Contenuto del sogno legato alle oscillazioni del cervello durante il sonno

Un nuovo studio mostra che sognare eventi recenti è legato all’attività cerebrale del sonno REM

In un recente blog ho discusso di come le esplosioni dell’attività cerebrale durante il sonno NREM corrispondono o meno alle persone che ricordano i sogni (vedi qui). Un recente articolo pubblicato su Social, Cognitive and Affective Neuroscience, collega l’attività del cervello addormentato durante il sonno REM con il contenuto reale dei sogni.

Durante il sonno REM, l’attività cerebrale nella corteccia frontale è caratterizzata da oscillazioni elettriche nell’intervallo 4-7 hz theta, e queste oscillazioni sembrano avere un ruolo nell’elaborazione della memoria (vedere questo post per la revisione dell’attività cerebrale durante il sonno).

Mentre sappiamo che l’attività cerebrale è legata all’elaborazione della memoria durante il sonno, scopriamo anche che le persone spesso incorporano nei loro sogni esperienze di vita recenti, in particolare esperienze del giorno precedente. Pertanto, uno dei più recenti obiettivi nella ricerca onirica è determinare se il contenuto del sogno è legato all’elaborazione della memoria durante il sonno.

Con questo in mente, gli autori di uno studio recente miravano a verificare se il contenuto dei sogni, in particolare l’incorporazione di esperienze recenti, fosse correlato all’attività della teta frontale durante il sonno.

Nello studio, 20 volontari hanno tenuto un diario giornaliero per 10 giorni prima di dormire in laboratorio. Hanno riferito ogni giorno ogni attività principale che hanno completato (ad esempio lo shopping), eventi personalmente significativi (ad es. Argomento con il partner) o preoccupazioni in corso (es. Stress da esame). Il 10 ° giorno, i partecipanti hanno dormito in laboratorio. Durante la notte, sono stati svegliati due volte nel sonno profondo (il primo e il secondo periodo di sonno ad onde lente), e poi sono stati risvegliati due volte dal sonno REM. Hanno dato resoconti dei sogni dopo ogni risveglio.

Tre settimane dopo la notte di laboratorio, ai partecipanti è stato chiesto di esaminare i loro registri giornalieri e le relazioni dei loro sogni durante la notte di laboratorio e di cercare qualsiasi corrispondenza tra gli eventi della loro vita di veglia e il contenuto dei loro sogni. Hanno confrontato ciascuno dei 10 registri giornalieri con ogni rapporto dei sogni e, se alcuni elementi del rapporto dei sogni erano relativi a elementi del registro giornaliero, contavano come corrispondenza. Ad esempio, se un rapporto sui sogni menziona “il mio insegnante di fisica” e nel registro giornaliero il soggetto ha notato un esame fisico stressante, questo conterà come una corrispondenza.

Successivamente, è stato possibile calcolare il numero di elementi del registro giornaliero incorporati nel contenuto del sogno. Inoltre, gli elementi del registro giornaliero sono stati raggruppati in base alla loro cronologia. Le esperienze del giorno o due precedenti alla visita di laboratorio sono state considerate esperienze “recenti” e le esperienze più vecchie sono state raggruppate in coppie, ad esempio da 3-4 giorni prima della visita, 5-6 giorni prima della visita, 7-8 e 9-10.

Infine, i ricercatori hanno analizzato l’EEG dalla notte dei partecipanti in laboratorio. L’interesse principale era nel valutare la quantità di attività theta frontale (4-7 hz) nei 3 minuti che precedevano ogni rapporto onirico.

Vi sono stati in totale 46 segnalazioni di sogni REM, che hanno incorporato in media 1,31 esperienze recenti del registro giornaliero (dai giorni 1-2); hanno anche incorporato esperienze di giorni precedenti, in media 0,73, 0,86, 0,84 e 0,69 esperienze precedenti dai giorni 3 a 4, 5 a 6, 7 a 8 e 9 a 10, rispettivamente.

