Conosci i tuoi fattori di deragliamento? Seconda parte.

Di recente ho pubblicato "Conosci i tuoi fattori di deragliamento, prima parte". Ho scritto questo pezzo appositamente per le donne e le questioni che riguardano loro, ma l'articolo sembrava risuonare con tanti uomini quante donne. E ha chiaramente colpito i nervi perché il post è diventato un po 'virale, specialmente su LinkedIn dove ha avuto più di 40.000 visualizzazioni e centinaia di commenti in sole 24 ore. Per ricapitolare, i primi sei fattori di deragliamento erano i seguenti:

1. Non costruire relazioni efficaci

2. Mancanza di competenza nella leadership

3. Utilizzo di comportamenti che non ti servono

4. Incapacità o riluttanza a gestire

5. Tutto per il lavoro

6. Non si adatta ai cambiamenti

In questo articolo guardo ai prossimi sei. Ora ricorda, ci sono potenzialmente centinaia di fattori di deragliamento. Ma questi sono quelli che ritengo particolarmente rilevanti al momento. Mi piacerebbe sapere nei commenti, quali di questi sono in risonanza e quali altri fattori potresti affrontare che potrebbero potenzialmente far deragliare la tua carriera?

7. Non capire come il tuo lavoro contribuisca agli obiettivi organizzativi

Capisci in che modo il tuo lavoro si adatta agli obiettivi più ampi dell'azienda in cui lavori? Molte persone vengono deragliate perché, mentre svolgono un ottimo lavoro nella loro parte di business, non capiscono realmente come quel lavoro contribuisca agli obiettivi generali dell'organizzazione in cui si trovano. Nessuno lavora nel vuoto. Devi capire come ciò che fai conta nello schema di cose più ampio e più grande. E devi anche sapere come indirizzare i tuoi obiettivi, priorità e risultati a quelli del business. In un mondo ideale, avresti un manager o un leader che lo renderebbe cristallino. Ma sapendo che una grande maggioranza del disimpegno in un'azienda deriva dalla mancanza di chiarezza sulla visione organizzativa e sugli obiettivi, non si può contare su di esso. Fai quello che puoi per chiarire il perché e il modo di ciò che conta nel tuo lavoro e in che modo contribuisce. E se non sei ancora sicuro, trova un mentore o uno sponsor che sappia e possa aiutarti a risolverlo.

8. Non essere disposto a navigare nella politica

Politica, quella vecchia castagna? Cerchiamo di essere chiari, questo è molto sul potere, ovviamente. Ma riguarda anche le dinamiche e le relazioni umane. Guardati intorno. Dove sono le relazioni? Dove sono le strutture di potere? Chi ha il potere e quale forma prende? Dove sono le aree problematiche del business di cui devi essere a conoscenza? Chi sono i principali stakeholder? Dove sono gli ordini del giorno? In che modo queste agende si riferiscono a ciò che stai facendo nella tua parte di attività, e cosa devi fare nella tua carriera? Chi può essere un ostacolo ai tuoi obiettivi? Capire questo paesaggio è di fondamentale importanza. Se non comprendi il panorama politico, puoi far deragliare la tua carriera senza nemmeno saperlo. Per quanto possiamo non voler giocare nella cava politica, come minimo dobbiamo capire qual è il contenuto e il contesto di quella cava di sabbia. Non essere ingenuo su questo, o potrebbe assolutamente deragliare.

9. Essere un pleaser popolare

C'è un'epidemia che sta devastando i nostri luoghi di lavoro. Si chiama sindrome della gente piacevole e colpisce particolarmente le donne. Non importa se vuoi metterlo giù in natura o coltivare. Puoi dare la colpa al doppio legame, la ricerca mostra che le donne possono essere percepite come competenti o simpatiche, ma non entrambe (pensa a termini affettuosi come cagna o ballbreaker e ottieni l'immagine). Indipendentemente dal come e dal perché, siamo abbastanza chiari su cosa. Il comportamento piacevole della gente è qualcosa del genere: vogliamo piacere, vogliamo essere simpatici, vogliamo aiutare, non vogliamo arruffare penne. E non ci piace lo scontro, in generale. Ora, in generale, è importante. Questo può o non può applicarsi a te. Ma date un'occhiata comunque. Sei un piacere per le persone? Le piacevoli persone della tua carriera influenzano le decisioni che prendi? Ha un impatto quando parli e in effetti cosa dirai quando parli? Vai ad esprimere opinioni per assicurarti che quando dai la tua opinione nell'incontro non sconvolgi la gente, che ti piacerà e che tutti saranno ancora felici con te? È stancante scrivere solo quello, per non parlare di viverlo. Ma è ovunque. Metti sotto le coperte delle storie che stai raccontando e dell'impatto che stanno avendo. Questo è enorme, non superarlo troppo in fretta.

