Comprendere il karma: è relativo, non solo "buono" e "cattivo"

Un lettore ha chiesto, basandosi su ciò che ho detto in Understanding Karma, se l'assegnazione di "buono" e "cattivo" potesse essere fatta solo retroattivamente e con il senno di poi. Questa è un'ottima domanda e ho pensato che fosse qualcosa che doveva essere affrontato, citando Marshal Mcluen, nella parte anteriore della casa, piuttosto che nel backstage. La risposta, ovviamente, non è semplice come sì o no.

Abbiamo capito che il karma significa azione. Quindi, quando parliamo di buon karma e cattivo karma, parliamo di buona azione e cattiva azione – questa è l'interpretazione comune occidentale. L'interpretazione più sottile è che le azioni non sono né buone né cattive; sono, in sé e per sé, benigni (leggi: non ci sono decisioni sbagliate – solo conseguenze). Sono le conseguenze delle nostre azioni con le quali dobbiamo essere preoccupati e ai quali dobbiamo essere responsabili.

Quando agiamo, generiamo conseguenze. Da queste conseguenze, raccogliamo le prove e siamo quindi in grado di esprimere giudizi sui nostri risultati – ad esempio, se bevo troppo, avrò una sbornia.

In alcuni casi, non dobbiamo agire per raccogliere un senso delle nostre conseguenze; le nostre prove sono raccolte attraverso la coscienza culturale, la coscienza sociale, i codici di condotta e altri imperativi preesistenti – ad esempio, non devi uscire e sparare a qualcuno per capire che è qualcosa che non dovresti fare.

Quindi, in alcuni casi, lo sappiamo e in altri dobbiamo imparare da soli. E in altri casi ancora, dovremmo sapere meglio, ma facciamo la scelta che facciamo comunque. Ad ogni modo, è una comprensione delle conseguenze di un'azione che ci conduce al punto di scelta.

Le scorte di karma che raccogliamo e portiamo con noi si basano sulle conseguenze delle azioni che intraprendiamo e su quella delle scorte: se stiamo parlando dell'ideale esoterico del karma come motore di reincarnazione o della versione più pragmatica che parla alla nostra condizione attuale -definisce le circostanze che abbiamo creato per noi stessi.

Ad esempio, se hai problemi di denaro consistenti, possiamo considerare che potresti essere stato un ladro o un pirata, o anche uno dei ragazzi che Gesù ha gettato fuori dal tempio in una vita passata, oppure possiamo prendere il guarda che non ti è mai stato insegnato come essere responsabile del denaro, quindi lo gestisci male. In entrambi i casi hai un karma di denaro "cattivo" – ti comporti male nel tuo rapporto con il denaro e questo ha conseguenze per te.

D'altra parte, diciamo che ti piace un grande amore nella tua vita. In una vita passata potresti aver sacrificato un grande amore o vissuto in isolamento. Oppure, nella tua condizione attuale, potresti aver fatto delle scelte e imparato cose che ti hanno permesso di creare una relazione profonda e soddisfacente. Ad ogni modo, hai un "buon" karma dell'amore – agisci bene nella tua relazione con la relazione.

Non importa se prendiamo la posizione esoterica o pragmatica. Ciò che importa è il momento presente, e come lavorerai o lavorerai con quel particolare frammento di karma. Se e quando lo fai, nel caso esoterico sei un po 'più vicino a scendere dalla Ruota della Reincarnazione, e nel pragmatico, puoi alleviare il tuo attuale stato di ansia o goderti le benedizioni della tua vita. Tutto bene, in ogni caso.

Ora, per le cose divertenti. L'elaborazione del karma si sposta intorno perché le conseguenze delle nostre azioni non sono sempre stabili. Consentitemi di usare un esempio personale per illustrare cosa intendo:

È ben documentato che la dieta migliore per un cane è il cibo crudo. Ho 4 cani, e il mio imperativo karmico è quello di prendersi cura dei miei cani, quindi ognuno di loro ha seguito una dieta a base di cibi crudi. Alcuni anni fa, uno dei cani ha sviluppato problemi cardiaci molto gravi, che alla fine sono stati gestiti con tutta una serie di farmaci. Il cane, che avrebbe dovuto essere morto nel giro di pochi giorni dopo essersi ammalato, ha goduto abbastanza notevolmente di una vita felice, sana e di alta qualità per quasi 2 anni (il cui merito non è il mio, comunque).

Alcuni mesi fa, questo stesso cane è andato incontro a insufficienza renale. Il motivo era una combinazione di farmaci per il cuore che lo tenevano in vita e la dieta di cibi crudi, che era diventata troppo ricca di proteine ​​per il suo piccolo corpo da gestire. Due buone azioni danno buoni risultati, che, date le mutevoli circostanze, portano a risultati negativi … hmmm.

La soluzione: ritirare alcuni farmaci e introdurre più grassi nella dieta del cane – entrambi presupposti come "cattivi". Il cane, che, ancora una volta, avrebbe dovuto essere morto nel giro di pochi giorni, ha guadagnato peso, ha sedute di sangue enormi, non presenta segni di insufficienza cardiaca congestizia, è ancora una volta felice, sano, gode di una grande qualità della vita, e , a tutti gli effetti, rimane lo stesso di sempre.

Qual è il mio punto? L'imperativo karmico di prendersi cura di un altro essere senziente al meglio delle proprie capacità in questo caso è stato preservato (leggi: buon karma), nonostante le azioni (ritiro delle medicine, nutrimento di grassi) che, presupposto, siano "cattive".

Le nostre azioni sono benigne; dobbiamo prendere in considerazione le conseguenze di tali azioni e raccogliere prove, o fare affidamento su prove acculturate, per esprimere un giudizio su "bontà" o "cattiveria" perché quella "bontà" o "cattiveria" non può essere applicata all'azione (il karma ), può essere applicato solo alle conseguenze. Una volta raccolte queste prove, creiamo per noi stessi un punto di scelta. Le scelte che facciamo determinano le circostanze che creiamo per noi stessi. Quindi dobbiamo essere responsabili nei confronti di tali circostanze, sia per noi stessi che per quelli nella nostra vita.

Le azioni sono come un sasso in uno stagno … ricorda solo che, quando le increspature colpiscono la riva, tornano da te. Il karma è un boomerang.

© 2008 Michael J. Formica, tutti i diritti riservati

Mailing List di Michael | La mail di Michael | Segui Michael su Twitter

Diventa un fan su Facebook | Connettiti con Michael su LinkedIn

Solutions Collecting From Web of "Comprendere il karma: è relativo, non solo "buono" e "cattivo""