Consulenza per l'infertilità: cosa aspettarsi

Individui e coppie con infertilità spesso contemplano se cercare un counseling. Alcuni approcciano questa decisione con facilità, ma molti altri hanno domande su ciò che è coinvolto in una relazione di consulenza. Nel blog di oggi, offrirò una visione interna delle convinzioni che hanno guidato le mie esperienze di consulenza con centinaia di clienti infertili.

Quindi, quando autorizzo questo blog come "cosa aspettarsi", probabilmente avrei dovuto aggiungere "se cerchi il consiglio da parte mia". Poiché posso parlare solo per me stesso, spero che acquisirai una certa familiarità con i principi generali che guidano i terapeuti e i consulenti (Uso questi termini in modo intercambiabile), nonché domande che potete chiedere al vostro consulente per chiarire la vostra comprensione della prospettiva di quella persona sulla vostra relazione.

Nella mia esperienza personale, il mio primo contatto con un cliente di solito è in una conversazione telefonica. Al telefono cerco di capire come il potenziale cliente (quasi sempre una donna) definisce i problemi su cui vuole lavorare; quali sono i sentimenti del suo partner riguardo all'essere coinvolti nel counseling; se lei o il suo compagno siano mai stati coinvolti in consulenza prima; a quale stadio della diagnosi / trattamento sono; e dove stanno attualmente ricevendo un intervento medico. Offro poi un po 'di informazioni su di me, compresi i possibili appuntamenti che ho a disposizione; tasse e informazioni sulla copertura assicurativa; il mio ufficio così come la richiesta che sia il chiamante che il suo partner si incontrino per questo primo appuntamento. Chiedo anche se ha qualche domanda che vorrebbe chiedermi prima di incontrarci. Quindi stabiliamo una data e un'ora per l'appuntamento e fornisco le indicazioni per il mio ufficio.

Tra poco imparerai abbastanza sul mio approccio per capire perché chiedo a entrambi i partner di venire al primo incontro con me; se la donna non ha una relazione, le dico che sarei interessato a conoscere la sua rete di supporto. Quindi ecco alcune cose tipiche del mio primo incontro con i miei nuovi clienti. Non è insolito per la persona con cui ho parlato al telefono prendere l'iniziativa di presentarmi al suo partner e nel dire qualcosa del tipo "Penso che sto impazzendo!" O "Non lo so quanto più stress posso sopportare. "E la mia risposta a questa introduzione è di solito quella di puntare alla mia vicina scatola di fazzoletti e dire che essere arrabbiati arriva con il territorio dell'infertilità. Cerco anche di lavorare su qualcosa sul coraggio che serve per iniziare una relazione con un consulente, dal momento che ottenere aiuto coinvolgerà parlare di problemi difficili.

Chiedo ad entrambi se sono a mio agio con i miei appunti mentre parliamo, poiché voglio essere sicuro di ricordare con precisione come descrivono le loro situazioni. E poi dico che, nella mia esperienza, ognuno di loro potrebbe avere il suo unico "prendere" sulla sua infertilità, quindi incoraggerò entrambi a chiarire per me le dimensioni di questa esperienza che sono importanti per loro. Questo apre anche la porta per loro di vedere la prospettiva dell'altro e per imparare quanto sia importante tenere entrambe le prospettive sul tavolo. È qui che dico al partner del chiamante quanto apprezzo la sua venuta a questo incontro e quanto credo che la presenza di quella persona possa aiutare tutti noi ad andare avanti nel lavorare sui problemi connessi alla loro infertilità .

Inoltre chiarisco brevemente i due importanti problemi associati alla riservatezza: in primo luogo, se uno di loro mi comunica qualcosa quando l'altra persona non è presente, terrò confidenziali quelle informazioni finché non sarà rivelato tra i partner in una riunione con me, e, in secondo luogo, che osservo la riservatezza a meno che non si verifichino circostanze in cui ritengo che esista la probabilità che un cliente causi danno o pericolo a se stessi oa qualcun altro. Infine, dico che, anche se non è mai successo in tutti i miei anni di pratica, se sono stato citato in giudizio per comparire in tribunale, potrei aver bisogno di rivelare informazioni che sono state condivise con me nel counseling.

