Concorrenza, paranoia e cannibalismo

Quella paranoia che senti intorno a te? [1] Le onde radio vibrano di sospetto. Il crimine è in calo, le vendite di armi da fuoco [2]. I droni ti stanno seguendo. Il tuo cibo ti ucciderà. Il presidente è un armadio musulmano, il cambiamento climatico una cospirazione scientifica. Cosa dà?

Ecco un pezzo del puzzle: competizione per la cultura americana. E la competizione e la paranoia sono collegate incestuosamente.

Ci piace pensare alla concorrenza come a uno strumento utile per aumentare il morale e i profitti. Sfrutta "spirito di squadra" e "spirito combattivo". Ottieni un bonus per "battere i numeri" e i tuoi colleghi.

Il problema è che la "buona" concorrenza è in realtà una forma di cooperazione. Sul campo di gioco o in ufficio, i giocatori, anche gli avversari, cooperano per il bene del gioco. Che si chiami sportività o civiltà, questo ethos cerca di impedire agli avversari di diventare nemici paranoici.

Nel calore dell'azione, la cooperazione scivola facilmente nella paranoia. La ricerca del vantaggio strategico è inebriante. Convoca risorse straordinarie di emergenza radicate nella fisiologia della sopravvivenza. Sotto stress, i concorrenti possono sentirsi "alti" nel modo in cui i soldati sperimentano la trance da battaglia, con una paura ridotta e una sensibilità al dolore. In tali confini di stato si confondono. Mentre vai a tutto campo contro gli avversari, puoi competere con te stesso, cercando di pompare quella carica extra vincente di spirito combattivo. La prossima cosa che sai, la competizione diventa "fai-o-muori" e la paranoia sostituisce la cooperazione.

Puoi pensare alla cultura ("buona sportività") come a una tecnologia per gestire la connessione tra competizione e paranoia. Le regole e gli arbitri lavorano per regolare i circuiti di feedback che attirano la rabbia. Ma la competizione violenta può diventare uno stile culturale, con i fan che cercano deliberatamente la possibilità di correre alla deriva. Sul posto di lavoro, il "perdente" è passato sopra o licenziato "va postale" e spara in ufficio. Entusiasmato dai titoli sensazionali, il killer copione tenta di battere il record. Nell'esercito aziendale, il tuo stipendio dipende letteralmente dal tenere alta la "corsa" delle armi e dall'assunzione che le nazioni rivali siano sempre dei "nemici". In politica nessuno batte le palpebre all'idea di annunci di "campi di battaglia competitivi" e "attacchi".

In una cultura che premia l'ambizione di fare o morire e ringhia ai regolamenti, sembra naturale che la violenza venga sublimata in competizione. Puoi dimenticare che in fondo, vincere e perdere sono associati alla sopravvivenza e alla morte

In un'atmosfera del genere potresti essere così abituato alla competizione che potresti anche non rendertene conto di essere coinvolto in esso. Stai solo prendendo in giro o sei idealista o "sta cercando di farlo". Per "vincere" un ragazzo, un ragazzino delle superiori pubblica istantanee nude di se stessa che diventano virali. Gli amanti mettono a confronto se stessi e i loro partner con i rivali e gli ideali, e si preoccupano delle "prestazioni". La competizione invisibile può rompere le relazioni, con molte opportunità per l'amore della tua vita di diventare un avversario silenzioso o, con l'aiuto di un avvocato divorzista, il tuo nemico.

Il lato paranoico della competizione aiuta a spiegare alcune bizzarre anomalie. La California, ad esempio, ha oltre un terzo dei giovani maschi neri in una fase del sistema giudiziario, molti dei quali imprigionati per reati di droga nonviolenta. Puoi indicare il razzismo, ma il razzismo è in parte una reazione paranoica alla competizione per status, sesso, lavoro e, non meno importante, l'autostima. Il sistema giudiziario sta portando fuori dalla circolazione i maschi rivali e la loro energia frustrata.

O considera la lotta per il debito pubblico. Se il debito è a livelli di crisi, come insistono i conservatori radicali, tasse più alte potrebbero ripagarlo. Ma si oppongono alle tasse, chiedendo invece tagli alla spesa, soprattutto nei programmi di sicurezza sociale. In un'era di "libero mercato" e ideologia di Ayn Rand, credono di essere "produttori" in competizione con il 47% della nazione che etichettano "acquirenti" – i parassiti e gli imbrogli del benessere. Si suppone che votino per Obama perché dà loro "roba" come copertura medica e buoni pasto.

Il tema di fondo è il darwinismo sociale. Assume che l'evoluzione avanzi attraverso la competizione fatale, ignorando la realtà dell'interdipendenza e della simbiosi. Sopravvive solo il più adatto I vincitori vivono, i perdenti muoiono. Se sostieni i "takers", incoraggi la debolezza fatale nel corpo politico. Se la pensi in questo modo, un po 'di privazione motiva le persone, mentre i premi rischiano di rovinarli. Ricordi il vecchio adesivo per paraurti:

PIÙ SOLDI FA IL RICHARD HARDER

MENO SOLDI RENDE IL POVERO LAVORO DIFFICILE

Se hai il potere di impostare i salari, non vuoi mettere in pericolo la sopravvivenza dell'organizzazione pagando il prezzo eccessivo dei giocatori deboli. Se hai il potere, hai guadagnato il tuo status attraverso il sudore e il sacrificio. Ti senti bene su di esso. Perché ovviamente i concorrenti meno meritevoli non devono subire le stesse prove salutari e magre? Allungati. Falli competere.

