Comprendiamo anche l'altro lato?

Trump/Skidmore, Wikimedia Commons
Fonte: Trump / Skidmore, Wikimedia Commons

Hai sentito? C'è un'elezione in arrivo negli Stati Uniti. E le persone parlano di politica. Lo stanno facendo nelle caffetterie. Lo stanno facendo a casa al tavolo da pranzo. E lo stanno facendo su tutti i social media.

Noi, la gente, stiamo parlando di politica l'uno con l'altro. Ma quanto bene lo stiamo facendo? Se la pubblicazione di meme pieni di esagerati, fatti con tralci di ciliegia, i cosiddetti fatti cosiddetti "dodgily-frameed" contano come buoni discorsi, allora siamo al limite del brillante.

Eppure non posso fare a meno di pensare che potrebbe esserci un modo migliore, dove tutti, persone a sinistra, a destra, nel mezzo, sopra, sotto, tutti noi abbiamo un dialogo aperto e rispettoso l'uno con l'altro sulle politiche che ci colpiscono tutti.

Quindi, perché il discorso politico scende nel fango non appena inizia? È in parte tribalismo. È in parte una questione di forte cognizione rispetto a una fredda cognizione (le persone diventano spaventose e iniziano a correre con l'adrenalina e il cortisolo, che fondamentalmente spegne le loro capacità più razionali). Ed è in parte una dozzina di altre piccole cose. Ma è anche in parte perché la maggior parte delle persone non ha appreso il valore del dialogo aperto e non ha sviluppato le capacità per farlo. E anche quelli che hanno abilità non li usano sempre (indicano se stessi).

Non è che il dialogo aperto ci porterebbe fuori dal fango se più persone lo praticassero. La politica è troppo di un campo minato per questo. Ma un dialogo più aperto dovrebbe aiutarci ad avere discussioni più produttive più volte.

Quindi ecco cosa mi piacerebbe fare oggi. Mi piacerebbe coprire solo una piccola parte di un'abilità di dialogo che, se praticata da tutti, ci farebbe un bel modo di uscire dal fango da sola. Certo, è un enorme "se", e forse sono eccessivamente ottimista, ma ho il sospetto che anche se solo il 10% delle persone (me compreso) ottenga solo il 10% in più con questa abilità, staremmo molto meglio.

Persuasione e comprensione

Quindi qual è questa abilità? È semplicemente questo: capire da dove proviene il tuo interlocutore .

Questo consiglio non è nuovo. In Come conquistare gli amici e influenzare le persone Dale Carnegie ci dice che il modo più importante per raggiungere l'obiettivo nel titolo del libro non è quello di stupirli con le nostre storie o vantarsi delle nostre credenziali o delle nostre conquiste, ma semplicemente ascoltarle in per capire da dove vengono.

In Never Split The Difference , Chris Voss, capo negoziatore di ostaggi per l'FBI per molti anni, ci dice che il modo numero uno per assicurarsi che una negoziazione vada bene è lavorare sodo per sentire le parole "è giusto". Quando qualcuno dice " è giusto "per noi, sanno che l'abbiamo capito – capiamo da dove vengono e cosa stanno affrontando. Una volta che sentiamo quelle parole, ci dice Voss, il resto del negoziato si svolge in modo abbastanza fluido.

Anche Aristotele si è occupato di questo, sostenendo che la parte "pathos" di "ethos, pathos e logos" richiede di comprendere le preoccupazioni del nostro pubblico.

Il consiglio non è nuovo, e l'idea di base non è complicata, ma sembra che debba essere riapparso quasi ogni generazione.

Ora, se hai già letto fino ad ora, la mia ipotesi è che tu già ascolti e cerchi di capire gli altri meglio della maggior parte della gente. Quindi andremo un po 'oltre l'idea semplice e di base e guardiamo ad un esercizio più specifico che riguarda in particolare la politica.

