Consulenza nonna: come sfruttare al meglio una risorsa spesso sprecata

"Che ne so?", Ha detto un terapeuta esperto in finta autoironia, "Sono solo la nonna!" Uno dei suoi nipoti aveva una disabilità di apprendimento, che lei – una ben nota e rispettata professionista – conosceva bene occuparsi, sia professionalmente che personalmente, perché aveva anche cresciuto un figlio che aveva un LD. Ora vedeva segni simili in suo nipote. "Ma non chiedono la mia opinione", ha detto di suo figlio maggiore e sua nuora, "quindi non offro".

Molte nonne moderne si trovano in posizioni simili. La nonna una volta era una gentile signora la cui "carriera" era la maternità, e mentre i bambini lasciavano il nido, la sua vita diventava sempre più piccola. Non così l'attuale raccolto di nonne, molte delle quali hanno figli adulti e dottori di ricerca. Gail Sheehey le chiama nonne "volanti". Sono costantemente in fuga, ora manipolando i loro molteplici interessi e responsabilità con la nonna. L'ironia è che gli estranei li consultano, ma i loro figli adulti no.

Che vergogna e che spreco di risorse. Sia che tu abbia a che fare con una disabilità dell'apprendimento, un disturbo alimentare o qualche altro tipo di problema genitoriale, tua madre potrebbe avere informazioni preziose sia come madre che come professionista. Quindi ecco alcune linee guida per entrambe le generazioni che potrebbero aiutare.

Figlie (o Figlie):

Metti da parte le tue emozioni. Certo, non è facile quando il bambino ha problemi, soprattutto se si tratta di qualcosa che hai passato da bambino. Cerca di vedere tua madre come una donna, non come tua madre. Nel suo ruolo professionale, si occupa di questo problema? Conosce le persone che lo fanno? Gli altri chiedono il suo aiuto?

Se decidi di consultarla, stabilisci alcune regole di base. Vieni da grande, non da bambino. Ricorda che alla fine, definirai il tuo piano d'azione. Potresti iniziare dicendo "Vorrei farti domande su _______, e mi piacerebbe che tu rispondessi come se fossi qualcuno che è venuto nel tuo ufficio per chiedere aiuto. Ma potrei cercare altre opinioni e non seguirò necessariamente il tuo consiglio. "

Chiedile i nomi dei professionisti che conosce. I consulenti di ogni tipo fanno sempre il possibile per i clienti che vengono da loro tramite qualcuno che conoscono professionalmente. E non preoccuparti: solo perché la raccomandazione viene da tua madre, l'esperto lavora per te. Devi decidere quanto più vuoi condividere con la mamma.

Se hai a che fare con un problema che tu o uno dei tuoi fratelli hai affrontato, chiedi come è stato. È importante rivedere le circostanze dell'infanzia da una prospettiva adulta. Potresti avere una memoria o una comprensione diversa di un evento o periodo di tempo paricolare, ma prova ad ascoltare come è stato per lei , i suoi sentimenti, i suoi rimpianti, ciò che ha imparato da allora . Potresti scoprire di avere più cose in comune di quanto ti sei reso conto.

Madri (o suocere)

Aspetta finché non ti viene chiesto. Questo può essere difficile quando vedi segni di un problema, specialmente se sei un professionista, ma ricorda il vecchio detto buddista, "Quando lo studente è pronto, l'insegnante appare." Se salti la pistola, tua figlia potrebbe non essere pronto ad accogliere le tue osservazioni professionali

Ricorda che non sei responsabile. Va bene dare consigli, ma poi lasciar andare. Una volta che fai un suggerimento, non ripeterlo. Tieni la porta aperta, in modo che tua figlia o tua nuora possano tornare, ma rimani nella tua stessa casa!

Ammetti ciò che sai e non sai. Se lavori ancora sul campo, leggendo la letteratura attuale, è probabile che tu sia al passo coi tempi. Ma se si è in pensione, e non si è tenuto in piedi, potrebbe non essere a conoscenza di nuovi studi e strategie. Inoltre, ricorda che tua figlia è con il bambino 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Quello che vedi non è necessariamente l'immagine intera.

Non essere insultato quando fa esattamente ciò che hai suggerito, ma dà credito ad una ragazza o ad un altro professionista. Questo non è solo un problema madre / figlia. Accade anche con mariti e mogli, ed è uno dei grandi paradossi delle relazioni: siamo più aperti alle opinioni degli estranei che ai nostri cari ".

Questo post sul blog appare anche su MotherU, un sito web progettato per incoraggiare una conversazione tra madri e nonne contemporanee.

Solutions Collecting From Web of "Consulenza nonna: come sfruttare al meglio una risorsa spesso sprecata"