Come trovare la felicità dove meno te lo aspetti

Juice Team/Shutterstock
Fonte: Juice Team / Shutterstock

Molti anni fa, ho lavorato con un uomo straordinario che aveva trascorso 20 anni come monaco prima di sposarsi, iniziare una famiglia e diventare un educatore. Stava facendo una breve sosta nel Regno Unito, e ho avuto il pomeriggio libero, così l'ho portato all'Hampton Court Palace vicino a Londra.

Immaginavo che avremmo fatto una passeggiata per il palazzo, ma lui sembrava più interessato al giardino, quindi ci siamo andati invece. Partii al mio normale passo da passeggio, che era quasi una corsa, ma non era così veloce. Mi ha chiesto quando sono usciti i fiori, e anche se gli stessi alberi erano sulla mia strada, non riuscivo a ricordare, perché li sfioravo sempre. Ha indagato sulla storia di Hampton Court; Sapevo che Enrico VIII era vissuto lì, ma non riuscivo a ricordare nient'altro. Era consapevole di essere stato un artista professionista e si fermò a chiedermi quale fosse il nome corretto per una particolare sfumatura di rosso su uno dei fiori. Ho detto che non ne avevo idea. Deve essersi esasperato a questo punto, perché si è girato verso di me e ha detto, in un modo gentile, "Noti qualcosa?"

Le sue parole pungevano, ma mettevano in risalto una verità scomoda: vivevo in una nuvola di distrazione e mancavo di sperimentare ciò che era di fronte a me. Come afferma Leonardo da Vinci: "Un umano medio guarda senza vedere, ascolta senza ascoltare, tocca senza sentimento, mangia senza assaggiare, si muove senza consapevolezza fisica, inspira senza consapevolezza di odore o profumo e parla senza pensare".

Vivere in uno stato di distrazione porta inevitabilmente a relazioni meno profonde e ad una ridotta efficacia, ma uno studio condotto dagli psicologi dell'Università di Harvard, Matthew Killingsworth e Dan Gilbert, ha rivelato che anche noi paghiamo un prezzo di felicità . Hanno usato un'applicazione per iPhone per raccogliere dati da 2.250 partecipanti, di età compresa tra i 18 e gli 88 anni, sui pensieri, i sentimenti e le azioni dei soggetti durante la loro vita quotidiana. Hanno concluso che le persone trascorrono il 46,9% delle ore di veglia pensando a qualcosa di diverso da quello che stanno facendo. La battuta finale: le persone erano meno felici quando le loro menti vagavano come quando non lo erano.

La sfida di essere presenti non è aiutata dal fatto che la nostra capacità di attenzione si sta riducendo. I ricercatori dell'Università della California hanno monitorato il tempo medio trascorso dalla gente guardando lo schermo di un computer prima di spostare la propria attenzione su un'altra finestra. Nel 2004, il tempo medio era di tre minuti. Nel 2012, questo era sceso a un minuto e 15 secondi, e nel 2014, ha rotto la barriera di un minuto, in media 59,5 secondi. Il problema dell'attenzione al cambiamento è che esacerba la nostra tendenza a portare pensieri ed emozioni dall'ultimo compito o conversazione nel nuovo, il che a sua volta erode la nostra capacità di impegnarci nel momento presente. Sophie Leroy, una professoressa di economia aziendale dell'Università del Minnesota, si riferisce a questo fenomeno come residuo di attenzione . È la stessa sfida affrontata da un tennista professionista il cui gioco soffre perché si lascia coinvolgere nel pensare al tiro al volo che ha mancato nell'ultima partita, piuttosto che giocare il punto davanti a lei. Allo stesso modo, ci priviamo di sperimentare il momento presente quando siamo impegnati in una ruminazione anticipatoria ; in queste occasioni siamo troppo occupati a pensare a un momento futuro per sperimentare quello attuale.

La buona notizia è che piccoli cambiamenti nelle nostre abitudini possono fare una differenza dimostrabile.

1. Inizia a notare quanto poco noti. Migliorare la qualità della nostra attenzione inizia osservandola . Mentre è impossibile dare sempre alle persone la tua totale attenzione, puoi notare quando la tua attenzione si allontana e poi riportarla alla persona con cui stai parlando. Ciò richiede disciplina e pratica, ma inizia a trasformare l'abitudine di essere distratto in un'abitudine di essere presente.

2. Esercitare l'accensione e lo spegnimento. La correlazione tra preoccupazione e infelicità ha senso quando consideriamo l'opposto – che le semplici attività possono essere fonte di grande gioia quando ci assorbiamo. La seguente pratica ti aiuterà: quando inizi un'attività o una conversazione, immagina che stai disattivando un interruttore relativo all'ultima cosa che stavi facendo e attivando un interruttore relativo a quello nuovo. Gli atleti professionisti usano lo stesso suggerimento per ricordare loro di rimanere nel presente. Prima di passare alla tua prossima attività, dovrai spegnerlo nuovamente, prima di ripetere il processo. Puoi praticare questo innumerevoli volte ogni giorno; ogni volta, stai rafforzando il confine mentale tra i compiti e migliorando la qualità della tua attenzione.

3. Vai più a fondo. Le interruzioni fanno parte della vita, ma questo non ci impedisce di programmare un tempo ininterrotto, durante il quale mettiamo via i telefoni e smettiamo di controllare le e-mail. Durante queste attività, concentrati interamente su ciò che stai facendo, aspettandosi di non essere da nessun'altra parte. Essere assorbiti è sia produttivo che salutare.

Come dice il neuroscienziato Moshe Bar, "Tranne quando stai volando su un aereo F-16 o stai provando una paura estrema o un orgasmo, la tua vita lascia troppo spazio alla tua mente per girovagare. Di conseguenza, solo una piccola parte della tua capacità mentale rimane impegnata in ciò che è prima, e vagabondare e ruminare la mente diventano una tassa sulla qualità della tua vita. "

Il percorso per essere più felici può trovarsi direttamente sotto il nostro naso.

Per ulteriori informazioni approfondite, consulta i miei libri Blamestorming: perché le conversazioni vanno male e come risolverle e perché le conversazioni sul lavoro vanno male e come risolverle . Entrambi sono pubblicati da Watkins.

Per iscriverti ai blog futuri, visita www.robkendall.co.uk

Seguimi su Twitter @Rob_Kendall

Solutions Collecting From Web of "Come trovare la felicità dove meno te lo aspetti"