Conservazione compassionevole incontra Cecil the Slain Lion

" Più che mai la conservazione ha bisogno di nuove idee, di iniziative rischiose per scoprire cosa funzionerà e cosa no; la biodiversità non beneficia del fatto che ci chiamiamo l'un l'altro stupidi come sostituti del discorso razionale. "(Harry Greene, 2015, ribellione del Pleistocene e il futuro della biodiversità, in Ben Minteer e Stephen Pyne (editori), After Preservation: Salvataggio della natura americana nell'era degli umani )

Il campo ampio e interdisciplinare della biologia della conservazione ha ricevuto molta attenzione nelle ultime due settimane che ha stimolato i ricercatori e altri a valutare quali tipi di interazioni uomo-animale siano consentite mentre cerchiamo di salvare animali non umani (animali) e le loro case. Ad esempio, alcune delle domande più difficili che si presentano sono: dovremmo uccidere in nome della conservazione? Va bene scambiare le vite degli animali di una specie per il bene della propria o di altre specie? La ricerca del modo "più umano" di uccidere gli animali è l'unico modo per andare avanti? È possibile fermare l'uccisione di altri animali e la compassione dei fattori che si concentra sulla vita degli individui nelle nostre decisioni? Dovremmo provare una politica "hands off" per vedere se funziona dove è chiaro che la nostra interferenza, nonostante le nostre migliori intenzioni, non ha risolto i problemi a portata di mano? In che modo prendiamo in considerazione gli interessi di altri animali e umani mentre affrontiamo i numerosi – e crescenti – conflitti impegnativi e frustranti? Il campo della anthrozoology si concentra su queste e altre domande.

Chiaramente, ci saranno differenze tra le persone che stanno cercando di salvare altri animali e le loro case e anche prendere in considerazione gli interessi degli umani. E questo è ciò che rende il campo della biologia della conservazione così eccitante, perché siamo gli unici animali che sono in grado di fare ciò che deve essere fatto per invertire le situazioni piuttosto deprimenti e deprimenti in cui gli umani e altri animali si trovano in conflitto. Inutile dire che il problema principale è che ci sono troppi umani e se non smettiamo di fare più di noi sarà una lunga e dura battaglia per correggere i torti di cui siamo responsabili. E, date tutte le informazioni attualmente disponibili, mi piace richiamare l'attenzione su una citazione di William Wilberforce inviata da Sadie Parr di Wolf Awareness: "Puoi scegliere di guardare dall'altra parte ma non puoi mai più dire che tu non sapevo."

La conservazione compassionevole diventa maggiorenne

Un recente incontro incentrato sul campo internazionale in rapida crescita chiamato conservazione compassionevole ha riunito le persone provenienti da tutto il mondo, che stanno tutti cercando di ridurre o eliminare i conflitti uomo-animale. La conferenza è stata sponsorizzata e coordinata dalla Born Free Foundation e dal Centre for Compassionate Conservation presso l'University of Technology di Sydney e ospitata dal Animal Welfare Program presso l'Università della British Columbia (per ulteriori informazioni sulla conservazione compassionevole, fare clic qui, qui, e Qui). Una parte più eccitante degli incontri è stata la presenza di numerosi studenti e giovani ricercatori. E, anche molto stimolante, c'erano le ovvie divergenze di opinione – le attese sfumature di grigio – in ciò che è possibile e quali metodi sono ammissibili mentre cerchiamo di affrontare conflitti dilaganti e in crescita tra umani e animali. Anche l'abilità di persone che differivano nel parlare tra loro, non l'uno con l'altro, era un aspetto molto positivo di questo incontro. Alcune persone hanno sostenuto che nel "mondo reale" i modi di uccidere "più umani" sono le uniche vie da seguire, mentre altri hanno sostenuto che la conservazione compassionevole non riguarda il modo "più umano" di uccidere, ma piuttosto il fatto di fermare l'uccisione perché non è etico e in molti casi non ha funzionato. Per loro, i singoli animali sono al centro delle preoccupazioni e la guida per la conservazione compassionevole e "Primo non nuocere" significa non danneggiare o uccidere altri animali "in nome della conservazione".

