Continua a girare

Photo by Famartin. Courtesy of Wikimedia Commons.
Fonte: foto di Famartin. Per gentile concessione di Wikimedia Commons.

Senza dubbio, è il caos là fuori.

Un mondo gira senza controllo. Le nostre divisioni disfunzionali si allargano. Non ci sono progressi in vista per affrontare le crescenti sfide del giorno.

Basta fare una domanda: qual è il punto?

Cosa dà?

Eppure, a quest'estate mi viene di nuovo ricordato di rallentare e prendere una prospettiva più ampia. Informati sia da amici di lunga data che da esperienze fresche, ciò che conta è sfruttare al meglio ogni momento, o almeno, apprezzando appieno quei momenti che contano di più.

Dovremmo essere sorpresi dalla loro gratitudine, dalla loro volontà di fare il meglio dei momenti?

Girando per affrontare la luce. Accogliendo con favore la nostra capacità di girare, aperta alla gratitudine, anche quando le cose brutte alzano la testa inevitabile. Forse riconoscendo il mosaico di entrambi nella nostra vita: cercare la grazia in mezzo alla confusione e persino alla disperazione.

È una scelta che tutti possiamo fare o no. Non sono sicuro del perché ho ancora bisogno di ricordare questo, dal momento che il lato negativo di non farlo è così brusco, come l'improvviso lampo di calore che si abbatte su un orizzonte umido e noioso.

Qualcuno di recente mi ha fatto conoscere una storia che vorrei condividere brevemente su una donna che ha scelto di vivere in pieno nonostante abbia una malattia rara e incurabile. Amy Frohnmayer Winn viveva con un raro disordine genetico recessivo chiamato anemia di Fanconi, che si traduce in insufficienza ossea, leucemia e peggio. Anche le sue due sorelle più anziane morirono a causa della malattia rara e incurabile.

Amy non esisteva semplicemente con le sue condizioni. Ha prosperato. Come le sue sorelle che crescono nell'Oregon, ha subito il monitoraggio delle sue conte ematiche e la biopsia del midollo osseo frequentemente. I suoi genitori, che hanno anche allevato due figli che non hanno la malattia, si sono assicurati che i loro figli sperimentassero tutto ciò che molti di noi vorrebbero: essere attivi, imparare a sciare e giocare a tennis, prendere lezioni di piano, opportunità di frequentare il college e godersi il sonno– con gli amici

La storia di Amy è stata sensibilmente ritratta da John Brant in "Running For Her Life" in Runners World all'inizio di questa estate, che consiglio vivamente. Divenne un corridore quotidiano dedicato, coprendo quattro miglia quasi tutti i giorni sulla sua pista preferita lungo il fiume Deschutes a Bend (un'area che io e mia moglie abbiamo potuto provare l'estate scorsa con nostro figlio!).

Brant scrive: "Il trucco, il compito, la sfida, la ragazza realizzata con precoce intuizione, doveva essere presente nel momento; accettare con occhi chiari il bene o il male, la grazia o il dolore, che ogni momento ha consegnato ".

Questo è un potente promemoria per tutti noi.

L'articolo mi è stato consigliato da qualcuno che ho incontrato solo al telefono, un potenziale revisore per il mio prossimo libro. Ha suggerito che la passione di Amy per vivere in pieno e ciò che i suoi genitori hanno fatto per tre decenni si allinea con alcune delle persone che ho scritto, le cui lotte con la perdita e altre cose difficili alla fine hanno trasformato le loro vite.

I suoi genitori, Lynn e Dave Frohnmayer, hanno iniziato un gruppo di sostegno familiare negli anni '80 insieme alla fondazione del Fanconi Anemia Research Fund per apprendere e condividere di più sulla malattia allora poco nota.

Ognuno di noi può conoscere gli altri che, nel mezzo di prove atroci, decidono di vivere ogni giorno il meglio che possono. Siamo commossi, anche stupiti, dal loro coraggio e dalla loro sopportazione – anzi, dalla loro grazia – tanto che ci sorprendiamo ad arrabbiarci per qualche ostacolo o prova relativamente insignificante.

Dovremmo essere sorpresi dalla loro gratitudine, dalla loro volontà di fare il meglio dei momenti?

Come un vecchio amico ci ha ricordato di recente, "Ogni giorno che i miei piedi toccano terra alzarsi dal letto è una buona giornata."

Nella mia cerchia di amici, abbiamo recentemente perso la dolce Marie, solo nella sua metà degli anni '50, dopo una lunga lotta con il cancro al seno che aveva metastatizzato in tutto il corpo. "Giggles" era il suo soprannome, e ha vissuto fino alla fine. Aveva una risata inquietante e una certa tenacia che poteva sembrare in contrasto con la sua piccola struttura.

"Lotta" non sembra il modo migliore per descrivere come ha vissuto – quel poco che conosco davvero del suo viaggio negli ultimi anni. Quando la visitammo in ospizio, lei mangiò il gelato cercando di mantenere un appetito un tempo verace. Marie era ancora autoironica, ridendo delle buffonate dei membri della famiglia, completamente se stessa. La sua figlia maggiore stava per sposarsi e lei si teneva per partecipare alla cerimonia.

Anche lei sembrava fare la scelta per rimanere presente. E quanto era vitale che fossimo riusciti a riconnetterci qualche anno prima.

Quindi continua a girare. In quel mosaico pazzo, sotto quel baldacchino pieno.

Madre, madre
Ci sono troppi di voi che piangono
Fratello, fratello, fratello
Ci sono molti di voi che muoiono
Sai che dobbiamo trovare un modo
Per portare un po 'qui oggi.

"Cosa sta succedendo" – Marvin Gaye

Solutions Collecting From Web of "Continua a girare"