Conseguenze psicologiche della carenza di vitamina D

È probabile che tu non stia assumendo abbastanza vitamina D.

Si stima che un miliardo di persone in tutto il mondo abbia carenza o insufficienza di vitamina D. Gli individui ad alto rischio di carenza di vitamina D, includono quelli che vivono lontano dall'equatore, quelli con patologie mediche (come obesità, malattie del fegato, celiachia e malattie renali), gli anziani e quelli con la pelle più scura.

I risultati del National Health and Nutrition Survey Survey, che comprendeva oltre 15.000 adulti, hanno indicato che le persone con pelle più scura hanno livelli di vitamina D più bassi. Gli individui dalla pelle scura hanno alti livelli di melanina che ostacolano l'assorbimento della vitamina D, che viene prodotta quando la pelle è esposta a radiazioni ultraviolette che si trovano alla luce solare naturale.

Indipendentemente dalla causa, la carenza di vitamina D ha conseguenze mediche e psicologiche significative. Ogni tessuto del corpo ha recettori di vitamina D, inclusi cervello, cuore, muscoli e sistema immunitario, il che significa che la vitamina D è necessaria a ogni livello perché il corpo funzioni.

La vitamina D è anche l'unica vitamina che è un ormone. Dopo che è stato consumato nella dieta o assorbito (sintetizzato) nella pelle, la vitamina D viene quindi trasportata nel fegato e nei reni dove viene convertita nella sua forma ormonale attiva. La vitamina D come ormone aiuta con l'assorbimento del calcio, contribuendo a costruire ossa, denti e muscoli forti.

Oltre al suo ruolo ben noto nell'assorbimento del calcio, la vitamina D attiva i geni che regolano il sistema immunitario e rilasciano i neurotrasmettitori (ad esempio, dopamina, serotonina) che influenzano la funzione e lo sviluppo del cervello. I ricercatori hanno trovato i recettori della vitamina D su una manciata di cellule situate in regioni del cervello, le stesse regioni che sono collegate alla depressione.

Disturbo affettivo stagionale (SAD), un disturbo dell'umore caratterizzato da sintomi depressivi, si verifica durante i periodi bui dell'anno in cui vi è relativamente poco sole, in coincidenza con l'improvviso calo dei livelli di vitamina D nel corpo. Diversi studi hanno suggerito che i sintomi del SAD potrebbero essere dovuti al cambiamento dei livelli di vitamina D3, che può influenzare i livelli di serotonina nel cervello.

A causa della connessione della vitamina D alla depressione e all'umore, provo i livelli di vitamina D, in particolare la 25-idrossi-vitamina D, di ogni nuovo paziente. Per anni, i livelli di vitamina D nel sangue di 20 ng / ml sono stati accettati come di consueto. Molti ricercatori e medici considerano questo troppo basso. Più recentemente, il nuovo livello normale è superiore a 30 ng / mL. Io, tuttavia, preferisco vedere i livelli di 25-idrossi-vitamina D tra 50 e 75 ng / mL. Per coloro che sono bassi raccomando un supplemento che può variare da 2.000 UI a 10.000 UI. È importante notare che l'integrazione di vitamina D deve essere monitorata con analisi del sangue ogni pochi mesi.

Sebbene la supplementazione di vitamina D possa migliorare l'umore, la vitamina D è solo una piccola, ma fondamentale, parte del trattamento poiché la depressione ha una miriade di cause. Tuttavia, ho scoperto che, secondo la mia esperienza, la carenza di vitamina D altera e prolunga il recupero dalla depressione.

Ci sono vari studi che confermano questo legame tra bassa vitamina D e malattia mentale. Questi studi dimostrano che l'ottimizzazione dei livelli di vitamina D può migliorare il benessere psicologico positivo. Ecco alcuni studi:

  1. Uno studio nei Paesi Bassi ha rilevato che bassi livelli di vitamina D sono correlati a sintomi di depressione maggiore e minore in 169 individui di età pari o superiore a 65 anni.
  2. Uno studio inglese che comprendeva 2070 persone di età pari o superiore ai 65 anni ha concluso che la carenza di vitamina D è associata alla depressione nei paesi settentrionali, sebbene la depressione maggiore sia stata osservata solo in individui con le carenze più gravi.
  3. In uno studio, gli adulti con carenza di vitamina D che hanno ricevuto alte dosi di vitamina hanno visto un miglioramento dei sintomi depressivi dopo due mesi.
  4. Un piccolo studio con 9 donne, tutte carenti di vitamina D o insufficienti, ha rilevato che una dose giornaliera di 5.000 UI di vitamina D ha significativamente migliorato i sintomi della depressione.

Sebbene i ricercatori non siano ancora sicuri di come la vitamina D sia collegata alla depressione, questi risultati e molti altri sostengono il ruolo della vitamina D nella patofisiologia della depressione e come potenziale trattamento per la depressione.

I gruppi che sono a rischio di carenza di vitamina D – gli anziani, gli adolescenti, gli individui obesi e quelli con malattie croniche (ad esempio il diabete) – sono gli stessi gruppi che sono anche a rischio di depressione.

L'effetto della vitamina D sulla salute mentale va oltre la depressione. La schizofrenia è stata anche collegata a livelli anormali di vitamina D. John McGrath dell'Università del Queensland in Australia ha studiato 424 neonati nati in Danimarca che hanno sviluppato la schizofrenia. Ha concluso che i bambini nati in inverno o in primavera, quando le madri hanno bassi livelli di vitamina D, sono a maggior rischio di sviluppare la schizofrenia.

La salute mentale è uno dei molti tipi di disturbi legati alla carenza di vitamina D. Per ulteriori informazioni sulla vitamina D e i suoi legami con la salute fisica e mentale, visitare l'organizzazione Vitamin D Council all'indirizzo www.vitamindcouncil.org fondato dal direttore esecutivo John J. Cannell, MD Cannell, uno psichiatra specializzato, ha fondato il Consiglio sulla vitamina D nel 2003 con un vivo interesse per la nutrizione clinica e una forte convinzione che il deficit di vitamina D, una condizione altamente prevenibile ma prevalente, contribuisca a molte condizioni fisiche e psicologiche che colpiscono un numero elevato di persone.

Solutions Collecting From Web of "Conseguenze psicologiche della carenza di vitamina D"