Conoscenza dei sogni

La scorsa notte ho sognato di ricevere una chiamata da un potenziale datore di lavoro che avevo intervistato alcuni mesi fa. Ricordo di aver ricevuto un telefono da qualcuno che diceva "Questa chiamata è per te". Riuscivo a malapena a sentire il chiamante. Mi ci sono voluti alcuni secondi per ricordare la voce.

Si identificava come Ronnie dai "servizi di ricerca strategica" dell'azienda o qualcosa del genere. Ho poi ricordato di aver intervistato con lei e ho ricordato l'edificio in cui si è svolta l'intervista e le emozioni che ho provato al momento dell'intervista e così via. Mi sono ricordato che durante l'intervista mi è stata fatta una sorta di test … una domanda del tipo: "Cosa faresti se si sviluppasse questo tipo di situazione?" Ricordo di aver suggerito una soluzione un po 'innovativa e rischiosa, ma ci andai comunque e poi ho cancellato la possibilità che io ottenessi il lavoro quando non ho sentito nulla dopo l'intervista.

Dopo aver ricordato tutte queste cose mentre ero al telefono con la voce di Ronnie Ronnie, è tornata e lei mi ha detto alcune cose carine e sostanzialmente mi ha offerto il lavoro. Ero esitante ad accettare perché non era l'ideale per me per molte ragioni. Così ho detto a Ronnie: "Dovrei pensarci un paio di giorni e chiamarti?"

Quando non ha risposto, ho ripetuto il suo nome un paio di volte, pensando di aver perso la connessione. Ho controllato il telefono per vedere se qualcosa era sbagliato e poi mi sono svegliato.

Al risveglio ho capito che l'intervista citata nel sogno era davvero accaduta, MA era successo in un altro sogno NON nella "vita reale".

Quell'altro sogno era successo almeno uno o due mesi prima. Ho iniziato a ricordare altri frammenti di quel "sogno di intervista" dopo che ero sveglio per alcuni minuti. L'avevo completamente dimenticato, ma la mia mente sognante non l'aveva dimenticato! È come se la mia mente onirica avesse accesso a una memoria di ricordi onirici a cui la mia mente sveglia non poteva accedere se non spronata a farlo da condizioni speciali come questo sogno di lavoro che avevo appena avuto.

Ora, se la mente che sogna ha una propria riserva di ricordi è possibile che quella riserva di ricordi possa crescere nel tempo. Se ciò è possibile, la mente che sogna può attingere a quel negozio di memoria per produrre speciali tipi di conoscenza che possono essere usati nella vita di veglia.

Molti scienziati tuttavia respingono i sogni come un rumore così insignificante associato al sonno. Credono che nessuna nuova conoscenza possa maturare dall'atto del sognare. Sebbene molte culture pre-moderne pensassero diversamente, il pregiudizio che regna (e in realtà tutto ciò che è dato dalle prove scientifiche a sostegno della conoscenza derivata dai sogni) nel mondo moderno è che i sogni non contribuiscono alla conoscenza.

Il rapporto occasionale che le scoperte scientifiche o tecniche scoperte in un sogno sembra non aver intaccato il pregiudizio moderno contro i sogni. Né la recente dimostrazione che entrambe le forme del sonno umano (sonno REM e NREM) contribuiscono ai processi di consolidamento della memoria, anche se è difficile vedere come si possa accumulare conoscenza (addormentata o sveglia) senza il consolidamento della memoria!

Ma ci sono prove che la mente che sogna costituisce un sistema che produce conoscenza. Le persone che hanno conservato la documentazione dei loro sogni per molti anni hanno ripetutamente notato che i sogni si riferiscono spesso l'un l'altro – che un tema o un'immagine di un sogno si ripete in un altro sogno e così via. Quelle immagini e temi ripetuti a volte non sono riconducibili a residui o eventi diurni. Invece trovano la loro fonte nei sogni precedenti.

Le immagini sono nate nei sogni e riappaiono nei sogni successivi opportunamente modificati a causa del passare del tempo. Queste immagini dei sogni non riflettono la vita emotiva del risveglio. Invece le immagini dei sogni hanno una vita o logica e logica propria. Ma questo è tutto ciò che sappiamo di loro.

Il grande psicologo dello sviluppo Jean Piaget sembrò pensare che i sogni accumulassero anche forme specializzate di conoscenza. Discuteva (Piaget, J. (1962). Gioca, sogna e imita nell'infanzia. New York: WW Norton) che i sogni (come il gioco) mostrano schemi di pensiero "preoperatori" che caratterizzano le forme di cognizione comuni nei bambini prima che raggiungano adolescenza. Secondo Piaget, nei sogni noi adulti ritorniamo alle forme di cognizione preoperatoria e poi, quando ricordiamo un sogno, cerchiamo di tradurre questa forma di cognizione in un linguaggio adulto. L'immagine nei sogni costituisce una prima bozza di imitazione che il bambino utilizza nella vita di veglia per apprendere i comportamenti degli adulti.

L'immaginario imitativo carico di affetti derivati ​​nei sogni supporta il pensiero preoperativo nel bambino e cresce in un sistema di immagini che può essere utilizzato in varie forme di attività simbolica, dai sogni al gioco all'arte e all'immaginazione.

Tutte queste considerazioni suggeriscono quindi che la mente che sogna possa accedere regolarmente a un sistema di memoria specializzato ed è questo sistema di memoria specializzato che produce le caratteristiche cognitive uniche dei sogni stessi.

Solutions Collecting From Web of "Conoscenza dei sogni"