Conosci te stesso?

La conoscenza dei nostri stati mentali sembra essere la cosa più sicura al mondo, non è così? Sicuramente so cosa provo e penso in questo momento e lo conosco più sicuro di qualsiasi altra cosa che potrei sapere. Destra? Il filosofo Eric Schwitzgebel chiede di dissentire.

Lo scetticismo sulla nostra conoscenza del mondo esterno (chiedendo se sappiamo qualcosa sul mondo esterno) ha una lunga tradizione filosofica. Credi di sapere che hai due mani, vero? Ma potresti sognare di avere due mani o potrebbe essere che un demone malvagio (del tipo considerato da Descartes nelle Meditazioni metafisiche) ti stia prendendo in giro. Sai davvero che non stai sognando? Sai davvero di non essere ingannato da un demone malvagio? O per dirla in termini più contemporanei, sai davvero che non sei nella matrice? E se non conosci queste cose, allora come puoi affermare di sapere che hai due mani?

Al contrario, la conoscenza di noi stessi sembra molto più sicura! So di certo che ho l'impressione di vedere due mani (anche se non vedo di fatto due mani). Sicuramente so che ho l'impressione di vedere il mio portatile (anche se non vedo di fatto il mio portatile). Certo, potrei sbagliarmi riguardo ai miei stati mentali passati (la mia memoria poteva fallire), ma non potevo sbagliarmi sui miei attuali stati mentali.

Schwitzgebel è fortemente in disaccordo con questa linea di pensiero. Egli afferma che la nostra conoscenza della nostra esperienza soggettiva è al meglio discutibile e che le nostre affermazioni su ciò che stiamo vivendo sono in genere inaffidabili. In ogni caso, sono in genere meno affidabili delle affermazioni sul mondo esterno! Non sai davvero cosa stai veramente provando e pensando in questo momento!

Al contrario, lo psicologo Russ Hurlburt crede che possiamo acquisire una conoscenza accurata di noi stessi, quando l'introspezione è fatta metodicamente per mezzo di un protocollo sperimentale che ha progettato (Descriptive Experience Sampling). Hurlburt fornisce ai soggetti un segnale acustico che emette un segnale acustico a caso. Quando il cicalino emette un segnale acustico, i soggetti devono scrivere le loro esperienze correnti. Più tardi, lo psicologo (cioè Hurlburt) intervista questi soggetti e li invita a descrivere le loro esperienze passate in maggiore dettaglio.

Di recente, Schwitzgebel e Hurlburt si sono uniti per mettere alla prova lo scetticismo di Schwitzgebel. Hanno intervistato un soggetto (chiamato "Melanie") secondo il protocollo sperimentale di Hurlburt. Descrivere l'esperienza interiore descrive i risultati di questa collaborazione. Gran parte del libro riporta le interviste di Melanie fatte da Hurlburt e Schwitzgebel.

Nel libro, Schwitzgebel è costantemente scettico sulle affermazioni che Melanie fa delle sue esperienze. A mio parere, gli scambi tra Melanie, Schwitzgebel e Hurlburt in qualche modo supportano lo scetticismo di Schwitzgebel. Come Schwitzgebel, sento che Melanie è involontariamente guidata da Hurlburt per descrivere le sue esperienze passate in modi specifici. Ma il lettore di questo blog dovrebbe inventarsi la propria mente. Questo è un libro affascinante e lo consiglio vivamente.

Solutions Collecting From Web of "Conosci te stesso?"