Comprensione dell'abuso degli anziani (seconda parte)

Continua dalla prima parte

Nella puntata precedente, ho discusso i diversi tipi di abuso che spesso gli anziani sperimentano. Sfortunatamente, riconoscere i segni dell'abuso e imparare come agire può essere molto più difficile di quanto si possa pensare.

Come sottolinea Karen Roberto nel suo nuovo articolo di American Psychologist sulla complessità dell'abuso sugli anziani, non esiste un test "gold standard" per determinare se qualcuno viene abusato. Nonostante le diverse misure di screening siano disponibili per gli operatori sanitari, di solito è lasciato ad amici o familiari preoccupati per indagare su eventuali sospetti di abuso che potrebbero aver luogo. Anche se molte persone anziane che subiscono abusi possono essere perfettamente disposte a fornire dettagli se vengono poste direttamente, non è raro che le vittime di abusi nascondano ciò che sta accadendo a causa della paura o della vergogna.

In molte diverse giurisdizioni, ci sono anche regole di segnalazione obbligatorie che obbligano gli operatori sanitari, compresi medici e psicologi, a segnalare casi di abusi sugli anziani ogniqualvolta abbiano motivo di sospettare che si stia verificando abuso o negligenza. Nella provincia dell'Ontario, dove pratico, i rapporti obbligatori si applicano solo agli anziani residenti in strutture di assistenza a lungo termine o in case di riposo. Per i casi di abusi sugli anziani che si svolgono nelle case private, non esistono leggi di segnalazione obbligatorie sebbene le vittime, o le persone che agiscono per loro conto, possano denunciare l'abuso direttamente alla polizia. salute, o servizi sociali.

Una volta che l'abuso è stato segnalato, qualunque procedimento di indagine dipenderà spesso dalla natura dell'abuso e da quali leggi sono state violate. La maggior parte dei casi di abusi sugli anziani che si verificano nella comunità sono studiati da Adult Protective Services (APS). Il lavoratore della PSA che esamina l'abuso sospetto di solito inizia chiedendo il permesso di indagare direttamente dall'adulto più anziano o da un tutore legale. Nei casi in cui viene negato il permesso e sono presenti prove che dimostrano che qualcuno è a rischio di essere danneggiato, gli operatori del caso possono ottenere un ordine del tribunale o, se necessario, coinvolgere la polizia nelle indagini.

Una volta che l'operatore di APS è soddisfatto dell'esistenza di prove sufficienti, può essere intrapresa un'azione appropriata. Ciò può comportare la rimozione della persona anziana in un ambiente più sicuro o la rimozione del perpetratore. Per i casi di abuso finanziario, fisico o sessuale, possono anche essere imposte accuse penali, anche se ciò richiede spesso molti mesi per essere risolto e, se il caso va a processo, il processo può essere molto più lungo. Molte vittime di abusi potrebbero preferire non sporgere denuncia, soprattutto se è coinvolto un membro della famiglia.

A prescindere da come la situazione abusiva sia in definitiva risolta, le vittime più anziane di solito beneficiano di una consulenza per aiutare a far fronte al trauma e allo stress che spesso deriva dall'abuso. A seconda di ciò che è disponibile nella comunità, la consulenza può assumere la forma di terapia di gruppo o individuale, gestione dei casi e rimandi ai servizi alle vittime nella comunità. L'efficacia della consulenza nell'aiutare le vittime di abusi varia da caso a caso e spesso dipende da quanto è ricettiva la vittima al counseling e se ci sono altri problemi come la demenza o la depressione.

Per aiutare a reclutare e formare più professionisti della salute mentale riguardanti l'abuso sugli anziani, l'Amministrazione per la vita in comunità ha istituito il Centro nazionale per l'abuso degli anziani (NCEA). Un'alleanza multidisciplinare che fornisce esperienza nell'abuso degli anziani, negligenza e sfruttamento, l'NCEA mantiene un database online di materiali per la formazione nel trattamento e nella prevenzione dell'abuso agli anziani. L'American Association of Retired Persons (AARP) fornisce anche risorse legali ed educative per gli anziani che si occupano di diversi tipi di sfruttamento.

Ma c'è ancora molto da fare per sradicare gli abusi sugli anziani. Sebbene l'Elder Abuse Justice Act del 2009 rappresenti un buon inizio, compresa la fornitura di risorse federali per la prevenzione, l'individuazione, il trattamento, la comprensione e, se del caso, il perseguimento dell'abuso sugli anziani, ci attendono numerose sfide.

Nel concludere il suo articolo, Karen Roberto ha riassunto ciò che deve essere fatto come segue:

  • Sviluppare una definizione universalmente accettata di ciò che costituisce l'abuso sugli anziani. Ciò include il riconoscimento che l'abuso sugli anziani può verificarsi anche per le persone che tecnicamente potrebbero non essere considerate come persone anziane (di età inferiore ai sessanta in alcuni casi) che possono influenzare il tipo di servizi che potrebbero essere disponibili.
  • Districare le diverse problematiche sociali, culturali e relazionali che mettono gli anziani a rischio di abuso. I gruppi ad alto rischio includono anziani rurali, anziani con disabilità cognitive o anziani appartenenti a diverse religioni, etnie o minoranze sessuali. Fornire cure e interventi efficaci significa capire perché alcuni anziani sono particolarmente vulnerabili.
  • Espansione degli sforzi per capire chi è più probabile che abusa degli adulti più anziani a loro carico, siano essi familiari, volontari o lavoratori di supporto. Sviluppare programmi di trattamento efficaci significa apprendere come e perché si verifica l'abuso.
  • Documentare i costi reali dell'abuso agli anziani. L'onere economico, compreso il carico emotivo che le vittime ei membri della famiglia sono costretti a sopportare, deve essere preso in considerazione quando si elaborano nuove leggi e politiche.
  • E, infine, abbiamo bisogno di stabilire quale approccio terapeutico funzioni meglio nell'aiutare le vittime e i perpetratori allo stesso modo. Non solo è essenziale per la formazione dei professionisti della salute mentale, ma anche per ottenere il supporto finanziario necessario da vari livelli di governo.

Entro il 2050, il numero di persone di 65 anni e più sarà aumentato a oltre 80 milioni solo negli Stati Uniti. Questo è quasi il doppio della percentuale attuale di anziani (43,1 milioni nel 2012). Man mano che i Baby Boomers invecchiano, la richiesta di assistenza e il peso che graverà sulle famiglie porteranno quasi certamente a un drammatico aumento dei casi di abuso sugli anziani nei prossimi decenni. Sviluppare trattamenti e prevenzione migliori sarà letteralmente una questione, una vita o una morte negli anni a venire.

Solutions Collecting From Web of "Comprensione dell'abuso degli anziani (seconda parte)"