Comprensione del "disturbo da stress post-briscola"

Public Domain
L'uomo anziano nel dolore (sulla soglia dell'eternità), Vincent Van Gogh (1890)
Fonte: dominio pubblico

"Gli uomini e le donne dimenticate del nostro paese non saranno più dimenticati".

– Donald J. Trump Victory Speech, 9 novembre 2016

Alla notte delle elezioni 2016, con la maggior parte dei voti contati, metà del paese è andata a letto sentendosi scoraggiata e desiderando disperatamente un ultimo minuto, miracolo mattutino. Il giorno seguente, dopo esserci pizzicati nella speranza che stessimo ancora sognando, ci siamo sentiti delusi e sconcertati quando abbiamo affrontato il fatto che Donald Trump era il nostro nuovo presidente eletto.

Nel momento in cui tutti abbiamo iniziato a lavorare e tornare alla vita quotidiana, alcuni dei miei colleghi psichiatrici avevano già coniato la frase "Disturbo da stress post-briscola" per descrivere come loro, molti dei loro amici e molti dei loro pazienti si sentivano. Tante vittorie per i sostenitori di Trump e Trump, così tanto da perdere per il resto di noi.

Gran parte del delirio era dovuto al fatto che pochi di noi lo vedevano arrivare. Sapevamo che era teoricamente possibile, ma siamo stati sostenuti da una profonda fiducia e, alla fine, traditi dagli esperti e dai sondaggi che hanno costantemente riportato un comodo, seppur debole, vantaggio per Hillary Clinton che andava al giorno delle elezioni. Lo shock e la delusione che derivavano da Trump e che ha portato a una vittoria a sorpresa è stato superato solo dallo sgomento di dover ammettere che il regista Michael Moore non era un guastafeste, ma una sorta di genio prognostico in mezzo a un mare di ottimisti elettori improntati all'ottimismo.

Solo ora abbiamo il beneficio del senno di poi di scoprire gli errori che sottendono quell'ottimismo, cercando la comprensione attraverso un'autopsia psicologica retrospettiva.

Come accennato, i risultati del sondaggio hanno avuto un ruolo importante nel condizionare le nostre aspettative. Tuttavia, mentre gli elettori liberali potrebbero essere delusi dal risultato delle elezioni, non dovremmo essere così sorpresi. Al di là dei limiti intrinseci della previsione del futuro, con le imprecisioni dei sondaggi derivanti dai metodi di campionamento e i capricci delle approssimazioni statistiche, un anno fa alcuni esperti hanno invocato il cosiddetto "effetto Bradley inverso" per prevedere una vittoria stealth per Trump, molto prima ancora di ha vinto il primario repubblicano. L '"effetto Bradley" si basa sulla teoria psicologica del "pregiudizio di desiderabilità sociale" che, nel caso di queste elezioni, ci ha dato motivo di sospettare che gli elettori conservatori potrebbero evitare di rivelare il loro sostegno a Trump quando gli viene chiesto in interviste elettorali. Allo stesso modo, alcuni politici repubblicani come Paul Ryan e Ted Cruz a volte condannavano Trump in pubblico, ma senza dubbio alla fine lo hanno votato quando hanno votato.

Mentre i sondaggi erano imprecisi, il falso ottimismo degli elettori liberali era anche un sottoprodotto dei pregiudizi inerenti alle notizie moderne. Per un po ', una generazione di giovani adulti dalla mentalità liberale ha preso l'abitudine di far passare le notizie dal comico Jon Stewart su The Daily Show . Ora che i cellulari hanno preso il sopravvento come cervello periferico, consumiamo le nostre notizie dai feed dei social media che sono programmati per presentarci le notizie come vogliamo noi, non necessariamente così com'è. Siamo diventati digestori di una specie di pasticcio sciropposo e ipocrita prodotto all'interno di camere echo online e bolle di filtro, continuamente ristretto ad ogni clic di un pulsante "mi piace" sui social media e ogni volta che ci opponiamo o blocciamo qualcuno con punti di vista opposti. I cervelli umani sono già schiavi di "bias di conferma" (in cui privilegiamo le prove che supportano le nostre intuizioni e rifiutano le prove che lo contraddicono) – ma all'interno dell'universo online, è più come un errore di conferma sugli steroidi. Ciò significa che, alla fine, non possiamo fidarci delle notizie perché siamo diventati consumatori voraci di notizie false, non di notizie reali che mirano ad essere oggettive o equilibrate.

