Contare i punti di gioia non le calorie? Un nuovo angolo sulla perdita di peso

Per molti anni ho studiato l'obesità e ho potuto constatare che lo stress porta il cervello emotivo ad andare in frustrazione. I tre principali centri cerebrali che controllano il peso – paura, stress e controllo della fame – hanno tutti preferito l'aumento di peso quando eravamo in stress.

absolut_100/istockphoto
Fonte: absolut_100 / istockphoto

Quello che non apprezzo è che i centri di stress e di ricompensa del cervello fanno la loro danza speciale, così quando siamo stressati non possiamo accedere alla gioia. Il cervello è guidato dalla ricompensa, quindi, naturalmente, preferiamo confortare gli alimenti. Inoltre, possiamo avere co-dipendenze con altre cose, come la tecnologia, la spesa, il lavoro. . . e altro ancora.

Emotional Brain Training (EBT) si basa sul fatto che il cibo conta e mangiare in modo più sensato è importante, ma se abbiamo forti sollecitazioni, desideriamo cibi confortanti, liberiamo le voglie per lo zucchero e il nostro centro di fame si attenerà alle calorie in eccesso e promuoverà aumento di peso.

Sappiamo che i metodi attuali semplicemente non funzionano – il 71% degli adulti è in sovrappeso – l'idea di concedersi una pausa dalla dieta e optare per tre giorni di piacere potrebbe sembrare una buona idea.

Ha senso anche in base all'allenamento cerebrale, poiché impiegare tre giorni per raccogliere punti di gioia anziché calorie, potrebbe aiutarci a vivere in modo naturale uno stile di vita più sano e spegnere la voglia di mangiare troppo.

Quella pratica di prendere tre di vitalità fa parte dell'EBT, perché ripetuti tentativi di dieta possono indurci a concentrarci su ciò che mangiamo, invece di concentrarci sulla creazione di tanta gioia da spingere le unità a mangiare troppo.

È un ottimo modo per dimostrare a noi stessi che il ciclo del peso e l'eccesso di cibo sono guidati dallo stress. Se siamo stressati, non possiamo accedere alla gioia, e se non ci fosse cibo di conforto, allora troveremmo qualcos'altro (forse più deleteria) per darci l'adempimento di cui abbiamo bisogno.

Recentemente ho rivisto lo studio che abbiamo fatto prendendo tre giorni per la vivacità e il piacere e più del 90% delle persone ha ridotto il proprio desiderio di mangiare troppo e senza perdere una media di 3 chili in 3 giorni.

L'idea che il sovrappeso e il desiderio di mangiare troppo siano radicati nelle nostre esigenze di ricompensa ha senso. Certo, lo stress ci spinge a mangiare troppo, ma ha anche un altro effetto: bloccare i centri di ricompensa del nostro cervello dall'ammorbidirsi dei piaceri naturali.

Quei piaceri sono oltre il portare il cane a fare una passeggiata, guardare un tramonto o ascoltare musica. Riguardano la connessione emotiva con noi stessi e con gli altri che ci danno uno scoppio di ossitocina.

Se vuoi sperimentare il potere di collezionare "punti di gioia" o momenti di intenso piacere naturale come un modo per spegnere il desiderio di mangiare troppo, crea il tuo piano personale. Accomodati con gli amici e la famiglia per ridurre lo stress (vedi la visione egoistica del cervello dell'obesità) e concediti un piacere di baldoria la sera. EBT è impostato per aiutarti a ottenere gli strumenti di connessione emotiva per farlo, ma in entrambi i casi, il concetto è intrigante.

Potresti chiederti: "Di quanti punti di gioia ho bisogno, così il mio cervello spegne il disco per mangiare cibi confortevoli, così posso mangiare di meno perché voglio di meno?"

Solutions Collecting From Web of "Contare i punti di gioia non le calorie? Un nuovo angolo sulla perdita di peso"