Conflitto genitore-prole: tempo di ascoltare l'argomento

Wikimedia commons
Fonte: beni comuni di Wikimedia

Quasi 40 anni fa, Robert Trivers ha sottolineato che i conflitti familiari sono radicati nella biologia. Contrariamente alla visione prevalente che vede la socializzazione nutrire il bambino contro il grano della sua natura, Trivers ha affermato che "il conflitto durante la socializzazione non deve essere considerato unicamente come conflitto tra la cultura del genitore e la biologia del bambino; può anche essere visto come conflitto tra la biologia del genitore e la biologia del bambino. "Inoltre, a causa della sua dipendenza fisica dai genitori, ha notato che il bambino deve impiegare tattiche psicologiche piuttosto che fisiche.

Per la prima volta, i conflitti familiari sono stati posti su una base oggettiva, quantitativa, scientifica. In effetti, in una delle più incredibili intuizioni della psicologia, Trivers ha dimostrato un teorema che afferma che, in caso di interazioni tra loro, i genitori sono selezionati per chiedere il doppio sacrificio di sé o la metà dell'egoismo (che arriva allo stesso modo cosa) come i loro figli stessi sono selezionati per volere .

E la ragione è semplice: un bambino è due volte più vicino a se stesso che ai suoi fratelli pieni, ma i genitori sono ugualmente legati a tutti i loro figli. Qualsiasi atto di un bambino che conferisca un beneficio netto agli altri bambini è una buona notizia per un genitore. Ma la psicologia di un bambino è stata progettata per far sì che voglia vedere almeno il doppio del beneficio andare al suo fratello pieno prima di essere pronto a sacrificare per questo.

La variabile chiave, l'investimento parentale (PI), è una misura quantitativa di tutti i sacrifici fatti da un genitore per un bambino che promuove la sopravvivenza e il successo riproduttivo dei bambini a un costo per il resto della sopravvivenza genitoriale e del successo riproduttivo. Naturalmente, il bambino è il successo riproduttivo dei genitori, ei genitori sono obbligati a investire nella prole se desiderano avere un successo riproduttivo. Ma il conflitto si verifica ai margini e accende le domande su Cosa? Quanto? e quando? Non ho mai contestato la fame dei miei figli in relazione al primo Big Mac. Gli argomenti sono iniziati con la richiesta di un secondo o di un terzo! E anche il bambino più sveglio vuole dormire qualche volta: le file parlano di quando .

PI di età adeguata è un altro problema critico. La PI generalmente diminuisce con l'età su una curva a S invertita (a sinistra). Ma questo implica che un bambino che regredisce dall'età t (associata a q quantità di PI) all'età t- richiede q + PI. E, naturalmente, i bambini possono regredire, soprattutto se l'investimento che viene sollecitato è la cura e l'attenzione della madre. Quando ho chiesto a una donna incaricata della cura diurna di un bambino quanti anni avesse, ha risposto: "Ha 6 anni o almeno, lo è fino a quando sua madre torna a casa la sera, quando torna ad essere 3 !”

Trivers si è reso conto che i conflitti tra genitori e figli potrebbero essere così intensi da portare a un'escalation della corsa agli armamenti. Molti uccellini hanno spazi vuoti dai colori vivaci che mostrano avidamente ogni volta che un genitore appare con il cibo (in basso a sinistra). Ma l'esperimento ha dimostrato che riporre l'uccellino con il maggior numero di vermi che la sua gola poteva contenere non ha fatto alcuna differenza: anche quando è pieno, l'uccello si spalanca come se stesse morendo di fame! Trivers nota che qualcosa di simile è successo con i bambini umani e piange. A differenza degli adulti, che modulano sensibilmente questo segno di angoscia su un'ampia gamma di frequenze, i bambini tendono semplicemente a piangere a tutto campo per qualsiasi ragione. Il risultato è che gli adulti che noterebbero immediatamente un pianto silenzioso in un altro adulto per strada passano bambini urlanti senza un altro pensiero.

Come suggerisce l'esempio gassoso, Trivers ha dimostrato che questi principi erano di natura universale e applicati a uccelli, mammiferi e, in effetti, a tutte le specie in cui i genitori investono nella prole dopo la nascita. E poiché gli esseri umani investono molto di più e per molto più tempo nella loro prole di qualsiasi altra specie, queste intuizioni devono applicarsi a noi con forza e significato speciali.

Quindi è tanto più notevole che, come Schlomer, Del Giudice e Ellis commentano in un documento storico, la teoria di Trivers della teoria dei conflitti genitore-prole (POCT) "è a malapena conosciuta nelle scienze sociali e raramente è stata applicata agli esseri umani … La cosa più sorprendente è che il POCT è stato quasi completamente ignorato nella letteratura inerente allo sviluppo dei conflitti familiari, l'argomento a cui è più direttamente pertinente. "

Uno dei motivi per cui POCT è stato trascurato da psicologi e scienziati sociali può essere che molti di loro sono genitori – e certamente sono adulti piuttosto che bambini, e spesso svolgono ruoli didattici di un tipo o dell'altro, in particolare se sono psicoterapeuti o professori. Accanto al commento che ho citato all'inizio, Trivers sottolinea che i genitori hanno un insenso biologico per plasmare il comportamento della loro prole a beneficio di se stessi, e poi continua a notare che

Poiché l'insegnamento (al contrario dello stampaggio) dovrebbe essere riconosciuto dalla prole come nel proprio interesse personale, i genitori dovrebbero esagerare nel loro ruolo di insegnanti al fine di ridurre al minimo la resistenza nei loro piccoli. Secondo questa visione, quindi, il concetto prevalente di socializzazione è in una certa misura una visione che ci si aspetterebbe che gli adulti intrattengano e diffondano.

Se i bambini di 4 anni hanno pubblicato post sul sito di Psychology Today, potremmo sentire una storia molto diversa da quella dei genitori che conoscono meglio la socializzazione che di solito sentiamo! In realtà, si potrebbe discutere – e altrove ho – che il dibattito natura / educazione è poco più che un conflitto genitore-prole giocato a livello verbale e alla fine esprime un conflitto genetico irrisolvibile radicato nella riproduzione sessuale.

Schlomer, Del Giudice ed Ellis notano che "POCT si estende senza intoppi dal livello di comportamento a quello della fisiologia e dell'espressione genetica (…); per questo motivo, può fungere da efficace ponte teorico tra discipline tradizionalmente separate, come la psicologia dello sviluppo, la psicobiologia e la genetica del comportamento. "In effetti, aggiungono che" le dinamiche familiari conflittuali a livello comportamentale e / o genetico possono avere raggiungere implicazioni per altre aree di ricerca, come la personalità e la psicopatologia. "Citando la teoria del cervello impresso, essi osservano che, sebbene il

il modello è ancora speculativo sotto diversi aspetti e ha incontrato critiche da parte di alcuni ricercatori (…), è molto promettente per una teoria evolutiva integrata della psicopatologia e può essere utile per comprendere anche la variazione normale della personalità (…). Una migliore comprensione delle basi genetiche ed epigenetiche dell'autismo e della psicosi può anche consentire lo sviluppo di metodi migliorati per la diagnosi precoce e il trattamento di queste condizioni.

Concludono che "il POCT potrebbe potenzialmente rivoluzionare la teoria e la ricerca sul conflitto genitore-figlio umano". Con così tanto in gioco, non è ora che la parte genitoriale inizi ad ascoltare la discussione?

(Grazie a Marco Del Giudice per il suo aiuto.)

Solutions Collecting From Web of "Conflitto genitore-prole: tempo di ascoltare l'argomento"