C'è stata anche una discussione molto preziosa sulle parole che le persone usano per riferirsi all'uccisione di animali altrimenti sani "in nome della conservazione", con il riconoscimento che non è l'eutanasia, o la misericordia, ma piuttosto la "zoothanasia" quando è fatta in zoo o macello quando fatto in altre situazioni (vedi "Eutanasia animale" è spesso macellazione: consideri canguri "). Interessante anche l'uso della parola "parassiti" per riferirsi agli animali che stanno causando problemi. Molti hanno convenuto che sono gli umani i parassiti, ma dal momento che possiamo dominare e controllare altri animali, pagano il prezzo solo facendo ciò che viene naturale per loro, ma è fastidioso per noi.

Chiaramente, ci sono state molte discussioni preziose e gli abstract della vasta gamma di documenti che sono stati presentati possono essere visti qui. Sono una miniera d'oro di informazioni sui vasti argomenti trattati, le numerose specie discusse e gli antrimologi dovrebbero trovarle indispensabili per studi futuri sulle relazioni uomo-animale. Abbiamo appreso che molti animali selvatici in realtà non sono liberi (Yolanda Pretorius del Centro per la gestione della fauna selvatica dell'Università di Pretoria ci ha detto che gli elefanti in Sud Africa sono recintati e non possono migrare) e che "metodi per valutare il benessere di elefanti non sono inclusi come requisito per lo sviluppo di un piano di gestione degli elefanti. "Le talpe sono spietatamente uccise nel Regno Unito perché distruggono i giardini e in molte località le oche vengono uccise perché fanno la cacca sui campi da golf. Portiamo via gli habitat delle oche e li uccidiamo perché non hanno nessun altro posto dove andare.

Abbiamo anche appreso in un articolo di MarÍa Fàbregas e GM Koehler delle tigri di Save China che, al fine di reintrodurre le tigri in cattività della Cina meridionale in pericolo di estinzione nelle aree protette ripristinate all'interno della loro area storica in Cina, sono autorizzati a praticare gli ungulati. Molte persone erano piuttosto preoccupate di questa pratica, e mi hanno ricordato di allevare criceti dorati per consentire ai furetti in pericolo di estinzione di praticare la loro uccisione prima di essere rilasciati nell'habitat selvaggio. Per molti, questi tipi di compromessi sono inaccettabili.

In un altro progetto che è stato al centro della discussione, quasi 900 lupi e altri animali non bersaglio sono stati uccisi in Alberta, in Canada (si prega di vedere anche e), per cercare di salvare il caribù delle foreste (non ha funzionato) e non solo famiglie disgregate ma ci sono anche effetti trans-generazionali. In poche parole, troppi altri animali vengono danneggiati o uccisi perché ci spostiamo nelle loro case e non hanno nessun altro posto dove andare e quindi, loro, vittime innocenti, diventano i "problemi". È una situazione senza vincita per milioni di altri animali e dobbiamo fare molto meglio così l'uccisione si ferma.

La conservazione compassionevole incontra Cecil il leone ucciso

E 'stato anche piuttosto tempestivo, e ovviamente incredibilmente triste, la notizia dell'uccisione del tutto inutile di Cecil the lion di Walter Palmer (si prega di vedere anche i numerosi articoli elencati qui e Jennifer Jacquet "The Shaming of Walter Palmer" e Chris Genovali e Paul "Cecil the lion and compassionate conservation" di Paquet) stava facendo notizia in tutto il mondo man mano che la riunione prendeva il via. Alcuni di noi hanno ricevuto richieste di interviste la prima mattina dell'incontro e Cecil è stato l'argomento di conversazione in una serie di discorsi e anche durante le pause caffè, così come Marius, la giovane giraffa che è stata uccisa senza pietà nello zoo di Copenaghen a febbraio 2014, perché non rientrava nel programma di allevamento dello zoo. Marius ci ha dato un caso classico di un animale che è stato zoothanized , non eutanasia, come sostenuto dagli amministratori dello zoo.