Oltre all'ubiquità dei pregiudizi di conferma, una serie di altri pregiudizi basati sul cervello può aiutare a spiegare perché una vittoria di Trump è stata così inaspettata per alcuni. L'anno scorso, il blogger Bobby Azarian, un neurologo e collega Psychology Today , ha scritto un articolo per RawStory intitolato "Un neuroscienziare spiega cosa può essere sbagliato con il cervello di Trump Supporter". In esso, Azarian invocava una serie di diversi fenomeni psicologici per spiegare Trumpers e Trumpettes, a partire dall'effetto Dunning-Kruger, che presuppone che l'essere disinformati su un problema tende ad essere associato a un falso senso di competenza:

"In sostanza, non sono abbastanza intelligenti da rendersi conto di essere stupidi. E se uno è sotto l'illusione di avere una conoscenza sufficiente o persino superiore, allora non ha motivo di rimandare al giudizio di nessuno ".

Dopo aver letto l'articolo di Azarian per la prima volta il mese scorso, ho twittato: "OK, ma per essere chiari, questo è ciò che non va in TUTTO il nostro cervello". All'epoca, non mi rendevo conto di quanto sarebbe diventato ironico l'articolo di Azarian . Perché, in un certo senso, l'effetto Dunning-Kruger aiuta a spiegare perché gli elettori liberali, ritenendo intellettualmente superiori alle questioni in discussione, confondevano le nostre opinioni morali con fatti indiscutibili e non riuscivano a prevedere quante persone potessero giudicare diversamente tali questioni.

Azarian ha anche citato "l'ipersensibilità alla minaccia" e la "teoria della gestione del terrore" per spiegare i sostenitori di Trump, sottolineando che "la scienza ha dimostrato inequivocabilmente che il cervello conservatore ha una risposta timida esagerata". Ma l'uso della parola "esagerato" implica inappropriatamente un livello di paura e implica che i liberali non votino in base alle nostre paure immaginarie, come quello che potrebbe accadere con "il dito di Trump sul pulsante nucleare". Una visione più equa potrebbe essere che tutti gli elettori sono motivati ​​dalla paura, ma che abbiamo diverse fobie basate sulle nostre rispettive identità ed esperienze di vita e idee diverse su come affrontarle. Ad esempio, come ho discusso in un precedente post sul blog "The Psychology of Guns", sia i conservatori che i liberali si preoccupano del rischio di essere vittime della violenza, ma differiscono sul fatto che la proprietà della pistola diminuisca o aumenti tale rischio, con infinite dispute su cosa le prove presumibilmente mostra. Ciò lascia il nostro paese con una netta divisione sul controllo delle armi. Lo stesso si potrebbe dire di altre questioni radicate in preoccupanti preoccupazioni, come il terrorismo, la disoccupazione e le gravidanze indesiderate.

Forse una teoria psicologica più rilevante per spiegare la nostra esperienza di questa elezione è "l'ipotesi del conflitto ideologico". Coerentemente con quanto suggerisce l'Azarian, gli studi psicologici hanno dimostrato che i conservatori possono essere maggiormente predisposti all'intolleranza nei confronti di altri gruppi rispetto ai liberali (la chiamato "pregiudizio gap"), ma uno studio del 2014 di Mark Brandt e colleghi ha trovato prove che:

"… il divario di pregiudizi potrebbe essere sopravvalutato. Ad esempio, sia i liberali che i conservatori fanno attribuzioni negative per i gruppi i cui valori sono in contrasto con i loro e prendono le distanze da persone che non condividono le loro convinzioni morali. Inoltre, i dati di una varietà di campioni indipendenti e diversi hanno rivelato che sia i liberali che i conservatori esprimono intolleranza verso i gruppi con cui non sono d'accordo.