Il tema del 47% è paranoico nella misura in cui immagina metà della nazione come una minaccia, esagerando qualunque imbroglio ci sia e ignorando i bisogni reali. Considera la competizione tra ricchi e poveri non come una guerra di classe, ma come una virtuosa riforma dei "diritti". La posizione è anche paranoica in quanto i conservatori non trattengono mai il budget militare corporativo gonfio, che paga per la guerra reale contro i deboli rivali. Per buona misura, i combattenti del debito ignorano la recente epidemia di criminalità corporativa, che ci ha dato monete così colorate come "banchieri" e "troppo grandi per la prigione".

È difficile, perché una volta che sei un vincitore, puoi piegare le regole della buona sportività a tuo favore. Cercando di tenere il passo, i tuoi avversari seguiranno l'esempio, portando la competizione ad un nuovo livello che probabilmente genererà un altro livello, in modo che la competizione diventi una casetta di specchi pazzi.

Ma non è tutto.

La svolta del coltello è questa: l'intensa competizione uccide la competizione. La dottrina del "libero mercato" è assurda, ad esempio, perché il business guida verso il monopolio. È la corporazione e il capo che si sforza di essere "l'ultimo uomo in piedi". Concentrano la ricchezza al vertice, ma mantengono i salari stagnanti per decenni. Oggi stanno combattendo un aumento del salario minimo che non sarebbe ancora abbastanza per vivere. Per loro, è una gara. Mantenere i dipendenti in salario di sopravvivenza in un periodo di alta disoccupazione è una buona strategia di gioco. Li tiene rinchiusi, soli, impotenti a competere. Ma whoa. I sindacati sindacali possono radunare abbastanza forza per contrattare. Da qui la paranoia dei sindacati e la spietata determinazione del "libero mercato" per eliminarli.

Cosa puoi aspettarti? Anche a Dio piace il monopolio. Ha bandito l'angelo competitivo Satana all'inferno. Quando Adamo ed Eva cercarono di essere "come dei", conoscendo il bene e il male, il papà cosmico punì tutti quelli che sarebbero mai esistiti con la morte, il lavoro e il piccolo bacino umano che rende doloroso il parto per le donne. Come ha scoperto Abel, anche suo fratello Cain preferiva il monopolio.

Tuttavia, come l'individualismo e la sopravvivenza del più adatto, il monopolio ha alcuni inconvenienti. L'ultimo uomo in piedi è il cannibale, che non ha più rivali, ma nemmeno generi alimentari, e nessun divertimento sabato sera. Nella versione odierna di questo, l'1% più alto ha ingoiato così tanto il reddito di tutti che i consumatori non possono più comprare abbastanza da mantenere l'economia in stallo.

Il commercio, al contrario, richiede simpatia immaginativa. Per fare un accordo devi essere in grado di immaginare ciò che gli altri vogliono e apprezzano. Il trading ha sempre creato regole e rituali, perché entrambe le parti devono sentirsi soddisfatte o qualcuno si fa male.

La competizione è il serpente in quell'Eden. Promette la massima sicurezza e tuttavia è intrinsecamente instabile. È come tenere una pistola, il potere di uccidere, nel cassetto del comò. Promette padronanza e sopravvivenza, ma è molto più probabile che fornisca statistiche di assicurazione raccapriccianti.

Ricorda il vecchio detto: puoi togliere il cannibale dal villaggio, ma non puoi portare il villaggio fuori dal cannibale.

1. Pensiamo alla paranoia come a un disturbo, anche quando lo usiamo casualmente. Ecco l'elenco di sintomi della ICD-10 dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Tre di più di questi costituiscono ciò che l'OMS chiama personalità paranoica:

  1. eccessiva sensibilità a battute d'arresto e insuccessi;
  2. tendenza a sopportare persistentemente i rancori, ovvero il rifiuto di perdonare insulti, lesioni o offese;
  3. sospettosità e tendenza pervasiva a distorcere l'esperienza interpretando erroneamente le azioni neutre o amichevoli degli altri come ostili o sprezzanti;
  4. un senso combattivo e tenace dei diritti personali in contrasto con la situazione reale;
  5. sospetti ricorrenti, senza giustificazione, in merito alla fedeltà sessuale del coniuge o del partner sessuale;
  6. tendenza a sperimentare un'eccessiva auto-importanza, manifestata in un persistente atteggiamento autoreferenziale;
  7. preoccupazione per le spiegazioni "cospirative" non dimostrate di eventi sia immediati per il paziente che nel mondo in generale.

include:

  • personalità paranoica espansiva, fanatica, querulante e sensibile (disturbo)

2. http://www.csmonitor.com/USA/Justice/2012/0109/US-crime-rate-at-lowest-p…

Solutions Collecting From Web of "Concorrenza, paranoia e cannibalismo"