Molte persone sono interessate allo stato e al destino dei leoni africani e mentre stavo scrivendo questo saggio mi sono imbattuto in una recensione di un libro intitolato Lions in the Balance: Man-Eaters, Manes e Men with Guns del famoso ricercatore di leoni Dr. Craig Packer (l'edizione Kindle può essere trovata qui). Nella recensione di Iris Barber intitolata "I Lions in bilico : la caccia può salvare i re della giungla?" Apprendiamo che il Dr. Packer sostiene: "I Lions hanno bisogno della caccia al trofeo, così come la caccia al trofeo ha bisogno di leoni". Il suo piano: uccidere solo leoni maschi oltre i 6 anni, quindi i cuccioli non vengono uccisi da un leone che si accoppia con la madre che cerca di salvaguardare la propria progenie. Questo è un nuovo approccio alla conservazione, in cui la caccia è essenziale per sopravvivere. "(Per maggiori informazioni sugli omicidi che uccidono i leoni è l'unica opzione per favore vedi" Outcry for Cecil the Lion Could Undercut Conservation Efforts. ")

Mentre numerosi ambientalisti compassionevoli e altri discutono contro l'uccisione dei leoni, quando esperti come il Dr. Packer parlano, vale la pena ascoltare attentamente perché chiarisce quanto siano complesse le questioni. Come spiega la descrizione del libro, "Packer è sicuro di far infuriare milionari, politici, agenzie umanitarie e ambientalisti, non minacciando i problemi che incontra. Ma con una narrativa che si estende dalle parti dell'Africa fino ai corridoi del potere a Washington, DC, e contraddistinta dall'umorismo caratteristico di Packer e dall'incredibile candore, Lions in the Balance è una storia di coraggio contro avversità impossibili, una miscela magistrale di scienza, avventura e storytelling e un invito all'azione che attirerà l'attenzione di una nuova generazione di lettori. "

Mettere fine agli orsi danzanti: tutti gli stakeholder contano

Un altro principio di conservazione compassionevole è che tutti gli stakeholder contano, umani e non umani. Certo, questo è molto impegnativo perché vari animali uccidono o danneggiano gli umani o uccidono o danneggiano animali sui quali dipendono i mezzi di sostentamento degli esseri umani e delle loro comunità. In un saggio precedente ho scritto su due progetti in India che sottolineano la coesistenza pacifica tra umani e non umani che danneggiano e uccidono gli umani e distruggono le loro imprese. Un altro eccellente esempio di un progetto che teneva conto degli interessi degli umani e dei non umani era centrato sul porre fine all'uso degli orsi danzanti, discusso da Kartick Satyanarayan e Geeta Seshamani dell'organizzazione Wildlife SOS, India. L'abstract per il loro discorso si legge come segue:

"La fauna selvatica SOS guidò una storia di successo per la conservazione in India risolvendo la barbara pratica degli orsi danzanti in cui i cuccioli di orsacchiotto venivano catturati dal selvaggio, brutalmente addestrati in modi disumani e trascorsero le loro brevi tragiche vite alla fine di una corda di quattro piedi trascinata attraverso le città e villaggi da guadagnare per la comunità nomade e indigente chiamata Kalandars. L'iniziativa di Wildlife SOS è stata quella di riabilitare gli orsi indolenti tenuti in cattività e gli stessi Kalandars in mezzi di sussistenza alternativi. Ciò a sua volta ha fatto un'enorme differenza per la popolazione di bradipo in natura, contribuendo alla sua conservazione.

