'intervista di Letterman. Quello che ho visto in quell'intervista era una persona molto intelligente che era capace di essere sociale. Non c'è dubbio che Daniel abbia attraversato una grande trasformazione nel corso degli anni, diventando più socialmente abile ed estroverso. Ha imparato molto sulla vita, l'amore e le relazioni. Ma ancora, parlando al telefono con lui, ci sono stati momenti in cui ho potuto dire che stava lottando un po 'per capire alcune delle mie frasi più ambigue, che ha ancora elaborato alcune delle cose che ho detto alla lettera. Oggi, comunque, sarebbe ancora etichettato come "Asperger", per molti aspetti manca il punto più ampio.

Il punto è che c'è qualcosa che significa essere Daniel. Daniel è nato con una mente unica, cablata in un certo modo, che ha contribuito in modo significativo a come vede il mondo. È stato in grado di compensare un bel po ', ma rimane ancora un nucleo per lui che lo rende unico. E non ho visto assolutamente nessuna disonestà nella mia intervista con lui – infatti, quello che ho avuto l'onore di testimoniare è stato uno degli individui più veri che abbia mai incontrato in tutta la mia vita, una persona che vive la sua vita cercando sempre di rimanere vero a se stesso in una società che lo identifica come diverso. In molti modi, molte persone in questo mondo ogni giorno della propria vita stanno cercando di fare la stessa cosa.

Durante l'intervista, Daniel è stato molto critico nei test del QI e nello studio delle differenze individuali. Apprezzo pienamente da dove provenivano le sue critiche. Sono d'accordo con lui sul fatto che molte cose che facciamo servono a ridurre le persone ad una sola dimensione, e nel caso di un test del QI mal gestito, riducendo una persona a un numero. Ma come ho visto di recente, il campo del test del QI è in rapida evoluzione. L'obiettivo principale della maggior parte dei moderni test maker IQ con cui parlo non è quello di ridurre, ma di ampliare – identificare un particolare modello individuale di punti di forza e debolezza cognitiva e di personalizzare un programma educativo per quella persona. Questo è un obiettivo che penso sia d'accordo con Daniel.

Penso che Daniel abbia anche sottovalutato l'importanza di investigare le differenze individuali più in generale. Studio le differenze individuali nel mio programma di ricerca. Il motivo per cui lo faccio è perché credo fermamente che è lì che si trovano la maggior parte degli aspetti interessanti della natura umana. È così affascinante per me come tutti possiamo variare così tanto l'uno dall'altro – su tanti attributi come caratteristiche fisiche, personalità, intelligenza, creatività, stile di pensiero, esperienze di vita, ecc. – eppure alla fine della giornata siamo tutto parte della stessa specie. Abbiamo tutti paure, desideri e debolezze simili. Penso che lo studio delle differenze individuali sia importante – non come un modo per ridurre le persone – ma come un modo per ampliare lo spettro dei modi in cui le persone possono differire e il modo in cui sia le disposizioni innate che la cultura danno forma a ciò che siamo.

È chiaro dalla mia intervista con Daniel che è davvero nato con un cablaggio cerebrale unico. Non era solo una pratica deliberata che ha portato Daniel Tammet a Daniel Tammet. È stata l'unica costellazione di potenzialità che il corpo chiamato "Daniel Tammet" è nato con, e che, attraverso una serie di opportunità fortunate, gli ha permesso di esprimere e realizzare più pienamente il suo potenziale di quanto avrebbe potuto facilmente accadere – purtroppo molti le persone hanno circostanze di vita che impediscono loro di realizzare il loro potenziale e pensano erroneamente che la loro vita attuale sia tutto ciò che è possibile per se stessi. Se mai, immagino che la maggior parte della pratica deliberata di Daniel è andata a cercare di imparare cose che sono più naturali per gli altri (come riconoscere i volti), solo per adattarsi meglio che imparare cose che sono già venute più naturalmente se stesso (come ballare con i numeri).

In questo nuovo anno, in questo nuovo decennio e nel futuro dell'umanità, cerchiamo tutti un po 'più difficile di apprezzare le differenze l'uno dell'altro. E così facendo, ricordiamoci di rimanere fedeli a noi stessi, nonostante la società. Come Daniel Tammet.

© 2009 di Scott Barry Kaufman

Credito fotografico per foto di Daniel Tammet: Rex USA.

Altre parti della serie:

Parte I, Abbracciando l'ampio cielo

Parte II, Come funziona la mente di un prodigio savant

Parte III, Natura e Alimentazione

Parte IV, QI e intelligenza umana

Parte V, Creatività, Mente e Cervello

Parte VI, Trasformazione personale

Solutions Collecting From Web of "Conversazioni sulla creatività con Daniel Tammet – Postscript, My Candid Reflections"