Conversazioni sulla creatività con Daniel Tammet – Parte VI, Trasformazione personale

Daniel Tammet Sebbene le loro abilità inusuali attirino notevole attenzione, ci sono meno di 100 noti sapienti prodigiosi che vivono attualmente. Daniel Tammet è uno di loro. Più di trent'anni, il mago matematico e linguistico nato a Londra si è trasformato da ragazzo goffo e solitario in adulto fiducioso. La sua vita privata e tranquilla di routine rigorose ha lasciato il posto nel 2006, quando il suo memoriale Born on a Blue Day è diventato un best-seller, richiedendo viaggi, autopromozione e apparizioni in talk show. Il suo ultimo libro, Embracing the Wide Sky, è un'esplorazione scientifica delle sue straordinarie capacità (recitare pi a 22.514 luoghi, imparare a parlare islandese in una settimana) e un tour di autismo.

Il 18 agosto e il 19 agosto 2009, Daniel è stato così gentile da permettermi di scrutare nel suo mondo. Ero consapevole del gran numero di interviste con Daniel che già esistono, ma come psicologo, avevo ancora molte domande persistenti, che Daniel era molto paziente nel rispondere per me. In questi due giorni, ho lasciato le mie precedenti aspettative, pregiudizi e modi di pensare alla porta e mi sono trasportato nella mente di Daniel. Di conseguenza, ho avuto la fortuna di poter condividere il suo modo unico di vedere il mondo.

Le intuizioni di Daniel hanno cambiato il mio modo di pensare, non solo per quanto riguarda l'autismo e la sindrome di Asperger, ma anche in termini di misura in cui è possibile il cambiamento personale, la natura e l'educazione delle differenze individuali, l'intelligenza, la creatività, il genio, la finzione, arte, poesia, matematica, amore, relazioni, mente, cervello, futuro dell'umanità e apprezzamento di molti diversi tipi di menti. Una parte della mia intervista può essere trovata nel numero di novembre / dicembre di Psychology Today ( Numbers Guy: Un autistico savant si unisce al resto del mondo ).

In questa sesta e ultima parte della serie (vedi parti I, II, III, IV, V, poscritto), Daniel parla della misura in cui il cambiamento personale è possibile, la sua trasformazione personale, se gli verrebbero ancora diagnosticati gli Asperger sindrome se gli è stata diagnosticata oggi, la fiction, "chick lit", i suoi obiettivi personali, i suoi sforzi, le lezioni che ha imparato sulla vita, l'amore e le relazioni e il futuro dell'umanità. Spero che in tutta questa serie tu abbia trovato le riflessioni, le intuizioni e il viaggio in corso di Daniel altrettanto affascinanti e stimolanti quanto me.

S. Le persone possono cambiare la loro personalità?

D. Sì, sono un grande sostenitore in questo. La mia stessa storia lo dimostra molto bene. In pochi anni ho visto un grande cambiamento nella mia vita dal momento in cui ho scritto Born on a Blue Day al tempo che ha scritto e promosso Embracing the Wide Sky . Sto lavorando al mio terzo libro, che sarà un romanzo.

S. Wow, è grandioso!

Jackie Collins - Married Lovers D. È molto diverso da uno dei due libri che ho scritto fino ad oggi. E una grande sfida perché fino a diversi anni fa la narrativa non mi interessava molto. O più specificamente, la maggior parte dei tipi di finzione – il tipo di fiction che vediamo oggi nei negozi, Dan Brown o Stephen King come i thriller o i tipi di pulcini di Jackie Collins e così via. E penso che sia ancora vero. Non capisco l'appeal di quei libri, non li capisco affatto. Le persone sono più che benvenute per comprarle e godersele.

Ma penso di essere in grado di comprendere i temi più grandi che la finzione cerca di affrontare sull'amore, lo scopo e il significato, il trionfo e il dolore e i temi con cui ognuno di noi vive nella vita di tutti i giorni e in cui la finzione attraverso i tentativi d'arte un senso per elevare ed esplorare in vari modi. Leggo molto e penso che negli ultimi anni il rapporto tra la quantità di saggistica e narrativa sia notevolmente diminuito. Ho letto anche la fiction da adolescente, soprattutto perché ero costretto a leggere finzione ovviamente per passare al liceo.

S. Che tipo di fiction hai letto?

D. Libri come Animal Farm di George Orwell. Ottimi esempi di storie che sono relativamente semplici in un senso ma profonde in un altro. Oggi sto leggendo lavori più complessi- Dostoyevsky è un esempio. Trovo che il modo in cui descrive personaggi, emozioni ed eventi sia molto drammatico e questo mi attrae.

