Con o senza di te

Ho scritto più di una volta qui, in qualche modo, sulla fase della terapia chiamata terminazione . E anche se ho una lista della lunghezza del mio braccio su tutto ciò che riguarda la psicoanalisi relativa alla copertura, qui sto scrivendo di nuovo su The End.

Questo è un po 'sorprendente per me, perché immagino che quando ho iniziato a scrivere Mr. Analysand ho avuto l'idea di documentare ogni volta una diversa angolazione delle mie esperienze in terapia. Bene, forse è ora di dare una pausa a questa regola, e fare con questo blog esattamente quello che faccio (la maggior parte delle volte) in terapia: entrare esattamente in quello che ho in mente al momento, anche se è una ripetizione.

Ed ecco, la terminazione – o "sbarco" come preferisco riferirsi allo stadio finale della terapia – è il soggetto del giorno nella mia testa. Perché? Probabilmente perché ho tentato di sbarcare non una, ma due volte nelle ultime due settimane. Al contrario, penso di essere entrato nell'ufficio della signora Analyst, determinato a terminare una volta in tutto il 2010. Due volte superiori.

L'accumulo di The Attempt è sempre lo stesso. A un certo punto del giorno o dei giorni che precedono la mia prossima sessione, le prove a favore del passaggio alla fase successiva della mia vita – quella senza analisi o che andrò a vedere la Sig.ra Analyst 3X durante la settimana – iniziano a crescere spontaneamente e poi diventa assolutamente travolgente.

Sapere quando dire quando

In genere include alcuni o tutti i seguenti elementi:

  • Ho raggiunto l'obiettivo numero 1 che ho impostato quando ho camminato per la prima volta quasi quattro anni fa.
  • Sono molto occupato
  • Voglio avere tempo per suonare di nuovo la batteria.
  • Potrei usare i soldi che spendo per l'analisi su qualcos'altro.
  • La mia famiglia sarà così felice che ho smesso di sprecare tempo e denaro andando in terapia tre volte alla settimana quando mi sembra di essere una persona perfettamente normale.
  • Anche se la signora Analyst non lo ha ancora capito, sono totalmente guarito da assolutamente tutto ciò che mi affligge.
  • Sono praticamente perfetto e il piccolo progresso che potrebbe essere lasciato a fare potrebbe richiedere anni e anni per essere completato.
  • Ora posso lavorare su questi problemi più velocemente da solo.
  • Parlare con la signora Analista delle forze oscure e nascoste che guidano una parte di Me è in realtà ciò che mi tiene incatenato a loro.
  • Non me ne frega un cazzo di me.
  • Ho già detto che sono molto occupato?

Totale su quanto sopra, e si ha un analizzando da determinato a smettere. L'impegno di sbarcare mi riempie di farfalle mentre sono sinceramente convinto che sia arrivato il momento. "Non si tratta di pensarlo logicamente", realizzo. "Si tratta di sentimenti. E questo sembra giusto. "

E lo fa. Veramente. In questi momenti, non sono mai stato così sicuro di dover lasciare la psicoanalisi e andare avanti. Mi sono laureato. Sono consapevole di me. Avrò più denaro disponibile. Avrò più tempo Per tutto. La signora Analyst finalmente capirà e mi darà la sua benedizione per andarsene, invece di convincermi che dovrei restare. Sarà fantastico .

Ed entrambe le volte nelle ultime due settimane, mentre mi sono sdraiato sul divano e ho dichiarato con fermezza che la nostra prossima discussione non riguarderà nient'altro che quando sarà la Sessione Finale (Tra una settimana? Due settimane? Un mese, forse? ), è successo qualcosa di strano.

Mi sono confuso. Molto confuso.

Eccomi, dicendo quello che ho giurato di fare. Dichiara la mia indipendenza. Riprendendo la mia vita. Staking la mia richiesta. Eppure tutto si rompe. E certo, a volte ciò ha a che fare con la signora Analyst che sceglie di dire.

Houston abbiamo un problema

"Sì, hai fatto progressi", potrebbe concedere. "Sembra che tu abbia ottenuto i tuoi problemi più urgenti sotto controllo, per il momento. Ma penso che capiamo molto poco di dove provengono veramente questi tuoi impulsi. Infatti, più ti avvicini alla verità genuina su di te, più pericolosa penso che possa sentirsi. È sempre quando vuoi correre. "

In realtà, giovedì, la signora Analyst ha avuto una nuova risposta che mi ha scioccato. "Forse dovresti andare, David," disse. "Starò bene. Puoi sempre tornare indietro se vuoi. Ma forse non sei davvero capace di guardare a questa cosa più a fondo. Questa è sempre una possibilità. "

Se lei orbita verbalmente con me al momento dello sbarco o mi libera, una sensazione angosciosa di caos conflittuale mi sovrasta. Ero sicuro che era giunto il momento di terminare quando ero fuori dal Pod: " Mi agonizzavo. "Ora sono qui, e non ne sono più così sicuro."

L'analisi si basa sull'equipaggiamento di strumenti sulla strada verso la massima consapevolezza e, se c'è uno strumento che ho perfezionato personalmente ultimamente, è questo: di fronte alla massiccia confusione, sospendi la prossima linea d'azione prevista. Ricaderci. Rivalutare. Se il passo che voglio fare dopo si sente come Trouble on a Stick, probabilmente è perché lo è. Per quanto possa essere frustrante, è meglio rimandare il piano attuale.

Così sentendomi sconfitto, picchiato, insanguinato e mentalmente piegato, ho lasciato la seduta di giovedì dicendo alla Sig.ra Analista di tenermi in programma. Sarei tornato. Non so perché, ma tornerei martedì.

Buon momento per un segno

Un vantaggio dell'essere in analisi è che il mondo ha un modo di sintonizzarsi per te, dandoti i segni cruciali che il tuo Sé di ricerca della connessione è pronto a ricevere. Mentre le ondate di shock della mia ultima sconfitta sono rimbalzate nella mia testa il giorno dopo, ho preso a calci in un ristorante con la famiglia Analysand, ho allattato una birra e poi ho sentito magicamente la risposta a dove ero sopra il Muzak.

"Guarda la pietra incastonata nei tuoi occhi / Guarda la torsione della tua parte …" suonò. E quando il coro della canzone è iniziato, enormi ondate di sollievo hanno iniziato a lavarmi. U2 lo sapeva. Bono lo sapeva. Alla fine – 24 anni dopo aver ascoltato per la prima volta queste parole – ho effettivamente capito cosa volevano dire.

"Con o senza di te / Con o senza di te / Non posso vivere / Con o senza di te."

Era così. Ha cliccato: come sono adesso, non posso vivere con l'analisi. E non posso vivere senza di esso. Ma dato il compito impossibile di scegliere tra questi due assoluti opposti, vivrò con esso. So che un giorno, quando opterò per vivere senza che la scelta si sentirà giusta per me, attraverso e attraverso.

Quanto spesso ti spingi al punto di non ritorno nella tua terapia? Cosa ti fa tornare dal tuo analista? O forse sei stato in grado di fare quel passo in più, allargare le ali e volare da solo – come è andata? Se la destinazione è la destinazione, la prova più dura è sapere che siamo arrivati.

– Mr. Analysand

Solutions Collecting From Web of "Con o senza di te"