C’erano solo 19 segnalazioni di sogni SWS, che contenevano in media 1,07 esperienze recenti da giorni 1 a 2 e 0,93, 0,79, 0,64 e 0,93 precedenti esperienze dai giorni 3 a 4, 5 a 6, 7 a 8 e 9 a 10, rispettivamente .

Se correlati con la potenza frontale del theta, gli autori hanno scoperto che i resoconti dei sogni REM hanno mostrato una correlazione positiva tra il numero di elementi di vita di risveglio e la potenza frontale del theta (attività frontale sinistra P <0,05; attività frontale destra P <0,10).

Questa correlazione non è stata trovata per esperienze più vecchie (per theta frontale sinistra, correlazioni di p> 0.20, per theta frontale destro, correlazioni di p> 0.20).

Nel complesso, i risultati supportano l’idea che il sogno di esperienze recenti corrisponda all’attività cerebrale, in particolare le oscillazioni theta frontali negli ultimi 3 minuti del sonno REM prima del risveglio. Questa correlazione era specifica per le recenti esperienze degli ultimi 1-2 giorni e non per i ricordi di 3-10 giorni prima.

Poiché il collegamento non è stato trovato per memorie più vecchie, suggerisce che potrebbero essere in particolare quelli più recenti correlati all’attività REM theta e all’elaborazione della memoria. Tuttavia, lo studio non fornisce ancora prove per una funzione di memoria del sogno, poiché non c’era modo di verificare se il sogno di eventi recenti alterasse o rafforzasse queste tracce di memoria.

Riferimenti

Eichenlaub, JB, van Rijn, E., Gareth Gaskell, M., Lewis, PA, Maby, E., Malinowski, J., … & Blagrove, M. (2018). L’incorporazione di recenti esperienze di vita da sveglia nei sogni è correlata con l’attività della teta frontale nel sonno REM. Neuroscienze sociali cognitive e affettive.

  • Come possiamo allevare i nostri ragazzi?
  • Resilienza: "Nessuno lo fa solo"
  • Un inizio di ringraziamento di un minuto
  • Panico o piacere: ansia da prestazione
  • Sette semplici modi per combattere le vacanze Blues
  • "Le persone che lavorano a maglia sono di solito di buon umore, le persone che guardano nei loro iPhone e richiedono la tua attenzione non sono così divertenti."
  • Che cosa sanno gli scienziati della comunicazione riguardo ai messaggi efficaci
  • Il dolore di essere obesi rispetto al dolore emotivo di dieta
  • #rednoseday: la salute mentale è equità sociale!
  • Mantenere le risoluzioni di Capodanno è raramente sotto il nostro controllo
  • The Boobie Trap: Breastfeeding Goals Gone Sour
  • Twin Estrangement
  • Puoi diventare dipendente dallo smartphone?
  • Staking un reclamo
  • Un reddito di base aumenterebbe la felicità nazionale?
  • 3 nuovi modi per impegnarsi nella consapevolezza
  • 3 modi nascosti I disastri naturali feriscono la felicità
  • Sette modi per elevare un amico (e te stesso) in crisi
  • Salute del sesso e del cuore: tapis roulant o titillazione?
  • 6 motivi per cui dovresti utilizzare un pianificatore giornaliero
  • Sollevare i bambini per gestire lo stress in modi sani
  • I pericoli e i vantaggi di essere in conflitto-evitando
  • Una panoramica della meditazione: le sue origini e le sue tradizioni
  • Hai un capo arrogante?
  • Sindrome ricca e triste e modi per affrontarlo
  • Living The Gentle Life Part 4
  • Cinque strategie di intelligenza emotiva per sviluppare gli altri
  • Influenze prenatali nell'autismo
  • Terapia cognitivo-comportamentale dell'insonnia
  • Memorie traumatiche, parte II. Trattamento da stress post-traumatico
  • Perché molte persone si rifiutano testardamente di cambiare idea
  • Figlie non amate e trigger di vacanza: 5 modi per far fronte
  • Il mio animale domestico odia il veterinario!
  • La lotta di Alexander Owens contro la neurofibromatosi
  • Auto-colpa: come reagisci quando le cose vanno male?
  • 3 cose che i tuoi sogni potrebbero rivelarti