Condividere le idee

Quando le lezioni si sono concluse poche settimane fa, ho preso parte ad un raduno nel campus per i nuovi docenti che insegneranno nel seminario del primo anno del mio college in autunno. Il seminario del primo anno presso la mia istituzione ha diversi scopi. In primo luogo, prende il posto del tradizionale corso di scrittura universitaria o di "matricola", anche se il suo obiettivo principale è ancora imparare a scrivere a livello di college (il suo obiettivo secondario è quello di aiutare gli studenti a fare la transizione alla vita universitaria). Secondo, viene insegnato da docenti di tutti i dipartimenti, non solo da colleghi inglesi. Terzo, gli istruttori scelgono un tema o un argomento per il loro corso, il che significa che il contenuto del corso può essere basato sul loro addestramento disciplinare o meno. Nel mio caso, lo faccio "o non" – o almeno per lo più "o no". Invece di insegnare un corso esclusivamente di psicologia, insegno su un interesse del mio-architettura e storia dell'architettura (il mio corso si chiama "I nostri spazi", Noi stessi").

Per questo incontro, mi è stato chiesto di partecipare a un gruppo di discussione sull'insegnamento delle strategie di scrittura e scrittura per coinvolgere gli studenti. Ci sono libri, diari e innumerevoli articoli che trattano l'insegnamento della scrittura, e farlo non è cosa facile, come qualsiasi professore ti dirà (la maggior parte dei docenti cerca di evitare di insegnare a scrivere – farlo bene è una difficoltà – e valutare i documenti scritti di solito è abbastanza impegnativo). Ad ogni modo, non pensavo di avere nulla di nuovo da aggiungere al corpus di lavoro che era là fuori ed era la fine del semestre primaverile. Ero stanco. Così, ho intrapreso il percorso di minor resistenza e ho messo insieme una presentazione PowerPoint sulla mia classe, seguendo più o meno il contenuto del mio programma: i testi che ho scelto, i compiti su carta (quante parole, quante pagine) e il modo in cui Gestisco la componente del seminario della classe, come voto, ecc. Niente di molto sorprendente e certamente niente di innovativo, o almeno così pensavo.

Avevo intenzione di parlare per circa 10 minuti e ho finito per 30 minuti (ho continuato a cercare di finire così gli altri partecipanti alla conferenza potrebbero parlare!). Quello che è successo? Bene, quello che ho pensato non era niente di speciale si è rivelato di grande interesse, almeno per i colleghi che stavano insegnando i loro seminari per la prima volta (ancora una volta, insegnare a scrivere richiede un certo coraggio). Le domande e le discussioni si concentravano in gran parte sugli aspetti pratici del fare una classe per la prima volta, cosa funziona, cosa no, come guastare le riprese e così via. La mia discussione con i miei colleghi è stata piacevole – ho finito per imparare da loro quanto spero abbiano imparato da me. Anche molti veterani del seminario del primo anno che si sono iscritti a un altro tour di servizio hanno condiviso le loro esperienze, gli alti ei bassi.

Durante la nostra discussione, sono rimasto colpito dal potere della pratica, i "dadi e bulloni" dell'insegnamento. Gli psicologi accademici trascorrono molto tempo condividendo le loro idee e scoperte di ricerca con i colleghi interessati, ma tale condivisione avviene attraverso la pubblicazione o la presentazione di peer-reviewed in conferenze professionali. Succede meno frequentemente nel campus, specialmente nei campus più piccoli come il mio, perché non ci sono 30 o 40 altri psicologi nel mio dipartimento, solo 5! Parlare di insegnamento tende ad accadere in modo più informale, durante il pranzo o una tazza di caffè.

La mia presentazione scritta mi ha ricordato che il modo migliore per imparare sull'insegnamento è condividere idee con altri insegnanti. Questa non è una comprensione accecante sulla condizione umana (o educatore), ma è facilmente dimenticabile poiché la maggior parte degli accademici sono confinati dai loro carichi di lavoro alle loro torri d'avorio (nel mio caso, ho diversi progetti di scrittura importanti da fare quest'estate, abbastanza da tenermi fuori dalle strade).

Quindi, per quelli di voi che insegnano o vogliono insegnare o che presto avranno l'opportunità di insegnare, lasciatemi suggerire di organizzare un incontro informale di istruttori esperti e meno esperti. Presentare alcune persone brevemente (circa 10 minuti) e attendere l'inizio della discussione e della condivisione delle idee. Scommetto che lo farà – e sarà molto più costruttivo di quanto chiunque abbia immaginato sarebbe stato. Ogni insegnante apprende strumenti, tecniche e strategie per l'aula al volo, ma molti di essi vengono conservati in memoria. Non saranno condivisi a meno che qualcuno non chieda o organizzi una sede. Quindi, per quei liceo, college e facoltà universitaria che si stanno ambientando nel ritmo dell'estate, prendi in considerazione la possibilità di creare una sorta di sessione di "mini-in-service" prima dell'inizio dell'autunno. Tu e i tuoi colleghi potete condividere idee e trarre beneficio dal potere della pratica: potrebbe solo rendere la transizione di nuovo in classe un vero piacere per settembre.

Solutions Collecting From Web of "Condividere le idee"