Competenza e pensiero scientifico

Purtroppo, l'estate sta volgendo al termine. Lunedì, mia moglie torna al lavoro (è anche una professoressa e deve insegnare a tempo pieno in autunno). Non sto insegnando in autunno, ma sapevo che avrei avuto alcune responsabilità lavorative e impegni di tempo, così abbiamo deciso di assumere una tata per dare una mano con Paulina qualche ora a settimana.

Devo ammettere che il processo di assunzione di una bambinaia era un po 'strano. Abbiamo usato alcuni siti Web per pubblicare annunci di lavoro, oltre a potenziali baby-sitter contattati (su alcuni degli stessi siti). Poiché la maggior parte di questo è stato fatto su internet, ho avuto la possibilità di osservare come le persone comunicano (in particolare quando vogliono un lavoro). Questo certamente ha avuto un ruolo nel nostro processo decisionale. Era importante per me e mia moglie che la nostra tata avesse buone capacità di comunicazione. Ad esempio, abbiamo scelto di non intervistare la donna che diceva di avere molta esperienza con i bambini con la Sindrome di Asperger, ma di averla pronunciata "Assburgo". Al di là della complicazione, tuttavia, cercavamo qualcuno che potesse capire i nostri obiettivi e opinioni su genitorialità.

Abbiamo assunto qualcuno la scorsa settimana, e finora tutto bene. Ma l'esperienza mi ha fatto riflettere. Nel mio ultimo intervento, ho parlato della capacità dei bambini di fidarsi degli altri come fonti di informazione quando imparano il significato delle parole. Ho anche detto che i bambini possono facilmente riconoscere quando qualcuno è una fonte di conoscenza affidabile o inaffidabile e integrare tali informazioni nel loro ragionamento. Inoltre, i bambini riconoscono i loro genitori come affidabili, in base alla natura della relazione che hanno con loro. Ma che ne è delle altre persone? E che dire delle informazioni sull'apprendimento diverse dal significato delle parole?

In un articolo del 2006 su Child Development, Paul Harris e Melissa Koenig sottolineano che la fiducia negli altri è importante per l'apprendimento dei domini oltre le parole – si concentrano su alcuni tipi diversi di informazioni strutturate socialmente. Il mio esempio preferito dal loro articolo è la scienza e le entità scientifiche. Non osserviamo mai direttamente i germi – ci viene solo detto (e diciamo ai nostri figli!) Di lavarci le mani e crediamo che così facendo si elimineranno i germi. In generale, le entità scientifiche sono piuttosto interessanti dal punto di vista della psicologia dello sviluppo e dell'educazione. La maggior parte (tutti?) Di noi non vede mai un germe, un atomo o un quark (potremmo vedere rappresentazioni di essi, ma è diverso). Facciamo affidamento su altre persone per dirci che sono lì, e che ruolo giocano nelle relazioni causali (ad esempio, i germi ci fanno ammalare, lavarsi le mani eliminare i germi).

In risposta al mio ultimo post, Sarah D. ha chiesto se è importante che i genitori non siano sempre fonti affidabili di informazioni. Il mio esempio preferito di lei era "le giostre stanno dormendo oggi" (presumibilmente applicabile nella circostanza in cui un bambino vuole fare un giro, che è chiuso, o più in generale, quando il bambino vuole andare al parco dei divertimenti, ma il il genitore non lo fa). La risposta breve è che lo fa. Ecco un caso in cui l'adulto non è tecnicamente "sbagliato" (come quando i confederati negli esperimenti di Koenig & Harris che etichettano una scarpa come un "camion"). Piuttosto, i genitori stanno inventando spiegazioni e razionali che si adattano ai loro scopi (che credono che il bambino non possa verificare). Vorrei suggerire che i bambini piccoli sono spesso sensibili a queste informazioni.

