Consapevolezza contro antidepressivi: quale funziona meglio?

Tom Varco
Fonte: Tom Varco

In qualche modo, da qualche parte, in quelle sei settimane, qualcosa è successo dentro di me – nella mia testa? il mio corpo? la mia anima? – e ho iniziato a capire. Sedersi ancora diventava un vantaggio e un conforto, persino un lusso, piuttosto che una minaccia o un'irritazione. E il momento presente, proprio qui, proprio ora, cominciò a sembrare un posto molto confortevole (e confortante), privo di terrore e pieno di possibilità di pace e calma. (Julie Myerson, "In che modo la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza ha cambiato la mia vita")

La consapevolezza ha generato molta eccitazione negli ultimi anni – e ha conquistato molti ammiratori, inclusa la scrittrice Julie Myerson, scrivendo sopra in The Guardian . Una rielaborazione del ventunesimo secolo della meditazione buddista tradizionale, la consapevolezza ci insegna a sviluppare ciò che Myerson chiama una "nuova relazione" con i nostri pensieri: "Ho potuto vedere che erano semplicemente questo: i pensieri. Non ho dovuto giudicarli, agire su di loro o fare davvero molto su di loro. A volte erano interessanti, a volte meno, ma non erano altro che "eventi" sorti nella mente e poi dispersi di nuovo. Non avevano, come avevo immaginato, il potere di disfare me. "

Ci sono certamente prove che la consapevolezza può aiutare con ansia, umore basso e stress, ma può giocare un ruolo nella prevenzione della depressione clinica ricorrente? Questa è una domanda chiave, anche perché la ricorrenza è un segno distintivo del problema. Se guardiamo a quelli con una storia di depressione ripetuta, oltre il 50% di chi ha recentemente recuperato da un episodio ricadrà nei prossimi 12 mesi. E con ogni ricaduta, più è probabile che ne segua un'altra.

Quindi, come possiamo interrompere il ciclo delle depressioni? L'Istituto nazionale britannico per la salute e l'eccellenza di cura (Nizza), che fornisce linee guida di trattamento basate sull'evidenza al Servizio sanitario nazionale, raccomanda: "Consigliare alle persone depresse di continuare gli antidepressivi per almeno 2 anni se sono a rischio di ricaduta".

Tuttavia, Nice sottolinea anche il valore della terapia psicologica e consiglia che le preferenze del paziente dovrebbero essere prese in considerazione quando si prendono decisioni sul trattamento. Suggerisce di prendere in considerazione la terapia cognitivo comportamentale (CBT) e che la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza (MBCT) sia offerta a "persone che stanno attualmente bene ma che hanno sperimentato tre o più episodi precedenti di depressione". MBCT, sviluppato dagli eminenti psicologi Zindel Segal, Mark Williams e John Teasdale, combina la meditazione di consapevolezza con la terapia cognitiva comportamentale. Ma le raccomandazioni di Nizza sono una cosa; la realtà sul campo è spesso molto diversa, con i pazienti con maggiori probabilità di ricevere antidepressivi rispetto agli MBCT.

Gli antidepressivi non sono adatti a tutti: molte persone sono riluttanti a prendere farmaci ogni giorno per anni e anni. E anche se le pillole possono aiutare con la depressione – non lo fanno in tutti i casi – gli effetti collaterali sono comuni. Ma MBCT è davvero una valida alternativa per il trattamento della depressione ricorrente? Funziona meglio di continuare semplicemente con il farmaco? (È interessante notare che non ci sono prove che impedisca la ricaduta per le persone che non hanno già sperimentato almeno tre episodi precedenti.)

Rispondere a questa domanda è l'obiettivo di un nuovo studio multicentrico condotto dal professor Willem Kuyken e di segnalare questo mese al Lancet (dichiarazione di interesse: Kuyken ha svolto il lavoro mentre era all'Università di Exeter ma, come uno degli autori di questo blog, ora ha sede nel Dipartimento di Psichiatria dell'Università di Oxford). Lo studio è il più grande per confrontare MBCT e antidepressivi ed è il primo a monitorare gli effetti dei trattamenti per un lungo periodo (due anni).

La MBCT si basa sull'intuizione che quando le persone con una storia di depressione sperimentano anche un breve periodo di sentirsi depressi tendono ad essere particolarmente vulnerabili al pensiero negativo. Quel pensiero negativo è spesso accompagnato da ciò che è noto come "pregiudizi di elaborazione": preoccuparsi di problemi passati, per esempio, o tornare a ricordi spiacevoli. Pensare in questo modo aumenta il rischio di un episodio depressivo in piena regola.

MBCT si concentra sull'aiutare le persone a diventare più consapevoli di questi pensieri e sentimenti, e quindi in grado meglio di allontanarsi da loro. Come affermano i suoi fondatori: "Scopriamo che pensieri e sentimenti difficili e indesiderati possono essere tenuti nella consapevolezza e visti da una prospettiva completamente diversa – una prospettiva che porta con sé un senso di calore e compassione per la sofferenza che stiamo vivendo."

La squadra di Kuyken reclutò (via GP) 424 pazienti con una storia di tre o più episodi depressivi. Tutti stavano assumendo farmaci antidepressivi. La metà del gruppo è stata assegnata in modo casuale a un corso di otto settimane di MBCT, durante il quale è stato anche loro dato un aiuto per uscire dal farmaco. L'altro cinquanta percento ha continuato con i loro antidepressivi per due anni. (Come si è scoperto, la maggior parte del gruppo MBCT ha smesso di assumere il farmaco, mentre la maggior parte del gruppo antidepressivo ha continuato. E non c'erano prove che questo abbia influenzato i risultati dello studio.)

I risultati del processo di Kuyken potrebbero deludere alcuni difensori della consapevolezza. La consapevolezza non si è rivelata superiore agli antidepressivi. La percentuale di recidive per entrambi i gruppi su 24 mesi era più o meno identica: 44% per la coorte di MBCT e 47% per quelli che assumevano farmaci antidepressivi.

Tuttavia, MBCT è stato particolarmente utile per i pazienti con una storia di abuso fisico o sessuale infantile. I tassi di recidiva tra questi individui erano del 47% con MBCT e del 59% con farmaci antidepressivi (dal 47% al 59%). Questo risultato è particolarmente persuasivo dato che un modello simile è stato osservato in un altro trial MBCT. Poiché i tassi globali per i due trattamenti erano così simili, ci si potrebbe aspettare che quelli con bassi livelli di abuso infantile andrebbero meglio con gli antidepressivi, ma la prova di ciò era più debole nello studio di Kuyken (dal 42% al 35%).

I lettori di vetro mezzo pieno, ovviamente, vedranno che i risultati dello studio dimostrano che in realtà abbiamo due opzioni di trattamento altrettanto efficaci per la depressione ricorrente: una riguarda otto settimane di terapia psicologica, l'altra si basa sull'assunzione di farmaci per due anni. La sfida ora è di rendere entrambi ugualmente disponibili nei servizi di trattamento.

Segui @ProfDFreeman e @ JasonFreeman100 su Twitter

Questo articolo è apparso per la prima volta su The Guardian: http://www.theguardian.com/science/blog/2015/apr/21/could-mindfulness-th…

Solutions Collecting From Web of "Consapevolezza contro antidepressivi: quale funziona meglio?"