Comprendere l'altro nel discorso politico

Nel discorso politico, quando non discutiamo sul carattere dei candidati, tendiamo a discutere su politiche specifiche. E 'fantastico. Il problema è che tendiamo a valutare le politiche dell'altra parte alla luce dei nostri obiettivi e delle nostre ipotesi di fondo. E valutano le nostre politiche alla luce dei loro obiettivi e delle ipotesi di fondo. Alla fine non ci stiamo davvero parlando, ma parliamo l'un l'altro, e mettiamoci in mostra per le persone che già vedono il mondo nel modo in cui lo facciamo (anche se a volte quelle persone sono solo presenti nelle nostre menti).

Voglio suggerire che, in politica, avremo difficoltà ad arrivare a "è giusto" con qualcuno, a meno che non dimostriamo di comprendere i loro obiettivi e le credenze di fondo su come funziona il mondo.

Facciamo un esempio specifico.

Un progressista progressista [1] e un conservatore entrano in un bar,. . . e iniziare a parlare di politica economica. Uno vuole aumentare le tasse sui ricchi e aumentare i benefici per i poveri, mentre l'altro vuole il contrario. (Fermami se hai sentito questo).

Possiamo facilmente immaginare che la loro conversazione si trasformi rapidamente in una discussione infruttuosa con frasi come "la tassazione è furto" e "tutti hanno bisogno di aiuto a volte". Poi cambiano argomento o iniziano una rissa.

Ma come potrebbero andare le cose se ognuno fa uno sforzo per comprendere gli obiettivi dell'altro e le ipotesi di fondo – e per dimostrare questa comprensione, così l'altra persona si sente capito?

Per avere una risposta a questa domanda, andiamo avanti e attribuiamo alcuni obiettivi e convinzioni empiriche al conservatore e progressista progressista nel nostro esempio. [2]

Obiettivi e convinzioni empiriche

Questi sono gli obiettivi e le credenze empiriche (su economia, psicologia e società) che attribuiremo al conservatore e progressista progressista nel nostro esempio.

I nostri obiettivi del conservatore:

  1. L'economia dovrebbe crescere e produrre buoni posti di lavoro.
  2. Le persone dovrebbero lavorare sodo.
  3. L'economia dovrebbe premiare il duro lavoro.
  4. Le tasse dovrebbero essere ridotte al minimo e utilizzate solo per le cose più importanti.
  5. Coloro che lavorano duramente per i loro soldi non dovrebbero essere obbligati a dare i loro soldi a quelli che non lo fanno.
  6. Le famiglie, le chiese e le organizzazioni senza scopo di lucro dovrebbero essere quelle che si prendono cura dei poveri che cadono in tempi difficili e sono disposti a lavorare sodo per rimettersi in piedi.
  7. I diritti statali dovrebbero essere ridotti al minimo, in parte, quindi ci saranno più soldi disponibili per un esercito forte.

Principali convinzioni empiriche del nostro conservatore:

  1. Se i ricchi hanno più denaro, lo useranno per creare buoni posti di lavoro per gli altri.
  2. Se tagliamo le tasse, l'economia crescerà.
  3. La maggior parte delle normative ferisce inutilmente il business.
  4. Il successo è principalmente il frutto di un duro lavoro.
  5. Il duro lavoro di solito porta al successo.
  6. La maggior parte della disuguaglianza si verifica perché alcune persone (oi loro antenati) hanno lavorato più duramente di altre.
  7. Alcune persone hanno bisogno della minaccia di morire di fame per motivarle a prendere un lavoro o comunque a contribuire alla società.
  8. Gli investitori ricchi corrono un grande rischio con i loro soldi e dovrebbero essere premiati per questo tanto quanto coloro che lavorano duramente per i loro soldi.

I nostri obiettivi progressivi liberali:

  1. L'economia dovrebbe essere forte e produrre buoni posti di lavoro.
  2. Le persone non dovrebbero lavorare per i salari di povertà.
  3. Dovremmo ridurre o eliminare la povertà
  4. Dovremmo creare un campo di gioco equo.
  5. Dovremmo ridurre la disuguaglianza.
  6. Le tasse dovrebbero essere utilizzate per permetterci di cooperare su obiettivi comuni.
  7. Dobbiamo proteggere i lavoratori, i consumatori e l'ambiente dalle esternalità negative del libero scambio.
  8. Le persone che traggono maggiori benefici dalla società dovrebbero contribuire maggiormente alla società.