Fëdor Dostoevskij - Delitto e castigo È forse più facile per me capire quelle emozioni e quegli impulsi che spingono le persone a certe situazioni e fanno certi atti perché è così esagerato in un certo senso – è così forte. E posso ben immaginare che la finzione che è molto più sottile potrebbe essere più difficile per me, forse, per coglierla allo stesso modo o apprezzarla allo stesso modo. Quindi scriverò il romanzo e vedremo come andrà. Questo è solo un esempio del progresso, dello sviluppo, del cambiamento e dell'evoluzione della mia mente negli ultimi tre anni. Questo è solo un esempio di come la trasformazione delle nostre menti sia definitivamente possibile e la neuro-plasticità è un'ottima spiegazione per questo.

S. Bene, sono completamente d'accordo. Vuoi commentare altri modi in cui sei cambiato negli ultimi due anni?

D. Sono certamente molto più fiducioso nelle mie interazioni sociali. Viaggio molto di più. Dall'abbraccio dell'ampio cielo , sono andato negli Stati Uniti, in Canada e in diverse parti d'Europa. Ho rilasciato interviste in diverse lingue. Vivo oggi nel sud della Francia, nella bellissima città di Avignone, ricca di cultura e storia. E questo mi sta molto bene.

In viaggio Una delle cose che ho menzionato nelle interviste prima è che le persone con Asperger spesso sentono crescere che sono straniere, che si sentono così diverse, che si sentono quasi come se fossero nate nel paese sbagliato o con la lingua sbagliata. E quindi non sentono necessariamente l'affinità che la maggior parte delle persone fa per dove sono nati e cresciuti.

Sicuramente oggi mi sento più a mio agio sotto molti aspetti parlando il francese, che è quello che faccio di giorno in giorno. Oggi parlo molto più francese, poi faccio l'inglese, poi parlo nella mia lingua madre. Non voglio dire che non trovo l'inglese una lingua meravigliosa, lo so. Ne leggo ancora moltissimo e scrivo ancora in inglese. Ma questo è un altro esempio di fare un tuffo. Ho viaggiato prima e ho vissuto all'estero prima, ma solo su base temporanea. Questa non è una base temporanea. Questa è una rottura ben definita e penso che sia decisamente la decisione giusta per me.

Mi sono trasferito circa un anno e mezzo fa in Francia e, prima ancora, ho trascorso alcuni mesi in Quebec. Sento che viaggiare sicuramente allarga la mente. Nel mio caso, sicuramente mi sento più sicuro. Ti dà una nuova prospettiva sul mondo. Incontri persone, ti mescoli con le persone, ti metti in situazioni che non avresti mai avuto prima. La vita che descrivo in Born on a Blue Day era molto più limitata sotto molti aspetti perché era quella che mi dava più conforto e sicurezza.

Penso che ora ho sicuramente delle routine nella mia vita quotidiana che sono importanti per me e che mi danno ancora quelle sensazioni di sicurezza e controllo. Ma la capacità di rompere ogni tanto mentre viaggiavo per vedere il mondo, per spingere me stesso come facevo da bambino a crescere, penso che mi abbia definitivamente dato un secondo vento, un secondo guinzaglio di rapida crescita e sviluppo. E chissà dove mi porterà. Spero davvero che il romanzo sarà buono e sarà un successo e mi consentirà di continuare a scrivere interessanti romanzi originali nel futuro.

S. Spero lo sarà anche, Daniel. Cosa pensi che abbia dato il via a questa trasformazione? Doveva promuovere il libro e il viaggio?

Nato in un giorno blu D. Sicuramente penso che Born on a Blue Day sia stato un grande grilletto perché mi ha permesso di capirmi molto più di quanto pensassi di avere fino a quel momento e il successo del libro è stato davvero fenomenale e nessuno se lo aspettava. Penso che l'ultima volta che ho letto una figura da qualche parte era mezzo milione di vendite, mezzo milione di copie. Ed è stato tradotto in qualcosa come venti lingue. E l'accoglienza critica è stata estremamente positiva.

Penso che questa sia stata una grande trasformazione, una svolta, perché ho capito che avevo questa capacità di scrivere. Mi è sempre piaciuto scrivere e ho sempre avuto questa sensibilità per il linguaggio, ma in realtà scrivere in modo tale da mantenere l'attenzione e l'interesse del lettore, creare frasi pulite e dove le parole fluiscono, avere una sorta di poesia e così via , un tipo di musica, ovviamente non è un dato così da scoprire che l'abilità è stata molto arricchente per me. Ho sempre amato creare storie da piccolo, anche se non erano forse storie molto focalizzate sulle emozioni a quel punto. Sfortunatamente non ne ho nessuna, quindi non posso guardare indietro a quello sviluppo. Ci siamo trasferiti più volte durante l'infanzia. Ho una famiglia così numerosa, quindi i miei genitori non sono stati in grado di mantenere tutto. Ma è interessante avere qualcosa che devi fare come vocazione.

