Connettersi di nuovo? Oppure, hai un brutto caso di ripetizione?

"Stai bene?"

Una definizione popolare di follia sta facendo la stessa cosa più e più volte in attesa di risultati diversi. Nel gergo psichiatrico, di solito si chiama coazione a ripetere , o "i vecchi RC"

Quando prendi il telefono intorno a mezzanotte dopo aver passato la giornata cercando di non pensare alla ragazza o al ragazzo che sei stato felice di lasciare indietro (tranne forse la parte sessuale) potresti essere sorpreso di sapere che Freud ha qualcosa da dire su quelle a tarda notte testi o chiamate che continui a fare in quel "ex".

Quella roba solitaria spesso si insinua di notte. Dopo un po 'avanti e indietro con te stesso, ti abbatti e prendi il telefono e colpisci quell'ossessione da poco licenziata (anche se, per qualche ragione, in quel momento non puoi concentrare la tua attenzione sul motivo del licenziamento). Oppure, se quella persona non è in giro, opta per un sostituto ragionevole – qualcuno che ti ha agganciato lo scorso Natale, o il cui numero hai preso in un bar o anche qualcuno che hai incontrato e scambiato sguardi veloci ma al vapore con una festa pochi settimane fa.

Per prima cosa provi a mandare messaggi. (Che manoscritto è un mendicante! Meno imbarazzante, in qualche modo, più non impegnativo, rende più facile nascondere la tua vulnerabilità.) Passano cinque minuti: nessuna risposta. Dieci minuti. A quindici anni sei davvero investito nel non essere soli. Finalmente piangi "zio!" E fai quella dannata telefonata. Ma non voler sembrare vulnerabile (e forse solo un po 'di vergogna) ti fa sperare sia che lo farà e che non prenderà il telefono.

Ovviamente, trattare la "solitudine" in questo modo non è necessariamente tanto il "chi" quanto il "perché".

Il gioco del richiamo del bottino scavalca la parte del nostro cervello dove la tristezza e la confusione ci stanno fissando. Quindi distogliere l'attenzione dal dolore in questo modo aggira il nostro bisogno di piangere e guarire dalla perdita. Distoglie anche la nostra attenzione dalle conseguenze di tale evasione. A proposito della definizione di follia di cui sopra, se continuiamo a distogliere la nostra attenzione dal fare questo lavoro spiacevolmente e continuare a sistemare per Mr o Ms Right-Now, quei messaggi di testo a tarda notte ( swip a destra o equivalenti) diventeranno probabilmente un abitudine che non può essere infranta per mesi o addirittura anni.

Come si inserisce l'irrelazione?

Un'irrelazione è un sistema di difesa psicologica a due persone che ci difende dall'ansia. Ci protegge dalla consapevolezza delle paure e delle apprensioni che derivano dall'assunzione di rischi emotivi. Tuttavia, l'irrealizzazione non ci protegge dalle conseguenze di nascondere i nostri cuori e nasconderci dai nostri cuori. Ripetere lo stesso tipo di "relazioni" disfunzionali più e più volte (anche se stai ancora vivendo insieme) è un tipo cronico di irrelazionalità.

Un altro svantaggio è che, come i collegamenti a tarda notte, le relazioni irlandesi ti lasciano i postumi di una sbornia – una sensazione vaga, qualcosa – semplicemente-non-giusta – la mattina dopo, o anche prima. La differenza è che nelle relazioni, sei praticamente consapevole del fatto che "qualcosa-non-giusto" si sente praticamente tutto il tempo. E dal momento che stai bloccando la consapevolezza di certi tipi di sentimenti, cioè, dolore, perdita, paura di essere solo o abbandonato; stai anche bloccando il tipo di esperienze vitali ed emotive necessarie per rompere questo ciclo.

I RC

Uno dei concetti fondamentali di Sigmund Freud è la coazione a ripetere (o "RC"). Freud osservò che molte persone sembravano guidate dall'obbligo di ripetere modelli di comportamento autodistruttivo. Mentre alcune delle persone che Freud osservava erano francamente consapevoli e in grado di parlare delle loro compulsioni, altre erano inconsapevoli o fingevano di non esserne consapevoli. Ciò che affascinava Freud era che la consapevolezza di una RC non sembrava fare molta differenza nella capacità di una persona di controllarla o modificarla.

Quelli di noi che hanno sperimentato l'abitudine al richiamo del bottino sono probabilmente consapevoli di quanto sia difficile evitare di prendere quel telefono, anche se sappiamo che non ci sentiremo troppo bene per questo "dopo"! Ricordare quei sentimenti non è sufficiente per gettare acqua fredda sul nostro desiderio di non essere soli.

