Compromissione cognitiva lieve non progressiva: esempi di casi 1

Il deterioramento cognitivo lieve (MCI) è uno stato transitorio di declino cognitivo che è inferiore alla riduzione media correlata all'età nelle abilità mentali ma superiore alla soglia per la demenza. Viene anche chiamata "precoce" o "demenza minima", a volte "lieve malattia di Alzheimer". Le caratteristiche identificative primarie stanno gradualmente aumentando i problemi di memoria e deteriorando le abilità mentali in almeno un'altra area. In genere anche altri domini come il lavoro, gli hobby, le relazioni sociali e l'auto-cura sono compromessi. Ogni anno, il 10-15% delle persone con diagnosi di MCI progredisce verso la demenza.

La mia recensione di nove studi longitudinali su persone con diagnosi di MCI ha rilevato che un'ampia percentuale di questi individui non progredisce come previsto per la demenza al follow-up 3-5 anni dopo. Circa un terzo di questi individui è rimasto stabile mentre un sorprendente 14 percento è tornato a uno stato non-compromesso.

È ovviamente nel nostro interesse apprendere il più possibile sulle abitudini di vita di quei pazienti con MCI non progressiva. Una ricerca della letteratura scientifica, tuttavia, non ha fornito alcun rapporto su quei comportamenti e abitudini di vita che distinguono i pazienti con MCI che rimangono stabili o che ritornano allo stato non compromesso da quelli che sviluppano la demenza.

Nel tentativo di aumentare la nostra comprensione di quei comportamenti sotto il nostro controllo che possono aumentare la probabilità che qualcuno diagnosticato con MCI non progredisca verso la demenza, mi è sembrato che un punto di partenza fosse con esempi di casi. Diversi mesi fa ho scritto un blog su MCI non progressista e ho chiesto ai lettori se sapevano di questi casi. Diverse persone con quello che sembra essere MCI non progressista ha risposto. Ecco la prima rata di questi casi, un uomo e una donna con compromissione cognitiva che sono riusciti a fermare o rallentare drammaticamente il movimento verso la demenza e vivere una vita abbastanza piena nonostante i loro limiti.

Arte: sono un medico in pensione e un professore emerito di medicina. Inoltre, ho la malattia di Alzheimer. Guardando indietro, ora riconosco che i miei problemi di memoria sono sorti 10 anni fa quando avevo 76 anni. Ho presieduto un programma mensile sull'etica medica. Conoscevo la maggior parte degli oratori e ho trovato facile e divertente presentarli. Quell'anno cominciai ad essere più smemorato. Ho dovuto leggere il materiale preparato per fare le presentazioni. La mia memoria per i nomi ha iniziato a scivolare, non affronta mai. "Momenti senior", ho concluso.

Nell'ultimo decennio ho avuto due attacchi ischemici transitori e le mie difficoltà mentali sono peggiorate. Il colpo finale è stato l'occasione un anno fa, quando ho ricevuto una citazione per il servizio nel mio ospedale. Mi alzai per ringraziarli e scoprii che non potevo dire una parola. "Cervello invecchiante", dissi, e si sedette.

Fu allora che presi un appuntamento per vedere il mio dottore. Dopo aver fatto alcuni test della mia memoria in ufficio, il dottore ha ordinato altri test e una scansione del cervello. La diagnosi era lieve malattia di Alzheimer. La diagnosi non ha sorpreso mia moglie, anche se ero in stato di shock perché ero stato in totale rifiuto (un fallimento comune quando i medici sono pazienti).

Sono stato avviato su una medicina che è stata usata per molti anni e che ha molti effetti collaterali. Avevo provato il farmaco su alcuni malati di Alzheimer nella mia pratica senza alcun beneficio. Il mio medico mi ha fatto continuare, anche se stavo dando calci e urlando, e gli effetti collaterali alla fine sono scomparsi. Questo farmaco è stato continuato e un altro è stato aggiunto in seguito, che si è rivelato utile.

In due mesi sono stato molto meglio e ora sono quasi normale per la maggior parte del tempo. Posso continuare a vivere a casa con l'aiuto di mia moglie e la cura del mio medico. Ci sono ancora brutte giornate in cui ho difficoltà a parlare, non conosco i nomi dei miei nipoti, non posso né aggiungere né sottrarre o trovare la strada di casa.

Nessuno sembra sapere perché la mia condizione sia migliorata, ma qui ci sono i miei pensieri che voglio condividere con voi: Quando volete richiamare le cose, portate un piccolo blocco note e scrivetelo. Quando non riesci a ricordare un nome, fai un piccolo scherzo e chiedi loro di ripeterlo, quindi annotalo. Leggere libri. Fare passeggiate Se non riesci a camminare, fai esercizio a letto. Disegna e dipingi. Giardino, se puoi. Fai puzzle e giochi. Provare nuove cose. Organizza la tua giornata. Impara a preparare il cibo, mangiare, vestire, lavare e andare a letto in modo efficiente. Mangia una dieta sana che include pesce due volte a settimana, frutta e verdura e acidi grassi omega 3. Infine, non vergognarti di parlare con i tuoi amici e la tua famiglia. Le persone vogliono aiutarti.