Le nostre credenze empiriche rilevanti del nostro progressivo liberale:

  1. L'utilità della ricchezza diminuisce con l'aumentare della ricchezza. (Un altro milione non significherebbe quasi niente a Bill Gates, ma trasformerebbe radicalmente la vita di molte persone).
  2. Le persone povere e borghesi trascorrono una percentuale maggiore del loro reddito rispetto alle persone benestanti.
  3. Le economie crescono più velocemente quando le persone che spendono soldi hanno denaro da spendere.
  4. Quando due persone si impegnano in un commercio libero e consensuale, possono anche inavvertitamente (o intenzionalmente) danneggiare terze parti.
  5. Il capitalismo senza vincoli porta naturalmente a un'estrema disuguaglianza.
  6. Il successo selvaggio e il triste fallimento sono, in larga misura, una questione di fortuna.
  7. Le persone che costruiscono grandi aziende fanno affidamento su un'infrastruttura pubblica che consente loro di avere successo.
  8. Le persone in generale non sono naturalmente pigre, ma, quando i loro bisogni sono soddisfatti, vogliono contribuire al bene più grande, sia attraverso un lavoro che con altri mezzi.
  9. Estrema disuguaglianza nella ricchezza significa anche disuguaglianze nella voce e nel potere.

Gli obiettivi e le credenze in questi elenchi sono destinati ad essere applicati solo alle persone nel nostro esempio. I conservatori del mondo reale e i progressisti progressisti probabilmente condivideranno molti di questi obiettivi e credenze, ma potrebbero anche differire qua e là.

E con questo, passiamo alla seconda parte di questo esercizio.

Politiche permute con obiettivi e convinzioni

Quando un conservatore difende le politiche conservative in base a obiettivi conservativi e utilizza ipotesi di fondo conservatrici, noi lo chiamiamo "predicare al coro". Ed è lo stesso quando i liberali-progressisti difendono le politiche progressiste progressiste in termini di obiettivi progressisti progressisti e usano ipotesi di fondo liberali-progressiste.

Tutti sanno come predicare al coro. E suona bene quando in realtà stiamo predicando al coro. La cosa pazzesca è che le persone tendono a predicare al coro anche quando non si rivolgono a persone che la pensano allo stesso modo. E questo non è un ottimo modo per avere una conversazione produttiva lungo il corridoio.

Ma difendere le proprie politiche in termini di obiettivi personali e usare le proprie convinzioni su come funziona il mondo è solo uno degli otto modi per abbinare le politiche con obiettivi e convinzioni.

Ecco tutte le 8 combinazioni di credenze / obiettivi / politiche empirici.

  1. Le nostre convinzioni, i nostri obiettivi, le nostre politiche. (Predicando al coro)
  2. Le nostre convinzioni, i nostri obiettivi, le loro politiche. (Attenzione alla nostra tribù riguardo le politiche dell'altra parte)
  3. Le nostre convinzioni, i loro obiettivi, le nostre politiche (rassicurando l'altra tribù che le nostre politiche non sono così cattive per loro)
  4. Le nostre convinzioni, i loro obiettivi, le loro politiche. (Avvertendo l'altra tribù che le loro politiche non otterranno ciò che pensano di essere)
  5. Le loro convinzioni, i nostri obiettivi, le nostre politiche. (Rassicurando la nostra tribù che le nostre scommesse sono coperte).
  6. Le loro convinzioni, i nostri obiettivi, le loro politiche. (Accusando l'altra tribù di non preoccuparsi dei nostri obiettivi).
  7. Le loro convinzioni, i loro obiettivi, le nostre politiche. (Affermando che le nostre politiche funzionano per tutti!)
  8. Le loro convinzioni, i loro obiettivi, le loro politiche. (Accusandoli di essere incongruenti.)

Ora è un po 'un allenamento mentale, ma ecco come funziona. Per ogni combinazione, dobbiamo prendere in considerazione alcune politiche (nostre o di loro), immaginare che il mondo funzioni in un certo modo (che lo faccia davvero o no) e valutare se tale politica promuoverà o ostacolerà un certo insieme di obiettivi (se noi condividi questi obiettivi o no).

