Connessioni e amici con vantaggi: tutti lo stanno facendo davvero?

Sfogliando i canali televisivi e scansionando i titoli delle notizie, si arriva spesso al verificarsi di collegamenti casuali e conseguenti interruzioni. Sconcertante è il vero fenomeno dell'agguarsi come un comportamento che viene propagandato come socialmente normativo. Che si tratti di un episodio di Grey's Anatomy o delle vite intime dei politici, il tema della devianza sessuale è quello che intriga il pubblico e spesso confonde ricercatori e medici. Justin Timberlake e l'ultimo film di Mila Kunis, "Friends With Benefits", è certamente un cenno a questa nuova "tendenza", così come Natalie Portman e Ashton Kutcher "No Strings Attached".

Gli incontri sono generalmente definiti come incontri sessuali casuali che possono includere o meno i rapporti e che di solito si verificano durante un'occasione singolare tra estranei o conoscenti incontrati di recente. Una caratteristica unica dei collegamenti è che non ci sono aspettative per il futuro impegno romantico. È strettamente correlato al concetto di "amici con benefici" rispetto all'elemento dell'impegno. Non sorprende che molti studi sui collegamenti degli studenti universitari si siano concentrati sul ruolo dell'alcol. L'uso di alcol è stato suggerito per covare con il comportamento sessuale ad alto rischio dello studente universitario, ed è stato anche collegato a un maggiore intento di individuare partner sessuali e un numero maggiore di partner sessuali (Gute & Eshbough, 2008). Inoltre, il più grande fattore che porta a rapporti sessuali indesiderati è un giudizio compromesso a causa dell'alcool (Flack et al., 2007).

Nel 2010, gli scienziati sociali della Duke University hanno condotto uno dei più grandi studi sul comportamento sessuale degli studenti universitari fino ad oggi, esaminando a caso circa 1500 studenti nel tentativo di comprendere meglio la cultura del collegamento. Tra le loro scoperte, circa un terzo degli studenti aveva relazioni impegnate, un terzo impegnato in incontri, mentre un altro terzo era impegnato in nessuno dei due comportamenti (Booher, 2010). Tuttavia, altre stime hanno reso la figura dei collegamenti molto più alta, con il 78% degli studenti che li ha coinvolti (Paul, McManus e Hayes, 2000), sebbene le stime possano variare in funzione della definizione di collegamenti utilizzati dai ricercatori ( cioè, baciando vs. rapporto sessuale). Circa il 23% delle donne e il 7% degli uomini riferiscono di aver avuto rapporti indesiderati e il 78% di incontri sessuali indesiderati che si verificano durante un collegamento (Flack et al., 2007).

Mentre i mass media promulgano spesso il messaggio di collegamenti che liberano le donne dagli stereotipi del ruolo di genere nel tentativo di liberarli, il bilancio emotivo di tali comportamenti è raramente esplorato. Abbiamo visto l'immagine molte volte. La mattina dopo un concerto di una notte, molte donne si risvegliano luminose e con un fascino perfettamente arruffato. Tuttavia, alcune ricerche suggeriscono diversamente. Oltre al più alto rischio di contrarre infezioni sessualmente trasmesse o di essere vittima di violenza sessuale, per molti, un incontro sessuale indesiderato si traduce in una varietà di risposte allo stress, comprese le risposte di intorpidimento ed evitamento e ipereccitazione (Flack et al., 2007) . Come alcuni ricercatori hanno detto, "gli uomini sono premiati per la prodezza sessuale e l'esperienza, mentre le donne sono vergognose per queste … .Come risultato, il collegamento può portare a disagio psicologico a breve termine per le donne" (p.4, Fielder & Carey , 2010). Per quanto riguarda gli effetti a lungo termine, non sono stati trovati studi per esplorarlo.

