Conosci te stesso

Jastrow/Wikimedia
Fonte: Jastrow / Wikimedia

David, un assistente sociale in pensione, mi ha parlato del suo incontro con una meditazione consapevole fatta da un rabbino nella sua sinagoga locale. Ha riferito di 12 partecipanti, per lo più uomini e donne anziani e un solo giovane adulto. Dopo essere stati invitati a chiudere gli occhi, mettersi a proprio agio in posizione seduta e rilassarsi, i partecipanti sono stati indirizzati a concentrarsi su tre stati mentali successivi.

In primo luogo, ai partecipanti è stato chiesto di abbracciare compassione e sentimenti caritatevoli per coloro che altrimenti potrebbero sentirsi poco gentili verso (per circa 20 minuti); poi è stato loro chiesto di concentrarsi empaticamente su un estraneo immaginario (circa 15 minuti), poi su se stessi, con una simile attenzione caritatevole. Essendo l'idea, il rabbino disse loro, che per alleviare lo stress e trovare la pace della mente, potevano iniziare empatizzando con gli altri, non se stessi, dal momento che così tante persone altrimenti socialmente consapevoli erano autoironiche.

David disse che trovava abbastanza facile avere compassione e carità verso coloro che detengono valori diversi, anche quei valori che sentiva erano meschini, antisociali e assolutamente inaccettabili per lui, dal momento che credeva che se fosse allevato sotto simili circostanze sociali e inculcato con sistemi di credenze simili, avrebbe mantenuto i loro valori.

Gli ho chiesto se credeva che coloro con i quali non era d'accordo possedevano un libero arbitrio ed erano responsabili delle loro scelte. Sì, rispose, sebbene avessero il libero arbitrio e il senso dell'agire, le loro scelte erano limitate o inesistenti.

Tornato alla sua meditazione consapevole, disse che era difficile connettersi con un estraneo invisibile, senza aver prima notato caratteristiche personali, come il proprio volto, il linguaggio del corpo e simili. La sua mente resistette all'invito, non volendo andarci. Invece, è andato in pigiama, aspettando la prossima direttiva del rabbino, per provare compassione per se stesso.

Sapeva che sarebbe stato difficile, dal momento che aveva letto il mio recente blog e sentito un pizzico di senso di colpa, se non la conformità per non aver reso il mondo un posto migliore. Per quanto provasse, non fu in grado di trovare conforto, fino a quando, per caso, trovò un'empatia per farsi rispolverare da quelli con cui provava empatia. Ha detto di provare un nuovo senso di sé per aver provato, anche se senza successo, a rendere il mondo un posto migliore.

Mi sono congratulato con David per aver spiegato come l'empatia con gli altri non potesse solo superare i nostri sentimenti invalidanti di perpetuo disgusto e rabbia verso quelli che potremmo essere in disaccordo, ma ci permettono di trovare sollievo dal senso di responsabilità senza fine per non intraprendere azioni dirette contro tutti torti nel mondo, a causa delle nostre scelte limitate, anche di fronte al libero arbitrio.

*

Un'altra risposta al mio recente blog sulla difficoltà di auto-perdono è venuta da Ben, che voleva ulteriori chiarimenti sul mio metodo triplice per aumentare rapidamente i clienti e ottenere un rapporto. Ho risposto a Ben come segue:

I tre tipi che danno una forza individuale nel dominare il loro mondo sono cinestetici, uditivi e visivi. Ad esempio, la persona con un tipo uditivo forte può padroneggiare più facilmente le lingue straniere, eseguire musicalmente, parlare in pubblico, eccellere nell'ascolto, ricordare le conversazioni passate, divertirsi leggendo romanzi, ecc.

Quelli con forti capacità visive sono bravi nelle relazioni spaziali, non hanno bisogno di un GPS dopo aver guardato una mappa quando si guida in un territorio inesplorato, vedere il quadro generale, possedere le migliori capacità analitiche, buon giardino e interior designer, architetti, ingegneri, possono fare decisioni rapide e simili.

E quelli con forti abilità cinestetiche sono dotati di una capacità di connettersi con gli altri, aumentano le sensazioni degli altri in un secondo, sono comprensivi, romantici, guidati da come si sentono sulle cose e si sforzano per l'armonia sociale.

Ho incontrato solo una persona negli anni forte in tutti e tre i tipi. Quasi tutti hanno due tipi preferiti, un tipo principale e un tipo secondario. I partner di successo in una relazione avranno un tipo in comune, che tiene insieme la relazione, ma in genere l'altro tipo che li separa. "Non capisci cosa intendo?" "Non senti una cosa che dico?"

Eppure, questi tipi opposti sono ciò che danno alla coppia una forza inquietante fornendo una forza triplice alla partnership nei confronti del mondo esterno.

Quegli individui senza un senso cinestetico forte o secondario sono spesso eccellenti scienziati, chirurghi, finanzieri, militari in ottone e simili.

Far combaciare il tipo forte di cliente non solo mi aiuta a stabilire un rapporto immediato, ma mi aiuta ad aiutare le coppie che litigano a capire e ad apprezzare il tipo sbagliato dell'altro.

*

Questo blog è stato co-pubblicato con PsychResilience.com

Solutions Collecting From Web of "Conosci te stesso"