Con queste osservazioni introduttive, ricordo a tutti noi che abbiamo del lavoro da fare, che la nostra sessione terminerà in "X" minuti (incontro i clienti per sessioni di 50 minuti) e li incoraggio a dirmi come sperano di poter essere d'aiuto Sono attento ad avere entrambi i membri della coppia che parlano delle loro stesse prospettive e di riassumere le mie impressioni su quelle che sembrano essere le questioni più urgenti. Sono interessato a sapere come la coppia abbia già provato ad affrontare le loro sfide e quali successi e difficoltà hanno incontrato. Sarà più che riempire la prima sessione, e probabilmente si riverserà anche nelle sessioni successive. Prima di concludere, chiedo alla coppia come si sentono riguardo al tempo che abbiamo trascorso insieme oggi, se vorranno ritornare e, in tal caso, se questo è un buon momento per appuntamenti futuri regolari, e se posso aspettarmi con impazienza di avere entrambi di loro alle sessioni successive. Dico loro che dopo alcune sessioni dovrei essere in grado di dare loro un'idea di quante riunioni potremmo aver bisogno per affrontare le loro preoccupazioni, e esprimo il mio apprezzamento per la loro disponibilità a condividere con me le sfide che stanno affrontando oggi. Chiedo se hanno qualche domanda per me, che cerco di rispondere il più sinteticamente possibile. Dopodiché assegnerò loro un compito a casa: ognuno di loro trarrà per la nostra prossima sessione uno schizzo delle loro fonti di sostegno e delle loro fonti di stress (menziono la famiglia, i collaboratori, i vicini, gli amici, i leader spirituali e gli operatori sanitari come potenziali persone chi può apparire nei loro schizzi).

Ora per alcune riflessioni sul perché faccio quello che faccio nella prima sessione. Spero vivamente che entrambi i membri della coppia vengano ad ogni sessione, dal momento che possono essere molto costruttivi nell'affrontare le preoccupazioni se li verbalizzano ciascuno e se ognuno pratica le competenze che incoraggerò a sviluppare. Quindi non sono timido nell'enfatizzare ad entrambi che la loro presenza insieme è di grande aiuto per me. Voglio sentire le informazioni iniziali da ciascuno di loro su come vedono le loro preoccupazioni, entrambi così capirò da dove viene ognuno di loro, e così saranno in grado di ascoltare le prospettive che ognuno di loro presenta. Voglio rispolverare a loro la mia comprensione dei loro problemi, in modo che possano correggere eventuali percezioni errate. Voglio trasmettere che l'infertilità può essere piena di difficoltà, come ben sanno, e che probabilmente hanno un'idea di ciò che ha e non ha funzionato nel far fronte alle loro difficoltà. E, nel dare un compito a casa, voglio trasmettere che ottenere aiuto non è solo una sessione di 50 minuti una volta a settimana, ma che devono togliere da queste sessioni nuove prospettive e tornare a ogni sessione imminente preparata a costruire sul nuovo l'apprendimento che ho sviluppato. Infine, molti clienti sono preoccupati che possano essere in consulenza "per sempre". Voglio che nella prima sessione comunichiamo che possiamo decidere insieme per quanto tempo continuare a incontrarci e quali problemi discuteremo, confermando così che questa è una partnership. In genere sono in grado di fare progressi sostanziali sulla maggior parte dei problemi più fastidiosi in 9-12 sessioni. Se i clienti scelgono, possono introdurre ulteriori preoccupazioni (o forse la loro infertilità presenterà problemi imprevisti come la perdita della gravidanza, una diagnosi imprevista, ecc.) E potrebbero scegliere di intraprendere sessioni aggiuntive per affrontare questi nuovi problemi.

Ora lasciatemi guardare in largo a come penso alle sessioni successive. Nella mia esperienza, tendo a pensare a queste sessioni in termini di contenuto e processo. Il contenuto, che viene presentato dai miei clienti, tende ad essere dominato da problemi di perdita e problemi di comunicazione. Nel mio nuovo libro When You're Not Expecting, scrivo ampiamente su entrambi, compresi i modi in cui tendono a cambiare nel corso dell'infertilità di una coppia. Il processo, che tende a focalizzarsi sulle interazioni, può consistere nel chiedere alla coppia di discutere un problema difficile, con la possibilità, in ultima analisi, di dare un feedback sulle mie osservazioni e qualche chiaro feedback su come possono costruire migliori capacità comunicative nel loro repertorio. Poi li rimando a casa con i compiti che consentiranno loro di mettere in pratica queste nuove capacità e riferirmi la settimana dopo come si sentivano nell'usare queste abilità. Anche le capacità di apprendimento nella comunicazione assertiva possono rivelarsi utili, in particolare con i fornitori di assistenza sanitaria e i benintenzionati. Un terzo argomento, "risorse", tende a tessere dentro e fuori dalle discussioni, a seconda di ciò che la coppia potrebbe aver presentato sui loro schizzi iniziali per quanto riguarda le loro fonti di sostegno.

Di tanto in tanto chiedo a entrambi i clienti di rivedere i loro schizzi di fonti di supporto e stress, in modo che possano vedere come i loro sforzi di comunicazione hanno fatto la differenza – O in modo che possano vedere che devono prendere le distanze da fonti di stress inesorabili. Uno dei miei obiettivi è quello di aiutare i clienti a percepire se stessi come parte di una mappa di infertilità ecologica, completa di autostrade di supporto e deviazioni dallo stress. Come terapeuta di famiglia, considero importante anche capire e discutere i ruoli che i membri della famiglia stanno giocando nella vita dei miei clienti, in particolare i fratelli fertili e i nonni desiderosi di diventare nonni. Più clienti capiscono come aumentare il loro supporto, più resilienti diventano.

