Consapevolezza e attivismo pacifico: risoluzione post-elettorale

In questa era di estremismo, di fronte a un mondo guidato da Internet in cui anche i fatti di base sembrano distorti oltre a essere in grado di trovare anche il più semplice accordo possibile, le intenzioni alla base della consapevolezza sono più che mai attuali. Mentre sembra che la parola "consapevolezza" stia diventando quasi stancante per alcuni, la parola stessa è fuori luogo. La consapevolezza non rappresenta un cliché come essere nel momento, significa costruire abilità che consentono più intenzioni ed equilibrio mentre si vive attraverso qualunque cosa affrontiamo.

Tutti noi siamo catturati dal pilota automatico, spinti dalle abitudini intorno alle emozioni, dal nostro comportamento e anche dalle nostre abitudini. Questi modelli inconsci minano il nostro benessere e influiscono anche su tutti noi. Siamo stressati e paurosi, quindi reagiamo in modo reattivo o chiudiamo o incolpiamo o qualsiasi altra cosa. Costruire tratti che ci permettono di vedere la vita oggettivamente, e di essere più intenzionali nelle nostre scelte, avvantaggia tutti noi – indipendentemente da qualsiasi posizione di democratico, repubblicano o altro.

Tutti, anche quelli con cui non siamo più d'accordo, cercano felicità e sollievo dalla sofferenza. Prendendo posizione, possiamo ancora rimanere aperti a questa prospettiva. Ogni azione ha ripercussioni, anche quelle che sentiamo sono completamente giuste, quindi è meglio bilanciare qualsiasi cosa debba essere fatta ora con l'impatto che potrebbe avere sul futuro. In che modo, quindi, i concetti di base della consapevolezza possono integrarsi con l'azione sociale?

  • Esci dal pilota automatico. Le recenti elezioni sono state un momento di risveglio per molti. Essendo stati compiacenti della politica, ora si sentono risoluti ad agire. Lo stesso concetto vale indipendentemente da quale parte delle elezioni si è svolta – i politici contano su di noi credendo a ciò che dicono per valore nominale. Votare (o non votare), parlare (o non parlare), e agire (o non agire) per pura abitudine, vivere la vita senza consapevolezza, ci rende molto meno propensi a fare scelte utili per noi stessi e il nostro paese. In questo momento, oggi, cosa potresti fare per difendere le tue convinzioni?
  • Guarda la vita esattamente così com'è. Uno degli aspetti più insidiosi di come pensiamo è che le ipotesi vengono etichettate come tali. Approfittando di questa tendenza, un aspetto inquietante della nostra cultura basata su Internet è che le storie virali si diffondono all'istante e si presumono reali se si adattano alle nostre opinioni, anche se intenzionalmente seminate di disinformazione. Eppure alcuni fatti di base in realtà valgono per tutti; per esempio, la gravità funziona sulla terra. Nelle tue relazioni personali, con i tuoi figli, con le tue famiglie, incoraggia tutti a fare un passo indietro e riesaminare i loro presupposti di base. Intorno a razza, tasse, ambiente, assistenza sanitaria, istruzione o qualsiasi altra cosa, fai una pausa, rifletti e cerca la realtà oggettiva da trovare. Al di là della politica, mantieni le idee alla luce e chiedi a te stesso di ogni convinzione che incontri, è vero?
  • Pratica reattività, invece di rafforzare la reattività . In ogni situazione, controlliamo solo le nostre azioni. Attraverso di essi aumentiamo o diminuiamo il conflitto. Anche prendendo provvedimenti concreti che difendono ciò che riteniamo giusto, l'intenzione e la consapevolezza del quadro più ampio possono guidare scelte sfumate, ma solo se restiamo fuori dal pilota automatico e dalla reattività guidata dalla paura. Protesta e resisti risoluti, cerca di impegnarti in una conversazione lungo il corridoio e, attraverso di essa, tutti mirano ad ottenere un accordo e una collaborazione, invece di intensificare il conflitto quando possibile.
  • Coltiva la compassione Stiamo tutti lottando per trovare la felicità nella vita, tuttavia incasinato il nostro approccio a volte appare dall'esterno. La consapevolezza nasce dall'auto-compassione, dalla capacità di approcciare noi stessi con la stessa gentilezza che trattiamo con il nostro migliore amico. Quando ci sentiamo assillati e picchiati, diventiamo infelici, perdiamo la fede e possiamo persino maltrattare chi ci circonda. Inoltre, cerchiamo attivamente di riconoscere il dolore e la sofferenza di tutti gli altri, anche quelli che non sono d'accordo con noi. Mentre l'intenzione di compassione non è altro che compassione, è anche vero che sollevato dalla paura e dalla sofferenza, la percezione di chiunque sul mondo cambierebbe. In sostanza, proteggiamo noi stessi quando rendiamo la vita più facile a qualcun altro. La compassione di questo tipo non significa diventare uno zerbino; la compassione per gli altri e l'autoprotezione avvengono tutti insieme.

Come andare avanti durante questi tempi difficili? Vedere chiaramente la vita, come è adesso, può significare prendere azioni dirette per difendere ciò che senti giusto. Allo stesso tempo, la rabbia e la lotta portano a più rabbia e conflitto. Essere innescato nel conflitto rafforza le divisioni e spesso costruisce la risoluzione nel tuo avversario percepito. Svegliati, fai il check-in con la realtà come meglio la vedi e poi prendi saldi passi per prendersi cura del nostro mondo – il tutto mentre osservi compassionevolmente che tutti noi nel nostro modo singolare soffre e cerca sollievo dalla sofferenza ogni giorno.

Solutions Collecting From Web of "Consapevolezza e attivismo pacifico: risoluzione post-elettorale"