Concorrenza affettuosa

Sebbene molti dei giochi che erano alla base del repertorio dei Nuovi Giochi fossero cooperativi, tendenti sia al permaloso che al finto, molti altri erano decisamente competitivi, o almeno conflittuali. Uno dei miei preferiti era un gioco introdotto da Stewart Brand, che abbiamo chiamato "dho-dho-dho." (Ho poi appreso che si basa su un gioco indiano chiamato Kabaddi).

"Sadugudu sadugude" by Arivazhagan89 - Own work. Wikimedia
Fonte: "Sadugudu sadugude" di Arivazhagan89 – Opera propria. Wikimedia

Due squadre stavano in piedi, una di fronte all'altra, con una linea tra loro e le altre linee dietro. Avrebbero fatto a turno, un giocatore avrebbe attraversato la linea, tentando di etichettare il maggior numero possibile di giocatori e tornare indietro attraverso la linea verso la propria squadra. C'erano due ostacoli nel portare a termine la sua missione: 1) dopo aver taggato qualcuno, il resto dei giocatori avrebbe fatto il possibile per impedirgli di tornare indietro, e 2) non appena avesse tagliato il traguardo contro l'avversario territorio della squadra, ha dovuto continuare a dire "dho, dho, dho" senza prendere un respiro.

Come Stewart ha insegnato al gioco, spiegava che si trattava di un gioco di "competizione amorosa". L'idea era di contenere il corridore della squadra avversaria, abbracciarlo, tenerlo, ma mai, mai ferirlo. Per me, questo gioco, più di tutti gli altri che abbiamo giocato, ha abbracciato l'idea di una competizione amorevole splendidamente come i giocatori si abbracciano nei loro tentativi di impedire a un avversario di superare la linea.

Penso che l'idea della competizione amorosa incarni la competizione nella sua fase più matura. È una competizione illuminata. È un concetto difficile da insegnare. Troppo sottile, forse. Ecco perché la maggior parte delle leggende attuali sulla New Games Foundation lasciano fuori la parte competitiva.

Ho visto mio genero giocare con i miei nipoti e lottare con i miei nipoti. E lui, come un vero wrestler professionista, si riempì di finta furia, tenendoli per un po 'alla leggera, tenendoli al sicuro tra le sue braccia forti, lasciando sempre loro spazio.

Questo mi piace giocare con tutto, con tutti. Lasciare stanza. Lasciando giocare tra noi. Gioca al tocco, alla portata. Collegamento senza stringere, tenendo liberamente. Perché è il dramma che lasciamo tra di noi, il gioco, che la verità di noi si rivela a noi. Non nell'azienda. Non nel lasciar andare. Ma nella custodia sicura.

È un'arte raffinata, questa che gioca tra.

Fuori a fare una passeggiata, incontri uno straniero: una madre che fa girare una carrozzina. E perché tu sei quello che sei, vuoi assaporare quell'amore, benedire quell'amore. Quindi dici qualcosa di leggero, qualcosa di gentile, qualcosa sull'innocente bellezza dei più giovani. Lo dici in modo tale che ci sia spazio tra te – spazio perché l'amore si mostri, si condivida, si faccia sentire. Spazio per la sicurezza da sentire. Stanza da tenere a stretto contatto. Stanza da lasciare andare. Stanza per far entrare la luce.

E in quello spazio sicuro e protetto tra di voi, si svolge il gioco tra di voi. Affrontando insieme la fragile, effimera, complessa complessità di una nuova vita umana, plasmate e condividete un momento di meraviglia. E poi vai avanti.

Di tutti gli spazi in cui ci troviamo l'un l'altro, questo spazio, lo spazio in mezzo, il momento in cui ci troviamo leggeri, in cui ci confrontiamo liberamente, è dove il gioco è più profondo. E quando ci allontaniamo, come dobbiamo, il senso del gioco, dell'amore lievemente trattenuto, ci tiene alla leggera, ci libera, alla leggera.

Questo è il modo in cui ci tratteniamo nel gioco tra noi, come se il violinista tenesse il suo arco, come se le corde rilasciassero il loro suono, leggermente.

Solutions Collecting From Web of "Concorrenza affettuosa"