Connessione di recupero e resilienza

La resilienza è definita come la capacità di riprendersi da battute d'arresto, adattarsi bene al cambiamento e andare avanti di fronte alle avversità. Imparare a diventare più resilienti può offrire agli individui l'opportunità di migliorare la propria vita, massimizzando il potenziale e il successo.

Come spiega in modo eloquente Diane Coutu in How Resilience Works:

"Le persone resilienti possiedono le caratteristiche di te – una convinta accettazione della realtà; una profonda credenza, spesso sostenuta da valori fortemente sostenuti, che la vita è significativa; e una straordinaria capacità di improvvisare. Puoi riprenderti dalle difficoltà con solo una o due di queste qualità, ma sarai davvero resiliente con tutte e tre le cose. Le persone resilienti affrontano la realtà con fermezza, rendono il significato delle difficoltà anziché piangere disperatamente e improvvisano soluzioni dal nulla. Altri no. "

Anche se lo scopo di questo studio intrigante era osservare perché alcune persone hanno più successo e resilienza negli affari mentre altre hanno difficoltà, lo stesso principio può applicarsi a coloro che lottano con l'abuso di sostanze. Questo può aiutare a spiegare perché alcune persone hanno bisogno di un tempo di recupero più lungo in riabilitazione mentre altre no; potrebbero essere più resistenti.

Il professore di psicologia della University of Pennsylvania, Martin Seligman, attinge da un programma dell'esercito degli Stati Uniti che aiuta i soldati a riprendersi dopo un trauma, insegna agli studenti a pensare positivamente a battute d'arresto in modo da non imparare l'impotenza. Ciò incoraggia la resilienza creando un ambiente in cui sia gli insuccessi che i successi siano esperienze di apprendimento positive.

Chiaramente, la resilienza è desiderabile e tuttavia tutti noi sperimentiamo fluttuazioni nella resilienza durante le nostre vite. Alcune persone sviluppano poca resilienza. Altri sono abbastanza resistenti ma non lo riconoscono; possono evitare sfide che potrebbero facilmente superare. A volte, più fattori di stress e sfide consumano la capacità di recupero.

Il tuo cervello vuole trovare soluzioni e routine che sono riuscite in passato e ti permettono di ripetere nuovamente quelle azioni in futuro senza doverle pensare esplicitamente. Questo è il modo in cui molte abitudini si sviluppano gradualmente, spesso con poco preavviso. Ciò può comportare la negazione quando una cattiva abitudine viene portata all'attenzione di un tossicodipendente, come ad esempio l'uso di antidolorifici prescritti a lungo termine.

Sfortunatamente, i meccanismi cerebrali che sviluppano abitudini non possono semplicemente imparare a non fare qualcosa. Gli obiettivi negativi sono destinati a fallire perché non creano una serie di abitudini desiderabili, quindi l'alternativa è di stabilire obiettivi e abitudini positivi. La terapia cognitivo comportamentale (CBT) nel recupero delle dipendenze aiuta a cambiare le abitudini negative sostituendole con quelle nuove. Una chiave per il successo del cambiamento comportamentale è di rendere il nuovo comportamento qualcosa che farai coerentemente in quella particolare situazione, in modo che il nuovo comportamento venga associato a quell'impostazione.

Gli approcci CBT hanno avuto un alto grado di successo nel trattamento di una varietà di difficoltà che vanno dalla depressione e disturbi d'ansia al dolore cronico e disturbi del sonno. La CBT basata su punti di forza è un approccio in quattro fasi per costruire qualità positive per sviluppare la resilienza e influenzare il recupero.

  • I terapeuti aiutano i pazienti a identificare i punti di forza esistenti per costruire un modello personale di resilienza.
  • Le immagini e le metafore generate dal paziente sono particolarmente potenti per aiutare il paziente a ricordare e impiegare creativamente nuove qualità positive.
  • Gli esperimenti comportamentali sono progettati in cui l'obiettivo è quello di rimanere resilienti piuttosto che raggiungere la risoluzione del problema.
  • I terapeuti usano metodi costruttivi di terapia e pratiche di intervista incluso un maggiore uso del sorriso e del silenzio.

La CBT basata su punti di forza fornisce un utile ausilio per quegli individui che riportano o dimostrano di non essere resilienti. Viene utilizzato con molti pazienti per migliorare la pianificazione della gestione delle ricadute verso la fine del trattamento della dipendenza costruendo un modello personale di resilienza per l'uso post-trattamento.

Tutti richiedono un piano di trattamento personalizzato grazie alla sua esclusiva capacità di recupero, e quindi alla necessità di una valutazione e di una guida professionale durante tutto il processo. Il recupero a lungo termine è possibile con lo sforzo necessario.

https://hbr.org/2015/01/what-resilience-means-and-why-it-matters

http://www.army.mil/-news/2010/03/29/36520-army-master-resilience-training-course-provides-valued-instruction/

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/cpp.1795/full

Solutions Collecting From Web of "Connessione di recupero e resilienza"