Ho ricevuto così tanti messaggi da tutto il mondo in molte lingue, persone provenienti da molti background e penso che sia stato molto toccante e molto commovente. In molti casi il messaggio era semplicemente continuare a scrivere, hai qualcosa da dire, hai un dono e hai una voce e vogliamo ascoltarla e vogliamo continuare a sentirla. E quello era molto speciale per me.

Le persone nello spettro autistico lo trovano molto difficile, per tutti i talenti che hanno indubbiamente, e tutta la creatività che è dentro di loro, e una visione unica che penso possano davvero dare alla società provenienti da prospettive diverse e pensare cose attraverso a modo loro. È molto difficile se le opportunità non ci sono e se trovano più difficile interagire, relazionarsi con le persone, bussare alle porte, farsi sentire. Questa è stata certamente anche la mia storia per molto tempo. Penso che il successo di quel primo libro e il successo di Embracing the Wide Sky , anche dal punto di vista critico e commerciale, sia molto, molto potente.

S. Sono stato molto impressionato dai tuoi cambiamenti personali negli ultimi anni. Pensi che ti verrebbero ancora diagnosticati gli Asperger se venissi valutato oggi?

Bambino con autismo D. Non lo so. Ovviamente, dipenderebbe dalla persona che stava dando la diagnosi, immagino. La mia comprensione è che l'autismo è una condizione primaria per l'infanzia, e nel mio caso, questo è certamente il caso. I sintomi che ho avuto, i sintomi più chiari, risalivano alla mia infanzia. Comportamenti molto ripetitivi, grande difficoltà nel socializzare e farsi degli amici, lunghi periodi profondi di isolamento e solitudine, difficoltà a capire cose che la maggior parte delle persone dà per scontate, e una grande frustrazione e confusione a quelle sensazioni e incapacità a capirle e capire da dove vengono . Cos'è che mi rende così diverso. Chiaramente ho fatto enormi progressi nel corso degli anni. Ora ho 30 anni, quindi è stato un lungo periodo di progressi passo-passo. E chiaramente la persona che sono oggi ha ben poca somiglianza con la persona che avevo 10 anni fa e ancora meno la somiglianza con la persona, il bambino che avevo 20 anni fa.

S. Pensi che qualsiasi persona con autismo possa imparare a condurre una vita sociale relativamente normale, con una formazione sufficiente, come sta studiando Simon Baron-Cohen, tra gli altri? (grazie a Daniel Bor per questa domanda)

D. Penso che tutto dipenderebbe dalla natura dell'autismo e da come influisce su ogni persona in particolare e sulla loro vita. E poi di nuovo dipenderebbe da come definiamo una vita sociale, o cosa definiremmo normale. Se qualcuno è molto timido, ma non è necessariamente autistico, è più o meno normale di qualcuno che è molto estroverso e si mescola facilmente con altre persone? O vice versa. Penso che una delle cose che affascina le persone su condizioni come l'autismo è che fa dubitare di ciò che la società ci insegna riguardo a ciò che è normale. Le persone sono incredibilmente variabili nei loro gusti, nei loro interessi, nel modo in cui si comportano, e non so se c'è una qualsiasi dimensione adatta a comportarsi normalmente, di essere felici, di avere successo e così via. Penso che sia davvero per ogni persona, per quanto lui o lei può, capire da sé. Ovviamente hanno bisogno di aiuto e ovviamente hanno bisogno di incoraggiamento per farlo, ma alla fine penso che quel dato antico "conosci te stesso" sia giusto.

S. Hai acquisito qualche abilità più avanti nella vita? Hai qualche talento nella musica o nell'arte?

Jerome Tabet D. Per quanto riguarda il mio esempio, ho studiato un po 'di arte. Ho dipinto un paio di quadri negli ultimi anni del paesaggio pi per le prime venti cifre, i colori e le forme e così via che vedo come un paesaggio e più recentemente quella particolare somma che ho menzionato in questa intervista- 53 moltiplicato per 131 ed era il prodotto di 6.943. L'ho dipinto e dipinto le forme e il modo in cui vanno insieme e i risultati di ciò che emerge tra i due numeri primi. Quindi, chissà, un giorno sarebbe una possibilità interessante avere una mostra di pezzi in cui produco abbastanza arte da esporre e le persone possono avere un'idea migliore, un'ulteriore idea in ogni caso di come sono in grado di visualizzare i numeri, come visualizzo sequenze di numeri, come faccio certe somme. E anche per la scultura, forse per lavorare con un artista, con una scultura in una mostra in cui espongo i miei dipinti e con il loro aiuto sono in grado di elaborare sculture di alcuni dei miei numeri in tre dimensioni, così le persone possono davvero vederli in tre dimensioni.

