Controtransfert: quando è tuo il mio?

123rf.com/Verapol Chaiyapin
Fonte: 123rf.com/Verapol Chaiyapin

Incontrare Monica e Bobby è stato difficile sin dall'inizio. Sapevo dal suo messaggio telefonico che avevano perso il loro caro figlio dopo nove mesi di gestazione, durante il parto. Non importa quanta esperienza accumuliamo e quanti anni perfezioniamo il nostro mestiere, non è mai più facile, ascoltando una storia molto triste dopo l'altra.

"Era perfetto," si sedette vicino a suo marito nel mio ufficio e scosse la testa incredula, "Perfetto. Aveva otto chili e mezzo di ragazzo robusto. "Monica cercò di impedirsi di piangere mentre cercava la mano di suo marito.

Noi tre ci siamo seduti insieme aspettando che i dettagli della storia si svolgessero. Gravidanza pianificata e senza incidenti diversa da una consegna tardiva, due settimane dopo il termine. Nessuna storia di aborti o difficoltà legate alla riproduzione. Sposato da tre anni, entrambi ansiosi di fondare una famiglia e non hanno previsto problemi. Monica è stata indirizzata a me dal suo ostetrico che era preoccupato per il "dolore prolungato" di Monica, suggerendo che dovrebbe essere "sopra ormai, dopo tutto, sono passati cinque mesi." Monica ha avuto una storia di depressione, quindi ha accettato che potesse essere utile per trovare un posto sicuro in cui parlare della sua enorme perdita.

"È difficile parlarne a nessuno. Anche la mia famiglia sta soffrendo, quindi, onestamente, non voglio che si sentano male per quanto mi sento male. I miei amici hanno i loro problemi e non hanno bisogno di sentir parlare dei miei. Inoltre, molti di loro hanno un nuovo bambino che non è un posto in cui voglio essere adesso.

"Non so cosa sia successo", continuò. "Nessuno ci ha dato una spiegazione che abbia senso. Tutto quello che so è … che … non lo so … non dovrebbe succedere così. Un minuto ero incinta di un grande ragazzo sano e il minuto dopo mi hanno detto che è morto. Quando lo misero tra le mie braccia, non sembrava morto. Sembrava perfetto. "

Cullò le braccia e fissò il vuoto. In un lampo, ho potuto vedere il suo bambino lì, nella sua mente e nella mia, paffuto e perfetto come lei lo aveva descritto. Inaspettatamente, fui sopraffatto da un sentimento che mi portò troppo vicino a casa e, per un istante, fui riportato alla nascita di mio figlio, sedici anni prima.

Anche la mia gravidanza è stata tranquilla. Mi piaceva essere incinta e più grande diventavo, meglio mi sentivo. Quando arrivava e usciva la mia scadenza, nessuno era particolarmente preoccupato se non i parenti ansiosi che chiedevano aggiornamenti orari. Dopo tre settimane dalla data di scadenza (difficile da credere che fosse così tanto tempo fa prima che i medici facessero gli ultrasuoni di routine), e una placenta carente, un cesareo era l'unico modo in cui il mio bambino sarebbe uscito. Abbiamo fatto i bagagli, abbiamo preparato e lasciato che i medici facciano la loro cosa visto che il corso della natura si è fermato.

Anche se i ricordi dei momenti dopo il parto sono vaghi mentre il mio vecchio cervello rovista negli ultimi ventiquattro anni, ricordo la risposta frettolosa e la raffica di personaggi incolumi e senza nome intorno a me. Il mio bambino è stato portato via in una posizione nascosta, oh-mio-dio-cosa-sbagliato-con-mio-bambino, mentre la mia pancia era cucita meticolosamente chiusa. Dopo quello che è sembrato per sempre a causa del mio stato alterato, medicato o del mio panico, non sono sicuro di quale-il mio bambino è stato portato da me, fasciato ordinatamente e ricoperto da un cappello a strisce dolce che viene riposto in una scatola di cose con le quali semplicemente non posso separarmi. Ha incarnato la perfezione per me, a parte la sua testa deforme che risultava essere troppo cotta e pelvisa per troppo tempo. In seguito apprenderei che i momenti critici appena prima che fosse perfetto erano, di fatto, pericolosi per la vita. Quando hanno dimenato la sua grande testa fuori dalla mia piccola incisione, hanno visto che non stava respirando. Il suo punteggio di Apgar era 2 al minuto. I punteggi inferiori a 3 sono generalmente considerati criticamente bassi e sopra i 7 sono generalmente normali. Fino ad oggi non so a quali criteri specifici sia caduto corto, ma so che quando il test è stato ripetuto cinque minuti, il suo punteggio era 8. Tutto andava bene.

