Confessioni di un serial killer femminile

La scorsa settimana ho scritto su Miranda Barbour, qui, riguardo l'omicidio che lei e il suo nuovo marito, Elytte, avevano commesso insieme lo scorso novembre. Per i calci, avevano attirato un uomo fino alla morte con un annuncio Craigslist. Ho usato il loro caso per descrivere come due (o più) persone possono sviluppare un sesto senso l'uno sull'altro per violenza. Hanno un radar "mur-dar".

Troy LeFerrara, 42 anni, ha risposto alla pubblicità. Lo raccolsero e Elytte usò una corda per renderlo incapace mentre Miranda lo pugnalava ripetutamente. Lo hanno scaricato, pulito il furgone e sono andati in uno strip club per festeggiare il compleanno di Elytte. La loro telefonata alla vittima ha portato la polizia a loro, e sono in attesa di processo.

Lo scorso fine settimana, Miranda, 19 anni, ha dichiarato che non solo era colpevole dell'omicidio di LeFarrara, ma aveva ucciso un gruppo satanico da quando aveva 13 anni. Si suppone che abbia "perso il conto dopo le 22." Se lasciata fuori, lei ucciderebbe di nuovo. Inutile dire che questa confessione ha creato una raffica di resoconti dei media su questo "serial killer femminile".

Ma teniamo presente che, in questo momento, Barbour ha ammesso la colpevolezza per un omicidio per il quale esistono prove. Non è ancora un serial killer confermato. Data la brutalità di ciò, possiamo accettare che sia già stata uccisa prima e forse i suoi racconti saranno convalidati presto, dato che le forze dell'ordine funzionano con qualsiasi cosa le doni. Tuttavia, fino ad allora, dovremmo ricordare le lezioni tratte dai casi passati.

Robert Charles Browne fece scalpore nel 2006 quando affermò di aver ucciso quarantanove persone, diventando il serial killer più prolifico d'America. Ma quando ha battuto il record di "Green River Killer" Gary Ridgway, la sua confessione ha innescato lo scetticismo. Stava solo afferrando per la notorietà?

Nel 1995, Browne si era dichiarata colpevole per l'omicidio del 1991 della tredicenne Heather Dawn Church. Cinque anni dopo, ha inviato note criptiche ai procuratori del Texas che suggerivano più vittime: "Il punteggio sei tu 1, l'altra squadra, 48." (Adesso suona come lo Zodiac.) Ammise di aver ucciso dal 1970, in nove stati diversi. Tuttavia ha fornito informazioni specifiche in meno della metà dei casi, e spesso i suoi lead non sono riusciti a trovare un corpo.

Sfida la ragione di confessare qualcosa che non hai fatto, in particolare l'omicidio, ma alcune ambizioni superano la ragione: notorietà, ad esempio, l'abilità nel gioco e persino l'auto-esagerazione.

HH Holmes fu processato a Philadelphia nel 1896 per una frode assicurativa mortale. Ha insistito per essere innocente, ma per $ 10.000 si è proclamato il più famoso assassino del mondo, sostenendo 100 vittime prima di ridurre quel numero a ventisette. "Il giornale voleva una sensazione", piagnucolò, e prima di entrare nel cappio post-convinzione, ne ammise solo due. La verità era probabilmente molto peggio, ma ci ha lasciato senza risposte.

Il più infame confessore fu Henry Lee Lucas, arrestato nel 1983. Stimò che aveva ucciso 100 persone, ma dopo molta attenzione sollevò quel numero a più di 350 in ventisette stati. Decine di uomini di legge vennero in Texas per chiudere i loro casi aperti, fornendo a Lucas gite e pasti, ma improvvisamente ritrattò. Poi ha insistito che era stato costretto a ritrattare, confondendo tutti.

"Ho deciso di rompere e corrompere qualsiasi agente delle forze dell'ordine che potrei ottenere", ha detto Lucas. "Penso di aver fatto un buon lavoro". Quando è morto nel 2001, tutta la verità è andata con lui.

Il Dr. Steven Egger, professore di Criminologia all'Università di Houston-Clear Lake e autore di The Killers in / Us , aveva intervistato Lucas.

"Era difficile capire quando Lucas mentiva", ammette Egger. "In alcuni casi potrei chiedergli di parlare di un omicidio medio e mi è sembrato che quello che ha detto provenisse dalla sua immaginazione; l'aveva appena pensato. È stato condannato per undici omicidi, quindi è stato un serial killer, ma ha soffiato molto di quello che io chiamo "fumo e specchi" e ha giocato un sacco di giochi ".

Egger sostiene la verifica di qualsiasi serial killer seriale, un caso alla volta. "Molti di loro sono psicopatici e sono bravi a mentire. Non metto molto materiale nelle mie interviste con loro ".

È pericoloso essere creduloni, specialmente per gli investigatori che sperano di chiudere i casi aperti. Potrebbero inavvertitamente rivelare dettagli, permettendo ai trasgressori di giocarli per matti. Inoltre, potrebbero sprecare risorse limitate.

Tuttavia, ci sono anche dei rischi nel respingere questi criminali, in particolare che potrebbero smettere di fornire dettagli.

La linea di fondo è questa: anche gli investigatori esperti non possono individuare un bugiardo intelligente con un programma egoistico. La separazione della verità richiede tempo, pazienza, investigazione e corroborazione di fatti. Soprattutto, richiede la capacità di evitare una corsa al giudizio che potrebbe causare errori.

Resta da vedere se Miranda Barbour sia un nuovo brivido-serial serial satanico unico nel suo genere. Potrebbe facilmente impostare alcuni record, ma è troppo presto per dirlo.

Solutions Collecting From Web of "Confessioni di un serial killer femminile"