"La conservazione compassionevole e la sostenibilità della fauna selvatica e delle foreste sono stati al centro del programma che è ancora in corso. La fauna selvatica SOS funziona anche con situazioni di conflitto uomo-animale che mirano allo stesso modo a misure compassionevoli di conservazione e riabilitazione che educano le parti interessate, come gli abitanti del villaggio o gli abitanti intorno a un'area boscosa, nel comportamento di evitamento.

"I programmi di sensibilizzazione educativa sono gestiti in Maharashtra dove le specie di conflitto sono il leopardo e nel Kashmir dove la specie di conflitto è l'orso nero ea Delhi e Agra il programma tratta del macaco rhesus che sembra essere la specie umana che ha dichiarato guerra . I tentativi di risoluzione comportano la creazione di spazi sicuri per gli animali (centri di riabilitazione), insegnando comportamenti che non portano a confrontarsi con gli animali in questione (consapevolezza ed educazione), ma soprattutto per inculcare un sentimento per gli animali in questione, sottolineando l'adeguamento e l'accettazione dell'esistenza della fauna vicino alle nostre abitazioni umane. Il nostro lavoro con gli elefanti in cattività è un altro tentativo di conservazione di abbattere un antico bastione tradizionale indiano che enfatizza l'addestramento degli elefanti usando il dolore, la paura e l'abuso fisico sostituendolo con la compassione.

"La nostra scuola di formazione – la scuola di bontà fornisce addestramento ai custodi di elefanti sui moderni e umani sistemi di gestione degli elefanti, gestione compassionevole, sostituzione della gestione negativa con rinforzo positivo. Tuttavia, la conservazione richiede anche l'uso della legge, quindi l'unità di difesa anti-bracconaggio Wildlife SOS lavora per raccogliere informazioni sui trafficanti di fauna selvatica e sui contrabbandieri e attua la legge che opera in collaborazione con il governo indiano.

"La conservazione compassionevole è la chiave per il futuro che ci aspetta".

Un altro meraviglioso progetto in cui gli interessi umani e non umani sono stati presi in considerazione e soddisfatti riguardava il modo di trattare non letalmente i procioni "problematici" in un fast food di Vancouver. La dott.ssa Sara Dubois, che lavora con la British Columbia SPCA, ha delineato varie strategie per venire a patti con i "parassiti" urbani. Ha osservato: "L'obiettivo generale di sviluppare standard umani per il controllo nocivo della fauna selvatica è creare uno strumento educativo e di applicazione, impostare una barra più alta per le misure di controllo, indipendentemente dal fatto che siano fatte per scopi di conservazione o di disturbo. "

L'avvento della conservazione compassionevole: è un "triste male" se uccidere è l'unica opzione praticabile per la convivenza "pacifica"

Il campo della conservazione compassionevole sta lentamente diventando maggiorenne ed è essenziale che tutte le opinioni vengano sul tavolo da discutere. L'etico Bill Lynn, che ha sostenuto l'uccisione umana sperimentale di qualche migliaio di gufi per cercare di salvare i gufi innevati in via di estinzione, ha definito questa pratica un "triste bene". Anche se può essere un "triste bene" per i gufi innevati, non è sicuramente per i gufi sbarrati Lo definirei un "triste male" per i gufi e molti altri animali se l'uccisione rimane l'unica opzione. Un "triste bene" è un versante molto scivoloso che costituisce un precedente deplorevole per aprire la porta alla più diffusa "uccisione sperimentale" di gufi e altre specie per vedere se funziona. (Per ulteriori dettagli su come uccidere i gufi sbarrati, vedi "Gufi bloccati nella lista dei risultati".)