… I nostri studi suggeriscono l'intrigante possibilità che se i ricercatori avessero passato gli ultimi sei decenni a studiare l'intolleranza verso gruppi conservatori anziché liberali, il campo avrebbe una visione molto diversa del liberale tollerante ". 1

Questo sentimento è stato ripreso dalla scrittrice Emma Roller in un recente articolo editoriale del New York Times intitolato "Your Facts or Mine?" Che ha concluso:

"Il pregiudizio più forte nella politica americana non è un pregiudizio liberale o un pregiudizio conservatore; è un preconcetto di conferma, o l'urgenza di credere solo a cose che confermano ciò che già credi sia vero. Non solo tendiamo a cercare e ricordare informazioni che riaffermano ciò che già crediamo, ma c'è anche un "effetto di ritorno di fiamma", che vede la gente raddoppiare le proprie convinzioni dopo essere stata presentata con prove che le contraddicono. "

È proprio questa intolleranza a punti di vista opposti che ha permesso agli elettori liberali di essere così accecati da una vittoria di Trump. Piuttosto che concentrarci sulle minuscole differenze nei nostri cervelli individuali che spiegano le nostre rispettive ideologie politiche, dobbiamo apprezzare come i pregiudizi cognitivi universali e l'insostenibilità delle opinioni opposte fanno di noi apologeti per i nostri candidati in un'elezione, inclini a trascurare le loro carenze caratterologiche a favore delle questioni più importanti a portata di mano. Pensando alle cose in questo modo e con il senno di poi, non è ovvio che gli elettori liberali hanno scritto male tutti i Trumpers come xenofobi scarsamente istruiti e che il commento del "paniere di deplorabili" di Clinton è stato un errore significativo? Gli elettori di Clinton e la campagna di Clinton non sono caduti nella troppo facile trappola della politica dell'identità, concentrandosi su Trump come un irresistibile bersaglio di derisione e così facendo, inavvertitamente spronando una popolazione conservatrice che l'ha presa personalmente invece di capitalizzare un'opportunità per raggiungere attraverso il corridoio per affrontare le loro reali preoccupazioni?

Forse venire a patti con una vittoria di Trump non ha tanto bisogno di teorizzare psicologicamente come uno sforzo più empatico per capire piuttosto che patologizzare il pensiero conservatore. Un giorno rimosso dal risultato elettorale, abbiamo già iniziato a capire la possibilità di "whitelash" e l'apparente realtà che non erano tanto gli elettori delle minoranze, ma "la maggioranza silenziosa" che si è rivelata a frotte per decidere queste elezioni. La campagna di Trump è stata costruita appellandosi a questo demografico e il suo discorso di vittoria ha parlato direttamente con lui quando ha detto "gli uomini e le donne dimenticate del nostro paese non saranno più dimenticati".

Allora perché Trump ha vinto le elezioni? Prima che le elezioni fossero decise, lo scrittore del Washington Post Colby Itkowitz inchiodò la risposta in un articolo intitolato "Che cosa manca a questa elezione? Empatia per Trump Voters "in cui ha intervistato Arlie Russell Hochschild, autrice di Strangers in Their Own Land: Anger and Loving on the American Right. L' autore di Vox Seal Illing lo ha inchiodato nel suo articolo "Social Decay: What the Conversation su Trump e The White Working Class Misses" in cui ha intervistato JD Vance, autore di Hillbilly Elegy: Un ricordo di una famiglia e cultura in crisi. Persino la rivista Cracked lo ha inchiodato con il pezzo di David Wong intitolato "Come la metà dell'America ha perso la sua vera mente".