Puoi fare disegni di vita?

Non l'ho mai provato. Da adolescente ho avuto lezioni, e in genere ho ottenuto voti molto buoni perché ho avuto quell'attenzione per i dettagli. Ma se sarebbe considerato un talento come tale non lo so.

S. Puoi dirmi, per favore, un giorno tipico della tua vita in questi giorni?

Avignone Bed and Breakfast D. Ovviamente, dipende. Al momento, sono a casa e, come ho detto, la casa è ad Avignone. Ho un appartamento con una splendida vista sulla regione e trascorro la maggior parte del tempo scrivendo il romanzo. I capitoli sono arricchiti, i personaggi, la trama, le mie idee e influenze dalla mia esperienza personale, ma anche dai miei viaggi – in Islanda – dove ho buoni amici, parlo la lingua abbastanza bene e ho una certa conoscenza della cultura. E così in quel senso, ho una vita piuttosto tranquilla per il momento. Sto scrivendo la maggior parte del giorno. Quando non sto scrivendo, sto leggendo o facendo cose tipiche come la maggior parte delle persone come guardare la TV o ascoltare musica o andare a fare una passeggiata o andare in bicicletta. Roba come questa Ma ovviamente, all'inizio dell'anno era molto più frenetico. Stavo promuovendo Embracing The Wide Sky e con ciò sono andato in vari paesi e viaggiavo abbastanza regolarmente. E occasionalmente, sono stato invitato a parlare in determinati eventi, e l'ho fatto, e sono sempre stato molto contento della risposta di quel paese.

S. Quali sono alcuni obiettivi personali per il futuro che ti sei prefissato? Inoltre, in termini del tuo nuovo linguaggio che hai inventato, quali sono gli obiettivi per la lingua e hai qualche piano per farla circolare in tutto il mondo in qualsiasi momento?

D. In termini di Mänti, no, non ho nessun piano per farlo o per farlo circolare. Ho pensato varie volte in passato alla possibilità. Per il momento non ho il tempo di lavorarci sopra e di renderlo praticabile come una specie di lingua parlata tra persone diverse. Per il momento si tratta più di giocare con le parole, di giocare con le idee e di divertirsi, e quindi in questo caso è solo un progetto molto personale di cui sono felice di parlare un po 'di quello che faccio in entrambi i miei libri, condividendo un po 'di quel divertimento, quella poesia, ma non la prendo molto più seriamente di così. Ciò potrebbe cambiare in futuro, ma per il momento è così che mi sento al riguardo.

In termini di altri obiettivi, ovviamente il romanzo è un grande obiettivo e potenzialmente un importante perché sarebbe un'interazione nella mia scrittura e nella mia carriera di scrittore nel suo insieme e certamente mi immagino di scrivere altri romanzi in futuro. Ho scritto poesie in passato, ed è molto difficile pubblicare poesie, anche poesie che altri potrebbero considerare buone poesie – è un mercato molto piccolo. Ma chi lo sa, potrebbe essere interessante pubblicare se posso. Potrei farlo un giorno e farlo vedere alla gente. C'è una delle mie poesie in Embracing the Wide Sky e ce n'è un'altra che ho pubblicato qualche tempo fa nel mio blog su pi e su come vedo pi, le prime cifre di pi in una poesia.

[ Nota per gli intervistatori : Ecco la poesia di Daniel, ristampata dal suo blog:

Tre, uno, quattro, uno, cinque e su
I numeri raccontano la loro storia senza fine.
Tre – Verde a piedi nudi, una voce silenziosa.
Bianco come fame, Uno è due volte
Luminoso come gli occhi dei bambini.
Quattro è timido, invidioso di E.
Cinque, punteggiatura o un sospiro incinto
Precede orgoglioso Nove, il colore della notte che cade.
Due, un nodo sciolto,
Un vento ribelle, il suono di Sei clamoroso.
Nelle vicinanze, Otto, una nuvola di lucciole sopra un lago
Su cui sfioro Sevens
Ricordando che Zero non è altro che un cerchio.]