Non penso a me stesso come terapeuta che consente ai miei clienti di guidare interamente il processo di consulenza. Tendo ad essere abbastanza interattivo nell'offrire feedback ai clienti sulle loro capacità e risorse. Sono rispettoso dell'editto sociale "Inizia da dove è il cliente e rimani con lui / lei". Per me questo significa che dovrei essere rispettoso di dove i miei clienti vogliono concentrarsi, ma non mi impedisce di verificare se sono pronti per essere spinti in nuovi posti. Se hanno avuto un intervento di infertilità per mesi che non funziona, probabilmente li spingerò a chiedere al loro medico di fare un piano con loro che includa quanto a lungo continuare con un intervento prima di passare a uno diverso. Se hanno speso molti dollari e molti anni per il trattamento dell'infertilità, posso rivedere una precedente affermazione che non considereranno l'adozione o un surrogato chiedendo se prenderebbero in considerazione la raccolta di informazioni su una delle loro opzioni precedentemente rifiutate. Se vedo delle aree di difficoltà sulle quali non hanno chiesto il mio aiuto, posso fare un'osservazione sul fatto che una tale questione sembra essere un "elefante nella stanza" e mi chiedo se c'è un motivo per cui non mi sono sentito pronto per esaminarlo Quindi, anche se cerco di rimanere al passo con i problemi dei miei clienti, spingo e spingo un po ', solo per vedere se la nuova crescita e la resilienza gli consentono di sentirsi abbastanza resilienti da considerare nuove direzioni. In caso contrario, faccio un passo indietro e non sono sorpreso quando, qualche settimana dopo, potrebbero sollevare la questione dell'elefante proverbiale per un esame futuro.

Prima di chiudere, menzionerò due ultime aree che non sono né relative ai processi né ai contenuti. Il primo è che, in quanto assistente sociale, credo che nel mio ambito cada a insegnare e a fornire sostegno quando i pazienti vengono trattati male. Occasionalmente, i clienti mi segnalano il comportamento in un contesto di infertilità che considero poco professionale. Spesso il loro disagio è abbastanza grave da prendere in considerazione la possibilità di porre fine al trattamento con quel fornitore. Nella dozzina di casi che ho incontrato, ho condiviso con il cliente la mia percezione di essere sull'obiettivo di opporsi a una comunicazione non professionale, e che sarei più che disposto ad aiutarli a pensare a come affrontare questo direttamente o come Potrei (con il loro permesso) portare questo incidente all'attenzione del loro fornitore. In ogni caso, la risoluzione è stata molto soddisfacente, portando sempre delle scuse ai miei clienti, e talvolta anche alla formazione in servizio per il personale, in modo che capiscano che le osservazioni scortesi o sprezzanti non saranno tollerate. La seconda area che menzionerò è che, mentre i clienti e io ci stiamo preparando a terminare le nostre sessioni, chiarisco a tutti la mia continua disponibilità se le loro circostanze dovessero comportare un aumento dello stress o di altre difficoltà impreviste. A volte i clienti che credo siano pronti a terminare il nostro rapporto di consulenza saranno più pronti ad accettare questo incoraggiamento da parte mia se offro "sessioni di potenziamento" ogni 6-8 settimane, semplicemente per rassicurarli che sono lì se si imbattono in dossi la strada.

Quindi, per quelli di voi che stanno pensando di cercare un counseling per qualsiasi dei vostri problemi di infertilità, spero che le mie rivelazioni sul modo in cui penso all'esperienza di counselling vi aiuteranno nelle vostre interazioni con un terapeuta. Tieni presente che non tutti condividono la mia prospettiva che i partner dei clienti siano la prima scelta quando forniscono consulenza, né che le famiglie della coppia possano essere gli "elefanti nella stanza", né che il terapeuta abbia un ruolo attivo come me, né quel comportamento assertivo con i fornitori di assistenza sanitaria è un luogo per l'intervento terapeutico. Ma tutti i terapeuti dovrebbero essere in grado di essere chiari con voi sulle aree in cui possono offrire nuove conoscenze e abilità, come osservano la riservatezza e il loro conforto con le questioni sempre presenti della perdita e della comunicazione sbagliata.

Se desideri vedere alcuni webisodi di YouTube che si concentrano su come l'infertilità influisce sulle relazioni, consulta il mio sito Web Hopely Yours all'indirizzo http://www.connieshapiro.com/

E rimanete sintonizzati per l'ultimo nella serie di blog di Infertility Counseling: Ottenere il massimo dalla terapia.

Solutions Collecting From Web of "Consulenza per l'infertilità: cosa aspettarsi"