Ma per un istante, non stava respirando. Aveva aspirato su meconio, un rischio di postare bambini maturi, e grazie all'intervento di un secondo, aveva un tubo endotracheale lungo la sua gola per aspirare bocca e vie aeree. Prima di sapere cosa stava succedendo, era stato intubato, osservato da vicino, pulito e letteralmente in pochi minuti, restituito al mio petto gonfio che desiderava ardentemente il calore del mio neonato. Era, come Monica aveva appena descritto il suo bambino, perfetto.

Oltre all'aspirazione, un altro rischio di post maturità è la morte fetale intrauterina o il parto fetale.

Il dolore che sentivo nel petto mentre Monica raccontava gli eventi di quella straziante serata all'ospedale era troppo profondo e troppo personale per ignorarlo. Feci un respiro lento mentre Monica tirava fuori una foto di suo figlio, "Posso mostrarti una foto di Mathew?"

"Certo," dissi, scavando in profondità per la voce più dolce e tenera possibile.

Il momento di silenzio mentre cercava il suo unico ricordo permanente del suo prezioso sé sembrava eterno. La stanza sembrava immobile e vuota. Poi, il vuoto ha iniziato a pulsare, come se fosse in sincronia con il mio battito cardiaco. Cosa vedrei? Come avrebbe guardato? Potrei separare questo dalla mia esperienza? Sarei in grado di smettere di pensare a mio figlio? Sarei in grado di nascondere ciò che sentivo? Posso rimanere neutrale nella mia risposta?

Bobby si chinò in avanti per dare un'occhiata alla foto prima che me lo consegnasse. Mi sporsi verso di lei, accettando l'immagine come un regalo delicato che lei condivideva, come se mi stesse consegnando una parte sacra di se stessa. Ho guardato Mathew. Era proprio come lo aveva descritto, grande e magnifico. I suoi occhi erano chiusi. Sembrava pacifico e, come spesso sentiamo, come se stesse dormendo. Ricordo di essere stato infastidito dal mio tranquillo pensiero che lei avesse ragione, che non sembrava morto. Il dolore sordo nel mio cuore si fece più acuto mentre le immagini della nascita di mio figlio si riversavano nella mia vista. Potevo quasi sentire la mia obiettività svanire.

"Mi dispiace così tanto," guardai Bobby e Monica, "È così orribile, dolce Mathew, è così bello." Un altro momento, in terapia come nella vita, quando le parole giuste non si trovano da nessuna parte. I suoi occhi si riempirono di lacrime, "Mi manca così tanto." I suoi singhiozzi si fecero pesanti con un dolore inimmaginabile.

Il mio istinto mi ha portato a sedermi tranquillamente dopo aver detto: "So che lo fai".

Uno dei miei studenti mi ha chiesto quando il dolore è così atroce, è mai ok per andare da lei e sedersi con lei o abbracciarla? In generale, è meglio non farlo. Senza conoscere il cliente in particolare, il suo grado di salubrità, la gravità dei suoi sintomi, la forza dei suoi confini personali, ciò di cui ha bisogno e ciò che la relazione terapeutica significa per lei è in quel momento, è difficile sapere quale impatto questo livello di intimità potrebbe avere su di lei.

Quando il dolore è così grande e palpabile, due cose sono certe: 1) ha bisogno di esprimerlo, e 2) ha bisogno di sapere che possiamo tollerarlo. Lo spazio che creiamo tra il cliente e noi stessi durante questo periodo di incredibile emozione è importante quanto il nostro desiderio e la nostra capacità di confortarla. Tenete presente che una persona cara che risponde al suo pianto potrebbe tenerla e consolarla nella speranza di aiutarla a controllare il dolore in una certa misura e forse a piangere di meno. Le persone amate si uniscono contro il dolore insopportabile sperando di attenuarlo, anche se solo leggermente. Se smetti di piangere, non sarai tanto afflitto, potrebbero pensare.

Il nostro lavoro, d'altra parte, è farle sapere che non importa quanto lei si senta male, quanto piange e quanto fa male, va bene. Il messaggio è che lei ha il permesso di esprimere l'inesprimibile e che non ci innervosirà, né tenteremo di inibire il processo. Al contrario, anche se vogliamo essere noi stessi consolanti nella nostra risposta, la differenza è che vogliamo che lei rimanga in quello spazio doloroso per un po 'più a lungo di quanto possa desiderare, così può dire le cose che ha bisogno di dire e sentire il cose che ha bisogno di sentire per ottenere un po 'di sollievo e fare spazio per la guarigione.

