Come usare le tue emozioni per costruire relazioni che funzionano

Conoscere il tuo stile di attaccamento e il modo in cui ti porta a percepire (o non percepire) le minacce sociali, interagire con gli altri e elaborare le emozioni è la metà della battaglia quando si tratta di stabilire e mantenere relazioni sane. L'altra metà della battaglia consiste nell'utilizzare efficacemente le emozioni per risolvere i problemi interpersonali invece di permettere alle tue emozioni di usarti e dirottare i tuoi processi mentali (cioè, avere intelligenza emotiva).

Le soluzioni basate sull'emozione spesso non sono pratiche … in altre parole, semplicemente non funzioneranno.

Considera questo esempio: i suoceri non rispettano i tuoi confini, ti svernano continuamente indicando le tue carenze nella decorazione della casa e dei genitori, e ti aspetti di saltare al loro servizio ogni volta che hanno bisogno di qualcosa. Tuo marito o tua moglie si rifiuta di prendere posizione e non pensi che lui / lei ti difenda abbastanza. La maggior parte delle tue interazioni con i tuoi suoceri ti lascia sentirsi respinti, feriti o arrabbiati. Le tue forti emozioni sono intollerabili e "ti dicono" che devi aggiustare la situazione … e aggiustalo ora! Ma come?

Le tue emozioni, in particolare la tua rabbia, ti dicono che loro (le emozioni) devono essere abbassate. E quanto è meglio scaricare ed abbassare un'emozione che esprimerla, giusto? La rabbia vuole che tu stia scagliando e urlando "torni indietro e porti indietro i tuoi stessi vergognosi e violenti confini da dove sono venuti. E, non mancarmi mai di nuovo in questo modo! "

Si sente bene, non è vero?

Beh, forse per pochi minuti o anche per ore, ma allora? Ora i tuoi suoceri hanno davvero la prova che hanno ragione … e come può una persona così "arrabbiata" essere un buon genitore? E continuano a pensare che non ti saresti arrabbiato se non ti rendessi conto che le tue capacità di decorazione e / o genitorialità sono davvero carenti. Non solo, ma sei maleducato, irrispettoso e totalmente incapace di apprezzare tutti i consigli utili e l'assistenza che ti hanno dato nel corso degli anni. Quindi, qual è il risultato netto? La prossima volta che ti vedono, sembrano guardarti ancora più addosso … e poi vai di nuovo a sentirti furioso.

Quindi, come ha funzionato quell'intervento di espressione della rabbia? … Probabilmente non troppo bene.

Ma puoi imparare a farlo in modo diverso. Ecco come:

Primo passo:

Realizza la differenza tra un pensiero e un'emozione. Generalmente inizio sessioni di terapia chiedendo al mio cliente qual è il suo "umore". Per alcune persone questa è un'attività piuttosto impegnativa. Ottengo risposte come "bene", "Sto passando una bella giornata" o "le cose stanno andando a pezzi". Ma, come faccio notare ai miei clienti, queste dichiarazioni esemplari sono pensieri. Le emozioni implicano una sensazione fisica nel tuo corpo combinata con la tua spiegazione per quella sensazione (corrispondente alla teoria delle emozioni di Cannon / Bard). Ad esempio, se esegui un test, potresti essere nervoso o eccitato. Ma la differenza nell'esperienza emotiva si riferisce più a come stai spiegando la tensione muscolare e il cuore che batte rispetto a qualsiasi differenza significativa nella risposta fisiologica. Quindi, impara a leggere i segnali del tuo corpo e ad etichettare (nominare) le tue esperienze emotive. Questo ti aiuterà con il prossimo passo.

Passo due

Non sei le tue emozioni

Renditi conto che non sei le tue emozioni. Le tue emozioni sono esperienze fisiologiche e pensieri esplicativi che di solito sono innescati da un evento esterno o immaginato. E tu hai assolutamente diritto ai tuoi sentimenti. I tuoi sentimenti non possono mai essere sbagliati … sono basati sui pensieri che stanno attraversando la tua mente. Ma le tue percezioni e pensieri (ad esempio, le spiegazioni che fai per il motivo per cui le cose accadono) possono essere imprecise, e agire sulle tue emozioni spesso non ti ottiene quello che vuoi. Un modo migliore è guardare le emozioni come dati.

Visualizza le tue emozioni come dati

Le tue emozioni non sono verità assolute su una situazione. Solo perché ti senti arrabbiato dopo che qualcuno ti ha detto qualcosa nel corridoio non significa "automaticamente" che questa persona ti sta attaccando o merita una rappresaglia. La parola chiave qui è automaticamente. Se consideri le tue emozioni come dati, potresti prima capire "Sto avendo una forte rabbia nel mio corpo". Quindi potresti vedere quanto è intensa la sensazione (ad esempio, lieve irritazione alla rabbia). A questo punto, trarrai beneficio chiedendoti cosa stavi pensando proprio prima che iniziassi a sentirti arrabbiato e quali parole passassero nella tua mente nel presente.

In questo caso, la tua esperienza emotiva suggerisce che hai percepito una minaccia.

Passaggio tre

Essere in grado di separare i tuoi pensieri e le tue emozioni dovrebbe permetterti di avere abbastanza distanza dalle emozioni in modo da poter pensare chiaramente.

Chiediti: qual è la minaccia?