10. Mancanza di auto-consapevolezza e auto-accettazione

Molti anni fa ho lavorato con un dirigente anziano che era assolutamente narcisista, controllante, maleducato e arrogante nel modo in cui si comportava. Eppure è apparso chiaramente a tutti quelli intorno a lui che non aveva idea del suo impatto sugli altri. Sfortunatamente, ha avuto tanto successo nella sua attività, e io ho avuto successo in termini monetari, che il suo comportamento è andato fuori controllo per un tempo molto lungo. Ma alla fine la sua mancanza di autocoscienza si è rivelata un fattore di deragliamento ed è stato costretto a mettersi sotto controllo. La ragione per cui tali comportamenti si sono rivelati così a lungo era che non aveva consapevolezza di come agiva e del suo impatto, e per molti anni, anche quando gli fu fatto notare, rifiutò di accettarlo. Fino a quando non era quasi troppo tardi. Pensa ai tuoi livelli di autocoscienza e accettazione. Spero che tu sia consapevole dei tuoi punti di forza e di come ti aiutano ad eccellere. Cos'altro ti serve per attirare la tua attenzione? Che impatto hai sulle altre persone, quale energia porti, quale feedback ottieni che rispondi come una falsità perché non vuoi accettarla? Vai un po 'più a fondo qui e vedi quale consapevolezza puoi portare che può aiutarti.

11. Mancanza di follow-through

Tutti abbiamo conosciuto queste persone. Abbiamo lavorato tutti con queste persone. Potresti essere stato una di queste persone (ma spero di no) che dice che faranno qualcosa e semplicemente non lo faranno. Mai. Ottengono una reputazione e succede qualcosa del genere: sei seduto in un incontro con detta persona; stanno dicendo tutte queste cose fantastiche e stanno mettendo a punto le migliori idee del mondo; stanno dando un grande contributo, e poi dicono (aspettalo), "Sto per tornare e fare X, Y e Z". E tutti intorno a quel tavolo sono seduti lì a pensare: "Davvero? No, non lo è. "È davvero difficile rispettare una persona come questa e nessuno li vuole nella propria squadra. Allora, dove sei con questa semplice domanda: fai quello che dici che farai? È così semplice. Fai quello che dici che farai? Se non lo fai, se hai l'abitudine di non seguire, allora riconoscilo come un fattore di deragliamento e inizia a controllarti prima di aprire la bocca per commettere o prima di inviare quell'e-mail per dire "Farò X, Y e Z. "Perché è meglio non commettere che metterlo là fuori e non seguirlo. È una delle più semplici regole di esecuzione indipendentemente da ciò che fai per vivere, ed è davvero solo sull'integrità personale. Segui i tuoi impegni. Non è scienza missilistica.

12. Essere sul treno del burnout

Questo è forse il fattore di deragliamento più comune e quello che influisce non solo sulla tua carriera, ma sulla tua intera vita. Sai come va. Hai cose importanti da fare nel mondo. Potresti essere nella categoria di personalità di tipo A e stare fermamente nella tua guida e sforzarti di energia. Potresti anche avere la tendenza ad essere un maniaco del lavoro, avere una spiccata incapacità di stabilire dei limiti per te stesso e magari metterti ultimo quando si tratta della tua salute e del tuo benessere (sembra familiare?). Se sei su quel treno, ho un grosso biglietto d'oro per te. È il biglietto per il burnout. Ora questo non è facile, te lo concedo. Ma come chiunque si sia bruciato dal superlavoro, dalla mancanza di confini e dall'assenza di sé (sì che include me), è un lungo, lungo ritorno. Ciò si riduce all'intenzione positiva, all'autocoscienza e alla comprensione delle storie che ti raccontano sul perché lavori come fai tu. Devi essere intenzionale riguardo alla tua salute, al tuo benessere, a come bilanciare il lavoro e la vita, e perché fai ciò che fai. Verificalo davvero, sii reale e metti in atto le strategie che ti aiutano a prosperare, non solo a sopravvivere.

Così il gioco è fatto. In tutto dodici motivi troppo comuni per cui le persone deragliano le loro carriere, spesso senza nemmeno rendersene conto. Non lasciare che uno di questi fattori abbia un impatto negativo sulla tua carriera. Ti meriti una carriera che ami e per tutto il tuo duro lavoro da ripagare. Passa un po 'di tempo a riflettere su ciascuno di essi e pensa a fattori aggiuntivi che potrebbero portarti fuori rotta, in modo che non lo facciano.

Se hai bisogno di più ispirazione e supporto nella tua carriera, consulta il nuovo programma online The Career Toolkit per strategie collaudate per una carriera appassionata e mirata. E assicurati di scaricare GRATIS Possibility Planner 2016 per aiutarti a vedere il nuovo anno e prepararti al successo – include anche uno speciale codice di sconto per Career Toolkit.

Solutions Collecting From Web of "Conosci i tuoi fattori di deragliamento? Seconda parte."