S. Qualche altro obiettivo personale?

Daniel Tammet D. Solo per continuare ad essere fedele a me stesso. So che c'è molto interesse nella mia storia, nelle mie capacità e nel mio futuro. Ed è molto positivo e lo prendo con molta gratitudine e comprensione, ma capisco che naturalmente una certa quantità di quell'interesse potrebbe essere inevitabilmente negativa nel volermi dire certe cose o fare certe cose o comportarmi in un certo modo. Forse ovviamente ci sono percezioni di me, come ce ne sono di tutti gli altri. Ma penso che nel mio caso sia una persona autistica ad alto funzionamento, ben nota per certe abilità insolite, le persone spesso presumono che questo sia chi sono io e basta e, sai, questo è ciò che mi definisce. E immaginano che questa sarà la mia vita per progettare numeri o altro. E non mi interessa affatto recitare pi mai più per esempio o fare calcoli di fronte a una tela.

I miei interessi sono molto più ampi, molto più ricchi di quanto pensino molte persone realizzano. Scrivere romanzi, e forse fare questa mostra d'arte un giorno e viaggiare, parlare alla gente, e conoscere la vita. Sono interessato alla lingua, quindi chi lo sa, ci potrebbe essere un'opportunità per me di andare in gita un giorno e fare ricerche linguistiche e scrivere alcune delle idee che ho in termini di lingua. Quindi tutti i tipi di possibilità.

Penso che sia ciò che mi motiva a sapere che ho questa mente molto insolita. Penso che ci siano molte possibilità lì e sono davvero all'inizio di sfruttarlo.

Sì, sono d'accordo. Quindi, avvolgendo, attraverso le tue esperienze con la vita, l'amore e le relazioni, quali sono alcune lezioni che hai imparato?

D. Quella vita è incredibilmente complessa e molto più difficile da indovinare in anticipo di quanto tu possa immaginare. E in un certo senso non puoi indovinare in anticipo. Non puoi lavorare in anticipo. Devi solo passare un bel po 'di tempo-più di quanto probabilmente potresti mai immaginare di elaborare le conseguenze di cose che non avevi modo di immaginare in anticipo. Questo vale per tutti i tipi di aree della vita.

Inoltre, venendo da uno sfondo, come menzionato brevemente nel mio primo libro, non condivido l'opinione che sembra essere molto comune al momento che la fede è intrinsecamente cattiva, e che una credenza in Dio è intrinsecamente delirante e pericolosa. Penso che quel tipo di discorso sia molto dannoso per come comprendiamo l'esperienza umana, il libero arbitrio, la coscienza e la capacità di cambiare e di adattarsi e di evolvere e di innamorarsi e tutte queste cose che ci rendono umani.

Penso che queste cose possano essere affrontate da un punto di vista che incorpora entrambi i modi di vedere il mondo. Naturalmente c'è molto da dire contro la religione organizzata. Non sono certamente un difensore di queste cose, ma penso che dobbiamo trattenerci un po 'dall'avere questa idea che c'è una sorta di rivoluzione imminente nel ventunesimo secolo. È una delle cose che ho criticato alla fine di Embracing the Wide Sky . Non penso che il futuro appartenga a coloro che stanno facendo questo tipo di pronostici fantastici sulla nostra capacità di diventare noi stessi computer o immortali nei prossimi decenni e così via e così via. Penso che sia fantastico e non abbia alcuna base nella realtà ed è disumanizzante. È un modo molto impoverito di pensare e comprendere la condizione umana.

Grazie Daniel. C'è qualcosa che vorresti aggiungere di tutto prima di concludere oggi?

D. No, penso che sia un'intervista molto, molto completa.

S. Voglio ringraziarti per avermi permesso di chattare con te e per te condividendo con grazia i tuoi pensieri completi, illuminanti e stimolanti. Voglio solo augurarti il ​​meglio con il tuo nuovo romanzo e con il resto della tua vita Daniel.

D. Grazie e grazie per il vostro tempo e non vedo l'ora di leggere i frutti di questa intervista in una futura aggiunta della rivista.

Grazie Daniel, buona giornata.

D. Grazie, anche a te. Ciao ciao.

© 2009 di Scott Barry Kaufman

Credito fotografico per foto di Daniel Tammet in vetta: Rex USA.

Credito fotografico per la foto della pittura di Daniel: Jerome Tabet

Altre parti della serie:

Parte I, Abbracciando l'ampio cielo

Parte II, Come funziona la mente di un prodigio savant

Parte III, Natura e Alimentazione

Parte IV, QI e intelligenza umana

Parte V, Creatività, Mente e Cervello

Postscript, My Candid Reflections

Solutions Collecting From Web of "Conversazioni sulla creatività con Daniel Tammet – Parte VI, Trasformazione personale"