Tra parentesi accanto a ciascuna combinazione ho notato solo una cosa che potremmo fare dall'interno di ogni prospettiva. E il lettore astuto potrebbe notare che, in ogni caso, è suggerita una linea di azione abbastanza parziale. [3] Quando sono le nostre politiche in questione, le stiamo difendendo. E quando sono le loro politiche in questione, le stiamo indebolendo.

Ma va bene. Mettere da parte i pregiudizi è un'abilità che contribuisce ad aprire il dialogo e capire che l'altra parte è un'altra. Al fine di evidenziare i benefici della comprensione dell'altro lato, consentiremo ai nostri partecipanti di essere prevenuti a questo punto. E lo vedremo, anche se consentiamo a ciascuna parte di rimanere abbastanza di parte, semplicemente cercando di capire l'altra parte produce molti benefici.

Quindi cosa succede quando. . .

Cosa succede se il nostro liberal-progressista prevenuto richiede tempo per permutare le politiche con le convinzioni e gli obiettivi di entrambe le parti?

Bene, predicare al coro e avvertire la nostra parte circa le loro politiche (combinazioni 1 e 2) sono già state fatte con vigore. Quindi passeremo oltre e guardiamo la terza combinazione. Sarà istruttivo osservare tutte le combinazioni, ma qui non c'è spazio, quindi i casi rimanenti saranno lasciati come esercizio per il lettore.

Le nostre convinzioni, i loro obiettivi, le nostre politiche (LP)

Cosa succede quando il progressista progressista considera più le politiche di tassare i ricchi e fornisce più assistenza pubblica, e valuta se queste politiche soddisfano gli obiettivi del conservatore?

Passando attraverso la lista degli obiettivi conservatori che hanno scritto, arrivano a questa domanda: queste politiche minano l'obiettivo conservatore di far lavorare tutti (se possibile)? Possono almeno vedere come potrebbe pensarlo un conservatore?

E il nostro LP pensa: "Certo. Se ti viene dato del denaro, questo è denaro che non devi uscire e guadagnare. Quindi c'è meno incentivo a uscire e guadagnare. "

Ah, ma l'LP crede che quando i bisogni delle persone vengono soddisfatti, vogliono comunque contribuire e che potrebbero anche essere in grado di prendere decisioni migliori su come contribuire quando non sono stressati sul fare quadrare i conti.

Allora ok. Ma questa è un'affermazione empirica, ed entrambe le parti possono unirsi e, almeno in teoria, portare prove a sostegno della domanda.

E, forse, ancora più importante, quando l'LP riconosce in anticipo che possono vedere come il C potrebbe preoccuparsi che le dispense possano minare l'etica del lavoro, il C si sente capito e può abbassare un po 'la guardia.

Le nostre convinzioni, i loro obiettivi, le nostre politiche (C)

Ora invertiamo i ruoli. Cosa succede se il conservatore considera quanto bene tagliare le tasse e tagliare l'assistenza pubblica soddisfi gli obiettivi del progressista progressista?

Mette a repentaglio l'obiettivo del LP di ridurre o eliminare la povertà? Può il nostro conservatore vedere come potrebbe? Sicuro. Se le persone sono in povertà e noi non le aiutiamo, potrebbero rimanere in povertà.

Ah, ma la C crede che se tassassimo meno i ricchi, essi creerebbero buoni posti di lavoro, e quelli che sono in povertà possono uscire dalla povertà prendendo uno di questi posti di lavoro.

Bene, OK, ma questa è un'affermazione empirica, ed entrambe le parti possono unirsi e, almeno in teoria, portare prove a sostegno della domanda.

E, ancora, quando il C riconosce in anticipo che vedono come l'LP potrebbe preoccuparsi che i vantaggi di taglio possano tenere le persone in condizioni di povertà, l'LP si sente capito e può abbassare un po 'la guardia.