È importante sapere se le tue emozioni stanno fornendo dati su una minaccia reale rispetto a una minaccia immaginata. Molti di noi hanno, a un certo momento, forti reazioni emotive a situazioni che in seguito ci siamo resi conto che non esistevano. Allo stesso modo, dobbiamo essere consapevoli dei tempi dei nostri dati emotivi. I dati riguardano una minaccia futura o una minaccia attuale? Per esempio, molte persone immagineranno un esito negativo due settimane in futuro. Immagineranno quell'esito negativo al punto che cominciano ad avere una reazione emotiva negativa proprio ora, nel presente. In questo caso, le tue emozioni stanno rispondendo a una minaccia immaginata. Chissà? Forse quando passeranno due settimane la situazione non si presenterà nemmeno. In questo caso, avremmo sperimentato emozioni negative inutilmente. I dati emotivi non riflettevano la realtà della situazione, ma, piuttosto, quello che stavamo pensando della situazione. Quindi, cerca di rimanere nel presente con le tue esperienze emotive.

Se si utilizzano le proprie emozioni come fonti di dati, si presume, per definizione, che i dati siano affidabili e validi (ad esempio, coerenti e accurati, rispettivamente).

Quindi, qui è dove gli stili di attaccamento tornano in scena. Ogni stile è associato a un diverso livello di affidabilità e validità dei dati emotivi. Se hai uno stile sicuro, le tue risposte emotive sono probabilmente ben calibrate (non troppo deboli o troppo forti) e probabilmente i tuoi pensieri riflettono abbastanza bene la realtà della situazione. In questo caso, è sicuro usare le emozioni come buoni dati su cui basare (almeno parzialmente) le decisioni di base.

Se hai uno stile di attaccamento preoccupato, tuttavia, le tue esperienze emotive fisiologiche potrebbero essere troppo forti. In questo caso, è probabile che i tuoi dati emotivi esagerino la minaccia (o l'amore, se è per questo). Se non lo sai di te stesso, probabilmente accetti le tue emozioni come se riflettessero la verità di una situazione. Accettare le tue emozioni come verità accurate può portarti ad agire su di loro senza un'adeguata previsione. Quindi, se hai lo stile preoccupato, hai sempre bisogno di guardare le tue emozioni dandoti falsi positivi ed esagerando la minaccia. Rendersi conto che il tuo sistema emotivo è eccessivamente sensibile dovrebbe permetterti di "ricalibrare" e usare le tue emozioni come pezzi di dati … che non prenderai come verità indiscusse.

Adoro questa clip del film "Swingers". L'ho incorporata in un post precedente, ma guardalo di nuovo, e questa volta presta attenzione a ciò che sta guidando la decisione di Mike di continuare a sollevare il telefono.

Le emozioni di Mike sono accurate in quanto c'è una minaccia nella situazione (sembra strano e potrebbe essere rifiutato) ma le sue emozioni sono troppo forti e lui non mette in dubbio la loro accuratezza … semplicemente agisce su di loro.

Se hai uno stile di attaccamento licenzioso, è probabile che le tue esperienze emotive vengano disattivate. Non avere un'esperienza emotiva in molte situazioni ti porterà a perdere dati importanti (specialmente sulle interazioni sociali). Se ti manca un dato importante, allora le decisioni che prendi sono probabilmente errate e poco informate. Per questo motivo, la persona licenziata dovrebbe prestare particolare attenzione anche a piccole esperienze emotive (in particolare tristezza e ansia) e rendersi conto che potrebbe non avere "il quadro completo".

Se hai uno stile spaventoso / disorganizzato, le tue emozioni possono fluttuare rapidamente e intensamente e, quindi, essere inaffidabili come fonti di dati su una situazione. Se hai intenzione di usare le emozioni per aiutare le tue relazioni e risolvere i problemi, probabilmente avrai bisogno di un "verificatore della realtà". Una persona simile potrebbe essere una confidente, un allenatore o un terapeuta. La cosa fondamentale è che quella persona sia "abbastanza sicura" da poter condividere sia le tue esperienze emotive che i pensieri che sono alla base di esse senza paura di essere rivelate. Dovrai anche essere in grado di tollerare il feedback indicando che le tue emozioni rispondono più ai tuoi pensieri che alla verità di ogni situazione.

La maggior parte delle emozioni e dei comportamenti delle persone ha perfettamente senso se si sa cosa stanno pensando.

In conclusione, conosci il tuo stile di attaccamento in modo da poter calibrare i tuoi dati emotivi e accertarne l'affidabilità. Quindi, renditi conto che le tue emozioni non ti feriranno … è quello che pensi di una situazione che causa davvero dolore. Comprendi anche che tutte le altre persone con cui hai a che fare usano anche dati emotivi nel prendere le loro decisioni. Quindi, quando hai un'esperienza spiacevole con qualcuno, ricorda a te stesso che l'altra persona potrebbe aver agito in base a dati inaffidabili e potrebbe non aver ancora imparato il suo stile di attaccamento o il modo in cui lui o lei è "emotivamente calibrato". Sapendo che questo può ti permettono di guadagnare una certa distanza psicologica dalle emozioni tue e altrui. Quindi puoi discutere apertamente i tuoi pensieri e sentimenti senza minimizzare o dare loro un peso eccessivo, il che, a sua volta, dovrebbe permetterti di avere più intimità e salute nelle tue relazioni.

Solutions Collecting From Web of "Come usare le tue emozioni per costruire relazioni che funzionano"