Edwina : All'età di 54 anni mi è stata diagnosticata l'arterite temporale, che è un'infiammazione dei vasi sanguigni nel cervello. Ho scoperto che questa condizione a volte conduce la malattia di Alzheimer se non trattata. Sono stato subito sottoposto a terapia con prednisone. Dopo un anno, il dosaggio era diminuito, ma non ero in grado di scendere al di sotto di cinque mg al giorno senza sviluppare la "nebbia cerebrale" cronica. Perché a volte non riuscivo a focalizzare la mia attenzione quando dovevo, dovevo dimettermi il lavoro come ragioniere per una grande azienda. Un neurologo mi ha diagnosticato un lieve deficit cognitivo e sono stato messo in completa disabilità dalla sicurezza sociale.

Nel corso dei cinque anni successivi ho avuto anche problemi fisici: neuropatia, polimialgia reumatica, problemi di equilibrio e osteoporosi. Mi sono rotto e mi sono rotto il polso, il che mi ha lasciato una deformità che rende difficile la lettura dei miei scritti.

Non essendo mai stato una persona incline a vegetare, subito dopo la diagnosi sono rimasto attivo su Internet, ho fatto cruciverba, ho continuato a leggere e ho fatto tutto quello che potevo pensare per assicurarmi che non mi crescessero più ragnatele nel cervello. Inoltre, mangio una dieta ragionevole e mi piace ancora il giardinaggio. Vedo regolarmente il mio medico di base e il mio neurologo e prendo tutte le mie medicine.

Circa 10 anni fa, ho conseguito un MBA in una laurea online che concede l'università. Dopo la laurea ho iniziato a insegnare corsi di contabilità per quella scuola. Insegnare online mi dà un sacco di tempo per mettere insieme il corso, rispondere alle domande e valutare gli esami.

Due anni e mezzo fa, ho iniziato a fare volontariato nella mia chiesa per aiutarli a convertire i metodi di contabilità di carta e matita per eccellere e impostare il pagamento delle bollette online. Supervisiono un piccolo gruppo di volontari che ora gestisce i soldi. Questo lavoro dovrebbe essere solo un giorno e una mezza settimana, ma probabilmente trascorrerò altre 20 ore lavorando a casa.

Periodicamente ho "momenti da senior". Riconosco i volti ma sono pessimo nel ricordare i nomi delle persone. A volte ho momenti di concentrazione e memoria appannati, e mi chiedo se potrò mai essere in grado di funzionare di nuovo in modo accattivante. L'incapacità di ricordare fatti e la confusione temporanea richiedono più tempo per "risolversi" ora rispetto a prima. Ma sul lato positivo ho imparato che se non attribuisco troppa importanza ad esso e semplicemente rilassati, ad un certo punto entro la prossima ora o giorno, le informazioni dimenticate finiranno per affiorare.

Ora ho 70 anni e da più di 15 anni vivo con questa menomazione mentale. So che sto andando in discesa, ma non penso di essere diretto verso la demenza. Ho sempre considerato le mie capacità mentali un talento donato da Dio e una parte integrante della mia identità personale. Quindi sono determinato a risolvere i problemi mentre emergono. Nel complesso, mi considero abbastanza sano, abbastanza felice e contento della mia vita.

Sulla base di questi casi clinici, sembra che l'aiuto professionale di supporto, le abitudini di vita sane, il rimanere impegnati in attività utili e gli sforzi continui di stimolazione mentale, possano arrestare o rallentare il progresso verso la demenza. Altre case history saranno benvenute.

Questi casi e altri che seguiranno il mese prossimo sono raramente discussi esempi del numero elevato di persone diagnosticate con MCI che non progrediscono verso la demenza come previsto. Questi rapporti aneddotici possono dare conforto e speranza ad altri pazienti MCI che stanno lottando per mantenere la loro acutezza mentale.

Riferimenti selezionati

Li, L., Wang, Y., Yan, J., Chen., Y., Zhou, R., Yi, X., Shi, Q., e Zhou, H. (2011). Predittori clinici di declino cognitivo in pazienti con decadimento cognitivo lieve: lo studio sull'invecchiamento di Chongqing. Journal of Neurology, 76, 1485-1491.

Petersen, RC (2004). Deficit cognitivo lieve come entità diagnostica. J ournal of Internal Medicine, 256, 183-191.

Tschanz, J. T., Welsh-Bohmer, K. A., Lyketsos, C. G., Corcoran, C., Verde, R. C., Hayden, K., et al., E gli investigatori della contea di Cache. (2006). Conversione in demenza da disturbo cognitivo lieve: lo studio della contea di Cache. Neurologia, 25, 229-234.


Solutions Collecting From Web of "Compromissione cognitiva lieve non progressiva: esempi di casi 1"