Come un antico schiavo potrebbe essere più felice di te

Potresti aver sentito la Preghiera della Serenità, resa popolare agli incontri degli Alcolisti Anonimi: "Dio, dammi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso e la saggezza di conoscere la differenza."

Il suo autore, il teologo cristiano Reinhold Niebuhr, non è venuto a questa intuizione da solo. L'idea viene da Epitteto, nato schiavo nel 55 dC in Turchia, un pagano.

Epitteto faceva parte di un gruppo di filosofi antichi chiamati "Stoici", che ispirarono anche la terapia cognitivo comportamentale, un trattamento supportato dalla scienza per la depressione e l'ansia e l'abuso di sostanze. Non ha detto che dovremmo chiedere a Dio di concederci serenità, coraggio e saggezza. Pensava che serenità e coraggio venissero dalla saggezza. In ogni caso, questo pezzo di saggezza – nel conoscere la "differenza" – è lo stesso.

Come schiavo, Epitteto per definizione non era libero nei modi che noi siamo. Non conosco i dettagli della sua vita giovanile; puoi ancora immaginare che non avesse le nostre sedici opzioni di caffè da Starbucks. Pensa alla parola "schiavo" e puoi capire perché per lui ogni possibilità di felicità è venuta dall'accettare la sua sorte, pur avendo l'enorme coraggio di usare ogni frammento di libertà che aveva. Per uno schiavo, conoscere la "differenza" era una questione di vita o di morte.

Cosa c'entra questo con noi? Abbiamo molte più libertà e più tecnologie, modi per cambiare le cose. Eppure, molto è fuori dalle nostre mani. I bambini piangono, non importa cosa ci provi. Il tuo primo elementare è allergico. La tua azienda sta avendo problemi finanziari e tutti sono tesi. Tuo marito è obeso e non ascolterà quando lo tormenterai per perdere peso ed esercitare. Tua sorella non ascolta affatto. Tua madre ha la demenza e non può ascoltare, e devi vederla deteriorarsi.

Oggi chiamiamo le persone "stoiche" quando sopportano il disagio o la tragedia senza lamentarsi. Ma semplicemente il silenzio non è l'obiettivo. I filosofi stoici ci hanno consigliato di fare pace con disagio – e quindi di essere più contenti. Hanno capito che i bambini piangono, e le altre persone si comportano in modo oneroso. Il primo passo per alleggerire l'onere è vedere cosa non puoi controllare. Ogni volta che ci concentriamo su cose che non possiamo controllare, creiamo tensione nel nostro corpo che contribuisce alla malattia e all'infelicità. Non accettiamo ciò che viene a nostro modo; combattiamo battaglie che non possono essere vinte.

Parte del problema è pensare che dovresti essere sempre a tuo agio. A volte è più difficile vedere, tuttavia, che stai anche fantasticando su un maggiore controllo di quello che hai effettivamente. Se incolpi te stesso sempre quando le cose vanno male, stai fantasticando sul controllo. È un concetto difficile, perché non ti senti in controllo. Il regalo è che pensi di dover essere. Il problema è il tuo pensiero. Provi vendetta nella tua testa, o fumi interiormente di come non ti meriti nulla di tutto ciò. Cosa ti fa pensare che otterresti sempre ciò che meriti? Le altre persone ottengono ciò che meritano? Il mondo è giusto? Sempre? Ma avresti dovuto essere in cima per evitare questo casino!

Il tuo compito è gestire la tua risposta a flusso, ingiustizia e tutto ciò che non è di tuo gradimento e vedere dove puoi fare la differenza.

Marco Aurelio, un imperatore romano, visse nel lusso per il suo tempo. È facile essere insoddisfatti quando si è fortunati, e altri imperatori sono stati spinti a un eccesso schifoso. Proprio come possiamo imparare da uno schiavo, possiamo imparare da questo imperatore, che raccomandava di mantenere "un atteggiamento di gratitudine nel momento presente per tutto ciò che ti capita".

Un imperatore era grato! Bene, aveva molto per cui essere grato. Tuttavia, è tristemente comune per le persone pensare erroneamente di aver guadagnato ogni parte della propria fortuna e averne diritto per superiorità o nascita: "Ora ce l'ho, quindi è mia, per sempre". Il pensiero successivo è la convinzione che non dovrebbero pagare un centesimo in tasse – che è "intelligente" non contribuire al benessere generale.

Sia chiaro che ogni bene implica il contributo di altre persone e circostanze, e le merci che oggi ti piacciono potrebbero ridursi o scomparire. La perdita è reale La gratitudine viene dalla comprensione di ciò. Ti renderà anche più felice.

Quindi gli Stoici ci hanno consigliato di contemplare regolarmente le perdite e di essere grati.

Lo stoicismo non implica passività – esattamente l'opposto. L'altro lato della citazione è "il coraggio di cambiare le cose che possiamo". Potresti aver sentito l'idea, "Non puoi controllare la vita, solo la tua risposta ad essa." Questa è una parafrasi di Epitteto, che ha scritto "Controlliamo la nostra opinione, scelta, desiderio, avversione e, in una parola, tutto ciò che facciamo da soli. Non controlliamo … tutto ciò che non facciamo da soli. "

Gli Stoici si concentrano sul controllo del pensiero e del comportamento, un concetto che si è evoluto in terapia cognitivo-comportamentale. Vedi nella citazione sopra "opinione, scelta" … ..questa è cognizione, pensa. "Tutto ciò che facciamo", questo è il comportamento.

Avevano bisogno di stabilire priorità e non essere distratti. Ci consigliano di considerare quali relazioni e attività ci sostengono e ci guidano verso la realizzazione dei nostri valori più profondi.

Considera per un momento come la tua vita potrebbe migliorare se smettessi di cercare di controllare altre persone o di rimpiangere la tua mancanza di controllo e si assuma la responsabilità delle tue opinioni, scelte e azioni. Immagina se non ti biasimassi ingiustamente per le perdite. Immagina se fossi grato per le piccole cose e concentrato su ciò che era più importante per te. Potresti essere più leggero e più deliberato.

Può sembrare strano che i pensatori di tanto tempo fa possano aiutarci con i nostri problemi moderni. Quella stranezza, per me, aiuta a rendere più efficace la filosofia antica. Di tutte le cose folli che la gente ha pensato negli anni tra oggi e il 55 dC, alcune idee erano utili e alcune erano vere.

Per una discussione più completa degli stoici leggi "Una guida per la vita buona: l'antica arte della gioia stoica", del filosofo William B. Irvine, o The Daily Stoic: 366 meditazioni su saggezza, perseveranza e l'arte di vivere, di Ryan Holiday e Stephen Hanselman.

Una versione diversa di questo pezzo appare su Your Care Everywhere.

Solutions Collecting From Web of "Come un antico schiavo potrebbe essere più felice di te"