Alcuni vantaggi generali della comprensione dell'altro lato

In generale, quando prendiamo tempo per considerare come le nostre politiche guardano da varie prospettive, aiuta a guidare il discorso in direzioni più produttive.

  1. Aiuta l'altro lato a sentirsi capito.
  2. Ci consente di riflettere su come possiamo modificare le nostre politiche un po 'per raggiungere alcuni dei loro obiettivi senza costi eccessivi per i nostri obiettivi.
  3. Potremmo scoprire che condividiamo alcuni dei loro obiettivi e non siamo d'accordo su come funziona il mondo.
  4. Prende attenzione dagli obiettivi e dai valori (che innescano più facilmente la paura), e la sposta verso questioni empiriche che possono essere valutate usando prove (tenendo occupate le nostre menti più fredde e razionali).

E quelle cose accadono anche se rimaniamo tutti di parte. Se riusciamo anche a imparare a lasciar andare un po 'di pregiudizio, arrivano ancora più benefici. Ma ancora, questo è un argomento per un'altra volta.

Ora tutto ciò richiede un po 'di lavoro. Ma in realtà, un problema tanto importante quanto la politica economica merita un paio d'ore di riflessione. Questo è un argomento che verrà ripetutamente presente nelle nostre vite e il lavoro che svolgiamo ora ci renderà migliori partner di discussione per il resto della nostra vita.

Un incarico

Inizia con la politica economica nazionale, dal momento che abbiamo già iniziato quell'esempio e facciamo quanto segue:

  1. Annota i tuoi obiettivi economici (sentiti libero di prendere in prestito dalle liste che abbiamo già iniziato).
  2. Scrivi le tue convinzioni su come funziona il mondo economico.
  3. Annota gli obiettivi economici del tuo avversario più frequente.
  4. Scrivi le loro convinzioni su come funziona il mondo economico.
  5. Considera tutte le 8 permutazioni di convinzioni, obiettivi e politiche per vedere come appaiono le cose in base a ciascuna combinazione. (Questa è la parte più difficile di questo esercizio).
  6. Annota le domande che ti vengono in mente sotto ogni combinazione.

E, in futuro, quando entri in discussione con persone che provengono da una prospettiva economica diversa, fai di tutto per mostrare loro che capisci da dove provengono. Inizia con le supposizioni che hai fatto nel fare il compito, e lascia che ti dica se quelle congetture catturano le loro preoccupazioni particolari. Altrimenti, continua a porre loro delle domande finché non arrivi da dove vengono.

A quel punto dovrebbero essere più aperti all'udito da dove vieni. E tu sarai fuori e funzionante.

Risciacquare e ripetere per qualsiasi argomento controverso che incontri frequentemente.

Gli appunti:

[1] Sia "liberale" che "progressista" sono termini in discussione. Non tutti sono d'accordo su cosa intendono in questo contesto. Dato che penso che la maggior parte della gente abbia qualche idea su quali siano i punti di vista di un tipico membro della sinistra americana contemporanea, ho scelto di unire le due parole in "Liberale-Progressivo". Alla fine non importa, perché dovremmo cercare di capire le opinioni degli individui di fronte a noi, e la maggior parte delle persone devierà in alcuni punti dalle opinioni delle loro tribù politiche primarie.

[2] Questi elenchi di obiettivi e credenze empiriche non corrisponderanno a quelli di ogni conservatore o progressista progressista, ma dovrebbero essere almeno in qualche modo rappresentativi di molti. (Se pensi che alcuni dei principali obiettivi e convinzioni di entrambe le parti siano lasciati qui, sentiti libero di dare suggerimenti nei commenti. Il mio obiettivo non è quello di dare una lista perfetta, ma di mostrare come potrebbero essere le discussioni quando almeno cerca di avvicinarti a capire da dove viene l'altro.)

[3] Per esempio, mentre una persona potrebbe usare i propri obiettivi e le proprie credenze per dimostrare quanto siano grandi le proprie politiche – predica al coro – potrebbe anche argomentare dalle proprie convinzioni e obiettivi che le proprie politiche sono un disastro – avvertendo il coro contro le proprie politiche.

Solutions Collecting From Web of "Comprendiamo anche l'altro lato?"