Comprensione della costanza nella relazione

Sigmund Freud aveva un nipote di nome Ernst con il quale avrebbe interpretato il ruolo di peek-a-boo. Freud avrebbe tenuto un orsacchiotto ai margini della culla di Ernst e poi l'avrebbe lasciato nascosto. Sempre lo scienziato, Freud notò che, in giovane età, Ernst avrebbe immediatamente perso interesse quando non riusciva a vedere l'orso. Quando l'orso tornò, lo stesso fece Ernst, per così dire. Mentre Ernst cresceva, Freud notò che, quando l'orso era scomparso, Ernst avrebbe raggiunto l'orlo della culla per trovare l'orso.

Da questa esperienza Freud sviluppò una teoria dello sviluppo cognitivo che in seguito sarebbe stata chiamata "costanza dell'oggetto". Fondamentalmente, la costanza degli oggetti suggerisce che, ad un certo punto del nostro primo sviluppo, gli umani esprimono la capacità di comprendere che "fuori dalla vista" non significa "andato". Questa è un'idea molto importante, in quanto è uno degli elementi centrali della relazione interpersonale e informa tutto, dall'amore romantico alla gelosia al disturbo borderline di personalità.

Berkeley chiese: "Se un albero cade nei boschi e nessuno è lì a questo, mentre emette un suono?" La nostra mente razionale dice "Certo". – C'è aria, c'è un grande albero, il grande l'albero si muove nell'aria spingendolo … uh, onda sonora! La nostra mente non così razionale lo interroga, il che rende interessante la domanda. Una versione meno esistenziale: la luce si spegne davvero quando chiudiamo la porta del frigorifero?

Allora, cosa sta parlando Mr. Metaphor di questo bel mattino? … Se possiamo vederlo, sentirlo, assaggiarlo, toccarlo, crederci. Se non possiamo, lo interroghiamo. Nel caso degli oggetti (che è un modo elegante di dire le persone) – che siano oggetti d'amore, oggetti di rabbia, oggetti materni, oggetti del padre o qualsiasi altro oggetto – se non abbiamo un forte senso di costanza dell'oggetto, iniziamo per irrazionalmente mettere in discussione la realtà della nostra relazione con quell'oggetto in sua assenza.

Questa debolezza nel nostro senso di costanza dell'oggetto è ciò che informa il nostro senso di insicurezza nelle relazioni amorose, provocando l'attaccamento e la gelosia. Spinge le storie che ci raccontiamo sui nostri coniugi o partner mentre noi possiamo lavorare attraverso una separazione strutturata, o semplicemente litigare. È così che ci facciamo impazzire quando il nostro interesse amoroso, che di solito chiama 2 o 3 volte al giorno, non ci chiama dal primo mattino. Oppure è l'ansia che proviamo quando qualcuno che ci è vicino sta vivendo un "giorno tranquillo" e pensiamo che siano arrabbiati con noi.

Quello che uno di questi scenari fa è provocare una reazione emotiva. E quella reazione va dalla noncuranza, alla rabbia, alla razionalizzazione, alla tristezza, alla rinuncia, al sollievo; tutto ciò sembra molto simile a un ciclo di dolore … che è esattamente quello che è!

Perché nel nostro 'fallimento' della costanza dell'oggetto non abbiamo un senso radicato di permanenza dell'oggetto, sperimentiamo la perdita in assenza dell'oggetto, e nell'esperienza della perdita sperimentiamo il dolore insieme a tutte le emozioni presenti.

Ecco la parte frustrante: l'intera faccenda è un falso problema. È letteralmente tutto nella tua testa, semplicemente perché non è nelle tue mani.

Due cose vengono fuori da questa discussione. Il primo è capire che le relazioni, come tutte le cose, vanno in cicli. A volte le persone sono emotivamente intime e talvolta emotivamente distanti. Questa non è una brutta cosa, è solo un 'è'. Il secondo è che lo spazio in una relazione è una buona cosa e in effetti giova alla salute generale della relazione. Una persona con scarsa costanza di oggetti tende a essere prepotente, soffocante e appiccicosa – una ricetta infallibile per allontanare qualcuno, non avvicinarlo.

La buona notizia è che questo è uno di quei tratti caratteriali che possono essere ri-genitoriali. Il mio ultimo post parlava del genitore buono, del genitore cattivo e del genitore abbastanza bravo. Lo sviluppo di un forte senso di costanza dell'oggetto è parte di questo sistema di essere genitori. Dal momento che non l'hai ricevuto dai tuoi genitori, puoi darlo a te stesso – questo è ciò che chiamo re-parenting. Come si fa a farlo? In questo caso è davvero una questione di raccolta di prove per deviare l'idea irrazionale che tu componi delle tue relazioni e delle circostanze della tua vita.

Se vai a letto la sera e quando ti alzi al mattino il tuo coniuge o il tuo partner sono tranquilli, è una buona scommessa che siano solo tranquilli e che il tuo rapporto non sia cambiato in qualche modo magicamente e sia andato verso sud mentre tutti dormivano. Se non senti la voce di qualcuno tutto il giorno, è una buona scommessa che dovresti essere più preoccupato di non averne sentito parlare, piuttosto che essere fuori per una sveltina con qualcun altro. Se il tuo capo non dice buongiorno, è una buona scommessa che il tuo lavoro non sia in pericolo, ma che stia pensando a cosa ha fatto per provocare quel "mattino tranquillo". Ora è divertente, vero?

Respira e abbi fede: se nessuno è morto, sanguinante o in fiamme, va tutto bene …

© 2008 Michael J. Formica, tutti i diritti riservati

My Psychology Today Therapists Profile
Il mio sito web

Inviami una email direttamente
Consultazioni telefoniche

Solutions Collecting From Web of "Comprensione della costanza nella relazione"