Non sto dicendo che un abbraccio sia sempre inappropriato. Sto dicendo che a volte, con alcune donne, un abbraccio può essere interpretato erroneamente perché sono qui per te, ma mi sentirei meglio se smettessi di piangere e questo è l'ultimo messaggio che vogliamo che lei ottenga. Inoltre, può violare un confine importante, quello dello spazio personale. I medici devono essere consapevoli della propria risposta emotiva e forse riesaminare se darle un abbraccio sarebbe la cosa migliore da fare in quel momento. Il tempismo è fondamentale. In un altro momento, ad esempio quando lascerà la sessione, credo che un abbraccio non sia solo un gesto di conforto appropriato, ma può anche fornire la chiusura di una sessione difficile che le dice che va tutto bene; che lei è al sicuro qui.

Confesso che la sensazione con cui ho faticato ascoltando Monica e Bobby esplorare la loro tristezza è stata una tremenda colpa. Ho pensato ai nostri simili racconti di gravidanza e consegne a termine e, comunque, in qualsiasi modo l'ho guardato, il mio bambino ha vissuto e il loro bambino è morto. Ogni volta che una forte risposta emotiva invade il setting terapeutico, abbiamo gli ingredienti del materiale controtransferale che può essere 1) utile alla sessione, 2) dannoso per la sessione, o 3) incompatibile con il lavoro che stiamo facendo. In questo caso, onestamente non mi era mai venuto in mente che mio figlio fosse stato così vicino alla morte, finché non mi misi a sedere a fianco della loro angoscia.

Freud ha introdotto i concetti di transfert e controtransfert all'interno della relazione terapeutica come etichette per le risposte irrazionali, stereotipate e modellate che vengono trasferite in modo inappropriato tra il paziente e il terapeuta. Proprio come ci aspettiamo che alcuni clienti proiettino alcune delle loro risposte emotive nella nostra relazione, dobbiamo anche essere preparati alla possibilità che questo lavoro intimo con nuove madri possa provocare forti reazioni emotive della nostra.

Usando una definizione più ampia di quella originariamente concepita, il controtransfert si è evoluto nel corso degli anni per applicarsi a qualsiasi reattività emotiva da parte del terapeuta, non solo a quelle inappropriate. Il costrutto si applica sia alle esperienze positive che a quelle negative, il più delle volte, attualmente viste come strumenti per approfondire la nostra comprensione dell'esperienza terapeutica. Quando sorgono problemi controtransferali, sebbene non ci sorprendano, dovrebbero essere presi in considerazione e affrontati, man mano che emergono. L'introspezione onesta e la supervisione continua possono salvaguardare potenziali intrusioni nella terapia. Questo può sembrare ovvio per molti, ma la pendenza è scivolosa, e il controllo della sincerità emotiva non può essere sottolineato abbastanza.

Quando siamo portati oltre le parole e traboccano di risonanza emotiva, può essere uno dei momenti più autentici del nostro lavoro. Se consapevoli, il grado in cui ci permettiamo di sperimentare queste emozioni, le comprendiamo e le usiamo nel nostro lavoro ci consente di passare attraverso il processo con finezza e competenza. Può ispirare un'azione terapeutica che rende le sessioni più ricche e più significative sia per il clinico che per il cliente.

Monica e Bobby hanno osservato la mia tristezza in diverse occasioni durante il nostro lavoro insieme. Più tardi mi hanno detto che faceva parte di ciò che lo rendeva così significativo per loro. Sono stato costantemente commosso dal modo in cui Monica ha espresso in modo struggente il suo dolore e la frantumazione di ognuna delle sue fantasie. Descriveva il suo pianto o i suoi movimenti fantasma nell'addome. Sognava spesso che Mathew fosse vivo e ricordava storie vivide di cose che facevano insieme nel bel mezzo del suo sonno profondo. All'inizio del nostro lavoro questi sogni erano difficili per lei da parlare, in seguito sono diventati una fonte di conforto per lei.

La morte di un bambino deve essere la più difficile da piangere.

La mia tristezza doveva essere compresa in questo contesto e salvata per le sessioni future senza che loro sentissero mai parlare della nascita di mio figlio. Dobbiamo ricordare che siamo lì solo per i nostri clienti e per i nostri clienti. Hanno diritto a ogni frammento della nostra attenzione. Quando vaga fuori rotta, siamo costretti a riorganizzarci, concentrarci e mettere da parte la nostra diversione temporanea per un'ispezione successiva. Lo facciamo nel nostro tempo libero con il nostro supervisore o terapeuta.

Quel momento nel tempo, rinchiuso nel loro dolore da incubo e nella consapevolezza della mia stessa benedizione, rimane con me oggi come promemoria di come entrare e uscire dal vortice del dolore. Possiamo entrare solo finora. Poi rimaniamo, ci immedesimiamo e ce ne andiamo. È stato un singolo momento dolceamaro che ha svelato il dispiacere più crudele della vita e la sua massima gratitudine.

Tratto da "Therapy and the Postpartum Woman" di K. Kleiman (Routledge, 20)

Solutions Collecting From Web of "Controtransfert: quando è tuo il mio?"