Quindi cosa prevede un "collegamento"? La giuria è ancora fuori. Le teorie spaziano dalle influenze individuali a quelle socioculturali. Le teorie cognitive sociali suggeriscono l'importante ruolo di modellatura che si svolge su più livelli simultanei; per molti, una relazione intima saliente è modellata dalle relazioni dei genitori, mentre un contesto universitario può fornire un contesto sociale immediato, ei messaggi dai mass media molti comprendono una sfera socialmente dominante che fornisce norme sul comportamento sessuale (Fielder & Carey, 2010 ). Quando l'alcol viene aggiunto all'equazione, una serie di fattori emergono come la previsione di comportamenti sessuali ad alto rischio, tra cui la ricerca di sensazioni, l'impulsività, la propensione alla devianza sociale e l'incapacità di tollerare la noia (Gute & Eshbaugh, 2008).

Mentre alcuni hanno suggerito che i collegamenti siano comuni tra le donne di alto livello e con orientamento professionale, che hanno poco tempo da investire in relazioni impegnate, (come citato in Fielder & Carey, 2010), ci si chiede quali siano le conseguenze finali dei frequenti comportamenti sessuali casuali. Una nuova serie di film come "The Switch", con Jennifer Aniston e "The Back-up Plan", con Jennifer Lopez mostrano donne indipendenti che cercano la maternità attraverso procedure di inseminazione, rifiutandosi di aspettare che l'uomo ideale appaia. Il messaggio qui sembra essere la realizzazione attraverso la maternità che molte donne cercano. Viene ritratta positivamente, raffigurando le donne come forti e autosufficienti.

Eppure, ci si chiede anche quale messaggio positivo emerge dall'immagine della donna che cerca soprattutto la liberazione sessuale? Ad esempio, nel film "All About Steve", Sandra Bullock, che ritragga uno stravagante scrittore di cruciverba intelligente, non perde tempo per un primo appuntamento, svestendo e cavalcando l'uomo nella sua auto parcheggiata nel vialetto dei suoi genitori prima che la data sia addirittura iniziata . Tali manifestazioni di urgenza e disperazione sessuale hanno chiare implicazioni per i giovani adulti e una cultura che sta arrivando a normalizzare il collegamento. Tuttavia, sembra che il problema possa in qualche modo essere ridotto alla norma altamente distorta che viene ritratta nei media che non è indicativa della società in generale.

In uno studio affascinante sul collegamento e sull'ignoranza pluralistica, i ricercatori hanno dimostrato che sia gli uomini che le donne hanno mostrato meno conforto con la percezione della norma di allacciamento di quanto pensassero fossero i coetanei dello stesso sesso. Entrambi i sessi hanno creduto che l'altro genere fosse più a suo agio con l'aggancio rispetto a entrambi i generi effettivamente riportati (Lambert, Kahn e Apple, 2003). Sembra quindi che alla fine, nel caso del collegamento, la rappresentazione dei media sia ben lontana dalla realtà. Invece, sta promuovendo messaggi dannosi che sono pericolosi per il benessere fisico e mentale del pubblico.

Riferimenti

Booher, B. (2010). Sesso, amore e celibato. Duke Magazine.

Fielder, RL, & Carey, MP (2010). Predittori e conseguenze degli "allacciamenti" sessuali tra gli studenti universitari: un breve studio prospettico. Archivi di comportamento sessuale, 39, 1105-1119.

Flack, WF, Daubman, KA, Caron, ML, Asadoriano, JA, D'Aureli, NR, Gigliotti, SN, Hall, AT, Kiser, S., & Stine, ER (2007). Fattori di rischio e conseguenze del sesso indesiderato tra studenti universitari: collegamento, alcol e risposta allo stress. Journal of Interpersonal Violence, 22, 139-157.

Gute, G. & Eshbaugh, EM (2008). Personalità come predittore del collegamento tra studenti universitari. Journal of Community Health Nursing, 25, 26-43.

Lambert, TA, Kahn, AS, Apple, KJ (2003). Ignoranza pluralistica e collegamento. rivista
di Sex Research, 40, 129-133.

* Una parte di questo articolo è stata precedentemente pubblicata nel numero di The Amplifier Spring / Summer 2011

Solutions Collecting From Web of "Connessioni e amici con vantaggi: tutti lo stanno facendo davvero?"