Con amici come questi

Elephant at rest

Crediti fotografici: Cyril Christo e Marie Wilkinson

Le notizie sono cattive per gli elefanti. La loro estinzione non è più un'idea inverosimile, ma imminente e spaventosamente reale. Quando i bambini nati quest'anno raggiungeranno la loro maggioranza, il magnifico elefante sarà scomparso. Gli elefanti si uniscono al Grande Auk e altri che sono svaniti come fumo davanti ai nostri occhi e per mano degli umani. Ora scopriamo che gli elefanti sono minacciati dagli amici della conservazione e dai nemici dei bracconieri.

Questa settimana, il National Geographic ha trasmesso un documentario che descrive un piano per affrontare il disordine post-traumatico da stress (PTSD) degli elefanti in Mozambico. [1] Gli elefanti di Gongorosa sono sopravvissuti agli Anschluss dell'umanità contro la natura, soffrendo con una mortalità del 95%. Simile a elefanti del Kenya e del Sud Africa diagnosticati con PTSD sette anni prima, questi individui vivono giorno per giorno in preda a traumi psicologici, nel terrore dell'apice predatore, l' Homo sapiens . [2]

Nel documentario, l'etologa Dr. Joyce Poole e suo fratello sostengono di aiutare gli elefanti assediati. Invece, assistiamo a scene che, nel caso degli umani, sarebbero simili alle persone in camion carichi di armi che perseguitano veterani colpiti da PTSD sottoposti a registrazioni di neonati e bambini che urlano terrorizzati. [3]

Scienziati e troupe cinematografica guidano Range Rovers fino a madri e giovani elefanti. Di fronte a veicoli armati e carichi di macchine fotografiche, essi accelerano e caricano in uno stato d'animo pazzo e confuso. [4] In una scena, gli "esperti" suonano le chiamate di soccorso, presumibilmente registrazioni di un giovane elefante attaccato dai leoni, per osservare come questi "elefanti sul bordo" rispondono. [5] Poichè gli elefanti corrono freneticamente per aiutare il loro compagno, rischiando forse la propria precaria sicurezza, Poole esclama: "Questo è semplicemente incredibile. Guardali, stanno correndo per aiutare! "[4]

La reticenza degli elefanti a danneggiare gli intrusi è attribuita al linguaggio infantile di Poole agli elefanti matriarcali crudi di paura: "Va tutto bene, ragazza". [4] Questo smentisce e svilisce la profonda sensibilità e sensibilità che gli elefanti possiedono. È la loro perspicacia e la loro intrinseca benevolenza a proteggere gli sciocchi umani.

Elephants thundering in the dust.

Crediti fotografici: Cyril Christo e Marie Wilkinson

Tuttavia, anche l'elefante tollerante ha dei limiti e uno cerca disperatamente di respingere gli invasori schiacciando un camion. Gli spettatori hanno la certezza che il colpo di pistola è stato semplicemente sparato sulla testa dell'elefante. Ci meravigliamo per il timore reverenziale mostrato dagli elefanti di Gongorosa, che a volte devono essere trascinati nell'oblio dei flashback PTSD dalle armi dei ricercatori, dall'odore di benzina e dallo stalking predatore da parte di mostri di metallo.

Tale comportamento umano è eticamente in bancarotta e scientificamente disinformato nella misura in cui gli esseri umani, anziché gli elefanti, sono sottoposti a questi assalti psicologici, verosimilmente una censura professionale, se non legale. Disturbingly, questi tipi di attività non sono isolati.

All'inizio di questo mese, i giornalisti hanno appreso che il re di Spagna, ferito mentre era a caccia di elefanti africani, è presidente di un capitolo del World Wildlife Fund (WWF) e, è stato sottinteso, un ricco donatore della nota organizzazione di conservazione. [6] Mentre il WWF ha mostrato sconcerto con questa rivelazione pubblica, un rappresentante ha tuttavia affermato che "la caccia regolamentata deve essere tollerata" [7].

Elephants on wide plain.

Crediti fotografici: Cyril Christo e Marie Wilkinson

Il recente massacro di oltre 450 elefanti camerunesi è solo una parte della tragedia degli elefanti. [8] Nonostante molte maniere pubblicizzate e digrignare i denti degli ambientalisti, l'elefante non è diverso da qualsiasi altra vittima della violenza e dell'avidità umana. Gli elefanti non sono solo preda dei nemici dei bracconieri, ma di coloro che si guadagnano da vivere sostenendo di essere i loro salvatori. Per salvare l'elefante, dobbiamo adottare l'Etica dell'Elefante: abbracciare la gentilezza, la tolleranza, l'amore e, soprattutto, l'onestà, ora, prima che sia troppo tardi.

Di tutte le impronte
Quello dell'elefante è supremo.
Di tutte le meditazioni di consapevolezza
Quello sulla morte è supremo.
– Il Buddha

Letteratura citata

[1] National Geographic. 2012. Elefanti da guerra.

[2] Bradshaw, GA, Schore, AN, Brown, J Poole, J. & Moss, CJ 2005. Rottura dell'elefante. Natura, 433, 807.

[3] Bradshaw, GA & E. Tick. 2012. Di paracadutisti e pachidermi. L'Huffington Post .

[4] ABC News. 2012. Gli elefanti soffrono di PTSD in Mozambico. Notizie ABC.

[5] Bradshaw, GA 2009. Elefanti al limite: quali animali ci insegnano sull'umanità. New Haven: Yale University Press.

[6] DW.DE. 2012. Il WWF difende la caccia agli elefanti per la conservazione.

[7] WWF. 2012. World Wildlife Fund.

[8] Discovery New. 2012. Quasi 450 elefanti uccisi in Camerun. Notizie di scoperta.

Solutions Collecting From Web of "Con amici come questi"