Per illustrare, consideriamo un esperimento condotto da Jessica Sommerville e io (presentato nel numero di gennaio 2009 di Cognitive Development). Abbiamo mostrato a 4 anni una scatola di puzzle. Su di esso, c'erano luci di diverso colore, ognuna delle quali era attivata da un pulsante unico, il tutto in chiara visione del bambino. Nei puzzle, alcune luci facevano passare altre luci (quindi, ad esempio, quando si preme il pulsante rosso, le luci rosse e blu si illuminano, ma quando si preme il pulsante blu, si attiva solo il blu, quindi il rosso diventa blu) . Dopo aver istruito i bambini sulla natura della scatola, li abbiamo presentati a una serie di puzzle. In ogni puzzle, per prima cosa li abbiamo presentati con alcuni dati ambigui. Abbiamo sottolineato l'ambiguità e poi mostrato loro le informazioni che avrebbero risolto l'ambiguità.

Ciò che abbiamo manipolato era ciò che abbiamo detto ai bambini quando abbiamo mostrato loro le informazioni critiche che disambiguavano il puzzle. Per un gruppo di bambini, abbiamo detto loro un motivo razionale piuttosto anonimo per questa azione che era legata all'apprendimento del puzzle. Per un altro, abbiamo detto loro una logica che era legata all'estetica personale dello sperimentatore (che gli piaceva il colore di una delle luci), che non era correlato all'apprendimento dei puzzle. Alla fine, in una terza condizione, non dicemmo nulla ai bambini. Ciò che abbiamo scoperto è che i bambini che hanno sentito le motivazioni appropriate potrebbero ricostruire meglio il modo in cui i puzzle hanno funzionato rispetto ai bambini degli altri due gruppi (che hanno mostrato livelli equivalenti di apprendimento).

Una buona domanda è perché questa informazione aiuta i bambini a imparare. Una possibilità è che abbiamo semplicemente impegnato i bambini in questa condizione. Non pensavamo che fosse troppo probabile, perché quell'ipotesi suggerirebbe anche che una logica inappropriata danneggerebbe l'apprendimento dei bambini (non lo fece). Ne discutiamo di più sulla carta stessa (l'ho collegata qui sotto).

http://www.sciencedirect.com/science?_ob=ArticleURL&_udi=B6W47-4TWSRNW-1…

Siamo stati più convinti dall'idea che le razionali appropriate consentano ai bambini di pianificare gli eventi futuri, e quindi valutare se ciò che osservano sia commiserato con ciò che pensavano sarebbe accaduto. Ciò suggerisce che la stessa persona potrebbe essere affidabile su un enigma e inaffidabile altrove. Non abbiamo indagato su questo, ma ha senso alla luce del commento sui genitori che non sono sempre affidabili. I genitori non hanno tutte le risposte, e certamente quando si tratta di desideri conflittuali, le spiegazioni non verificabili potrebbero essere considerate affidabili dai bambini. Il punto è che quando i bambini possono verificare le cose, i razionali inattendibili o irrilevanti possono influenzare il loro apprendimento e comportamento.

Cosa c'entra questo con l'assunzione di una bambinaia? Bene, Paulina è un po 'giovane adesso, ma in pochi anni, so che imparerà cose dalla sua bambinaia (o da qualsiasi adulto per quella materia). Fa essere sicuro che la comunicazione della tata potrebbe essere stata una buona mossa.

Un punto più ampio della ricerca che io e Sommerville abbiamo fatto insieme è stato il ragionamento che i bambini sentono per il fatto che vedono qualcosa di importante. Altri ricercatori, come Patrick Shafto dell'Università di Louisville, hanno iniziato a scrivere sulla "pedagogia intuitiva" dei bambini – che i bambini sono sensibili al motivo per cui stanno vedendo materiale particolare negli ambienti di apprendimento. Sono d'accordo con questa ipotesi e suggerisco che una vera sfida nelle prime classi di educazione scientifica e nei musei per bambini che promuovono il pensiero scientifico è quella di fornire ai bambini i razionali appropriati quando i bambini ne hanno più bisogno. C'è una domanda più grande qui però – in che modo esattamente lo facciamo? Proverò a scrivere su questo in un post successivo.

Solutions Collecting From Web of "Competenza e pensiero scientifico"