Il saggio di Freud (1914), "Ricordare, ripetere e lavorare attraverso" ha introdotto i concetti di coazione alla ripetizione e di lavoro attraverso tale coazione. Un passaggio particolarmente noto fornisce una definizione di acting out:

Il paziente non ricorda nulla di ciò che ha dimenticato e represso, ma lo mette in pratica. Lo riproduce non come un ricordo ma come un'azione; lo ripete, senza, naturalmente, sapendo che lo sta ripetendo … non può sfuggire alla costrizione a ripetere; e alla fine capiamo che questo è il suo modo di ricordare (pagina 471).

In modo simile, Rycoft (1995) vede la ripetizione / recitazione come "un sostituto per ricordare eventi del passato" mentre lo psicanalista francese Jaques Lacan (1988) descrive l'acting out come "una richiesta di riconoscimento".

Comunque lo inquadriamo, l'acting out è generalmente visto come un comportamento che ci permette di bypassare la consapevolezza di un'emozione intollerabile. Si potrebbe anche sostenere che un compito primario della nostra mente inconscia è di proteggerci dalle emozioni scomode: paura, dolore, tristezza e simili.

L'irrelazione ha la stessa funzione. Come una compulsione alla ripetizione, completa un processo che sentiamo di dover realizzare agendo su una routine di song-and-dance costruita con cura. In questo caso, la routine di song and dance di irrelationship corrisponde ai comportamenti recitati che compongono una call-booty.

Se recitare è ricordare, e una chiamata al bottino è una ricerca di riconoscimento, quindi il fondamento ossessivo-compulsivo di una relazione disfunzionale è la ripetizione di un conflitto emotivo cruciale.

Quando ci relazioniamo con gli altri attraverso le nostre routine di song-and-dance, ci distanziamo dal percepire la profondità della separazione rappresentata dai nostri comportamenti recitazione. Il "sollievo" di una serata a tarda ora è anche un "sostegno" sempre più povero per sperimentare tristezza e lutto per perdite o perdite pregresse. Finché rimandiamo a fronteggiare questi sentimenti, rimandiamo la possibilità di "andare avanti" in modo da non aver più bisogno di tale sollievo.

Sé e Altro

Nell'irranazionalità come in altri tipi di ossessione, la cosa che pensiamo di volere o di cui abbiamo più bisogno è appena un po 'fuori portata, che è precisamente il punto. Nel pensare alle chiamate al bottino e ad altri tipi di irrelationship, forse possiamo considerare una tattica diversa: ritardare la gratificazione in modo che gradualmente sviluppiamo abbastanza obiettività sui nostri sentimenti per creare uno spazio per entrare in una diversa prospettiva sul nostro comportamento e optare per un diverso soluzione. Tale autoconsapevolezza è un elemento fondamentale dell'accettazione di sé che è cruciale per dare e ricevere amore.

Il nostro lavoro sulla ripetitiva e lenta distruttività delle irrelationship è basato su una prospettiva che incorpora la psicoanalisi relazionale e la neuroscienza cognitiva. Offre la speranza che ciò che è sempre stato necessario non sia sempre, che risultati diversi possano essere realizzati decostruendo la nostra "stessa cosa più e più volte" e arrivando a credere che possiamo andarcene.

Riferimenti

Freud, S. (1914). Ricordando ripetere e lavorare. Edizione standard , XII , 145- 156.

Lacan, J. (1988). I documenti tecnici di Freud . New York: Norton.

Rycroft, C. (1995). Dizionario critico della psicoanalisi. New York: Penguin.

* foto da www.totalbeauty.com (archiviata per il riutilizzo)

Visita il nostro sito Web: http://www.irrelationship.com

Seguici su Twitter: @irrelation

Metti Mi piace su Facebook: https://www.facebook.com/groups/293107074222922/

Leggi il nostro blog Psychology Today: http://www.psychologytoday.com/blog/irrelationship

Aggiungici al tuo feed RSS: http://www.psychologytoday.com/blog/irrelationship/feed

* The Irrelationship Post del blog ("Il nostro post sul blog") non è destinato a sostituire la consulenza professionale. Non saremo responsabili per eventuali perdite o danni causati dall'affidamento alle informazioni ottenute tramite il nostro post sul blog. Si prega di chiedere il parere di professionisti, se del caso, per quanto riguarda la valutazione di eventuali informazioni specifiche, opinioni, consigli o altro contenuto. Noi non siamo responsabili e non potremo essere ritenuti responsabili per commenti di terze parti sul nostro blog post. Qualsiasi commento degli utenti sul nostro blog post che a nostra sola discrezione limita o inibisce qualsiasi altro utente dall'uso o dal godimento del nostro blog post è vietato e potrebbe essere segnalato a Sussex Publisher / Psychology Today.

Solutions Collecting From Web of "Connettersi di nuovo? Oppure, hai un brutto caso di ripetizione?"