Come trattare l'ansia elettorale

Le Journal De Montreal
Fonte: Le Journal De Montreal

Mia sorella è morta tra le mie braccia lo scorso giugno nel bel mezzo di una delle più profonde depressioni della mia vita. Il fatto che io comprenda la depressione e ho imparato a conviverci con essa invece che contro di essa ha reso la mia depressione una risorsa per tutta la mia famiglia, invece del fardello che una volta era la mia depressione.

Questa depressione infusa dalle elezioni non era normale per me. A causa dell'ansia di elezione prevalente tra così tante persone a sinistra e a destra, stavo vivendo livelli di ansia che non avevo mai avuto prima. Ho anche avuto la possibilità di esplorare le mie paure in un modo che ha portato a una migliore comprensione sia dell'ansia che della paura insieme ai risultati positivi che sono disponibili per tutti noi.

Mentirei se affermassi che a volte non sono stato sopraffatto dall'ansia elettorale. Mentre posso vivere abbastanza comodamente in stati depressivi molto intensi, la depressione aumentata con intensi livelli di ansia elettorale ha avuto il meglio di me in molte occasioni. Ho dovuto prendere dei provvedimenti molto forti per abbassare il mio livello di intensità a volte solo per essere in grado di superare la giornata.

Ma sono riuscito a farlo e negli ultimi due giorni sono stato in grado di compiere progressi molto rapidi in un luogo in cui non sono solo di nuovo a mio agio, ma ho imparato molto su me stesso, sul mio paese e su entrambi i lati del sinistra / destra dividere. Si scopre che un'intensa ansia e la paura possono insegnarci molto, proprio come può fare l'intensa depressione, se siamo disposti ad esplorarla invece di combatterla.

Penso che la lezione più importante della società che ho imparato sia che l'acronimo FEAR (False Evidence Apparendo Real) è qualcosa su cui dovremmo dare uno sguardo approfondito. Gran parte delle nostre paure sull'altro si basano su false credenze secondo cui le poche persone di cui tutti dovremmo aver paura sono rappresentative di un'intera popolazione di cui non avremmo paura se riuscissimo a conoscerle meglio.

Quelli di noi di sinistra condannano il popolo a destra quando dicono, ad esempio, che tutti i musulmani sono terroristi. Dovremmo tutti temere i terroristi musulmani, ma ciò non significa che dovremmo temere tutti i musulmani. Coloro che cercano di alimentare la paura di tutti i musulmani stanno alimentando le nostre paure e intensificandole al punto che la paura ci controlla. Questo alimenta la nostra ansia e distrugge la nostra capacità di pensare razionalmente.

Ma devo ammettere di fare esattamente la stessa cosa delle persone che vivono in America centrale. Quando esco dal conforto delle città e esco nel paese e nelle piccole città, ho paura perché penso che tutte queste persone siano bigotti, omofobi e mercanti di odio. E vedo persone di sinistra fare la stessa affermazione quando diciamo che metà di loro sono deplorevoli. Sì, una percentuale molto piccola di loro è motivo di prudenza, ma dipingerli tutti con una nozione così falsa ci fa perdere il fatto che la maggior parte delle persone là fuori sono persone meravigliose che si preoccupano delle stesse cose che facciamo.

Ho avuto amici del paese che arrivano nella grande città di San Francisco e sono spaventati dai senzatetto, dai folli e, quindi, persone perfettamente in gamba che semplicemente non sembrano né sembrano come loro. Mi ci è voluta empatia per rendermi conto che le loro paure erano reali tanto quanto le mie e altrettanto sbagliate. Ho bisogno di aiutarli a capire le loro paure e ansietà mentre fanno tutto il possibile per aiutarli a ridurre l'intensità di entrambi. Quindi possiamo iniziare a capire meglio e abbracciarci l'un l'altro.

È imperativo che entrambe le parti guardino con una mente aperta e accettino che la stragrande maggioranza di noi sono persone meravigliose di cui abbiamo bisogno di saperne di più. Dobbiamo iniziare a preoccuparci delle loro ansie e paure e fare tutto il possibile per aiutarli, non peggiorare le cose. Solo dall'interno delle nostre zone di comfort, dove l'ansia e la paura sono abbastanza intense, possiamo cominciare a vederci per quello che siamo veramente.

L'animosità, l'ansia, la paura e l'odio non sono stati esclusivi né a destra né a sinistra. È giunto il momento per noi di vedere questo come un grave disturbo mentale a cui tutti siamo stati coinvolti. Ho i miei anni di lotta e di vittoria finale affrontando la depressione come una tabella di marcia. Quella tabella di marcia mi ha aiutato a imparare dall'ansia e dalla paura molto più velocemente e ad arrivare in un posto che chiamerei ansia "IN ORDINE" o che temevo "IN ORDINE" molto più velocemente. 'IN ORDINE' non significa che non ho paura o ansia. Significa che capisco la loro influenza e con quale intensità l'attenzione dovrebbe essere rivolta a rifiutarla invece di permetterle di controllare le mie azioni.

Dobbiamo smettere di demonizzare la paura, l'ansia, la depressione, la mania e le migliaia di altri stati che attraversiamo nella vita. Per ogni sentimento dobbiamo porci una serie di domande:

Quali livelli di intensità sono troppo per noi?

Come abbassiamo l'intensità quando ci troviamo troppo al di fuori delle nostre zone di comfort?

Cosa possiamo fare per sentirci a nostro agio con le cose che innescano gli stati?

In che modo la comprensione degli stati può aiutarci non solo a capire gli altri, ma a immedesimarci con loro in modo che possiamo vedere l'un l'altro la comunanza e iniziare a colmare il divario tra i nostri punti di vista?

In che modo i sentimenti ci informano in modi utili e produttivi?

In che modo ci ingannano?

Penso che inizi chiedendo l'un l'altro in un modo molto compassionevole: "Quali sono le tue ansie e le tue paure? Come posso aiutare a ridurre l'intensità di loro? Come posso trovare comunanza tra gli stati che sperimenti e gli stati che faccio? Come possiamo educarci l'un l'altro sulle nostre preoccupazioni senza creare paura irrazionale l'una dell'altra? Come possiamo condividere le nostre ansie e paure per il futuro senza incolparlo l'un l'altro? "

Se tutti iniziamo da questa strada, il futuro sarà migliore di quanto chiunque di noi possa immaginare. Avremo sempre ansie e paure, ma comprendiamo meglio i loro rischi e benefici. Sapremo come agire su di loro in modi che dimostrano che siamo informati da loro anziché controllati da loro. Negarli e sperare che non succedano mai più non ci porteranno mai lì. Impariamo tutti da questo e usiamo la nostra nuova comprensione per creare il mondo migliore che tutti desideriamo.

……….

Segui Tom su Twitter: https://twitter.com/TomWootton

Iscriviti su Facebook: https://www.facebook.com/bipolaradvantage

Guarda Tom su YouTube: http://www.youtube.com/BipolarAdvantage

© 2016 Bipolar Advantage

Solutions Collecting From Web of "Come trattare l'ansia elettorale"