Leggi quegli articoli e otterrai ciò che i liberali e la campagna Clinton hanno mancato – come gli elettori sono stati in grado di guardare oltre il comportamento di Trump a favore dell'ideologia conservatrice che ha abbracciato. Questi elettori non hanno votato per Trump a causa di un netto abbraccio di razzismo e xenofobia, hanno votato per Trump a causa del messaggio principale, che si realizzi o meno, che potrebbe rendere l'America – cioè le loro dannate vite – grandiose ancora. Clinton e il presidente Obama hanno preso l'approccio opposto, sostenendo che l'America è già grande, ma che non è stata l'esperienza della maggioranza silenziosa negli ultimi dieci anni o giù di lì.

Forse la linea di fondo è che in un paese polarizzato, una campagna che sostiene il "cambiamento" dopo una presidenza a due anni è quasi sempre una cosa sicura. Che ha condannato Clinton fin dall'inizio e spiega perché il presidente Obama l'ha tagliata fuori nelle primarie del 2008 e perché Bernie Sanders l'ha quasi esclusa quest'anno.

Certo, è sempre più facile vedere le cose più chiaramente con il senno di poi. La vera domanda ora è come tale analisi retrospettiva possa guidare la nostra strada.

Per iniziare, segui il consiglio del giornalista della National Public Radio Sarah McCammon quando ha twittato: "C'è molto di più in America di DC, NY, LA – e se vuoi capirle devi passare il tempo reale altrove". Non informarti su cosa sta succedendo nel mondo affidandosi esclusivamente ai tuoi feed Facebook e Twitter. Rimani amico di quella persona le cui opinioni divergenti e commenti a volte ti fanno impazzire. Se sei un liberale, oso dirlo, tieni d'occhio ciò che viene detto a Fox News e leggi il Wall Street Journal e la National Review . Diavolo, per i prossimi 4 anni potresti voler dare una sbirciatina a Infowars una volta ogni tanto.

Pensare in modo più strategico per il futuro, allontanando il paese da un pendolo altalenante che oscilla all'infinito avanti e indietro tra 50 e 50 poli, potrebbe richiedere candidati con un appello più centrista, anche se il processo primario del partito politico disincentiva il compromesso politico.

Nel discorso di vittoria di Trump, ha offerto il seguente voto:

"Ora è tempo che l'America leghi le ferite della divisione; devo stare insieme. A tutti i repubblicani, i democratici e gli indipendenti di questa nazione, dico che è giunto il momento di riunirci come un popolo unito. È tempo. Io prometto a tutti i cittadini della nostra terra che sarò il presidente di tutti gli americani, e questo è così importante per me. Per coloro che hanno scelto di non sostenermi in passato, di cui c'erano alcune persone, mi sto rivolgendo a te per la tua guida e il tuo aiuto in modo che possiamo lavorare insieme e unificare il nostro grande paese. Come ho detto dall'inizio, la nostra non era una campagna, ma piuttosto un incredibile e grande movimento fatto di milioni di uomini e donne laboriosi che amano il loro paese e vogliono un futuro migliore e più luminoso per se stessi e per le loro famiglie . È un movimento composto da americani di tutte le razze, religioni, background e credenze che vogliono e si aspettano che il nostro governo sia al servizio delle persone e che servano le persone che vogliono ".

Questo è un grande messaggio e francamente non l'abbiamo mai sentito dal nostro Presidente eletto. Senza dubbio, gli elettori liberali si staranno chiedendo, con più della nostra giusta dose di scetticismo, se lo intende. E nel bel mezzo delle proteste di questa settimana, tutti noi – liberali e conservatori allo stesso modo – ci troveremo in attesa di vedere se è in grado di farcela o meno.

Dr. Joe Pierre e Psych Unseen possono essere seguiti su Facebook e Twitter. Per vedere alcuni dei miei romanzi, clicca qui per leggere il racconto "Thermidor", pubblicato a Westwind l'anno scorso.

Riferimenti

1. Brandt M, Reyna C, Chambers JR, Crawford JT, Wetherell G. L'ipotesi del conflitto ideologico: l'intolleranza tra liberali e conservatori. Current Directions in Psychological Science 2014; 23: 27-34.

Solutions Collecting From Web of "Comprensione del "disturbo da stress post-briscola""