La conservazione compassionevole richiede un grande cambiamento nel cuore e nelle pratiche e, come ogni altro cambiamento di paradigma rivoluzionario, ci vorrà del tempo. Molti sperano che questo più necessario cambiamento di paradigma nella biologia della conservazione che comporta l'arresto dell'uccisione "nel nome della conservazione" sopporterà i suoi dolori crescenti mentre sempre più ricercatori e altri si rendono conto che uccidere non è la risposta. Spero che quelli che vedono il "mondo reale" come un omicidio mandatario cambieranno le loro menti e i loro cuori. I ricercatori futuri e giovani sono fondamentali per lo sviluppo e l'attuazione della conservazione compassionevole, così come i funzionari per la conservazione della carriera, gli amministratori dello zoo e i ricercatori che si rendono conto che usare "l'uccisione più umana" non è ciò che riguarda la conservazione compassionevole. Mi piace immaginare un mondo in cui uccidere non fa più parte del toolkit del conservatore. Il calcolo welfarist patronizza altri animali e quando la spinta arriva a spingere, o spesso quando è semplicemente conveniente, i nonumani soffrono e vengono uccisi quando è determinato che i benefici per gli esseri umani superano i costi per gli animali.

È tempo di mettere da parte i cannoni, le trappole, le insidie, i veleni e altre "armi di distruzione di massa" (come li hanno chiamati alcuni partecipanti) e capire come vivere in pacifica convivenza con gli animali affascinanti con cui siamo re supposto di condividere il nostro pianeta più magnifico. Non c'è bisogno di sangue. Ho dedicato il mio discorso a Cecil the lion e anche a Bryce Casavant, un coraggioso conservatore che si è rifiutato di uccidere due cuccioli di orso nero vicino a Port Hardy nell'isola di Vancouver settentrionale ed è stato sospeso perché ha detto "no". "No" per uccidere altri animali. Dobbiamo fermare la violenza e riconoscere che "Il mondo diventa ciò che insegniamo". La compassione genera compassione e la violenza genera violenza. Ristabilendo i nostri cuori e diventando incantati e ricollegati alla natura, mi piace pensare che l'omicidio giungerà al termine, per quanto lento possa essere.

Se alcune persone sostengono che l'omicidio non può fermarsi, non si fermerà. Mi rattrista pensare che siamo arrivati ​​al punto in cui per alcuni l'uccisione è l'unica opzione praticabile per una pacifica convivenza. Vergogna su di noi. Come hanno concluso Kartick Satyanarayan e Geeta Seshamani, "La conservazione compassionevole è la chiave per il futuro che ci attende." Non potrei essere più d'accordo. Dobbiamo lasciare le nostre zone di comfort e pensare e agire "fuori dagli schemi".

Il prossimo incontro che si concentrerà sulla conservazione compassionevole è previsto per il 2017 a Sydney, in Australia. Dico spesso che la conservazione compassionevole è un meraviglioso luogo di incontro per persone che altrimenti non dovrebbero, ma dovrebbero, incontrarsi. Questo è stato così a Vancouver e prevedo che sarà così a Sydney. Si prega di rimanere sintonizzati per ulteriori informazioni su questo incontro futuro e sul campo emozionante, stimolante e lungimirante della conservazione compassionevole in generale.

Note: ho appena appreso di un saggio intitolato "Animali mutanti allevati per essere brutalmente uccisi dai cacciatori" in cui la persona che offre questi freak esclama apertamente: "La conservazione è un sottoprodotto di ciò che faccio".

Si prega di vedere anche:

"Uccidere l'orso grizzly che uccise un uomo in Yellowstone e nei suoi cuccioli è un'idea orribile", per un altro caso in cui un animale è probabile che venga ucciso senza una buona ragione, e Doug Peacock's, "Murder in Yellowstone: grizzly family è sacrificato per paura di contenzioso ".

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono la storia di J asper: salvare gli orsi della luna (con Jill Robinson), ignorare la natura non più: il caso di conservazione compassionevole , perché i cani gobba e api si deprimono e risveglia i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza . L'effetto Jane: la celebrazione di Jane Goodall (edita con Dale Peterson) è stata recentemente pubblicata. (marcbekoff.com; @MarcBekoff)

Solutions Collecting From Web of "Conservazione compassionevole incontra Cecil the Slain Lion"