Conversazioni consequenziali, parte III

Nel novembre del 2006, una giuria di Cape Cod ha emesso un verdetto di colpevolezza nel processo per omicidio di Christopher McCowen. Questo doveva essere l'ultimo capitolo di un film omicidio che aveva catturato l'attenzione a livello regionale e nazionale. Ma a pochi giorni dal verdetto, tre diversi giurati hanno espresso preoccupazione per il verdetto della giuria e per il processo con il quale è stato raggiunto.

Queste preoccupazioni servirebbero come impulso per un'audizione giudiziaria straordinariamente rara in cui i giurati del caso sono stati richiamati in tribunale più di un anno dopo il verdetto. Uno per uno, avrebbero preso la posizione e rispondere alle domande su ciò che era accaduto nella sala della giuria.

Nello specifico, l'udienza ha esaminato se alcuni giurati avevano emesso dichiarazioni di pregiudizio razziale durante le deliberazioni e, in caso affermativo, se tali affermazioni avessero influenzato l'esito del processo. Sebbene fossero prese in considerazione una varietà di accuse e moti, l'udienza si concentrava principalmente sulle affermazioni fatte presumibilmente da due donne Bianche, in entrambi i casi facendo riferimento incongruo alle dimensioni e alla razza dell'imputato.

In queste conversazioni, uno dei giurati avrebbe riferito di sentirsi intimidito dalla statura fisica dell'imputato, spiegando che trovava sconcertante avere questo "grande ragazzo nero" che la fissava in aula. Un altro giurato, nel bel mezzo di un'animata discussione sulle prove fisiche, ha raccolto una foto dei lividi sulla vittima e ha presumibilmente esclamato che questo è ciò che accade "quando un nero di 200 libbre batte su una piccola donna".

In breve, questa audizione riguardava la scienza delle chiacchiere. Il giudice del processo si trovò di fronte alla domanda se queste affermazioni fossero indicative di pregiudizi razziali o se la razza fosse semplicemente utilizzata come descrittore. La difesa ha anche prodotto un testimone esperto, il sottoscritto, che ha preso la parola nello sforzo di fornire una prospettiva psicologica sulle origini e le conseguenze di queste conversazioni di giurati.

Testimoniare come esperto (a sinistra), un'esperienza che ho avuto due volte di più dalla mia apparizione nel caso McCowen, è meglio descriverlo come un tiro alla fune pieno di adrenalina e surreale. Mentre una parte vuole che tu dichiari definitivamente, con certezza al 100%, che X è sempre vero, l'altra parte non risparmia nessuno sforzo per farti ammettere che X non è sempre vero e per screditarti come una frode, un mercenario, o, nel mio caso, un ragazzo in testa. (Prima domanda del signor O'Keefe durante il mio controinterrogatorio: "Dottore, ti dispiace se ti chiedo quanti anni hai?" La mia risposta: "Certo, finché posso farti la stessa domanda in cambio. “)

Il problema è che, quando si tratta dello studio della cognizione e del comportamento umano, lo psicologo responsabile non può quasi mai dire "X è sempre vero" o "Se X accade, allora Y seguirà l'esempio". Il modo in cui la gente pensa e agisce è moltiplicato determinato. A differenza del pollo proverbiale, per noi, non c'è una sola, chiara ragione per cui attraversiamo la strada. Ecco perché gli psicologi parlano nella lingua della probabilità e della probabilità, ma i tribunali e le persone che lavorano in essi preferiscono gli assoluti. Sono stato in grado di dire alla corte attraverso la testimonianza (o in grado di dirvi in ​​questo momento tramite blog) che le dichiarazioni di questi giurati erano indicatori irrefutabili di pregiudizi razziali e che tale pregiudizio ha certamente cambiato l'esito del caso? No.

Ma tutto ciò che sappiamo riguardo alla comunicazione e alla cognizione porta a una conclusione abbastanza convincente: le dichiarazioni rese da questi due giurati indicano che la razza di Christopher McCowen ha modellato il modo in cui stavano parlando e pensando al caso. In nessun modo la razza era un semplice "elemento descrittivo" in queste espressioni.

La razza può essere usata come un semplice descrittore? Certo, può Se ci sono due imputati in un caso, un giurato che dice "è stato il grande, il nero che lo ha fatto" potrebbe semplicemente usare la razza per disambiguare quale imputato intende. Quindi non esiste una regola ferrea che l'uso di descrittori razziali indichi automaticamente pregiudizi razziali (o mancanza di pregiudizi per quella materia). Ma questo non è quello che è successo nel processo McCowen. C'era solo un imputato. Era stato seduto di fronte ai giurati per settimane mentre il caso procedeva. Non è stata necessaria alcuna disambiguazione quando sono stati fatti questi commenti.

Una delle massime principali della conversazione quotidiana è quella della pertinenza: includiamo solo nelle nostre conversazioni con gli altri le informazioni che riteniamo rilevanti. Dato che la gara non era necessaria per descrivere Christopher McCowen, dopo tutto, tutti sapevano già che lui era Nero: perché è stato fatto riferimento? Poiché gli oratori, indipendentemente dal fatto che se ne siano resi conto e indipendentemente dal fatto che abbiano scelto di accettarlo dopo il fatto, hanno considerato la sua razza come in qualche modo pertinente alle conclusioni che stavano offrendo. Vale a dire, la conclusione che stava intimidendo. Che era pericoloso.

Videro il fatto che McCowen era "grande" in quanto rilevante per il danno fisico che poteva infliggere. Ecco perché hanno detto "grande". Lo stesso per "Nero". Altrimenti, non l'avrebbero detto.

A dire la verità, non devi essere uno psicologo o un linguista per arrivare a questa conclusione. Basti pensare alla seguente osservazione ipotetica di un appassionato di sport: "È quello che succede quando la tua zona di attacco è composta da tre scheletrici ragazzi bianchi." Un'accusa alla squadra di basket preferita? Assolutamente. L'uso della razza come semplice descrittore? Ovviamente no. Che siano magri I ragazzi bianchi sono un fatto rilevante nella mente di chi parla a sostegno della conclusione, in questo caso che la squadra di basket è senza speranza. Con lo stereotipo, i bianchi scheletrici non sono bravi nel basket. Allo stesso modo, per stereotipo, i grandi ragazzi neri sono pericolosi.

Così le affermazioni del "grande ragazzo nero" includono semplicemente la razza come un innocuo descrittore? Puoi solo rispondere sì a questa domanda se anche tu pensi la stessa cosa dell'osservazione del "ragazzo bianco scheletrico". Dovresti anche pensare che i giurati del caso sarebbero stati altrettanto propensi a dire "un grande tizio bianco" nel discutere un imputato bianco solitario. E dovresti pensare che il tuo amico che esclama "beh, siamo lo stesso paese che ha appena eletto un presidente nero" sta solo cercando di chiarire di quale presidente stia parlando.

C'era molto di più in questi commenti che l'uso della razza come descrittore. Ma quale impatto potrebbero avere queste presunte osservazioni sulle deliberazioni della giuria e sul processo decisionale? E, alla fine, come interpreterebbe il giudice queste conversazioni?

PER ESSERE CONTINUATO UN'ULTIMA VOLTA …

Solutions Collecting From Web of "Conversazioni consequenziali, parte III"