Conserva le pentole in alluminio, al tuo cervello non importa

L'alluminio è ovunque intorno a noi tutto il tempo. È il metallo più abbondante nella crosta terrestre. Eppure, in qualche modo, ne abbiamo preso paura quando è usato come pentole o lattine per birra o bibite. Per quanto chiunque può determinare attualmente, nessuna forma di vita lo usa per niente. Il motivo è che l'alluminio è altamente reattivo e si combina facilmente con altri metalli e ossigeno per formare centinaia di minerali diversi. L'alluminio, in termini scientifici, non è biodisponibile per gli esseri umani – di solito. Tutto dipende da quale forma chimica assume l'alluminio. Di solito, poiché l'alluminio è così strettamente legato all'interno dei minerali, gli animali non hanno alcuna possibilità di assorbirlo nei loro tessuti.

Tutto questo è cambiato un secolo fa a causa della combustione di alcuni tipi di carbone per l'energia. Inoltre, chiunque oltre una certa età ricorderà le paure associate alla pioggia acida. Sebbene le conseguenze di avere livelli elevati di anidride solforosa e ossidi di azoto nell'aria siano noti sin dall'inizio della rivoluzione industriale, la consapevolezza pubblica ha raggiunto il picco negli anni '70 a causa della comparsa di "laghi morti", la distruzione di intere foreste e il vaiolatura di statue di marmo nel Regno Unito e in Europa. Un secolo di piogge acide si insediò nel terreno e cambiò la chimica dei minerali contenenti alluminio.

Le piante non usano l'alluminio, ma sono in grado di assorbirlo. I grani che vengono raccolti oggi per fare pane e cereali contengono spesso alcune parti per milione di alluminio. Tuttavia, l'alluminio in grani esiste sfortunatamente in una forma biodisponibile, cioè una forma chimica che noi umani possiamo assorbire nei nostri corpi e depositare nei tessuti. Gli animali che mangiano queste piante concentrano anche l'alluminio nei loro tessuti. Pertanto, le carni ottenute dalle mucche possono contenere fino a 1000 parti per milione di alluminio. Questo è dove le cose diventano un po 'rischiose. Siamo a rischio dell'alluminio nella nostra dieta? Dipende interamente da quanto consumi.

Per favore ricorda che noi umani non usiamo l'alluminio per niente. Tuttavia, alcune persone sono vulnerabili alla sua presenza nel corpo. Ad esempio, alcuni anni fa le persone sottoposte a dialisi iniziarono a usare acqua contenente alti livelli di alluminio. Nel corso del tempo il livello di alluminio nel cervello e nel corpo ha iniziato ad aumentare e ha prodotto cambiamenti nel loro comportamento che assomigliavano alla demenza. L'alluminio si è depositato all'interno di alcune cellule cerebrali e le ha provocate la morte. Fortunatamente, i centri di dialisi sono consapevoli di questo rischio e hanno preso provvedimenti per evitare che il problema si ripresenti. L'esperienza ci ha insegnato qualcosa sugli effetti di alte dosi di alluminio sulla funzione cerebrale e mi ha dato un argomento per la mia tesi di dottorato. L'alluminio è stato trovato anche nel cervello di pazienti deceduti con il morbo di Alzheimer. Sebbene ciò sembri sospetto, i sali di alluminio si depositano in tutti i tessuti molli che hanno una perdita cellulare dovuta a lesioni o degenerazione. Pertanto, i sali di alluminio si depositano anche nel cuore delle persone con malattia coronarica. L'alluminio non causa la malattia di Alzheimer.

E i deodoranti? I sali di alluminio utilizzati in questi prodotti fanno una cosa – irritano le nostre ghiandole sudoripare al punto che si gonfiano e chiudono i pori che permettono al sudore di raggiungere la superficie della nostra pelle. Essenzialmente, l'alluminio impedisce il suo stesso assorbimento facendo così. Il vero rischio derivante dai deodoranti deriva dall'uso di spray che producono una nube di sali di alluminio che può essere inavvertitamente inalata.

Quindi, continua a usare le pentole in alluminio: non comportano alcun rischio per la salute. Il rischio viene dal cibo che cuciniamo in quelle pentole e padelle. La soluzione migliore potrebbe essere quella di smettere di consumare animali che vivono ai vertici della catena alimentare.

© Gary L. Wenk, Ph.D. Autore di Your Brain on Food (oxford, 2010)

Solutions Collecting From Web of "Conserva le pentole in alluminio, al tuo cervello non importa"